scende-il-prezzo-del-petrolio-ecco-le-disparita-sulla-benzina
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
3 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
13 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
14 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
14 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
14 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
14 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
14 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
15 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
15 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Mendrisiotto
 
25.04.2020 - 06:000
Aggiornamento : 10:21

Scende il prezzo del petrolio, ecco le disparità sulla benzina

Fare il pieno nel Mendrisiotto costa di più rispetto al resto del Cantone. Una differenza che verrà sottoposta alla Commissione della Concorrenza

“Le auto del Mendrisiotto hanno bisogno di una benzina speciale?” La domanda, evidentemente sarcastica, si inserisce nelle discussioni (da bar) che rivelano le differenze tra Sopra e Sottoceneri. Eppure, nell'ironia del quesito, si nasconde una verità: i momò, dal benzinaio, spendono effettivamente di più. In un mondo particolarmente in subbuglio, quello del petrolio, negli scorsi giorni si è assistito alla vertiginosa discesa del prezzo del barile, addirittura in territorio negativo. Un calo della domanda che si è manifestato anche in Ticino. 'Colpo' che hanno avvertito anche le stazioni di servizio, con diminuzioni del carburante venduto anche dell'80%. A fronte di questo importante cambiamento, alcuni distributori hanno cominciato ad abbassare i prezzi, facendo così ulteriormente venire alla luce le disparità presenti sul territorio. A Mendrisio, ieri, fare benzina (Senza Piombo) dove sborsare tra 1,44 e 1,47 franchi al litro. Il Diesel tra 1,52 e 1,55. Prezzi piuttosto costanti nel corso delle ultime settimane. Stesso discorso, in media, per Chiasso. Spostandosi di una ventina di chilometri, sempre su una via di transito transfrontaliera, i prezzi cambiano sensibilmente. Nel Malcantone – tra Magliaso e Caslano – il litro di benzina costava 1 franco e 27 centesimi nella migliore delle ipotesi, il diesel 1,39. Tra Mendrisio e Magliaso, dunque, 17 centesimi di differenza per ogni litro di Senza Piombo. Calcolando un ipotetico serbatoio di 50 litri, dunque, la differenza potrebbe anche essere di 8 franchi e 50 centesimi. Sulla stessa linea del Malcantone anche Giubiasco (1,28 franchi la benzina, 1,39 il diesel), mentre nel Locarnese (Losone e Ascona), fare il pieno alla propria auto significava spendere 1 franco e 32 per la benzina, 1,42 per il gasolio. A Savosa, il carburante era in vendita a 1 franco e 40, rispettivamente 1,48. E per finire Dongio, in Valle di Blenio, dove ieri la benzina era in vendita a 1,33; il diesel a 1,43. Soprattutto nel Sopraceneri, però, va annotato il fatto che i distributori applichino, a seconda delle promozioni, ulteriori centesimi di sconto. Per alcuni rivenditori, una spiegazione plausibile è quella del carburante acquistato mesi fa (a prezzi superiori) e prima di vedere un calo delle tariffe bisognerà aspettare ancora un po' di tempo.

'Confrontarsi nuovamente con il tema'

Giustificazioni che, però, stridono con quanto rilevato dal Consigliere nazionale Marco Romano (Ppd) nell'ottobre dello scorso anno. Romano, già allora, aveva chiamato in causa Mister Prezzi e denunciato l'anomalia a cui sono confrontati i cittadini del Mendrisiotto rispetto al resto del Cantone. E ora, interpellato da laRegione, rilancia: “Non è accettabile che i cittadini del Mendrisiotto paghino di più di quelli del Luganese”. Per questo motivo, spiega, sta allestendo un dossier che poi inoltrerà alla Commissione della Concorrenza (ComCo) affinché venga aperta un'indagine. “È giusto – sostiene – che ci si confronti nuovamente con il tema”. Nei primi anni del Duemila, infatti, era già stato redatto un rapporto il quale era arrivato alla conclusione che “si trattava di dinamiche di prezzo normali”. A distanza di quasi vent'anni, però, alcune incongruenze rimangono. Anche perché, riflette ancora il Consigliere nazionale, “nello spazio di pochi chilometri la stessa catena applica prezzi diversi. Eppure – ravvisa –, i costi di gestione non dovrebbero variare molto. Il riferimento, ad esempio, è agli affitti degli spazi che non dovrebbero variare sensibilmente e, allo stesso tempo, i fornitori di carburante sono i medesimi. Inoltre, “essendoci un Contratto collettivo di lavoro in essere, non dovrebbero esserci problemi nemmeno per quel che concerne potenziali diversità salariali in base alle zone di lavoro”. Da qui la domanda: “qual è la discriminante per applicare un prezzo diverso?”. Quesito che il Consigliere nazionale porrà alla Commissione della Concorrenza. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved