novazzano-in-413-contro-le-palazzine-per-anziani-a-casate
Firme consegnate (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
32 min

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
36 min

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
39 min

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
1 ora

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
1 ora

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
1 ora

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
1 ora

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
1 ora

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
4 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
28.05.2021 - 15:40
Aggiornamento : 18:49

Novazzano: in 413 contro le palazzine per anziani a Casate

Il Comitato referendario consegna le firme in Cancelleria e invia una segnalazione agli Enti locali sull'agire del Municipio

Ne servivano 260. Oggi, venerdì, in Cancelleria a Novazzano ne sono arrivate 413. Tutte firme di cittadini pronti a schierarsi con il gruppo di compaesani che ha dato vita a un Comitato referendario, deciso a contrastare la costruzione di tre palazzine destinate a fare spazio ad appartamenti 'per anziani autosufficienti' in zona Casate. Il Comitato non nasconde la sua soddisfazione per l’obiettivo raggiunto, ma soprattutto per «l’ampia adesione» ottenuta fra gli abitanti. Lo fa togliendosi, però, il proverbiale sassolino dalla scarpa. I promotori del referendum, infatti, non possono che «stigmatizzare il grave atteggiamento del Municipio, il quale ha pubblicamente invitato la popolazione a non firmare». Un comportamento che, oltre a essere censurato, li ha convinti a inviare, giusto in questi giorni, una segnalazione alla Sezione enti locali. Insomma, non si è voluto lasciar correre. Tutto ciò «nella speranza - motiva il gruppo a una voce - che forme intimidatorie più o meno palesi non s’intromettano nel dibattito pubblico in vista della votazione in oggetto».

Quella 'interferenza inopportuna'

In un certo modo, quindi, vi sarà un doppio confronto con le istituzioni comunali. Un confronto che è apparso da subito serrato, fin dalle battute del dibattito consiliare. Dibattito sfociato in un voto a maggioranza del legislativo davanti ai 2,2 milioni per la progettazione del complesso, ma soprattutto la prospettiva di inserire a Casate, accanto alla casa anziani Girotondo, un'opera da 32 appartamenti e 18 milioni d'investimento globale. Le ragioni dei referendisti hanno più piani: finanziario, sociale e ambientale.

Motivazioni attorno alle quali il gruppo fa quadrato e sente ancora più urgente la libertà di esercitare i diritti politici e di espressione. Diritti che, ribadiscono dopo aver consegnato le firme nelle mani del segretario Andrea Sala, sono fondamento «della democrazia diretta, come sancito dalla Costituzione». Di conseguenza, al di là delle singole opinioni, l'uscita dell'esecutivo è stata vissuta come una «interferenza» inopportuna, un «atto illegittimo». Uno scivolone, ricordano i referendisti, già visto nel 2013 quando era stato lanciato il referendum sull'ecocentro. E che, agli occhi del gruppo, come si è fatto capire, ha reso ancora più assordante l'assenza del sindaco Sergio Bernasconi.

Il sindaco: 'Combatterò il referendum'

Una cosa è certa, il sindaco non si tirerà indietro. E quanto a 'endorsement', Sergio Bernasconi difende con convinzione il progetto: «Combatterò sempre questo referendum, nel rispetto della controparte», chiarisce subito a 'laRegione', annunciando che a breve sarà costituito un Comitato apartitico a sostegno dell'operazione. Andiamo, però, con ordine. Gli alloggi per anziani autosufficienti a Casate sono stati messi in discussione e i referendisti sono riusciti a fare breccia. «Non c'è dubbio, 413 firme sono un bel numero e ne prendiamo atto. Questa situazione ci chiamerà a un impegno particolare». Come dire che il faccia a faccia sarà intenso. «La partita - ci fa sapere il sindaco - la si giocherà a settembre. E lì si deve concentrare l'attenzione da ambo le parti». La popolazione di Novazzano tornerà così al voto a distanza di 23 anni dal referendum, vinto, sul futuro del centro civico. Quel nucleo, lì accanto alla Casa comunale e all'essiccatoio, che per i referendisti di oggi sarebbe la collocazione ideale per una residenza per anziani. Mentre sul fronte del Comune si è più che convinti della bontà della soluzione a Casate.

'Vedremo il parere degli Enti locali'

Nel frattempo, però, i referendisti hanno accusato il Municipio di 'interferenze' sulla raccolta firme e si sono rivolti agli Enti locali. Qui il sindaco preferisce non sbilanciarsi per il momento. «Quando da Bellinzona riceveremo la richiesta di argomentare la nostra posizione - ci dice -, lo faremo. Poi vedremo quale sarà la decisione degli Enti locali». Come dire che l'esecutivo si rimetterà al parere superiore, anche se dovessero accertare che si è sbagliato, fa capire. In ogni caso, rilancia, «pure accettare la decisione presa a larga maggioranza dal Consiglio comunale è democrazia. Infatti, le informazioni date alla popolazione sono corrette e non fuorvianti». Il dibattito è servito.

Leggi anche:

A Novazzano si apre la strada agli alloggi per anziani

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
anziani casate comitato referendario firme novazzano palazzine referendum
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved