Lazio
0
Atalanta
0
fine
(0-0)
Zugo
8
Langnau
2
fine
(3-0 : 1-2 : 4-0)
Friborgo
3
Lakers
2
fine
(0-1 : 2-0 : 0-1 : 1-0)
Ginevra
3
Bienne
2
fine
(1-0 : 0-2 : 1-0 : 1-0)
Lugano
3
Berna
2
fine
(0-1 : 1-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Ambrì
3
Davos
2
3. tempo
(2-1 : 0-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
4
Zugo Academy
1
fine
(2-0 : 0-0 : 2-1)
Kloten
7
Sierre
0
3. tempo
(1-0 : 4-0 : 2-0)
BUF Sabres
6
PHI Flyers
3
fine
(4-2 : 1-0 : 1-1)
BOS Bruins
3
WIN Jets
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
distributori-di-benzina-non-si-rabbocca-piu-il-serbatoio
Ti-Press/F. Agosta
Tutto chiuso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
17 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
17 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
1 gior

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 gior

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 gior

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
1 gior

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
1 gior

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
1 gior

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
1 gior

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
1 gior

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
12.04.2020 - 07:000

Distributori di benzina, 'non si rabbocca più il serbatoio'

Dogane chiuse, edilizia ferma, stop agli spostamenti e frontalieri ai minimi termini. Nelle aree di sosta non si fa (quasi) più benzina: 'stimato un calo dell'80%'

Che sia un momento difficile per tutti è una banalità. Lo è nella vita privata, lo è per le attività economiche. Tra queste v’è un settore che, nel Mendrisiotto, sta subendo in particolar modo il doveroso ‘state a casa’ e le misure in vigore in questo periodo: quello dei distributori di benzina. Difficoltà che, d’altronde, il settore degli idrocarburi sta vivendo a livello mondiale.

A causa del coronavirus, infatti, lo shock che ha subito il mercato globale è stimato in una contrazione della domanda di oltre 30 milioni di barile di petrolio al giorno. Per non parlare delle quotazioni, dove il prezzo del barile nelle ultime settimane è sceso anche sotto i 20 dollari al barile prima di riprendersi timidamente.

A livello locale, dove oltre ai grandi gruppi ci sono anche i piccoli rifornitori, il contraccolpo si sente. Nel Mendrisiotto, oltre alla popolazione locale che deve (si esorta) limitare gli spostamenti al minimo necessario, manca anche il traffico generato dal flusso di frontalieri che ogni giorno si recava al proprio posto di lavoro. Insomma, di benzina alla propria auto se ne fa sempre meno.

I primi ad accorgersene sono senza dubbio stati i piccoli benzinai situati a pochi passi dai valichi di confine, quelli chiusi. Il transito per chi proviene dall’Italia, nel Mendrisiotto, è consentito soltanto a Chiasso e a Stabio-Gaggiolo. Ma di dogane, il Distretto, ne conta molte di più. Così come di benzinai. Quelli a ridosso dei valichi (non solo) minori sono quasi tutti fermi. Al valico di Bizzarone, così come a quello di Cantinetta (Ligornetto) o a Brusino Arsizio, per fare alcuni esempi, oltre alle transenne poste dalle Guardie di confine ci sono anche i nastri di segnalazione alle pompe di benzina i quali sottolineano come non sia possibile fare rifornimento. Non mancano anche i cartelli all’entrata dei negozi annessi: ‘Chiuso fino alla riapertura della dogana’, si legge a Novazzano.

Incassi crollati dell'80 per cento

È tutto chiuso. Si tiene duro, per contro, al distributore posto a pochi passi dal valico minore di San Pietro di Stabio. Abituati al via vai di auto provenienti da Clivio, da giorni non passa quasi più nessuno. Alla stazione di servizio non c’è nessuno ma, una volta suonato il campanello, dall’altra parte del piazzale si affaccia il proprietario, Ornello Rusconi. È lui che accoglie i pochi clienti.

 


Ti-Press/F. Agosta
A San Pietro di Stabio il sorriso, comunque, non manca

“Dal 16 marzo, quando hanno chiuso le dogane, siamo praticamente fermi”, spiega. Qualche “cliente affezionato che continua a rifornirsi” c’è, ma gli incassi sono crollati. Ma di quanto? “Almeno dell’80 per cento, forse anche del novanta. Teniamo duro perché abitiamo qui vicino”. Qualcuno, ad ogni modo, arriva: “abbiamo fatto un’offerta sugli articoli pasquali” e qualcuno ne approfitta. Il periodo difficile ha comportato anche il dover effettuare dei tagli sul personale. “Noi avevamo tre commesse, ora ho dovuto lasciarle a casa fino alla riapertura, sperando che possa avvenire tra un mesetto”. Al lavoro ci sono solo il titolare e il figlio nella misura del 30 per cento.

Vita facile non ce l’hanno nemmeno i distributori posti sulle vie più trafficate, come ad esempio nei pressi della stazione Ffs di Mendrisio. "L’acquisto del carburante è diminuito tanto”, racconta una commessa che lavora in un’area di sosta lungo via Stefano Franscini. Il bar annesso, ovviamente è chiuso. Resta lo ’shop’, ovvero il negozio dov’è possibile acquistare alcuni generi alimentari e le sigarette. In questo caso, ammette, c’è stato “un piccolo incremento delle vendite”.

Le fa eco una dipendente di un’altra società con sede nel Mendrisiotto: “Da quando è chiusa l’edilizia non c’è più nessuno che fa benzina. In compenso le vendite di alimentari sono aumentate parecchio”.

Personale tutelato

Al di là dei ricavi, però, ci sono almeno altri due temi che in tempi di emergenza sanitaria vanno affrontati: la sicurezza personale e quella del posto di lavoro. Le dipendenti delle stazioni di servizio in centro a Mendrisio indossano mascherine e guanti e, a dividerle dal contatto con la clientela, c’è un plexiglas. I soldi, quando non si paga con la carta di credito, si passano attraverso uno spazio apposito creato nella parete divisoria trasparente. “Il datore di lavoro non ci fa mancare niente. Anzi, ci ha subito fornito il materiale necessario oltre al disinfettante personale”. Infine, il posto di lavoro: alcuni distributori delle grandi società sono chiusi, negli altri le serrande chiudono anticipatamente (ad esempio alle 20 al posto delle 22). “Ma nessuna di noi è stata lasciata a casa", racconta una dipendente. E questo anche se durante le giornate non vi siano più due o tre commesse nei distributori ma una sola (al massimo due). "Chi solitamente lavora in benzinai ora chiusi è stata spostata in quelli aperti. Si lavora meno, ma il datore di lavoro garantisce turni per tutte. E in busta paga – conclude la nostra interlocutrice – non manca nemmeno un centesimo”.

 



Ti-Press/F. Agosta
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved