i-commerci-di-chiasso-alzano-la-voce-lanciata-una-petizione
A Chiasso non ci si arrende (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 min

Malore in auto, code fino a 10 km in Leventina

Pomeriggio di passione sull’autostrada A2 in direzione nord a causa di una persona incolonnata all’altezza di Ambrì che si è sentita male
Gallery
Bellinzonese
1 ora

Auto contro moto sulla cantonale a Iragna, un ferito

L’incidente è accaduto attorno alle 14.30. Chiuso per circa un’ora il tratto stradale teatro del sinistro
Ticino
7 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
9 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
13 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
13 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
13 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
18 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
20 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
21 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
22 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
22 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
23 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
23 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
23 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
23 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
23 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
02.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 07:02

I commerci di Chiasso alzano la voce: lanciata una petizione

A far reagire negozianti e politica locale la mancata adesione del Municipio alla proposta di staccare un buono acquisti per le famiglie

Prima c’è stato il ’no’ del Municipio di Chiasso all’idea di mettere sotto l’albero delle famiglie un buono acquisti di 20 franchi. Poi, lunedì, è calato pure il veto del Nazionale alla pigione scontata per le attività commerciali alle prese con la pandemia (che potrebbe subire la stessa sorte agli Stati). Un classico ’uno due’ - pugilisticamente parlando - che potrebbe mettere al tappeto i commercianti della cittadina. La gente di frontiera, però, non si arrende tanto facilmente. Infatti, la reazione tanto della politica locale che di chi opera sul territorio non si è fatta attendere. L’impressione è che si è pronti a fare di tutto per rialzare la testa e non piegarsi alle conseguenze, pesanti, della crisi sanitaria: dall’atto parlamentare (come nel caso del Ppd chiassese) alla raccolta firme lanciata da un gruppo di negozianti, alle stoccate social.

’Ci hanno sbattuto la porta in faccia’

Oltre le vetrine del Corso c’è chi, stavolta, si è arrabbiato sul serio. Ne sa qualcosa il presidente della Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) Carlo Coen, il quale ha avvertito forte il bisogno di far sentire la voce della categoria. «In buona sostanza ci siamo visti sbattere la porta in faccia. Le aziende oggi sono in sofferenza, quindi servono aiuti concreti». Da qui la proposta salita dai banchi consiliari di contribuire a rilanciare le sorti dell’economia locale con dei buoni, ma non è andata a buon fine. A quel punto si è deciso di riprovarci? «Il chiaro invito della petizione al Municipio - conferma a ’laRegione’ Coen - è di ripensarci. Anche perché le risorse ci sono e senza sollecitare un nuovo credito».

’Vi sono risorse inutilizzate’

Quali sono? «Basta riorientare la parte dei 100mila franchi destinati all’iniziativa delle tessere sconto al sostegno dei commerci, e dunque già accantonati - spiega Coen -. A conti fatti, le tessere rientrate sono state 150. A 20 franchi l’una si tratta di 3mila franchi. Ne rimangano inutilizzati 97mila. Di conseguenza facciamo fatica a comprendere i motivi che hanno indotto l’esecutivo a non prendere in considerazione la possibilità di distribuire alla popolazione dei buoni, tra l’altro più semplici da spendere».

Insomma, fra i negozianti di Chiasso ci si aspettava un gesto natalizio. «Del resto - ribadisce il presidente della Scm - sarebbe andato a vantaggio sia dei commerci che dei cittadini. È vero, sin qui si è fatto tanto, a vari livelli - da quello federale a quello comunale, ndr -, ma occorre ancora la vicinanza delle istituzioni. Gli effetti della pandemia non si sono certo esauriti». Così, per farsi sentire si sta pensando di consegnare le sottoscrizioni che saranno raccolte in questi giorni in occasione del prossimo Consiglio comunale, il 14 dicembre.

Dal canto suo l'esecutivo rivendica la sua tempestività e l'impegno nel reagire alle difficoltà dettate dalla pandemia da Covid-19. Il riferimento, evocato più volte, è al credito quadro di 2,1 milioni sull'arco di due anni previsto per dare un po' di ossigeno all'economia chiassese.

La politica comunale reagisce

La politica comunale, in ogni caso, non sembra proprio intenzionata a restare alla finestra. Di fronte alla bocciatura, di fatto, calata sul progetto di legge che apriva la strada all’opportunità di alleggerire i commerci dalle pigioni per il periodo di confinamento dal Covid-19, la primavera scorsa, Chiasso non ha esitato a rispondere a Berna. I consiglieri comunali del Ppd Patrizia Wasser-Polit hanno subito presentato una mozione. “La decisione - scrivono - potrebbe avere delle conseguenze devastanti per il commercio locale”. Non solo, rincarano, la situazione potrebbe precipitare e le conseguenze essere pesanti “anche in termini occupazionali”.

Giunti a questo punto, rilanciano, “il tempo delle riflessioni è terminato ed è arrivato il momento di agire rapidamente per evitare che nei prossimi mesi si assista a un’ondata di chiusure e fallimenti che non farebbero altro che infliggere alla nostra Chiasso un colpo mortale”. Ci si attende, dunque, un intervento dell’autorità comunale. La richiesta formale? “Attivarsi immediatamente elaborando una strategia a sostegno dei piccoli commerci tramite il riconoscimento di un contributo per il pagamento della pigione commerciale”.

’Niente sconto pigioni? Peccato’

In effetti, pure i negozianti della cittadina speravano in una apertura dei parlamentari federali. «È un vero peccato - commenta dal canto suo Coen -. Ero convinto, che, alfine e visto le premesse dei mesi scorsi, questa iniziativa passasse. Ora siamo punto e a capo. Adesso vediamo come si muoverà il Cantone. Nel frattempo, però, rischiamo che le aziende comincino a chiudere. D’altro canto, in giro di delusione ce n’è tanta».

'Dovè il Promovimento economico?'

Ci si sarebbe aspettata maggiore vicinanza anche dall'Associazione promovimento economico della città di Chiasso (Apec). Invece, non risparmia Coen da presidente Scm, dopo un primo intervento in primavera, in occasione dei giorni più critici, con la creazione del gruppo ad hoc è calato il silenzio. «Eppure - rincara (nel Comitato siede anche lui, ndr) - sarebbe proprio in momenti come questi che una tale Associazione dovrebbe essere in prima linea».

Frecciatine da social

Una ragione in più per guardare alle istituzioni più prossime. Così non le si manda a dire neppure via social. Il messaggio postato dal consigliare comunale della Lega Stefano Tonini non lascia dubbi: ’Chiasso, se ci sei, batti un colpo’. A rimanere indigesta la serie di ’no’ ricevuti dal consigliere ad alcune proposte: dal regalo delle mascherine allo sconto sulla bolletta dell’Age. A far ’scappare’ il post l’azione del Municipio di Mendrisio, che ha donato ai commercianti dei quartieri della Città l’alberello di Natale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso commerci petizione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved