14.12.2020 - 20:29

Chiasso, 280 persone chiedono aiuti tangibili

Consegnate le firme raccolte tra i cittadini. Il sindaco Bruno Arrigoni: ‘Presenteremo una proposta in gennaio’

chiasso-280-persone-chiedono-aiuti-tangibili
La consegna delle 280 firme

Un buono di 20 franchi quale aiuto tangibile alla popolazione e sostegno al commercio locale. Sono 280 le persone che hanno sottoscritto la petizione consegnata questa sera dal presidente della Società commercianti del Mendrisiotto, nonché consigliere comunale del Plr, Carlo Coen, al Municipio di Chiasso prima dell'inizio della seduta di Consiglio comunale. «Posso ritenermi soddisfatti – commenta Coen – perché le firme sono state raccolte in poco più di una settimana e grazie al lavoro dei commercianti. Non abbiamo infatti ricevuto nessun aiuto a livello politico o partitico». Una mobilitazione che dimostra che «i commercianti sono dati da fare perché siamo tutti allo stremo. Ora un aiuto concreto, e non solo parole, è d'obbligo: con le nuove restrizioni arrivate da Berna, le situazione è estremamente critica».

A dare man forte ai firmatari della petizione, è arrivata anche un'interpellanza urgente firmata da Carlo Coen, Walter Baumgartner (Plr), Giorgio Fonio, Patrizia Wasser (Ppd) e Stefano Tonini (Lega-Udc). L'atto è stato l'ultimo, in ordine di tempo, a chiedere “se il Municipio non ritenga che la parte non riscossa dell'iniziativa delle tessere venga concretamente e integralmente stanziata per azioni concrete a favore della popolazione e delle aziende locali, con l'obiettivo di aiutarli a superare questo difficile periodo del Covid-19, così come era nelle intenzioni”. Sul tema dell'interpellanza, il Consiglio comunale ha tenuto una breve discussione generale. «Sarà nostra premura arrivare con una proposta il prima possibile – ha assicurato il sindaco Bruno Arrigoni –. L'iniziativa delle tessere non ha avuto successo, ne sono rientrate poche. Avevamo stanziato 100mila franchi, quel denaro è disponibile e vedremo come utilizzarlo». Una proposta, ha aggiunto il sindaco, «arriverà in gennaio, coinvolgendo magari anche il gruppo di lavoro che aveva portato la proposta delle tessere. Eravamo partiti con l'intenzione di non fare aiuti a pioggia, se ci sarà un buono di 20 franchi a testa, andiamo contro queste intenzioni, per cui è giusto coinvolgere il gruppo». Il Consiglio comunale ha stanziato a giugno un credito totale di 2,1 milioni. «Abbiamo deliberato lavori ad aziende che verranno effettuati nei prossimi mesi. Uno di questi, la sistemazione del parcheggio in via ai Crotti, è già stato realizzato. Anche questo è sostegno all'economia locale».

Leggi anche:

I commerci di Chiasso alzano la voce: lanciata una petizione

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved