ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, poco usa e getta alla sagra e alla fiera

Il divieto generalizzato per l’uso di stoviglie di plastica monouso non è ancora entrato in vigore, ma l’autorità sensibilizza gli organizzatori
Luganese
2 ore

In dogana con 30mila franchi di francobolli non dichiarati

L’uomo si era presentato al valico di Ponte Cremenaga alla guida di una vettura con targhe svizzere
Locarnese
2 ore

Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive

È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
2 ore

Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus

Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
3 ore

A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto

Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
3 ore

Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno

Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
3 ore

Ecco il bando per progettare il nuovo ospedale di Bellinzona

L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050
Ticino
3 ore

Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto

La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
Mendrisiotto
4 ore

Mendrisio, consigli per evitare le truffe

Incontro rivolto agli anziani nella sala del Consiglio comunale. Lo organizzano diversi enti, in collaborazione con la Polizia cantonale
Bellinzonese
5 ore

‘Malumore e perplessità in comitato’ sull’agire di Martinoli

Associazione ospedali di valle, poco gradita la lettera del primo firmatario sul ritiro dell’iniziativa. Attesa la risposta del Dss alle nuove richieste
Mendrisiotto
7 ore

Pizzicato al confine con 750 mila franchi non dichiarati

Controllato dalla Guardia di finanza al valico di Chiasso, l’uomo viaggiava a bordo di un Eurocity proveniente dalla Svizzera
Ticino
8 ore

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
8 ore

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
15 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
15 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
16 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
16 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
02.12.2020 - 06:00
Aggiornamento: 07:02

I commerci di Chiasso alzano la voce: lanciata una petizione

A far reagire negozianti e politica locale la mancata adesione del Municipio alla proposta di staccare un buono acquisti per le famiglie

i-commerci-di-chiasso-alzano-la-voce-lanciata-una-petizione
A Chiasso non ci si arrende (Ti-Press)

Prima c’è stato il ’no’ del Municipio di Chiasso all’idea di mettere sotto l’albero delle famiglie un buono acquisti di 20 franchi. Poi, lunedì, è calato pure il veto del Nazionale alla pigione scontata per le attività commerciali alle prese con la pandemia (che potrebbe subire la stessa sorte agli Stati). Un classico ’uno due’ - pugilisticamente parlando - che potrebbe mettere al tappeto i commercianti della cittadina. La gente di frontiera, però, non si arrende tanto facilmente. Infatti, la reazione tanto della politica locale che di chi opera sul territorio non si è fatta attendere. L’impressione è che si è pronti a fare di tutto per rialzare la testa e non piegarsi alle conseguenze, pesanti, della crisi sanitaria: dall’atto parlamentare (come nel caso del Ppd chiassese) alla raccolta firme lanciata da un gruppo di negozianti, alle stoccate social.

’Ci hanno sbattuto la porta in faccia’

Oltre le vetrine del Corso c’è chi, stavolta, si è arrabbiato sul serio. Ne sa qualcosa il presidente della Società commercianti del Mendrisiotto (Scm) Carlo Coen, il quale ha avvertito forte il bisogno di far sentire la voce della categoria. «In buona sostanza ci siamo visti sbattere la porta in faccia. Le aziende oggi sono in sofferenza, quindi servono aiuti concreti». Da qui la proposta salita dai banchi consiliari di contribuire a rilanciare le sorti dell’economia locale con dei buoni, ma non è andata a buon fine. A quel punto si è deciso di riprovarci? «Il chiaro invito della petizione al Municipio - conferma a ’laRegione’ Coen - è di ripensarci. Anche perché le risorse ci sono e senza sollecitare un nuovo credito».

’Vi sono risorse inutilizzate’

Quali sono? «Basta riorientare la parte dei 100mila franchi destinati all’iniziativa delle tessere sconto al sostegno dei commerci, e dunque già accantonati - spiega Coen -. A conti fatti, le tessere rientrate sono state 150. A 20 franchi l’una si tratta di 3mila franchi. Ne rimangano inutilizzati 97mila. Di conseguenza facciamo fatica a comprendere i motivi che hanno indotto l’esecutivo a non prendere in considerazione la possibilità di distribuire alla popolazione dei buoni, tra l’altro più semplici da spendere».

Insomma, fra i negozianti di Chiasso ci si aspettava un gesto natalizio. «Del resto - ribadisce il presidente della Scm - sarebbe andato a vantaggio sia dei commerci che dei cittadini. È vero, sin qui si è fatto tanto, a vari livelli - da quello federale a quello comunale, ndr -, ma occorre ancora la vicinanza delle istituzioni. Gli effetti della pandemia non si sono certo esauriti». Così, per farsi sentire si sta pensando di consegnare le sottoscrizioni che saranno raccolte in questi giorni in occasione del prossimo Consiglio comunale, il 14 dicembre.

Dal canto suo l'esecutivo rivendica la sua tempestività e l'impegno nel reagire alle difficoltà dettate dalla pandemia da Covid-19. Il riferimento, evocato più volte, è al credito quadro di 2,1 milioni sull'arco di due anni previsto per dare un po' di ossigeno all'economia chiassese.

La politica comunale reagisce

La politica comunale, in ogni caso, non sembra proprio intenzionata a restare alla finestra. Di fronte alla bocciatura, di fatto, calata sul progetto di legge che apriva la strada all’opportunità di alleggerire i commerci dalle pigioni per il periodo di confinamento dal Covid-19, la primavera scorsa, Chiasso non ha esitato a rispondere a Berna. I consiglieri comunali del Ppd Patrizia Wasser-Polit hanno subito presentato una mozione. “La decisione - scrivono - potrebbe avere delle conseguenze devastanti per il commercio locale”. Non solo, rincarano, la situazione potrebbe precipitare e le conseguenze essere pesanti “anche in termini occupazionali”.

Giunti a questo punto, rilanciano, “il tempo delle riflessioni è terminato ed è arrivato il momento di agire rapidamente per evitare che nei prossimi mesi si assista a un’ondata di chiusure e fallimenti che non farebbero altro che infliggere alla nostra Chiasso un colpo mortale”. Ci si attende, dunque, un intervento dell’autorità comunale. La richiesta formale? “Attivarsi immediatamente elaborando una strategia a sostegno dei piccoli commerci tramite il riconoscimento di un contributo per il pagamento della pigione commerciale”.

’Niente sconto pigioni? Peccato’

In effetti, pure i negozianti della cittadina speravano in una apertura dei parlamentari federali. «È un vero peccato - commenta dal canto suo Coen -. Ero convinto, che, alfine e visto le premesse dei mesi scorsi, questa iniziativa passasse. Ora siamo punto e a capo. Adesso vediamo come si muoverà il Cantone. Nel frattempo, però, rischiamo che le aziende comincino a chiudere. D’altro canto, in giro di delusione ce n’è tanta».

'Dovè il Promovimento economico?'

Ci si sarebbe aspettata maggiore vicinanza anche dall'Associazione promovimento economico della città di Chiasso (Apec). Invece, non risparmia Coen da presidente Scm, dopo un primo intervento in primavera, in occasione dei giorni più critici, con la creazione del gruppo ad hoc è calato il silenzio. «Eppure - rincara (nel Comitato siede anche lui, ndr) - sarebbe proprio in momenti come questi che una tale Associazione dovrebbe essere in prima linea».

Frecciatine da social

Una ragione in più per guardare alle istituzioni più prossime. Così non le si manda a dire neppure via social. Il messaggio postato dal consigliare comunale della Lega Stefano Tonini non lascia dubbi: ’Chiasso, se ci sei, batti un colpo’. A rimanere indigesta la serie di ’no’ ricevuti dal consigliere ad alcune proposte: dal regalo delle mascherine allo sconto sulla bolletta dell’Age. A far ’scappare’ il post l’azione del Municipio di Mendrisio, che ha donato ai commercianti dei quartieri della Città l’alberello di Natale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved