ANA Ducks
6
VEGAS Knights
5
fine
(0-0 : 4-2 : 2-3)
EDM Oilers
5
PIT Penguins
2
fine
(2-1 : 0-1 : 3-0)
prezzi-del-carburante-al-fronte-da-quasi-60-anni
Ti-Press/D. Agosta
Giuseppe Ripepi, 85 anni, davanti al suo distributore di Mendrisio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Il braccialetto elettronico? Lo paga (pure) lo stalker

Il Consiglio di Stato: la partecipazione ai costi anche come deterrente. Allestito il regolamento per applicare la nuova norma del Codice civile
Ticino
1 ora

Telethon sollecita la generosità dei ticinesi

La raccolta fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare torna nel finesettimana in piazza. Eventi su tutto il territorio
Locarnese
1 ora

Centro balneare, quella perizia che promuove la gestione

È ‘nelle primissime posizioni’ in Svizzera secondo l’esperto. Eppure la Città con un colpo di mano ha liquidato l’amministratore delegato (e non solo lui)
Luganese
1 ora

Beltraminelli torna in pista: ‘La mia, una malattia cronica’

Dalla passione per la politica alla positività al coronavirus, dallo sport all’aut aut della moglie: il neo presidente Ppd di Lugano a 360 gradi
Ticino
9 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
9 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
10 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
10 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
11 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
11 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Ticino
12 ore

‘Pandemia dei dati’. Evento annullato

L’incontro pubblico organizzato dall’Acsi non si terrà né in presenza, né in streaming
Luganese
12 ore

Incendio a Lugano, palazzo evacuato

In via Maderno, non dovrebbero esserci stati feriti o intossicati
Luganese
12 ore

Agno, la filarmonica in concerto di gala

L’appuntamento è per domenica pomeriggio alle scuole comunali. Ingresso gratuito, con Certificato Covid e mascherina
Luganese
12 ore

Mps, no all’aumento delle tariffe dell’acqua potabile

Lanciata a Lugano una petizione dopo la decisione annunciata dal Municipio cittadino di un rincaro del 20%
Mendrisiotto
12 ore

‘Natale a Chiasso’ sarà il Natale del territorio

Presentato il calendario di manifestazioni che, disposizioni sanitarie permettendo, animerà la cittadina dall’8 al 24 dicembre
Grigioni
13 ore

Domenica 5 dicembre San Nicolao a San Bernardino

Nel pomeriggio distribuzione di doni ai bambini, con pista di ghiaccio aperta al pubblico
Locarnese
13 ore

Ppd di Locarno, lanciata la volata di Marco Pellegrini

Dopo le dimissioni improvvise del presidente sezionale Alberto Akai, l’ex municipale dà la sua disponibilità a succedergli
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio: in attesa di Campione, il casinò ‘affila le armi’

Due novità – Poker Room e Jackpot – all’Admiral, che si prepara per affrontare il ritorno della concorrenza della sala da gioco dell’enclave
Locarnese
13 ore

Locarno, porte aperte al centro del movimento VitaAttiva

All’interno del nuovo Polo Isolino in via Galli, la giornata inaugurale è in calendario sabato 4 dicembre
Mendrisiotto
 
11.05.2020 - 06:000

Prezzi del carburante, 'al fronte' da quasi 60 anni

Il Mendrisiotto, dati alla mano, ha la benzina più cara del Cantone. Ma c'è chi, da decenni, contrasta questa 'politica' e 'combatte' la concorrenza

'La nostra forza... è il prezzo'. È questo lo slogan, ma anche il 'credo', di Giuseppe Ripepi, 85enne che si autodefinisce “ex calabrese”. Ha fatto del Mendrisiotto la sua casa e, in questi decenni, anche il suo luogo di lavoro. Un nome che, nel Distretto, non si può non accostare agli uffici cambio, ma soprattutto al distributore di benzina di colore verde situato allo svincolo autostradale di Mendrisio. 'La nostra forza... è il prezzo' è anche l'insegna che accoglie i clienti nella stazione di servizio di sua proprietà da qualche anno lungo via Carlo Maderno (quella allo Svincolo l'ha ora affittata a un'altra ditta del Mendrisiotto, attiva nel settore). Ad onor del vero, e per sua stessa ammissione, l'area di presenta “un po' fatiscente”, ma questo – spiega – “è un altro discorso” (vedi sotto, ndr). Vuole dire la sua, Giuseppe Ripepi, sulla questione dei prezzi del carburante, sollevata da 'laRegione' nelle scorse settimane. Perché effettivamente, se quasi la totalità delle stazioni del Distretto applicano tariffe più alte (anche di 17 centesimi al litro) rispetto al resto del Cantone, in via Carlo Maderno la situazione è diversa: Un franco e 33 centesimi la benzina, uno e quaranta il diesel. Almeno 11 centesimi di differenza al litro rispetto alle concorrenti situate anche a poche centinaia di metri di distanza. Prezzi più bassi che l'85enne applica ormai da decenni, una “guerra personale” che dura da tempo e che non ha risparmiato, nei suoi confronti, anche qualche “colpo basso”. Di anni 'al fronte', Ripepi, ne ha passati parecchi: fin dal 1961 quando aprì il primo distributore a Stabio. Nel 1986 attiva l'area allo svincolo. Negli anni gestisce anche un ufficio cambi prima in via Industria, poi in via Borromini.

Strategie di mercato e politica dei prezzi

I suoi prezzi non sono cambiati nemmeno durante l'emergenza sanitaria che ha portato a un crollo delle vendite di carburante: “prima delle restrizioni dettate dal Governo vendevo diverse migliaia di litri di benzina al giorno. Poi si è passati a 300 litri. Ora, fortunatamente, le vendite si stanno riprendendo. Ritengo che – riflette inoltre – le società di vendita di carburante sono in difetto dovuto a questo virus. E hanno le cisterne piene di carburante a prezzo alto. Questa gente non è disposta a perdere dei soldi. Questa potrebbe essere una loro attenuante, neanche tanto accettabile, perché quando c'è da guadagnare guadagnano, ma quando c'è da perdere bisogna sopportare”. Sta di fatto che, da sempre, Ripepi è una 'mosca bianca' nel mercato dei carburanti del Distretto. Definisce la sua politica – pur ammettendo di essere un imprenditore – “da utilità pubblica”. Tariffari alla mano, dunque, perché ci sono queste grandi differenze di prezzo? Prima di entrare nell'argomento l'85enne vuole togliersi il proverbiale sassolino dalle scarpe: “la benzina è tutta uguale. Entra da Gaggiolo (il carburante venduto nel sud del Ticino viene quasi esclusivamente importato dall'Italia, ndr) e dev'essere adattata alle norme svizzere”. Insomma, di fronte alle direttive della Confederazione non si scappa: “nessuno può acquistare benzina dal figlio della fioraia. Il grossista deve dimostrare che la benzina sia a norma”. Ma perché questa premessa? Perché, tornando ai 'colpi bassi' citati, non sono mancate, negli anni, le voci sul fatto che i suoi prezzi fossero più bassi perché, ad esempio, 'allungasse' il carburante con l'acqua.  “Fosse così, in men che non si dica verrebbero a controllarci e ci farebbero chiudere immediatamente”. E per un gestore di un benzinaio “libero” questo significherebbe far morire la propria attività. Ecco, allora, una prima motivazione ai prezzi più bassi: “le mie stazioni sono – ripete – libere. Non dipendo da nessuno. Gli altri, invece, sono in 'marca'”. Per tutti vale la regola di acquistare gli idrocarburi da un grossista ma poi – suggerisce – “i prezzi (per chi gestisce un distributore con 'l'insegna', ndr) vengono imposti dalla marca. Io, invece, posso vendere la benzina a minor prezzo, a patto di non andare sottocosto”.  Altra diversità di veduta, l'interlocutore, le ravvisa nella 'strategia' di mercato che lo contraddistingue dalle altre aziende presenti sul territorio: “sono persone che vogliono guadagnare molto. Non si accontentano di guadagnare il giusto, che è la mia politica. Io non regalo la benzina alla gente – prosegue – però la vendo a 10 persone e non a una. Dunque il mio mancato guadagno sull'uno va a diversificarsi sul 10. La mia politica è vendere molto. Non permetterò mai più che nel Luganese si venda la benzina a prezzi inferiori dei miei”. Infine, secondo Ripepi, negli anni si è cercato di "eludere la concorrenza sleale". Come? "Ci si può accordare – ipotizza –. In una zona vendono (le varie marche, ndr) a un prezzo tutti uguale, in un'altra zona non molto distante a qualche centesimo in meno. Negli anni passati ho denunciato questo comportamento all'Ufficio federale della concorrenza, ma mi hanno risposto che non hanno riscontrato nulla di anomalo”.

Uno stabile da riattare

Giuseppe Ripepi, che a godersi la pensione non ci pensa minimamente, da qualche anno, come detto, gestisce il distributore di benzina lungo via Carlo Maderno a Mendrisio. Un edificio vetusto e che necessita di interventi. "Il mappale – sottolinea –, si situa lungo l'entrata nord della grande Mendrisio". Una via d'accesso molto trafficata e ben visibile. Insomma, dopo la zona dello svincolo un altro possibile biglietto da visita della Città. Ripepi, spiega, vorrebbe contribuire ad abbellire la zona, mettendo mano al suo edificio. Non a caso, ammette, “il Municipio avrebbe dovuto impormi una riattazione”. Ma, evidentemente, a detta dell'imprenditore (non abbiamo potuto sentire la controparte, ndr) i rapporti con l'esecutivo di Mendrisio non permettono di fare passi avanti. “Sto investendo molto per abbellire questa posizione fatiscente – conferma –. Ma a Piano regolatore è un fuori zona e dunque v'è qualche difficoltà nel migliorare la struttura”. A suo avviso esiste la possibilità che negli anni ci siano state “disparità di trattamento”. Un esempio? “Allo stabile di fronte al mio è stata data l'edificabilità malgrado fosse in una zona a rischio caduta di massi. Io sono in posizione sicura ma essendo, il mio, un mappale fuori zona mi è preclusa, al momento, ogni possibilità di miglioria”. Infine, l'appello: “Questo mappale va migliorato, voglio migliorarlo. Permettetemelo”. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved