ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Gallery
Locarnese
2 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Bellinzonese
2 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
8 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
11 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
12 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
12 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
12 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
12 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
12 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
12 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
13 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
31.03.2021 - 19:32

A Novazzano si apre la strada agli alloggi per anziani

La maggioranza del Consiglio comunale fa suo il progetto di Casate. Ma i contrari da Destra e Sinistra non desistono e non escludono un referendum

a-novazzano-si-apre-la-strada-agli-alloggi-per-anziani
Per i favorevoli la vicinanza di Casa Girotondo fa la differenza (Ti-Press)

Cosa viene prima? Il nucleo storico o gli alloggi per gli anziani del paese? Messa così, a Novazzano lunedì sera il Consiglio comunale a maggioranza ha dato la precedenza ai secondi, mettendo sul tavolo i 2 milioni e 216mila franchi utili a definire la progettazione del complesso residenziale previsto in zona Casate, nelle vicinanze di Casa Girotondo. La decisione, pur sottoscritta da 22 consiglieri su 28, potrebbe, però, lasciare degli strascichi. All'indomani, infatti, c'è già aria di referendum. Sul fronte dei contrari - i 6 'no' sono arrivati dai banchi di Insieme a Sinistra e Lega, alleate sul tema pure in contrasto con i loro stessi municipali - non si esclude di coinvolgere la popolazione: una riflessione adesso si impone.

Un progetto, due fronti

L'esecutivo, per il momento, si porta a casa il risultato. Che non tutti fossero convinti dal progetto e dalla sua collocazione (soprattutto) lo si era già capito dai rapporti consegnati dalle Commissioni gestione e opere pubbliche. Due fronti che si sono delineati in modo netto anche nel corso della seduta consiliare. Gli argomenti, a entrambi, non mancavano di certo. E tali sono rimasti. Per i fautori degli alloggi - in sostanza, Ppd-Gg-Verdi liberali e Plr - non solo si va a rispondere a una esigenza certificata da due sondaggi in quattro anni - oltre una trentina le famiglie interessate -, ma si coglie l'opportunità di consolidare servizi e intesa con la casa par anziani e il centro Atte. Come dire che si è visto giusto.

Per chi si è messo di traverso - non tanto al principio, quanto alla soluzione - le perplessità suscitate sono, invece, diverse: da un lato, in effetti, appare ottimistica la previsione di affittare tutti gli appartamenti, dall'altro quei 101 posteggi sembrano eccessivi. I veri nodi, però, sono altri: c'è il sacrificio di quei 9mila metri quadri di verde a Casate (che pesa in particolare a Sinistra) - terreno acquistato nel 1988 dal Comune per 1,6 milioni - e c'è il rischio di trascurare il 'cuore' del paese. Tanto più, si è evocato, che ci sono 250 compaesani - i firmatari di una petizione - che sollecitano l'esecutivo a prendersi cura del nucleo; negli occhi il degrado che pervade ormai la corte Belvedere, giusto a due passi dalla Casa comunale. Morale: meglio sospendere il progetto in esame e ragionare sulle alternative. Che i contrari hanno individuato proprio in quella porzione del centro di Novazzano: gli alloggi (e non solo) starebbero bene lì, si è fatto capire. E poi, si è rilanciato, che urgenza c'è?

'Casate? La soluzione migliore'

A sgombrare il campo ci ha pensato, quindi, il sindaco Sergio Bernasconi. «Casate - ha ribadito - rappresenta la soluzione migliore». Del resto, ha chiarito ancora, la salvaguardia del nucleo è sul tavolo dell'esecutivo. Anche il partito del sindaco, il Ppd, è convinto della necessità di ridare «vita e decoro» a quella parte del paese. Non a caso, ha informato Bernasconi, «abbiamo chiesto al nostro pianificatore di valutare se le norme in vigore sono attuali; e siamo in attesa di una risposta». Il punto? La tutela sì, l'inserimento degli alloggi per anziani autosufficienti in quel luogo no.

Si stima un investimento di 17 milioni

Condurre in porto questa operazione per il Comune significherà, va detto, un investimento importante, che ad oggi si stima in circa 17 milioni di franchi (questo è l'indirizzo). Troppi, stando alle voci critiche, a fronte di un intervento che definiscono non sociale e che vedono Sinistra e Destra sulla stessa barca. Una ragione in più, rilanciano, per fermarsi a riflettere e coinvolgere Fondazioni o Cooperative abitative che potrebbero essere interessate a un ripensamento dei contenuti del nucleo. Per la maggioranza della Gestione, per contro, i conti tornano, anche se per assicurarne la sostenibilità, si annota, si dovranno prospettare affitti più elevati del 10-15 per cento per i tre stabili che si prevede di realizzare subito. In ogni caso, si fa osservare, le pigioni saranno "sempre al di sotto di quanto offerto dal mercato". In questo modo, rilanciano i favorevoli, si concretizzerà ciò che si è pianificato negli ultimi 40 anni.

Sugli alloggi per anziani, insomma, nell'aula consiliare il compromesso proprio non si è trovato. Votato e archiviato? Per saperlo adesso non resta che attendere la prossima mossa dei contrari.

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved