ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Patriziati, il Tram dice no alle deleghe di competenze

L’Assemblea patriziale non può delegare decisioni – come sugli investimenti – all’Ufficio patriziale. Respinto il ricorso a Carona. ‘Ma c’è un problema’
Luganese
2 ore

‘Anno sabbatico’ per il giornalino di Carnevale di Tesserete

I festeggiamenti che si terranno dal 23 al 25 febbraio non saranno accompagnati dalla satira. Or Penagin è alla ricerca di nuovi redattori
Locarnese
9 ore

A Riazzino si discute della ‘metafisica dopo Kant’

Orizzonti filosofici propone una conferenza con Massimo Marassi, professore di Filosofia teoretica dell’Università Cattolica di Milano
Ticino
9 ore

Alleanza Lega-Udc: Zali attacca, Marchesi imperturbabile

Alla festa elettorale leghista volano parole roventi. Ma il presidente democentrista replica: ‘Non intendo alimentare sterili polemiche’
Mendrisiotto
10 ore

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
12 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
14 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
15 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
16 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
18 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
18 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
19 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
Luganese
20 ore

Una serata per parlare di inclusione scolastica

L’appuntamento è per martedì 14 febbraio al cinema Lux di Massagno. Verrà inoltre proiettato il film ‘Tutto il mio folle amore’
Locarnese
22 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
1 gior

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
1 gior

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
1 gior

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
23.02.2021 - 20:57
Aggiornamento: 24.02.2021 - 10:05

Alimentari griffati Valle di Muggio

Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni hanno avviato un'attività di coltivazione e produzione che si svolge tra Morbio Superiore e Bruzella

alimentari-griffati-valle-di-muggio
Livio Arrigoni e Chiara Bazzoni nel loro laboratorio (Ti-Press/Elia Bianchi)

È iniziata come una passione, è diventata una piccola attività e domani potrebbe diventare un lavoro a tempo pieno. Con un punto fermo che non cambierà: l'amore per la terra e per la Valle di Muggio. Marito e moglie da due anni, dallo scorso mese di luglio Chiara Bazzoni, 32 anni, e Livio Arrigoni, 24 anni, sono i titolari della ‘Prodotti Arrigoni’ di Morbio Superiore. Un'attività che si svolge tra Morbio Superiore, dove la coppia vive, ha il laboratorio e coltiva erbe aromatiche e fiori, e Bruzella, dove Livio è nato e cresciuto e dove c'è l'orto in cui vengono curate frutta e verdura. «Io sono un architetto e ho da sempre la passione del giardinaggio, mentre Chiara è aiuto cuoca – spiega Livio Arrigoni –. Dopo aver realizzato i primi prodotti, abbiamo comprato un essiccatore. I primi riscontri e lo stimolo a fare di più è arrivato dai pareri positivi che abbiamo ricevuto da amici e parenti». L'attività è così iniziata «con lo sviluppo di qualche nuova ricetta e con la partecipazione a qualche mercatino». Chiara al momento si occupa a metà tempo della cucina, della parte amministrativa e dei mercatini, mentre Livio la sera e nei fine settimana, si dedica all'orto. Di origine italiana, Chiara vive a lavora nel Mendrisiotto da 12 anni. «La Valle di Muggio è molto bella e mi trovo benissimo – racconta –. Da qualche anno volevo diventare indipendente: la produzione è iniziata con marmellate e pensierini per Natale. Dopo l'acquisto dell'essiccatore mi sono venute in mente tantissime idee e ricette. Ed eccoci qua: abbiamo sviluppato l'attività in piena pandemia, ma siamo positivi e speriamo di poter continuare al meglio».

Tutto fatto in casa

Il motto scelto da Livio e Chiara per la loro attività – ‘Tüta ròba fàia in cà dala Val da Mücc e mia dumà’ – rispecchia quella che è la loro filosofia. «Ogni tanto prendiamo della verdura da amici che rispettano la nostra filosofia – aggiunge Livio –. Nel nostro orto non usiamo nessun tipo di pesticida o prodotti chimici e rispettiamo molto la stagionalità». A questo si aggiunge il fatto che «se una pianta si ammala, proviamo a curarla con metodi naturali. L'anno scorso, per esempio, abbiamo avuto dei problemi con i pomodori e a fine stagione il raccolto è stato molto piccolo, ma non siamo andati ad acquistarne altri proprio per rispettare il fatto di avere prodotti della Valle di Muggio». Quali sono quindi i vostri prodotti? «Proprio per il rispetto del ciclo naturale – risponde ancora Livio –  sono abbastanza variati». Nel catalogo ci sono tisane («con erbe officinali o che andiamo a raccogliere allo stato selvatico»), un dado vegetale («è fatto al 100 per cento con le nostre verdure: abbiamo deciso di non esagerare con il sale proprio per far sentire il gusto delle verdure ed esaltare il suo sapore»), frutta essiccata, castagne sciroppate («con il nocino di nostra produzione»), diversi liquori («come il liquore di castagne raccolte qui in zona») e marmellate. Tra i prodotti che vanno letteralmente a ruba i nostri interlocutori inseriscono le verdure (pomodori, zucchine e melanzane) in vinaigrette e i crackers di zucca e cavolfiore. Quale tra questi può essere definito come il vostro prodotto tipico? «Un po' tutto – risponde Chiara sorridendo –, ma il dado è quello che mi dà una maggiore soddisfazione».

‘Manca il contatto con le persone’

Il percorso avviato da Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni dimostra ancora una volta l'apprezzamento per i prodotti a chilometro zero. La pandemia lo ha evidenziato? «Già prima l'interesse era buono – conferma Livio –. Grazie al mercatino virtuale nato su Facebook – al quale si aggiungono le pagine social che portano il nome dell'attività – siamo stati raggiunti da tante persone e tra loro, alcune sono diventati clienti fissi. La chiusura delle persone in casa e il riuscire a pubblicare i nostri prodotti sui social ci ha aiutato ad avere maggiore visibilità: nonostante l'assenza di fiere e mercatini, le vendite sono andate bene». Qualcosa, però, è inevitabilmente cambiato. «Quello che manca e che è importante per la nostra attività è il contatto con le persone e il poter raccontare chi siamo, cosa facciamo, la nostra filosofia e spiegare come nascono i prodotti». C'è una domanda che vi viene posta con regolarità? «Si vuole sapere se è tutto a chilometro zero e se sono prodotti nostri – commenta ancora Livio –. Il messaggio passa e il riscontro è buono».

Verso l'ampliamento dell'attività

La ‘Prodotti Arrigoni’ guarda anche al futuro. «Abbiamo sempre nuove idee e nuovi prodotti – ammette Livio –. Le superfici sono per il momento limitate, ma abbiamo in progetto di ampliare le superfici coltivate e stiamo cercando dei terreni in Valle di Muggio». Nelle intenzioni dei due giovani, in futuro questa sarà la loro attività principale. «Chiara si occuperà a tempo pieno di amministrazione, cucina e dei mercati». Livio continuerà con la coltivazione e la germinazione delle piante. «Non è facile conciliare le due professioni – sottolinea –, le giornate sono lunghe ma non mi pesa perché è una passione e ne vale la pena: il cliente che ritorna è la soddisfazione più grande».

Progetti culinari in cantiere

Il catalogo, come visto, è già ben fornito. Nella mente di Chiara ci sono però diversi progetti. «Tra questi ci sono le chips di verdura – ci dice –. Utilizziamo vasetti di vetro per evitare la plastica. Sto facendo delle prove sia nei vasetti che con dei sacchetti per capire quale, dopo un anno, lascia il prodotto migliore». Le idee non mancano. «Non ci siamo voluti fermare su un singolo prodotto – aggiunge Chiara –. Ci saremmo potuti fermare al dado perché piace tanto, ma visto che ho la passione per la cucina (ereditata da mio papà e da mio nonno), ho scelto di spaziare su altri prodotti per tenermi in movimento. I due essiccatori, del resto, funzionano di norma 10 mesi l'anno». Il momento di tregua – «ne abbiamo approfittato per cercare il terreno» – è quello dei mesi di gennaio e febbraio. «Finiti i crackers, ci prendiamo una pausa fino ai fiori: i primi che raccogliamo sono le primule». Per il futuro c'è in cantiere anche una composta di cipolle della Valle di Muggio. «Attualmente abbiamo quella di Tropea – conclude Chiara –. Quest'anno voglio provare a farla con le nostre cipolle».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved