terza-corsia-a2-i-contrari-a-palazzo-federale-con-6-300-firme
Destinazione Berna (Ti-Press/F. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
43 min

Lugano, Schönenberger? ‘Un incidente di percorso’

Cristina Zanini Barzaghi replica alle critiche: ’Il nostro obiettivo è di agire a favore delle persone più sfavorite, del ceto medio e dell’ambiente’
Mendrisiotto
9 ore

Morbio Inferiore, ‘A cena con papà’

La manifestazione, organizzata dal Dicastero cultura, venerdì 20 maggio
Luganese
10 ore

Ponte Capriasca, evento solidale per Zanzibar

L’associazione Sister Island ha fondato un asilo e diversi progetti virtuosi di sviluppo
Luganese
10 ore

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
11 ore

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
11 ore

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
11 ore

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
11 ore

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
11 ore

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
11 ore

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
Mendrisiotto
12 ore

Sfornata la nuova guida turistica Mendrisiotto e Basso Ceresio

Stampata in 30mila copie e tradotta in quattro lingue, presenta fra i dossier il sentiero della Muggiasca e l’itinerario per hand bike al Serpiano
Ticino
12 ore

Presidente del Consiglio sinodale riformato è Stefano D’Archino

Nell’esecutivo della Chiesa evangelica succede a Tobias Ulbrich. Approvata una mozione critica nei confronti del Patriarca Kirill
Grigioni
12 ore

Mesi decisivi per la nuova scuola di San Vittore

In pubblicazione fino al 23 maggio la domanda per la licenza edilizia. I cittadini dovranno esprimersi in votazione popolare sul credito di 6,8 milioni
Locarnese
12 ore

Locarno, concerto conclusivo della Società popolare di musica

L’evento si svolgerà al Fevi, venerdì 20 maggio, dalle 18. È consigliato prenotare il posto a sedere
Ticino
12 ore

L’Atg: ‘Preoccupati per il futuro della nostra professione’

L’Associazione ticinese dei giornalisti in assemblea è preoccupata per ‘una parte della politica che mostra costante insofferenza nei nostri confronti’
05.05.2021 - 18:21
Aggiornamento : 19:25

Terza corsia A2, i contrari a Palazzo federale con 6'300 firme

Consegnata la petizione che fa muro al progetto dell'Ustra. Ad aderire cittadini di Mendrisiotto, Basso Ceresio e Luganese

'Ricevute'. In calce alle 6'306 firme (raccolte in tre mesi circa) di cittadini di Mendrisiotto, Basso Ceresio e Luganese ora c'è il sigillo di Palazzo federale. Come dire che, adesso, a Berna sanno come la pensa una parte (non trascurabile) della popolazione locale (quella che si è esposta, almeno) sulla terza corsia autostradale fra Mendrisio e Lugano. Alle 11 in punto di oggi, mercoledì, sulla terrazza di Palazzo, una delegazione del Comitato 'No alla terza corsia tra Lugano e Mendrisio! Salviamo Mendrisiotto e Basso Ceresio a Berna' ha consegnato, infatti, nelle mani di un rappresentante della Cancelleria la petizione e le sottoscrizioni. «In quel momento - ci racconta Marzio Proietti, il portavoce - è uscito anche un raggio di sole in una capitale poco primaverile». Che sia un segno?

'Il progetto andrà approfondito'

Destinataria della raccolta firme era la Consigliera federale Simonetta Sommaruga. Ma chi di buona mattina, mercoledì, è salito sul treno per Berna, sapeva che sarebbe stato difficile ritrovarsi a tu per tu con la direttrice del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni. Ad accogliere i promotori, però, c'erano alcuni consiglieri nazionali ticinesi - come Marina Carobbio, Bruno Storni, Greta Gysin e Pietro Marchesi - che, al di là di come la pensano sul potenziamento dell'A2 a sud, hanno fatto sentire a casa il drappello in trasferta.

Il nodo del finanziamento

Quale impressione vi siete portati a casa? «Che davanti a un numero significativo di firme è maggiore il bisogno di andare ad approfondire il progetto - ribattezzato PoLuMe, ndr - presentato dall'Ustra, l'Ufficio federale delle strade. Resta - fa notare Proietti - un punto da chiarire, il finanziamento». In poche parole sarà da vedere, a fronte di un costo di 1,8 miliardi di franchi, se il voto del parlamento è solo una formalità o se si aprirà una discussione su questo intervento deciso a fluidificare il traffico là dove si soffre di più delle colonne di auto dei pendolari.

I firmatari? Ridistribuiti nei due Distretti

Per fare memoria della quotidianità che vive (e respira) la regione, i fautori della petizione hanno inscenato una rappresentazione, tagliando, ci spiega Proietti, una torta di terra che simboleggiava il territorio del Basso Ceresio, dove "se PoLuMe dovesse venire realizzato così come proposto, agli abitanti non resteranno che le briciole", ci si lamenta.

È significativa, in effetti, anche la provenienza dei firmatari. Le persone, si conferma, "abitano in larga maggioranza nel Basso Ceresio (25 per cento), nel Mendrisiotto (30 per cento) e nel Luganese (24 per cento). Questo a dimostrazione che il tema del traffico e dell’inquinamento, con il quale si devono confrontare quotidianamente i residenti di queste regioni, è molto sentito ed è fonte di preoccupazione". A dar man forte ci sono, poi, ricorda il Comitato, "associazioni regionali, Municipi, Consigli comunali, gruppi e singoli esponenti politici, così come da privati preoccupati dall’impatto negativo che la realizzazione di questo progetto avrà sulla qualità di vita nella regione". A rincuorare, si sottolinea, c'è il fatto che "il numero di prese di posizione pubbliche critiche o contrarie al progetto ed espresse in questi mesi supera di gran lunga le prese di posizione a favore".

Le parole di Sommaruga

Avrà un peso tutto ciò? Non rimane che attendere di capire l'effetto che avrà questa mobilitazione di popolo, associazioni e istituzioni locali. Soprattutto alla luce delle affermazioni della stessa Consigliera federale Simonetta Sommaruga, messe nero su bianco nella risposta indirizzata a Cittadini per il territorio, Associazione traffico e ambiente e Iniziativa delle Alpi: “Un requisito per l'approvazione del progetto da parte del Consiglio federale – aveva fatto capire la direttrice del Datec – è che la regione sostenga il progetto e che le esigenze ambientali possano essere soddisfatte”. In gioco, richiama il Comitato, ci sono, del resto, salute pubblica a salvaguardia del territorio, non solo il problema del traffico.

Adesso si guarda al Cantone

Oltre che a Berna i promotori della petizione guardano, però, anche a Palazzo delle Orsoline. La posizione del governo cantonale, dice a chiare lettere Proietti, appare un po' come una «nebulosa»: di fatto non si è ancora espresso in veste ufficiale sul progetto dell'Ustra (la cosiddetta variante 4/2) che investe, comunque, ribadisce, circa 58mila abitanti a sud del Ponte diga di Melide.

Giunti sin qui l'auspicio, si rilancia, è che tanto il Consiglio di Stato che il Consiglio federale "nella loro decisione sul progetto PoLuMe, tengano conto delle preoccupazioni e delle rivendicazioni della popolazione residente nella regione e appoggino, quindi, la posizione e le richieste dei Comuni che saranno toccati direttamente da questo progetto, così come quelle della Commissione regionale dei trasporti e dei cittadini". D'altro canto, si chiosa, il potenziamento dell'A2, il cui tracciato "è una ferita nel Ticino meridionale", così come prospettato "ipotecherà il futuro dei nostri figli e nipoti".

 

Leggi anche:

Una petizione per salvare la regione dalla terza corsia A2

Terza corsia: 'La regione non sostiene il progetto'

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved