ARI Coyotes
4
STL Blues
7
fine
(1-1 : 1-5 : 2-1)
nessuna-intesa-sul-destino-della-masseria-di-vigino
Era così già nel 2009 (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Tenero-Contra, ‘quel bosco non si tocca’

Il Municipio si oppone al progetto di dissodamento di un terreno sulla sponda destra della Verzasca, che dovrebbe diventare pascolo alberato
Locarnese
2 ore

Terre di Pedemonte, firme a suffragio della zona 30

Una petizione invita l’autorità ad accrescere e rivedere alcune misure di moderazione del traffico all’interno degli abitati
Ticino
10 ore

Parmalat Bis, Luca Sala ribadisce la sua estraneità

Al primo giorno di dibattimento al Tribunale penale federale di Bellinzona la Corte ha acquisito le sentenze civili del Liechtenstein favorevoli a Sala
Ticino
11 ore

Fiduciari, dal Gran Consiglio un chiaro sì alla legge

Ok all’adeguamento alle norme federali. Riconosciuta la necessità di mantenere la LFid. Bertoli (Autorità di vigilanza): tutela dei clienti prioritaria
Luganese
11 ore

Monteceneri, Casa Landfogti interamente nelle mani del Comune

Sono stati accolti dal Gran Consiglio l’estinzione della demanialità e la convenzione tra Cantone e Comune sul passaggio gratuito del terreno
Gallery
Mendrisiotto
11 ore

Il nucleo di Ligornetto chiude. E fuori tutti in colonna

Mendrisio difende la misura, Stabio la contesta e chiede un tavolo di discussione. Intanto, c’è chi pensa di riportare al voto la popolazione
Luganese
12 ore

Referendum Pse, lo sport si mobilita a favore

Scendono in campo le 140 associazioni per rivendicare la necessità di disporre di infrastrutture adeguate e moderne
Ticino
12 ore

Maltrattamenti, il veterinario cantonale sarà parte civile

Approvato in Gran Consiglio il rapporto della Commissione giustizia e diritti
Bellinzonese
12 ore

Plr Cadenazzo, assemblea generale ordinaria

Si terrà domenica 24 ottobre alle 16 alla caserma del locale Corpo pompieri
Bellinzonese
12 ore

‘Cara Sommaruga, verifichi cosa sta facendo l’Uft’

Nuove Officine Ffs: il legale di tre ditte attive a Castione sollecita la consigliera federale affinché s’interessi del dossier
Ticino
12 ore

Arrivano in Ticino i TED Circles

Durante gli incontri verrà visionata una conferenza per poi discuterne i contenuti. Il primo appuntamento sarà il 21 ottobre
Mendrisiotto
 
14.05.2021 - 20:230

Nessuna intesa sul destino della masseria di Vigino

Il progetto privato sostenuto da Castel San Pietro e dall'Ente regionale per lo sviluppo non ha fatto breccia. E ora si teme per il futuro dell'edificio

Che ne sarà della masseria di Vigino, a Castel San Pietro? L'interrogativo appare legittimo, oggi più che mai. Un'alternativa per garantirsi il recupero e la tutela dell'antica testimonianza rurale del Mendrisiotto, infatti, c'era e aveva preso forma e sostanza in questi ultimi due anni. Tanto da entrare nella sfera di attenzione dell'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e da chiedere una decisione da parte del Cantone. Il progetto, firmato da privati - pronti a costituire una Fondazione senza scopo di lucro -, non sembra, però, aver fatto breccia. Lo si intuisce fra le righe della risposta dello stesso Consiglio di Stato (CdS), sollecitato da un atto parlamentare interpartitico (primo firmatario Nicola Schoenenberger), che lascia poco margine a un lieto fine. "Purtroppo - scrive il governo -, a tutt'oggi, non è ancora maturata un'intesa". Un epilogo che nella regione lascia l'amaro in bocca.

Confermato il contributo, ma niente accordo

Eppure l'interesse ad acquistare e ristrutturare la masseria era staro dichiarato, fin dal 2018, conquistando, come riconosce il Cantone, il sostegno del Comune di Castello e dell'Ente. Ma soprattutto, come dà atto il CdS, "i contenuti del progetto, così come le modalità di intervento, rispecchiavano quanto previsto dal Piano regolatore e le esigenze di rispetto del monumento protetto in base alla Legge sulla protezione dei beni culturali". A tal punto da spingere l'autorità cantonale a confermare, "anche a favore di detta Fondazione privata interessata", un contributo "equivalente a quello che a suo tempo avrebbe garantito a favore degli attori pubblici, quando essi avevano intenzione di assumere direttamente l'esecuzione degli interventi di valorizzazione". Allora, viene da domandarsi, cosa non ha funzionato? Dalle parole del governo non emerge.

Lo stato dell'arte

Un dato è certo: lo stato di abbandono nel quale si trova Vigino chiama un intervento risolutivo, pena anche la perdita della masseria o comunque il degrado della struttura. Quanto alle cifre in gioco, pure quelle sono chiare da tempo. Si è sempre parlato di un investimento globale stimato in 8 milioni di franchi e di un sostegno cantonale di un milione e mezzo nel solco della politica economica regionale.  Ecco che, naufragata la possibilità di condurre in porto una operazione pubblica - sul tavolo le basi pianificatorie e un progetto selezionato da un concorso di architettura lanciato dall'Ers -, la soluzione proposta dai privati a livello locale era parsa come un'ancòra di salvezza. E questo proprio perché, come ripercorre il CdS, le premesse organizzative e finanziarie della prima iniziativa non si erano avverate.

Sono 21 in totale gli edifici meritevoli

Così, mentre il Distretto attendeva un cenno da Palazzo delle Orsoline, il Cantone ha rimesso il dossier sulla salvaguardia dei beni culturali (masserie incluse) nelle mani dei Municipi. Autorità comunali alle quali non mancherà il lavoro. In effetti, sulla base del rapporto dell'Ufficio beni culturali sulle masserie del Mendrisiotto e Basso Ceresio e a seguito dell'esame della Commissione dei beni culturali oggi si sa che vi sono 34 edifici "storicamente e architettonicamente interessanti" e inseriti "in un contesto paesaggistico meritevole". In questo elenco, come riferisce il Cantone, 13 beni sono già tutelati, gli altri 21 meritano di esserlo. Anche se il rapporto, messo a disposizione dei Comuni, costituisce un "documento di lavoro interno" ma non ha ricevuto un sigillo politico: a oggi "non è stato sottoposto ad approvazione del Consiglio di Stato". Di conseguenza, adesso tocca ai singoli esecutivi interessati, si fa capire, mettere mano all'Inventario dei beni culturali.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved