alimentari-griffati-valle-di-muggio
Livio Arrigoni e Chiara Bazzoni nel loro laboratorio (Ti-Press/Elia Bianchi)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

L'incallito ladro lituano che colpì in mezza Svizzera

È stato condannato a 2 ani e 8 mesi dalle Assise criminali ticinesi: il primo colpo lo commise nel Cantone
Ticino
6 ore

Dpd, Verdi del Ticino: 'Libero mercato, libero sfruttamento?'

I Verdi del Ticino esprimono solidarietà a lavoratori e lavoratrici della Dpd per le condizioni lavorative 'inaccettabili'
Ticino
7 ore

Emergenza lavoro, ‘Ci vuole una strategia della solidarietà’

Nel quarto trimestre dell’anno sono andati persi - solo in Ticino - 10 mila impieghi a fronte dei 23 mila andati in fumo a livello nazionale
Luganese
7 ore

La Città di Lugano aderisce al progetto Smartvote

Per le prossime elezioni comunali i candidati potranno creare il proprio profilo rispondendo a un questionario sui vari temi politici
Ticino
7 ore

Piste da sci e terrazze: ‘Si voleva evitare una crisi’

Gobbi spiega le ragioni che hanno portato ad adeguarsi alle disposizioni federali. I gestori degli impianti: ‘c'è grande incertezza’
Mendrisiotto
8 ore

'Alla scuola di Morbio il clima è tranquillo'

Parla Claudia Canova, sindaco del paese. Al momento si tratta di un solo caso in una classe di quinta elementare
Luganese
8 ore

Lugano, pigioni moderate: scelti i vincitori per Lambertenghi

La Cooperativa Vivere Lambertenghi si aggiudica il concorso per costruire nell'omonimo quartiere un edificio di sette piani con venticinque appartamenti
Luganese
8 ore

Da lunedì apre a Lugano la mostra Da Vinci Experience

L'esposizione multimediale visitabile fino al 30 maggio al Centro esposizioni
Ticino
9 ore

Coronavirus o meno, i radar rimangono sempre aperti

Ecco le località nelle quali la prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari in Ticino
Locarnese
9 ore

Bosco Gurin chiude la stazione sciistica

Frapolli annuncia che da lunedì gli impianti saranno fermi. La causa è il divieto di apertura delle terrazze dei ristoranti sulle piste
Locarnese
9 ore

Locarno, il Salva lancia la campagna sostenitori

Tramite volantino la popolazione viene informata sui vantaggi di una copertura sostenibile. I fondi raccolti consentono di migliorare la qualità del servizio
Locarnese
9 ore

Navigazione: l'accordo slitta. Il progetto di sviluppo pure

Resta aperta anche la questione della ri-assunzione del personale licenziato
Mendrisiotto
10 ore

Investita da un furgone, rimane schiacciata contro un'auto

Incidente a Castel San Pietro. Ferite gravi per una cittadina della provincia di Como di 49 anni
Locarnese
10 ore

Verscio, agli abitanti di pianificare la campagna

Nell'ambito del progetto 'Strade di quartiere', promosso dall'Ufficio federale dello Sviluppo territoriale e dal Comune,recapitata la documentazione
Ticino
10 ore

Case anziani, restrizioni allentate dal 1° di marzo

Da lunedi consentite visite in camera ai residenti, uscite temporanee e attività socializzanti. Allentamenti anche in strutture per invalidi e psichiatriche
Bellinzonese
10 ore

Sorpassi a Bellinzona, ‘ma il Municipio sapeva da tempo?’

Tuto Rossi torna all'attacco allegando a una nuova interpellanza le osservazioni dell'avvocato del capo Sop infine trasferito
Grigioni
11 ore

Tagli nelle case anziani moesane, ‘la politica si attivi’

I sindacati Ocst e Vpod invitano a stanziare contributi maggiori per aiutare le quattro strutture a superare la pandemia senza più licenziamenti
Mendrisiotto
11 ore

Cinzia Sciuto a Chiasso TV per parlare di burqa (e non solo)

La ricercatrice e giornalista di MicroMega è stata intervistata su diritti, integrazione e religioni
Bellinzonese
11 ore

Procedono i lavori sulla A2 tra Quinto e Airolo

Riprende in questi giorni il cantiere che riguarderà entrambe le carreggiate. Diversi lavori in programma, tra i quali la posa dell'asfalto fonoassorbente,
Mendrisiotto
23.02.2021 - 20:570
Aggiornamento : 24.02.2021 - 10:05

Alimentari griffati Valle di Muggio

Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni hanno avviato un'attività di coltivazione e produzione che si svolge tra Morbio Superiore e Bruzella

È iniziata come una passione, è diventata una piccola attività e domani potrebbe diventare un lavoro a tempo pieno. Con un punto fermo che non cambierà: l'amore per la terra e per la Valle di Muggio. Marito e moglie da due anni, dallo scorso mese di luglio Chiara Bazzoni, 32 anni, e Livio Arrigoni, 24 anni, sono i titolari della ‘Prodotti Arrigoni’ di Morbio Superiore. Un'attività che si svolge tra Morbio Superiore, dove la coppia vive, ha il laboratorio e coltiva erbe aromatiche e fiori, e Bruzella, dove Livio è nato e cresciuto e dove c'è l'orto in cui vengono curate frutta e verdura. «Io sono un architetto e ho da sempre la passione del giardinaggio, mentre Chiara è aiuto cuoca – spiega Livio Arrigoni –. Dopo aver realizzato i primi prodotti, abbiamo comprato un essiccatore. I primi riscontri e lo stimolo a fare di più è arrivato dai pareri positivi che abbiamo ricevuto da amici e parenti». L'attività è così iniziata «con lo sviluppo di qualche nuova ricetta e con la partecipazione a qualche mercatino». Chiara al momento si occupa a metà tempo della cucina, della parte amministrativa e dei mercatini, mentre Livio la sera e nei fine settimana, si dedica all'orto. Di origine italiana, Chiara vive a lavora nel Mendrisiotto da 12 anni. «La Valle di Muggio è molto bella e mi trovo benissimo – racconta –. Da qualche anno volevo diventare indipendente: la produzione è iniziata con marmellate e pensierini per Natale. Dopo l'acquisto dell'essiccatore mi sono venute in mente tantissime idee e ricette. Ed eccoci qua: abbiamo sviluppato l'attività in piena pandemia, ma siamo positivi e speriamo di poter continuare al meglio».

Tutto fatto in casa

Il motto scelto da Livio e Chiara per la loro attività – ‘Tüta ròba fàia in cà dala Val da Mücc e mia dumà’ – rispecchia quella che è la loro filosofia. «Ogni tanto prendiamo della verdura da amici che rispettano la nostra filosofia – aggiunge Livio –. Nel nostro orto non usiamo nessun tipo di pesticida o prodotti chimici e rispettiamo molto la stagionalità». A questo si aggiunge il fatto che «se una pianta si ammala, proviamo a curarla con metodi naturali. L'anno scorso, per esempio, abbiamo avuto dei problemi con i pomodori e a fine stagione il raccolto è stato molto piccolo, ma non siamo andati ad acquistarne altri proprio per rispettare il fatto di avere prodotti della Valle di Muggio». Quali sono quindi i vostri prodotti? «Proprio per il rispetto del ciclo naturale – risponde ancora Livio –  sono abbastanza variati». Nel catalogo ci sono tisane («con erbe officinali o che andiamo a raccogliere allo stato selvatico»), un dado vegetale («è fatto al 100 per cento con le nostre verdure: abbiamo deciso di non esagerare con il sale proprio per far sentire il gusto delle verdure ed esaltare il suo sapore»), frutta essiccata, castagne sciroppate («con il nocino di nostra produzione»), diversi liquori («come il liquore di castagne raccolte qui in zona») e marmellate. Tra i prodotti che vanno letteralmente a ruba i nostri interlocutori inseriscono le verdure (pomodori, zucchine e melanzane) in vinaigrette e i crackers di zucca e cavolfiore. Quale tra questi può essere definito come il vostro prodotto tipico? «Un po' tutto – risponde Chiara sorridendo –, ma il dado è quello che mi dà una maggiore soddisfazione».

‘Manca il contatto con le persone’

Il percorso avviato da Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni dimostra ancora una volta l'apprezzamento per i prodotti a chilometro zero. La pandemia lo ha evidenziato? «Già prima l'interesse era buono – conferma Livio –. Grazie al mercatino virtuale nato su Facebook – al quale si aggiungono le pagine social che portano il nome dell'attività – siamo stati raggiunti da tante persone e tra loro, alcune sono diventati clienti fissi. La chiusura delle persone in casa e il riuscire a pubblicare i nostri prodotti sui social ci ha aiutato ad avere maggiore visibilità: nonostante l'assenza di fiere e mercatini, le vendite sono andate bene». Qualcosa, però, è inevitabilmente cambiato. «Quello che manca e che è importante per la nostra attività è il contatto con le persone e il poter raccontare chi siamo, cosa facciamo, la nostra filosofia e spiegare come nascono i prodotti». C'è una domanda che vi viene posta con regolarità? «Si vuole sapere se è tutto a chilometro zero e se sono prodotti nostri – commenta ancora Livio –. Il messaggio passa e il riscontro è buono».

Verso l'ampliamento dell'attività

La ‘Prodotti Arrigoni’ guarda anche al futuro. «Abbiamo sempre nuove idee e nuovi prodotti – ammette Livio –. Le superfici sono per il momento limitate, ma abbiamo in progetto di ampliare le superfici coltivate e stiamo cercando dei terreni in Valle di Muggio». Nelle intenzioni dei due giovani, in futuro questa sarà la loro attività principale. «Chiara si occuperà a tempo pieno di amministrazione, cucina e dei mercati». Livio continuerà con la coltivazione e la germinazione delle piante. «Non è facile conciliare le due professioni – sottolinea –, le giornate sono lunghe ma non mi pesa perché è una passione e ne vale la pena: il cliente che ritorna è la soddisfazione più grande».

Progetti culinari in cantiere

Il catalogo, come visto, è già ben fornito. Nella mente di Chiara ci sono però diversi progetti. «Tra questi ci sono le chips di verdura – ci dice –. Utilizziamo vasetti di vetro per evitare la plastica. Sto facendo delle prove sia nei vasetti che con dei sacchetti per capire quale, dopo un anno, lascia il prodotto migliore». Le idee non mancano. «Non ci siamo voluti fermare su un singolo prodotto – aggiunge Chiara –. Ci saremmo potuti fermare al dado perché piace tanto, ma visto che ho la passione per la cucina (ereditata da mio papà e da mio nonno), ho scelto di spaziare su altri prodotti per tenermi in movimento. I due essiccatori, del resto, funzionano di norma 10 mesi l'anno». Il momento di tregua – «ne abbiamo approfittato per cercare il terreno» – è quello dei mesi di gennaio e febbraio. «Finiti i crackers, ci prendiamo una pausa fino ai fiori: i primi che raccogliamo sono le primule». Per il futuro c'è in cantiere anche una composta di cipolle della Valle di Muggio. «Attualmente abbiamo quella di Tropea – conclude Chiara –. Quest'anno voglio provare a farla con le nostre cipolle».

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved