violenze-e-percosse-tra-le-mura-domestiche-chiesti-8-anni
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 min

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
9 min

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi sia ancora negativo
Mendrisiotto
12 min

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
12 min

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
29 min

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
32 min

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
42 min

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
43 min

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
55 min

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
1 ora

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
1 ora

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
Locarnese
1 ora

Quartino, tiro obbligatorio

Domenica sarà possibile effettuare pure il tiro federale in campagna
Locarnese
1 ora

Gambarogno, distillatori in assemblea

La locale Cooperativa si riunirà venerdì sera nella sala dell’Azienda forestale al Parco
Locarnese
1 ora

Minusio, commedia dialettale

‘Agenzia matrimoniale’, due atti di divertimento
Locarnese
1 ora

Abbattimento del lupo: ‘Decisione necessaria ma tardiva’

L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del governo all’uccisione del canide
Ticino
1 ora

Il Prix SVC 2022 va alla Tecnomec di Stabio

L’azienda attiva nel campo della meccanica di precisione si è aggiudicata il primo premio. Sul podio anche Jetpharma Sa e R. Audemars Sa
17.12.2020 - 21:21
Aggiornamento : 21:36

Violenze e percosse tra le mura domestiche, chiesti 8 anni

Per l'accusa non ci sono dubbi: il 35enne residente nel Mendrisiotto comparso oggi in aula, ha tentato di uccidere la (ex) moglie

Quattro punti di sutura alla mano, tumefazione a un ginocchio, tumefazione all'avambraccio, frattura del polso sinistro, ematoma sottoorbitale, due punti di sutura a un dito, ematoma alla rotula, avulsione di un incisivo ed ecchimosi alla guancia, microfrattura al polso destro. Quanto appena descritto è sì, a tutti gli effetti, un bollettino medico prolungato nel tempo. Ma è anche la lista presente nell'atto d'accusa stilato dalla procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis. Un elenco che riporta tutto quanto ha dovuto subire – dal 2010 all'11 aprile 2019 – la (ora ex) moglie del 35enne residente nel Mendrisiotto, ex agente alle dipendenze di un'agenzia di sicurezza, comparso oggi davanti alla Corte delle assise criminali di Mendrisio presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchietti. Una lista – non totalmente riconosciuta dall'imputato – alla quale l'episodio culmine: quello dell'11 aprile dello scorso anno. Evento che, per l'accusa, equivale a promuovere l'accusa di tentato omicidio intenzionale e proporre una pena detentiva di 8 anni. L'undici aprile, in un appartamento del Mendrisiotto, sono infatti accaduti – per dirlo con le parole della pp – «gravi fatti che avrebbero potuto per poco finire in tragedia». Quella mattina, infatti, stando a quanto ricostruito dall'inchiesta il 35enne, padre di famiglia, – difeso in aula dall'avvocato Giuseppe Gianella – ha percosso ripetutamente con calci e pugni la moglie, ha tentato di soffocarla tenendole la faccia premuta nella vasca da bagno che conteneva acqua e candeggina. Non solo, perché poco dopo in salotto (la donna era nel frattempo riuscita a liberarsi), l'imputato l'ha nuovamente sopraffatta stringendole il braccio intorno al collo facendole perdere i sensi. Da qui, dunque, il reato di tentato omicidio intenzionale, che va ad aggiungersi a quelli configurati per i precedenti anni di «percosse», di «minacce di morte»: lesioni gravi, ripetute lesioni semplici qualificate, reiterate vie di fatto e ripetuta minaccia (oltre all'infrazione alla Legge federale sulle armi e sulle munizioni nonché contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti). Gran parte della giornata processuale – che riprenderà domattina alle 10 con l'arringa difensiva e l'intervento della legale Valentina Zeli, patrocinatrice della vittima – è stata dedicata a scandagliare la mattinata dell'11 aprile. L'imputato, salvo qualche brevissima pausa dettata dalle lacrime, non ha mancato di ribadire la sua versione dei fatti. Ha ammesso più episodi, contestando però che la vittima, quella mattina di aprile, avesse perso i sensi. «Ho sbagliato troppo per troppe volte – ha commentato in aula –. Non voglio più finire in carcere, voglio stare con mio figlio. Non voglio più ripetere gli stessi errori, ne ho fatti così tanti». Nell'ammettere le proprie colpe, però, l'imputato ha menzionato anche la moglie: «Tutto quel che facevo in casa non superava la soglia di valutazione positiva» di mia moglie. «Ci mettevo impegno e costanza» ma «mi sentivo dire che ero una persona inutile». Risposta simile, incalzato dalla giudice, nel merito del suo consumo di cocaina: «È stato un susseguirsi di decisioni sbagliate. Mi veniva contestato che quanto facevo in casa non fosse sufficiente. In quel frangente pensavo che fosse 'la soluzione'».

Disturbo della personalità

Se si è arrivati a poter scoperchiare questo vaso di Pandora domestico, lo si deve anche a una vicina di casa che, l'aprile scorso, allarmata dalle urla ha avvisato la polizia. A quel punto l'inchiesta ha portato alla luce i fatti del passato: «la vittima – ha spiegato Canonica Alexakis durante la requisitoria – nel corso degli anni ha sempre coperto il suo aggressore». Alla luce anche i disturbi dell'uomo identificato da una perizia psichiatrica in un disturbo della personalità di tipo borderline, con un rischio di recidiva importante (perizia contestata dall'imputato). Ma comunque, si è ribadito, capace di intendere e di volere al momento dei fatti. Per l'accusa i dubbi sono pochi: «l'uomo si è macchiato di una colpa grave. Ha tentato di uccidere sua moglie per non doverla più sentire; per non sentire i rimproveri, non sopportava il fatto di essere messo in discussione». Poi l'affondo, riferendosi a un episodio pregresso: «Quale uomo colpisce una donna all'ottavo mese di gravidanza. Chi è capace di un simile gesto è capace di qualsiasi cosa». La ex moglie – ha poi sottolineato – «quella mattina ha visto la morte in faccia. Ma, fortunatamente, la morte non l'ha portata via». L'imputato, durante l'intera requisitoria, non ha mai abbassato lo sguardo. Neppure quando la procuratrice ha ricordato il fatto «che abbia sempre cercato di far cadere le colpe sulla moglie, o sulla cocaina. È dispiaciuto solo e unicamente per se stesso. E forse, glielo si concede, per il figlio». Sguardo fisso anche al momento della richiesta di pena: otto anni di carcere, oltre all'espulsione dalla Svizzera (il 35enne è cittadino italiano) per 10 anni. Accusa che, ha precisato, non si oppone a un'eventuale sospensione della pena a favore di una misura terapeutica (in virtù di quanto scaturito dalla perizia psichiatrica). Domattina il dibattimento riprenderà con l'intervento della rappresentante della vittima e con l'arringa della difesa. Difesa che, già sin d'ora, non riconosce l'esito della perizia e contesta il reato di tentato omicidio: l'uomo, infatti, nega fermamente d'aver mai tentato di togliere la vita alla ex moglie.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mendrisiotto tentato omicidio violenza domestica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved