ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
10 min

Mendrisio, distinzione comunale a Gardi Hutter

Dopo due anni di sospensione forzata, torna la cerimonia di fine anno. Migliore sportivo è Martino Valsangiacomo
Mendrisiotto
18 min

Chiasso celebra la Giornata del volontariato

Le associazioni attive sul territorio sono state accolte il 5 dicembre al Cinema Teatro
Luganese
24 min

Lugano, lavori notturni in via San Gottardo e in Via Balestra

Dal 12 al 22 dicembre, dalle 20 alle 6 la Divisione spazi urbani eseguirà dei lavori di manutenzione stradale. Anche Ffs aprirà un cantiere dal 12 al 16.
Luganese
5 ore

Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta

Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
5 ore

A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato

Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
11 ore

Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie

L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
13 ore

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
14 ore

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
15 ore

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
15 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
16 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
16 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
16 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
17 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
18.12.2020 - 18:34
Aggiornamento: 19:14

Violenza domestica, la difesa: 'vita mai messa in pericolo'

Secondo giorno in aula per il 35enne che picchiò per più anni la moglie. Il legale dell'imputato contesta il tentanto omicidio: pena massima di 30 mesi

di Stefano Lippmann
violenza-domestica-la-difesa-vita-mai-messa-in-pericolo
Ti-Press
La sentenza verrà pronunciata martedì mattina

«L'assassino non bussa, ha le chiavi di casa. Solo per un caso fortunato, io oggi non rappresento un orfano». È stata un'entrata in materia diretta, quella dell'avvocato della vittima Valentina Zeli, all'inizio del secondo giorno di processo. Alla sbarra il 35enne che, per anni, ha malmenato la (ora ex) moglie tra le mura domestiche di un appartamento di Arzo. Botte e violenze culminate – secondo l'accusa sostenuta dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis – con l'episodio dell 11 aprile dello scorso anno quando l'uomo tentò di uccidere la moglie. Da qui, l'accusa di tentato omicidio intenzionale, come pure lesioni gravi, ripetute lesioni semplici qualificate, reiterate vie di fatto e ripetuta minaccia (oltre a infrazione alla Legge federale sulle arme e sulle munizioni e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti). L'avvocato che patrocina la vittima (e il figlio), prima a parlare questa mattina, si è allineata a quanto richiesto dalla pubblica accusa: «la conferma del reato principale» e dunque la condanna dell'imputato a 8 anni di carcere (eventualmente sospesi a favore di una misura terapeutica, in virtù di quanto scaturito dalla perizia psichiatrica). Quello che però ha voluto sottolineare la rappresentante dell'accusatore privato è cosa la vittima abbia dovuto subire quantomeno dal 2010 all'aprile dello scorso anno. Perché oltre alle percosse (documentate con una lunga lista di lesioni, fratture ed ematomi) c'è di più: «Ha rischiato di essere uccisa, oltre a venire brutalmente picchiata» per un epiteto. «Ha subito dei traumi gravissimi e ovviamente non solo di tipo fisico». Poi l'affondo: «Ha trattato la moglie come un sacco da boxe per 13 anni» e dopo «un anno e mezzo in carcere non ha preso coscienza di niente».

Dal disturbo della personalità alla scemata imputabilità 

Se da un lato, quello dell'accusa, ci si è battuti per una pena di 8 anni (oltre all'espulsione dalla Svizzera per 10 anni); dall'altro, quello della difesa, l'avvocato Giuseppe Gianella ha chiesto una pena massima di 30 mesi parzialmente sospesi. E lo ha fatto cercando si smontare l'impianto accusatorio soprattutto per quanto riguarda il reato di tentato omicidio intenzionale. «Quanto è successo in questa relazione e quella mattina, è qualcosa di estremamente grave – ha esordito –. Non dovrebbe mai capitare che un marito più prestante di sua moglie risponda agli insulti di quest'ultima con le botte. È vero – ha aggiunto –, qui siamo di fronte a una situazione che si è protratta per anni con l'incapacità di entrambe le parti di relazionarsi e del mio assistito di non sapere controllare l'aggressività nei confronti della moglie». E qui, Gianella, spiega che il suo assistito «vuole assumersi le sue responsabilità, ma non quelle penali per azioni che non ha commesso». A partire dal capo d'imputazione più grave: tentato omicidio intenzionale, che «deve cadere». Ripercorrendo le varie fasi della lite, l'avvocato si è soffermato sui momenti in cui il marito ha messo le mani al collo della moglie. Per l'accusa, la vittima ha perso i sensi, la sua vita è stata oggettivamente in pericolo. Per la difesa no. «Non si vuole minimizzare l'accaduto», ma i pochi secondi di 'presa' hanno fatto sì che non fosse «raggiunta l'intensità necessaria» per poter configurare quel reato. In sostanza: «si rileva l'assenza di prove e indizi che indichino che il comportamento dell'imputato ha messo in pericolo la vita della vittima». Idem, a mente della difesa, per quel che concerne il lato soggettivo: il 35enne, infatti, sin dai primi interrogatori ha ribadito che le azioni erano volte «a contenerla (la moglie, ndr) visto che si dimenava ed era agitatissima».  Il legale ha poi passato in rassegna tutti gli altri episodi riportati sull'atto d'accusa, ammettendone alcuni («ne prova vergogna») e contestandone altri («in dubio pro reo»). Infine, nel commisurare una pena in base alla colpa, la difesa ha contestato la perizia psichiatrica dove all'uomo viene riscontrato un disturbo della personalità emotivamente instabile di tipo borderline. Analisi «che non è oggettiva, non è aggiornata. Si dimostra inaffidabile, superficiale e non obiettiva». L'avvocato, citando per contro una perizia di parte, ha invece parlato di «scemata imputabilità di grado lieve». Alla luce di tutto ciò, Gianella ha chiesto alla Corte delle assise criminali presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti che la pena non superi i 30 mesi parzialmente sospesi (e nessuna espulsione). L'ultima parola – prima del verdetto che sarà pronunciato martedì prossimo – all'imputato: «Sono consapevole di aver fatto del male a mia moglie. Ma non ho mai avuto l'intenzione di mettere in pericolo la sua vita».

Leggi anche:

Violenze e percosse tra le mura domestiche, chiesti 8 anni

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved