laRegione
piu-che-il-pirata-torna-in-aula-il-praticante
La legge è uguale per tutti (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Mendrisiotto
11 min

A Chiasso la parte nord del Corso cambia volto

L'intervento, temporaneo, restituisce l'idea di come si immagina la riqualifica globale della via principale della cittadina
Ticino
40 min

Il vaccino contro i radar? Rispettare i limiti di velocità

La lista delle località in cui verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari nel corso della settimana dal 25.01.2021 al 31.01.2021
Grigioni
53 min

Grigioni, da 39 a 100 milioni per i casi di rigore

Col nuovo lockdown le domande 'quadruplicheranno'. Degli aiuti potranno beneficiare tutte le aziende che hanno subito un calo del 15% della cifra d'affari.
Luganese
1 ora

Banda di giovani rinviata a giudizio per rapina a Lugano

Quartetto rischia fino a 5 anni di carcere per aver intimato con le minacce ad altrettanti coetanei di farsi consegnare il denaro in loro possesso
Locarnese
1 ora

Locarno, tornano i prestiti di giochi e libri per ragazzi

Di nuovo a disposizione la Ludoteca e la Biblioteca per i più giovani. Appuntamento da prendere online e divieto di fermarsi a fare attività
Ticino
1 ora

Pensioni dei Consiglieri di Stato, non luogo a procedere

Per il pg Andrea Pagani, dalle segnalazioni di Matteo Pronzini (mps) sul versamento del supplemento Avs ai ministri, non emergono elementi di rilevanza penale
Bellinzonese
1 ora

Rumori molesti a Bellinzona: le ore in più saranno 2 e non 7

Il Municipio corregge un errore di battitura presente nella prima versione della sua Ordinanza e la ripubblica
Luganese
2 ore

Mezzo milione a favore di progetti medio-piccoli

L'Ente regionale per lo sviluppo del luganese apre il bando di concorso 2021. Contributi a fondo perso o sotto forma di prestito.
Luganese
2 ore

Stemma di Lugano, 'si eviti un uso improprio'

Il Municipio ha avvisato di nuovo la Lega e gli altri partiti prospettando pure le conseguenze giuridiche in caso di un'azione legale
Bellinzonese
2 ore

Bni di Belllinzona, fatturato di quasi 3 milioni di franchi

Nel 2020 gli imprenditori Tre Castelli di Business Network International hanno realizzato ricavi per 2'841'589 franchi
Bellinzonese
2 ore

Classe in quarantena alle Elementari Nord di Bellinzona

L'Ufficio del medico cantonale lo ha deciso dopo la terza positività. Iniziata nell'aula magna la vaccinazione degli over 80
Bellinzonese
3 ore

Arbedo, sospese le celebrazioni per la festa di San Paolo

A causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus la benedizione del pane e la tombola parrocchiale non avranno luogo
Mendrisiotto
14.01.2021 - 18:520

Più che il pirata torna in aula il praticante

Schiacciò sull'acceleratore superando i limiti di velocità di 80 chilometri orari. Ma protagonista del processo è soprattutto il giovane difensore.

Un caso doppiamente interessante, quindi non solo per il caso in sé, quello in aula oggi davanti alle Assise correzionali di Mendrisio. Chiamato alla sbarra un 23enne italiano dal piede pesante sull'acceleratore, tanto da incappare nell'ormai famoso radar di Balerna. E se il covid, lui residente a Reggio Calabria, gli ha permesso di dichiararsi nel dibattimento assente giustificato, ciò ha comportato che l'attenzione sia andata tutta al suo patrocinatore, il quasi coetaneo 'master in law' (master in legge) Martino Colombo, chiamato a sostituire l'avvocato Costantino Castelli, nello studio del quale sta effettuando il praticantato. Quale, dunque, il nodo giuridico? La notizia sta nel fatto che torna davanti a una corte, senza essere affiancato dal cosiddetto 'maître de stage', appunto un praticante, la cui presenza in aula era stata 'bandita' dal Tribunale penale cantonale in una prima udienza, dello stesso processo, tenutasi lo scorso settembre. In quell'occasione, il presidente della Corte, notando la presenza di Colombo, su delega di Castelli, aveva rinviato al giorno successivo l'udienza richiedendo in aula il difensore 'ufficiale'. Dopo aver riscontrato, l'indomani, ancora la presenza del praticante, che gli confermava la volontà di continuare a presenziare anche in futuro, il giudice aveva intimato all'imputato la necessità di nominare un nuovo legale di fiducia.


Martino Colombo (Ti-Press)

Richieste, quelle della Corte, contro cui hanno ricorso l'imputato e il patrocinatore, evidenziando come la decisione delle Assise correzionali operava un'interpretazione contraria al Codice di procedura penale (articolo 127, capoverso 5), alla giurisprudenza e alla dottrina. I ricorrenti diversamente avevano richiamato il Regolamento sull'avvocatura che consente al praticante di compiere singoli atti di patrocinio nell'ambito penale, come pure espressamente di partecipare al dibattimento su delega. Ragioni condivise dalla Corte dei reclami penali del Tribunale d'appello (Cpr) che lo scorso novembre aveva dato loro ragione. 

L'Ordine degli avvocati: 'Esperienza in aula fondamentale'

«Quale Ordine degli avvocati del Canton Ticino – ci ha ricordato il presidente Gianluca Padlina –, abbiamo da sempre evidenziato l'importanza di permettere ai praticanti di fare esperienze in aula. La partecipazione del praticante al dibattimento non significa tuttavia che il 'maître de stage' non segua e indirizzi, laddove necessario, il giovane futuro avvocato, i due infatti si confrontano costantemente sui diversi casi, studiando le pratiche e analizzando la linea difensiva. C'è uno scambio continuo. La possibilità per il praticante di presenziare in aula senza essere affiancato dall'avvocato, non significa quindi per l'imputato di non poter disporre di una difesa adeguata. Abbiamo quindi preso atto con favore del pronunciamento della Cpr, ritenuto che nel percorso formativo di un praticante l'esperienza in aula è veramente fondamentale». 

Gli eccessi si pagano: 12 mesi sospesi

E se il processo ha permesso, quindi, di assistere a una 'nuova prima', con il ritorno in aula di un praticante, la sentenza ha confermato che gli eccessi si pagano. Il 23enne è stato, così, condannato a 12 mesi, sospesi per un periodo di due anni. Il giudice, Marco Villa, ha accolto nella sua totalità l'atto d'accusa del procuratore pubblico capo Arturo Garzoni che aveva giudicato il sorpasso dei limiti di velocità (di ben 80 dai 100 chilometri orari indicati lungo quel tratto di autostrada) un atto 'pirata' invocando l'infrazione grave alle norme della circolazione.

Il difensore si era battuto invece per un'infrazione lieve, giustificando quei 180 chilometri orari piuttosto come negligenza. Secondo il giovane legale avrebbe dovuto alleggerire la colpa il fatto che fosse stato notte, di piena estate, con una visibilità ottima e su una strada dall'ampia carreggiata e dall'unica direzione. Il patrocinatore non ha peraltro dimenticato di ricordare alla corte la decisione del suo assistito di installare, successivamente, sulla propria auto un sistema automatico di controllo della velocità e del malore di cui sarebbe stata vittima l'allora fidanzata mentre stavano viaggiando insieme. Tutte giustificazioni rigettate, però, da Villa. 

 

 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved