ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
21 min

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
1 ora

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
1 ora

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
2 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
5 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
22 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
22 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
laR
 
14.05.2021 - 20:23

Nessuna intesa sul destino della masseria di Vigino

Il progetto privato sostenuto da Castel San Pietro e dall'Ente regionale per lo sviluppo non ha fatto breccia. E ora si teme per il futuro dell'edificio

nessuna-intesa-sul-destino-della-masseria-di-vigino
Era così già nel 2009 (Ti-Press)

Che ne sarà della masseria di Vigino, a Castel San Pietro? L'interrogativo appare legittimo, oggi più che mai. Un'alternativa per garantirsi il recupero e la tutela dell'antica testimonianza rurale del Mendrisiotto, infatti, c'era e aveva preso forma e sostanza in questi ultimi due anni. Tanto da entrare nella sfera di attenzione dell'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e da chiedere una decisione da parte del Cantone. Il progetto, firmato da privati - pronti a costituire una Fondazione senza scopo di lucro -, non sembra, però, aver fatto breccia. Lo si intuisce fra le righe della risposta dello stesso Consiglio di Stato (CdS), sollecitato da un atto parlamentare interpartitico (primo firmatario Nicola Schoenenberger), che lascia poco margine a un lieto fine. "Purtroppo - scrive il governo -, a tutt'oggi, non è ancora maturata un'intesa". Un epilogo che nella regione lascia l'amaro in bocca.

Confermato il contributo, ma niente accordo

Eppure l'interesse ad acquistare e ristrutturare la masseria era staro dichiarato, fin dal 2018, conquistando, come riconosce il Cantone, il sostegno del Comune di Castello e dell'Ente. Ma soprattutto, come dà atto il CdS, "i contenuti del progetto, così come le modalità di intervento, rispecchiavano quanto previsto dal Piano regolatore e le esigenze di rispetto del monumento protetto in base alla Legge sulla protezione dei beni culturali". A tal punto da spingere l'autorità cantonale a confermare, "anche a favore di detta Fondazione privata interessata", un contributo "equivalente a quello che a suo tempo avrebbe garantito a favore degli attori pubblici, quando essi avevano intenzione di assumere direttamente l'esecuzione degli interventi di valorizzazione". Allora, viene da domandarsi, cosa non ha funzionato? Dalle parole del governo non emerge.

Lo stato dell'arte

Un dato è certo: lo stato di abbandono nel quale si trova Vigino chiama un intervento risolutivo, pena anche la perdita della masseria o comunque il degrado della struttura. Quanto alle cifre in gioco, pure quelle sono chiare da tempo. Si è sempre parlato di un investimento globale stimato in 8 milioni di franchi e di un sostegno cantonale di un milione e mezzo nel solco della politica economica regionale.  Ecco che, naufragata la possibilità di condurre in porto una operazione pubblica - sul tavolo le basi pianificatorie e un progetto selezionato da un concorso di architettura lanciato dall'Ers -, la soluzione proposta dai privati a livello locale era parsa come un'ancòra di salvezza. E questo proprio perché, come ripercorre il CdS, le premesse organizzative e finanziarie della prima iniziativa non si erano avverate.

Sono 21 in totale gli edifici meritevoli

Così, mentre il Distretto attendeva un cenno da Palazzo delle Orsoline, il Cantone ha rimesso il dossier sulla salvaguardia dei beni culturali (masserie incluse) nelle mani dei Municipi. Autorità comunali alle quali non mancherà il lavoro. In effetti, sulla base del rapporto dell'Ufficio beni culturali sulle masserie del Mendrisiotto e Basso Ceresio e a seguito dell'esame della Commissione dei beni culturali oggi si sa che vi sono 34 edifici "storicamente e architettonicamente interessanti" e inseriti "in un contesto paesaggistico meritevole". In questo elenco, come riferisce il Cantone, 13 beni sono già tutelati, gli altri 21 meritano di esserlo. Anche se il rapporto, messo a disposizione dei Comuni, costituisce un "documento di lavoro interno" ma non ha ricevuto un sigillo politico: a oggi "non è stato sottoposto ad approvazione del Consiglio di Stato". Di conseguenza, adesso tocca ai singoli esecutivi interessati, si fa capire, mettere mano all'Inventario dei beni culturali.

Leggi anche:

Si teme per il destino della masseria di Vigino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved