ANA Ducks
6
VEGAS Knights
5
fine
(0-0 : 4-2 : 2-3)
EDM Oilers
5
PIT Penguins
2
fine
(2-1 : 0-1 : 3-0)
il-piu-grave-caso-di-malaedilizia-approda-oggi-in-aula-penale
foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Il braccialetto elettronico? Lo paga (pure) lo stalker

Il Consiglio di Stato: la partecipazione ai costi anche come deterrente. Allestito il regolamento per applicare la nuova norma del Codice civile
Ticino
1 ora

Telethon sollecita la generosità dei ticinesi

La raccolta fondi per la ricerca sulle malattie genetiche rare torna nel finesettimana in piazza. Eventi su tutto il territorio
Locarnese
1 ora

Centro balneare, quella perizia che promuove la gestione

È ‘nelle primissime posizioni’ in Svizzera secondo l’esperto. Eppure la Città con un colpo di mano ha liquidato l’amministratore delegato (e non solo lui)
Luganese
1 ora

Beltraminelli torna in pista: ‘La mia, una malattia cronica’

Dalla passione per la politica alla positività al coronavirus, dallo sport all’aut aut della moglie: il neo presidente Ppd di Lugano a 360 gradi
Ticino
10 ore

Stranieri, Michela Trisconi nuova Delegata all’integrazione

L’ha nominata oggi il Consiglio di Stato. Succede ad Attilio Cometta, in pensione dopo oltre trent’anni nell’Amministrazione
Mendrisiotto
10 ore

Nel bunker Pci per il richiamo? È una soluzione provvisoria

Non a tutti piace andare a vaccinarsi al rifugio: ‘Scelta cantonale’. Ma a Mendrisio si stanno valutando delle alternative
Ticino
10 ore

‘Salario minimo, i controlli siano rigorosi’

Così i Verdi in occasione dell’entrata in vigore della legge cantonale, figlia della loro iniziativa popolare costituzionale
Locarnese
11 ore

Muralto, s’illumina il Grand Hotel della rinascita

Spettacolare scenario natalizio sulla facciata est dell’albergo da anni in disuso. Domani il via ufficiale al nuovo corso di Artioli
Ticino
11 ore

‘Quei doppioni burocratici sono da eliminare’

Cristina Maderni (Plr) torna a sollecitare il governo, questa volta con una mozione, sulle semplificazioni amministrative
Ticino
11 ore

Mascherine in quarta e quinta elementare da lunedì

Questa la principale novità per contrastare la nuova ondata. No, invece, ai test a tappeto giudicati poco utili e troppo onerosi
Mendrisiotto
30.09.2019 - 08:240
Aggiornamento : 10:44

Il più grave caso di malaedilizia approda oggi in aula penale

A processo da stamane per il caso della Consonni Contract di Chiasso il titolare e altri sette collaboratori. L'accusa è di aver 'sfruttato' 11 operai

a cura de laRegione

Gli appalti erano milionari. I cantieri, almeno a prima vista, sembravano a ‘cinque stelle’. Invece, sotto quella patina dorata c’era ben altro. Il primo a grattare sotto la superficie della Consonni Contract Sa di Chiasso, fin dal 2013, è stato il sindacato Ocst, che ha portato il caso in Procura (cfr. ‘laRegione’ del 25 ottobre 2016). Così, scattate le manette (ai polsi del titolare e del contabile dell’impresa), l’episodio più grave di malaedilizia mai denunciato in Ticino è diventato ben presto un caso giudiziario. Due anni dopo il deposito dell’atto d’accusa – firmato dalla procuratrice pubblica Chiara Borelli nell’ottobre del 2017 –, si va oggi in aula, davanti alle Assise criminali in Lugano. Otto le persone chiamate a rispondere, a vario titolo, di usura (oltre alla falsità in documenti). I riflettori, però, sono puntati in particolare su cinque degli imputati; ovvero l’imprenditore a capo della società, il suo capocantiere, l’'uomo dei conti’, il direttore amministrativo e il dipendente della fiduciaria che gestiva le ‘cose’ della ditta. Lungo il periodo, 8 anni dal 2008 al 2016, passato al setaccio dagli inquirenti. È in quel lasso di tempo che, agli occhi dell’accusa, sfruttando il bisogno di lavorare di 11 operai, si sono ‘taglieggiate’ le buste paga, arrivando a costringere i dipendenti a restituire la differenza ‘svizzera’ di uno stipendio che non rispettava i contratti collettivi di lavoro, facendoli sudare fino a 54 ore la settimana. Come? I sistemi ricostruiti dalla pp sono vari, ma tutti perseguivano un unico scopo: limare i salari e ridurre le spese della commessa, intascando, a conti fatti (dalla magistratura), oltre mezzo milione di franchi.

L’impresario e il ‘caporale’

Alla fine si ritrovano oggi faccia a faccia in tribunale. Da una parte il titolare della società di piazza Boffalora, parte di un gruppo con base a Cantù e commesse in tutto il mondo, secondo l’accusa il principale responsabile (per lui l’usura è aggravata), ma che oggi reclama la sua innocenza. E dall’altra, il capocantiere, quel ‘caporale’ che, preso il coraggio a due mani, ha puntato il dito contro il suo ‘capo’, facendo venire a galla tutto il malandazzo. Un agire sistematico, quello rimproverato dalla procuratrice – si contesta l’usura commessa per mestiere –, che reclutava manodopera (in taluni casi anche in là con gli anni), per poi dirottarla sui cantieri: dal Kurhaus di Cademario al resort di Andermatt, dagli alberghi di lusso della Svizzera romanda, all’Italia e alla Francia, passando per il Principato di Monaco. A quel punto un’occasione professionale per sbarcare il lunario per operai senza qualifiche, imbianchini e falegnami si trasformava in una forma di sfruttamento: l’accusa non ha dubbi.

Ore lavorate sul cantiere ma non sulla carta; buste paga a due velocità che dichiaravano salari ‘elvetici’, ma ne versavano di ‘italiani’, quindi decurtatati, in totale, di decine di migliaia di franchi; bonifici fittizi ed ‘eccedenze’ da restituire in contanti al datore di lavoro. In alcuni casi, si contesta, il personale ignorava persino l’esistenza di contratti collettivi di lavoro, ad aleggiare il timore di perdere il posto.

Le accuse cadute

Per i cinque imputati principali, infatti, all’inizio dell’inchiesta il carico delle pendenze era più gravoso. Reati come l’estorsione aggravata, la coazione e l’inganno aggravato nei confronti delle autorità, poi abbandonati da Borelli.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved