ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
10 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
28.05.2021 - 15:40
Aggiornamento: 18:49

Novazzano: in 413 contro le palazzine per anziani a Casate

Il Comitato referendario consegna le firme in Cancelleria e invia una segnalazione agli Enti locali sull'agire del Municipio

novazzano-in-413-contro-le-palazzine-per-anziani-a-casate
Firme consegnate (Ti-Press/F. Agosta)

Ne servivano 260. Oggi, venerdì, in Cancelleria a Novazzano ne sono arrivate 413. Tutte firme di cittadini pronti a schierarsi con il gruppo di compaesani che ha dato vita a un Comitato referendario, deciso a contrastare la costruzione di tre palazzine destinate a fare spazio ad appartamenti 'per anziani autosufficienti' in zona Casate. Il Comitato non nasconde la sua soddisfazione per l’obiettivo raggiunto, ma soprattutto per «l’ampia adesione» ottenuta fra gli abitanti. Lo fa togliendosi, però, il proverbiale sassolino dalla scarpa. I promotori del referendum, infatti, non possono che «stigmatizzare il grave atteggiamento del Municipio, il quale ha pubblicamente invitato la popolazione a non firmare». Un comportamento che, oltre a essere censurato, li ha convinti a inviare, giusto in questi giorni, una segnalazione alla Sezione enti locali. Insomma, non si è voluto lasciar correre. Tutto ciò «nella speranza - motiva il gruppo a una voce - che forme intimidatorie più o meno palesi non s’intromettano nel dibattito pubblico in vista della votazione in oggetto».

Quella 'interferenza inopportuna'

In un certo modo, quindi, vi sarà un doppio confronto con le istituzioni comunali. Un confronto che è apparso da subito serrato, fin dalle battute del dibattito consiliare. Dibattito sfociato in un voto a maggioranza del legislativo davanti ai 2,2 milioni per la progettazione del complesso, ma soprattutto la prospettiva di inserire a Casate, accanto alla casa anziani Girotondo, un'opera da 32 appartamenti e 18 milioni d'investimento globale. Le ragioni dei referendisti hanno più piani: finanziario, sociale e ambientale.

Motivazioni attorno alle quali il gruppo fa quadrato e sente ancora più urgente la libertà di esercitare i diritti politici e di espressione. Diritti che, ribadiscono dopo aver consegnato le firme nelle mani del segretario Andrea Sala, sono fondamento «della democrazia diretta, come sancito dalla Costituzione». Di conseguenza, al di là delle singole opinioni, l'uscita dell'esecutivo è stata vissuta come una «interferenza» inopportuna, un «atto illegittimo». Uno scivolone, ricordano i referendisti, già visto nel 2013 quando era stato lanciato il referendum sull'ecocentro. E che, agli occhi del gruppo, come si è fatto capire, ha reso ancora più assordante l'assenza del sindaco Sergio Bernasconi.

Il sindaco: 'Combatterò il referendum'

Una cosa è certa, il sindaco non si tirerà indietro. E quanto a 'endorsement', Sergio Bernasconi difende con convinzione il progetto: «Combatterò sempre questo referendum, nel rispetto della controparte», chiarisce subito a 'laRegione', annunciando che a breve sarà costituito un Comitato apartitico a sostegno dell'operazione. Andiamo, però, con ordine. Gli alloggi per anziani autosufficienti a Casate sono stati messi in discussione e i referendisti sono riusciti a fare breccia. «Non c'è dubbio, 413 firme sono un bel numero e ne prendiamo atto. Questa situazione ci chiamerà a un impegno particolare». Come dire che il faccia a faccia sarà intenso. «La partita - ci fa sapere il sindaco - la si giocherà a settembre. E lì si deve concentrare l'attenzione da ambo le parti». La popolazione di Novazzano tornerà così al voto a distanza di 23 anni dal referendum, vinto, sul futuro del centro civico. Quel nucleo, lì accanto alla Casa comunale e all'essiccatoio, che per i referendisti di oggi sarebbe la collocazione ideale per una residenza per anziani. Mentre sul fronte del Comune si è più che convinti della bontà della soluzione a Casate.

'Vedremo il parere degli Enti locali'

Nel frattempo, però, i referendisti hanno accusato il Municipio di 'interferenze' sulla raccolta firme e si sono rivolti agli Enti locali. Qui il sindaco preferisce non sbilanciarsi per il momento. «Quando da Bellinzona riceveremo la richiesta di argomentare la nostra posizione - ci dice -, lo faremo. Poi vedremo quale sarà la decisione degli Enti locali». Come dire che l'esecutivo si rimetterà al parere superiore, anche se dovessero accertare che si è sbagliato, fa capire. In ogni caso, rilancia, «pure accettare la decisione presa a larga maggioranza dal Consiglio comunale è democrazia. Infatti, le informazioni date alla popolazione sono corrette e non fuorvianti». Il dibattito è servito.

Leggi anche:

A Novazzano si apre la strada agli alloggi per anziani

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved