consonni-contract-non-e-solo-questione-di-salari
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Dalle macerie della cappelletta i germogli di un mestiere

A Gordola la ricostruzione del manufatto raso al suolo dalle ruspe nel 2018 è diventata esercizio didattico per gli apprendisti muratori del Cfp Ssic
Bellinzonese
2 ore

Gudo e Castione: presto più sicurezza e nuova ciclopista

Pronto il progetto per l’Isolone, dove l’accesso a chiocciola verso il ponte dello Stradonino permetterà di evitare l’insidiosa rampa
Ticino
12 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
13 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
13 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
13 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
13 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
14 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
14 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
14 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
14 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
14 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Mendrisiotto
03.10.2019 - 18:280

Consonni Contract? 'Non è solo questione di salari'

L'Associazione dei falegnami esce allo scoperto e denuncia ciò che succedeva sul cantiere di Cademario. 'Posarono porte tagliafuoco non certificate'

Il rospo in gola gli ‘uomini che fanno’ (i falegnami, per intenderci) ce l’hanno da almeno quattro o cinque anni. Sì, perché a loro il nome Consonni Contract già diceva molto a quel tempo. Così, quando, nei giorni scorsi, le ‘pratiche’ (salariali) del gruppo con sede (anche) a Chiasso sono riecheggiate, ma nell’aula penale (cfr. ‘laRegione dell’1, 2 e 3 ottobre), non ce l’hanno più fatta a trattenerlo. Delle buste paga fittizie contestate dagli inquirenti al titolare dell’impresa non ne sapevano nulla; del ‘modus operandi’ sui cantieri, invece, ne avevano viste abbastanza, soprattutto a Cademario, durante i lavori di ristrutturazione del Kurhaus, peraltro realizzati pure con soldi pubblici. Oggi l’Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti, sezione Ticino e Mesolcina, guidata da Renato Scerpella, non ha problemi a uscire allo scoperto. E denuncia: le porte tagliafuoco della struttura alberghiera non solo non sono state posate a regola d’arte, ma non erano neppure conformi alle norme svizzere.

È il settembre del 2009 quando la Consonni Contract si aggiudica un appalto milionario (uno dei tanti) per il Kurhaus: si parla di 5,1 milioni (come rievocato nel corso del dibattimento processuale). Diverse le commesse staccate a proprio vantaggio: opere da pittore, gessatore, piastrellista e falegname. In realtà, come ricorda a distanza di tempo l’Associazione di categoria, questi ultimi interventi vengono assegnati “in buona parte” alla ditta di Cantù su “incarico diretto”. In effetti, rincarano, “mancavano pochi franchi per raggiungere la soglia minima del concorso pubblico”. Aperto il cantiere, già nel 2013 è l’Ocst –lo stesso che tre anni più tardi scoperchierà il mitico vaso di Pandora – a ‘fiutare’ che qualcosa lì a Cademario non va. E lo dice pubblicamente: è il mese di febbraio. Gli ingredienti, come rivela una nota, ci sono già tutti: le “tariffe stracciate”, le “speculazioni sui lavoratori”, con “salari al di sotto dei minimi” e in più niente trasferta e niente oneri sociali per alcuni. Il ‘caso’ rimbalza dentro la Commissione paritetica e si organizza pure un sopralluogo.

‘Ce ne eravamo accorti già nel 2012’

«In realtà – racconta a ‘laRegione’ il presidente Renato Scerpella –, le prime avvisaglie noi le avevamo avute nel luglio del 2012, comprovate nel 2014-2015, quando siamo intervenuti sul cantiere». Tutto merito, fa capire, dell’occhio allenato del falegname. «A Cademario un nostro associato aveva notato che le porte della struttura alberghiera quanto alle norme antincendio avevano una certificazione, sì, ma per l’Italia. Certificazione che da noi non è riconosciuta». Sta tutto, ci spiega, in una placca che dà modo di tracciare l’origine del manufatto. «Il committente, sia chiaro, si fida del professionista incaricato del lavoro e della documentazione presentata. Il punto – puntualizza ancora Scerpella – è che al Kurhaus in quei giorni c’erano due problemi: l’opera non era stata fatta nel modo corretto e la porta posata non era quella certificata. E tutto ciò lo abbiamo visto con i nostri occhi. Tant’è che abbiamo segnalato questi aspetti all’autorità cantonale. È indubbio che la prova del nove l’avremmo avuta se avessero smontato alcune porte».

E qui i falegnami si tolgono un altro sassolino dalla scarpa. Il Cantone, infatti, annotano nel comunicato era intervenuto sollecitando in una missiva (dell’aprile 2016) il Municipio di Cademario a fare la sua parte (la Polizia del fuoco è delegata ai Comuni). Ma l’ente locale, si annota, “lasciò correre”. Il che fa dubitare “fortemente” all’Associazione che la situazione sia stata sanata.

Dentro la categoria non lo si nasconde: all’epoca, ammette il presidente, aveva dato fastidio che un’impresa come la Consonni Contract si fosse aggiudicata una tale commessa, rivelando poi quelle pecche. Il che fa concludere ai falegnami ticinesi che “pur di avvantaggiarsi la ditta non ha avuto scrupoli, questa volta nei confronti dei propri clienti”. Anche l’Ocst nel 2013 aveva attirato l’attenzione su questo aspetto. Un simile modo di fare impresa, si era lamentato all’epoca da parte del sindacato, “pone gli artigiani locali fuori dai giochi”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved