laRegione
Nuovo abbonamento
le-donne-esistono-e-hanno-un-peso
Françoise Gehring (Ti-Press/D. Agosta)
ULTIME NOTIZIE Cantone
foto
Luganese
1 ora

Quattro veicoli in fiamme a Gandria, un arresto

Poco dopo l'una di notte le guardie di confine sono intervenute per spegnere un principio d'incendio. Arrestato un 24enne italiano, si teme il dolo
Locarnese
2 ore

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale
Luganese
3 ore

Giorno 9, la tappa più breve ma tabella di marcia 'messa bene'

Per Soccorso Cresta e il figlio Gabriele percorsi sotto un gran caldo 41,68 chilometri fra Rimini e Pesaro.
Mendrisiotto
7 ore

InterCity, il Mendrisiotto fuori gioco fin dal 2009

L'Ufficio federale dei trasporti risponde alle rivendicazioni del Distretto: 'Tocca al Cantone cambiare idea, inserendo la regione fra gli agglomerati da collegare'
Ticino
7 ore

'Lega identitaria, non a rimorchio dell'Udc'

Chiesa verso la presidenza democentrista, Foletti:'Area di destra rafforzata'. Quadri: 'Il nostro futuro dipende solo da noi'. Censi: 'Occhio alla nostra storia'
Luganese
7 ore

Stelle cadenti, l'Osservatorio del Lema anticipa San Lorenzo

All'Osservatorio astronomico questa sera l'associazione Le Pleiadi apre la possibilità di gettare uno sguardo al firmamento e alla costellazione di Perseo
Ticino
17 ore

Andrea Pronzini capo del Centro di formazione di polizia

Coordinerà le attività di selezione dei candidati aspiranti agenti. Subentra a Manuela Romanelli Nicoli
Luganese
17 ore

Gandria e Morcote, aumentano le corse in battello

La Società di navigazione ha potenziato l'offerta pomeridiana
Bellinzonese
18 ore

Nessun complotto: costrinse la figliastra a fare sesso

La Corte di appello conferma la sentenza emessa in primo grado: il 69enne della regione è colpevole di violenza carnale. Dovrà scontare cinque anni di carcere.
Luganese
18 ore

Tram Treno, le associazioni ambientaliste: si deve fare di più

I tre sodalizi chiedono al progetto del Dipartimento del territorio: riassetto dello snodo di Cavezzolo e mantenimento della linea di collina
Luganese
19 ore

I City Angels di Lugano distribuiranno 4000 mascherine gratis

Iniziativa di aiuto per combattere la pandemia, grazie al sostegno di due società ticinesi
Ticino
19 ore

Tutti i controlli radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Luganese
20 ore

Balneabili le acque di Porto Ceresio

Soddisfatta la sindaca, Jenny Santi che negli ultimi mesi era stata presa di mira da minoranza e ambientalisti
Mendrisiotto
15.07.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:49

'Le donne esistono e hanno un peso'

Françoise Gehring è la seconda donna che siede in Municipio a Mendrisio nello spazio di una legislatura. 'Un viatico per il 2021? Lo spero'

'Coïncidence', dicono i francesi. Sta di fatto che (forse) non è un caso se è successo proprio ieri. Françoise Gehring (Insieme a Sinistra) giusto ieri, 14 luglio, è entrata in veste ufficiale a far parte del Municipio di Mendrisio. Una data che, di sicuro, le resterà impressa. "Per me - esordisce - è una giornata molto speciale". Speciale e carica di simbolismi, per la storia rivoluzionaria e per le donne svizzere. Del resto, non capita tutti i giorni di vedere due donne sedere in un esecutivo. A Mendrisio è successo nello spazio di una legislatura o poco più e dopo anni di assenza di una figura femminile dentro la stanza che conta. Già questo basterebbe a far ricordare questo giorno. Tanto più che in Ticino il capoluogo è la sola Città a poter vantare due quote rosa nell'esecutivo. Sarà che il Mendrisiotto anche qui ha saputo fare da apripista: l'altro polo, Chiasso, non è da meno.

Due donne in una legislatura

Del resto, ci voleva una data dal sapore (oggi) vagamente rivoluzionario per segnare un momento simile. Francesca Luisoni (Ppd), che al tavolo del Municipio di Mendrisio si è seduta il 14 gennaio del 2019 (guarda un po'), ci sperava in una compagine più al femminile. Come dire: confidava di non restare la sola, complici le elezioni comunali del 2020. L’appuntamento con le urne è stato rinviato di un anno (colpa del Covid-19), ma l'obiettivo è stato raggiunto. E prima di quanto si potesse immaginare. La dichiarazione di fedeltà alle leggi e alla Costituzione, le raccomandazioni del giudice di pace Giorgio Romano (cercare l'intesa e badare ai bisogni dei cittadini, soprattutto di questi tempi), la firma e le credenziali di rito: tutt’altro che una formalità, come testimoniava l’emozione di famigliari, compagni di partito e colleghi (gli ormai ex dell’aula consiliare e gli attuali dell’autorità comunale). Adesso è, a tutti gli effetti, la settima municipale della Città guidata da Samuele Cavadini. Ed è pronta a mettersi al lavoro.

Coincidenze inusuali

Dicevamo delle coincidenze. Ve ne sono almeno tre nell'investitura della neo municipale. La prima è, come detto, senz’altro la data sul calendario, il 14, che di luglio coincide con la ricorrenza della presa della Bastiglia in Francia, ma di giugno in Svizzera segna la mobilitazione delle donne. La seconda è il nome (Francesca), che accomuna le due municipali: casualità? Chissà. La terza, infine, è l’aver preso, entrambe, il testimone da un uomo (Gehring da Giorgio Comi, Luisoni da Piermaria Calderari). “Qui non vogliamo cambiare il mondo - ha annotato il sindaco Cavadini, accogliendola nel gremio municipale -, ma qualcosina possiamo provare a farla tutti insieme”. L’assetto all’interno dell’esecutivo resterà, invece, lo stesso: Gehring assume in effetti la direzione dei dicasteri del suo successore, Politiche sociali e Commissioni di quartiere.

Come diceva bene la data della sua investitura è carica di simbolismi. Che significato ha per lei? "Beh, il 14 luglio è la presa della Bastiglia, che segna l'inizio della Rivoluzione francese, quindi la fine della monarchia e il sollevamento del popolo oppresso. Trasportato ai giorni nostri - spiega Françoise Gehring -, significa essere estremamente attenti ai bisogni della popolazione, in particolare la più vulnerabile, e pestare attenzione alle fasce più deboli. Attitudine che sarà davvero necessaria in questo momento: l'emergenza sanitaria provocherà, infatti, non solo una crisi economica ma anche sociale".

Dal Consiglio comunale al Municipio

Con il suo ingresso in Municipio, in un certo senso è passata dall'altra parte della barricata (sin qui sedeva fra i banchi del Consiglio comunale, da capogruppo): che sensazione le fa? "Lascio un legislativo in cui ho lavorato bene. E sono stata nella Commisisone della gestione, che si è rivelata per me una palestra politica importante e dove ho vissuto dei confronti piuttosto accesi. Questo aiuta a farsi un po' la corazza in politica, assolutamente necessaria. Dall'altra parte della barricata significa, comunque, tenere fede ai propri ideali e lavorare in modo collegiale, mettendo al centro il bene comune della cittadinanza e tenendo fede ai principi di una donna di Sinistra". Mendrisio è l'unica Città del cantone a vantare due donne in Municipio in un Distretto in cui l'altra parte (politica) del cielo ha saputo farsi valere (abbiamo due donne sindaco, ad esempio): un buon viatico per il 2021? "Speriamo che lo sia. La ripartenza di questo cantone deve essere fatta anche attraverso le donne. Putroppo durante la crisi Covid sono scomparse dalla scena, eppure svolgono un grande lavoro: dalla sanità al Terziario a tutte quelle competenze che possono essere messe in campo. È giunta l'ora di capire che le donne esistono e hanno un peso".

© Regiopress, All rights reserved