alimentari-griffati-valle-di-muggio
Livio Arrigoni e Chiara Bazzoni nel loro laboratorio (Ti-Press/Elia Bianchi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Conferenza Ucraina: ‘Simbolica? Direi piuttosto solidale’

Artem Rybchenko, ambasciatore ucraino a Berna, sulla Ukraine Recovery Conference di Lugano: ‘Preziosa opportunità di incontro coi partner internazionali’
Luganese
3 ore

Resega e dintorni, un ‘regalo’ all’Hcl?

Fa discutere la concessione di un diritto di superficie per una palazzina attigua alla pista
Ticino
11 ore

L’economia dei lavoretti da noi è ‘poco diffusa’

Lo rileva il Consiglio di Stato rispondendo a un’interrogazione di Sirica (Ps) in seguito al ‘caso Divoora’. Attesi approfondimenti a livello nazionale
Locarnese
11 ore

JazzAscona 2022, organizzatori molto soddisfatti

Sotto il segno del gemellaggio con New Orleans la maratona musicale ticinese, giunta alla 38esima edizione, ha registrato un ottimo successo
Locarnese
12 ore

Salvataggio Sub Gambarogno, dati due nuovi brevetti

 Mattia Ferrari e Roberto Plebani hanno ottenuto il brevetto per i salvataggi nelle acque libere
Locarnese
12 ore

Mortale di Broglio, ‘Daniele amava la valle e la sua libertà’ 

Il 20enne è deceduto nell’incidente stradale avvenuto stanotte. Nato al ‘piano’ ma col cuore fra le montagne. Il ricordo di parenti e amici.  
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Cavea Festival ad Arzo, grande musica e buoni numeri

Organizzatori soddisfatti. Alla manifestazione alle cave tutto è filato liscio anche sul fronte della sostenibilità e della sicurezza
Luganese
14 ore

Lugano, Harley Days di successo con... fuochi inattesi

Folta partecipazione all’evento che si chiude oggi. Ma a far discutere sono i fuochi d’artificio non annunciati di sabato sera. Badaracco: ‘Malinteso’.
Gallery
Luganese
15 ore

Ukraine Recovery Conference, Shmyhal atterrato ad Agno

Il Primo ministro, che guiderà la delegazione ucraina è arrivato in città. Accolto dal presidente Cassis e dal sindaco Foletti
Mendrisiotto
15 ore

Morta sull’A2, gli amici del ritrovo: ‘Una bellissima persona’

Nella regione ha lasciato increduli la morte della 36enne travolta nella notte a Rancate. La giovane donna era mamma di due bambine
Luganese
16 ore

Risparmio energetico, i Verdi: ‘Lugano faccia la sua parte’

Un’interrogazione ecologista chiede al Municipio di adeguarsi alle raccomandazioni dell’Agenzia internazionel dell’energia
Bellinzonese
16 ore

Diaporama di Giuseppe Brenna sugli alpi di Leventina

L’alpinista giovedì 7 luglio presso il Dazio Grande presenterà in conferenza la sua ultima fatica editoriale
Ticino
16 ore

Mafie in Ticino, ‘il pool cantonale non serve’

Risposta del Consiglio di Stato alla mozione di Quadranti (Plr). Il deputato insoddisfatto replica: ‘Porterò il dossier nella commissione competente’
Luganese
18 ore

A Lugano, delegazione italiana guidata da Della Vedova

All’Ukraine Recovery Conference in riva al Ceresio (domani e martedì), per la Penisola ci sarà il sottosegretario
Mendrisiotto
19 ore

La Sat di Mendrisio sale sulla cima del Pecian

Il programma prevede un’escursione panoramica in Valle Leventina per il 16 luglio prossimo
Gallery
Mendrisiotto
23 ore

Cade dalla moto e viene travolta dall’auto che segue

Incidente con esito mortale nella notte sull’A2 all’altezza di Rancate. Autostrada temporaneamente chiusa per i rilievi del caso
Gallery
Locarnese
23 ore

Si schianta contro un palo di cemento. Muore un ventenne

Grave incidente della circolazione nella notte a Broglio, dove perde la vita un giovane. Lievi ferite per altri due passeggeri
Bellinzonese
1 gior

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 gior

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
23.02.2021 - 20:57
Aggiornamento: 24.02.2021 - 10:05

Alimentari griffati Valle di Muggio

Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni hanno avviato un'attività di coltivazione e produzione che si svolge tra Morbio Superiore e Bruzella

È iniziata come una passione, è diventata una piccola attività e domani potrebbe diventare un lavoro a tempo pieno. Con un punto fermo che non cambierà: l'amore per la terra e per la Valle di Muggio. Marito e moglie da due anni, dallo scorso mese di luglio Chiara Bazzoni, 32 anni, e Livio Arrigoni, 24 anni, sono i titolari della ‘Prodotti Arrigoni’ di Morbio Superiore. Un'attività che si svolge tra Morbio Superiore, dove la coppia vive, ha il laboratorio e coltiva erbe aromatiche e fiori, e Bruzella, dove Livio è nato e cresciuto e dove c'è l'orto in cui vengono curate frutta e verdura. «Io sono un architetto e ho da sempre la passione del giardinaggio, mentre Chiara è aiuto cuoca – spiega Livio Arrigoni –. Dopo aver realizzato i primi prodotti, abbiamo comprato un essiccatore. I primi riscontri e lo stimolo a fare di più è arrivato dai pareri positivi che abbiamo ricevuto da amici e parenti». L'attività è così iniziata «con lo sviluppo di qualche nuova ricetta e con la partecipazione a qualche mercatino». Chiara al momento si occupa a metà tempo della cucina, della parte amministrativa e dei mercatini, mentre Livio la sera e nei fine settimana, si dedica all'orto. Di origine italiana, Chiara vive a lavora nel Mendrisiotto da 12 anni. «La Valle di Muggio è molto bella e mi trovo benissimo – racconta –. Da qualche anno volevo diventare indipendente: la produzione è iniziata con marmellate e pensierini per Natale. Dopo l'acquisto dell'essiccatore mi sono venute in mente tantissime idee e ricette. Ed eccoci qua: abbiamo sviluppato l'attività in piena pandemia, ma siamo positivi e speriamo di poter continuare al meglio».

Tutto fatto in casa

Il motto scelto da Livio e Chiara per la loro attività – ‘Tüta ròba fàia in cà dala Val da Mücc e mia dumà’ – rispecchia quella che è la loro filosofia. «Ogni tanto prendiamo della verdura da amici che rispettano la nostra filosofia – aggiunge Livio –. Nel nostro orto non usiamo nessun tipo di pesticida o prodotti chimici e rispettiamo molto la stagionalità». A questo si aggiunge il fatto che «se una pianta si ammala, proviamo a curarla con metodi naturali. L'anno scorso, per esempio, abbiamo avuto dei problemi con i pomodori e a fine stagione il raccolto è stato molto piccolo, ma non siamo andati ad acquistarne altri proprio per rispettare il fatto di avere prodotti della Valle di Muggio». Quali sono quindi i vostri prodotti? «Proprio per il rispetto del ciclo naturale – risponde ancora Livio –  sono abbastanza variati». Nel catalogo ci sono tisane («con erbe officinali o che andiamo a raccogliere allo stato selvatico»), un dado vegetale («è fatto al 100 per cento con le nostre verdure: abbiamo deciso di non esagerare con il sale proprio per far sentire il gusto delle verdure ed esaltare il suo sapore»), frutta essiccata, castagne sciroppate («con il nocino di nostra produzione»), diversi liquori («come il liquore di castagne raccolte qui in zona») e marmellate. Tra i prodotti che vanno letteralmente a ruba i nostri interlocutori inseriscono le verdure (pomodori, zucchine e melanzane) in vinaigrette e i crackers di zucca e cavolfiore. Quale tra questi può essere definito come il vostro prodotto tipico? «Un po' tutto – risponde Chiara sorridendo –, ma il dado è quello che mi dà una maggiore soddisfazione».

‘Manca il contatto con le persone’

Il percorso avviato da Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni dimostra ancora una volta l'apprezzamento per i prodotti a chilometro zero. La pandemia lo ha evidenziato? «Già prima l'interesse era buono – conferma Livio –. Grazie al mercatino virtuale nato su Facebook – al quale si aggiungono le pagine social che portano il nome dell'attività – siamo stati raggiunti da tante persone e tra loro, alcune sono diventati clienti fissi. La chiusura delle persone in casa e il riuscire a pubblicare i nostri prodotti sui social ci ha aiutato ad avere maggiore visibilità: nonostante l'assenza di fiere e mercatini, le vendite sono andate bene». Qualcosa, però, è inevitabilmente cambiato. «Quello che manca e che è importante per la nostra attività è il contatto con le persone e il poter raccontare chi siamo, cosa facciamo, la nostra filosofia e spiegare come nascono i prodotti». C'è una domanda che vi viene posta con regolarità? «Si vuole sapere se è tutto a chilometro zero e se sono prodotti nostri – commenta ancora Livio –. Il messaggio passa e il riscontro è buono».

Verso l'ampliamento dell'attività

La ‘Prodotti Arrigoni’ guarda anche al futuro. «Abbiamo sempre nuove idee e nuovi prodotti – ammette Livio –. Le superfici sono per il momento limitate, ma abbiamo in progetto di ampliare le superfici coltivate e stiamo cercando dei terreni in Valle di Muggio». Nelle intenzioni dei due giovani, in futuro questa sarà la loro attività principale. «Chiara si occuperà a tempo pieno di amministrazione, cucina e dei mercati». Livio continuerà con la coltivazione e la germinazione delle piante. «Non è facile conciliare le due professioni – sottolinea –, le giornate sono lunghe ma non mi pesa perché è una passione e ne vale la pena: il cliente che ritorna è la soddisfazione più grande».

Progetti culinari in cantiere

Il catalogo, come visto, è già ben fornito. Nella mente di Chiara ci sono però diversi progetti. «Tra questi ci sono le chips di verdura – ci dice –. Utilizziamo vasetti di vetro per evitare la plastica. Sto facendo delle prove sia nei vasetti che con dei sacchetti per capire quale, dopo un anno, lascia il prodotto migliore». Le idee non mancano. «Non ci siamo voluti fermare su un singolo prodotto – aggiunge Chiara –. Ci saremmo potuti fermare al dado perché piace tanto, ma visto che ho la passione per la cucina (ereditata da mio papà e da mio nonno), ho scelto di spaziare su altri prodotti per tenermi in movimento. I due essiccatori, del resto, funzionano di norma 10 mesi l'anno». Il momento di tregua – «ne abbiamo approfittato per cercare il terreno» – è quello dei mesi di gennaio e febbraio. «Finiti i crackers, ci prendiamo una pausa fino ai fiori: i primi che raccogliamo sono le primule». Per il futuro c'è in cantiere anche una composta di cipolle della Valle di Muggio. «Attualmente abbiamo quella di Tropea – conclude Chiara –. Quest'anno voglio provare a farla con le nostre cipolle».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiara bazzoni chilometro zero livio arrigoni prodotti arrigoni valle di muggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved