07.10.2022 - 15:41
Aggiornamento: 09.10.2022 - 19:21

Le aziende non scelgono Lugano solo per la banda larga

A interessare, spiega il Municipio rispondendo a un’interrogazione, sono fattori come il quadro fiscale, la posizione e l’offerta di collegamenti

le-aziende-non-scelgono-lugano-solo-per-la-banda-larga
archivio Ti-Press
Polo di innovazione digitale

Il concetto è stato inserito anche nelle linee guida 2018-2028: "il Municipio opera per fare in modo che Lugano rappresenti un polo di innovazione digitale". Sollecitato da un’interrogazione di Luca Cattaneo (Plr), il Municipio sottolinea che "la realizzazione di tale obiettivo è imprescindibile da un’offerta di servizi all’avanguardia". Tra questi, "vi è sicuramente anche un’adeguata capacità di banda, per garantire la fruibilità e lo sviluppo di nuove tecnologie digitali di cui possono beneficiare tutti i cittadini, aziende e istituzioni". Le linee di sviluppo fanno riferimento al consolidamento delle competenze Ict (tecnologie dell’informazione e della comunicazione), del lifestyle-tech (settori moda, design, alimentare, turismo e salute) e della tecnologia blockchain. "Anche questi settori per potersi sviluppare a Lugano hanno bisogno di un’infrastruttura all’avanguardia".

Le attività di promozione economica della Città "si concentrano anche su settori che non possono fare a meno di un ottimo accesso alla rete" e che presentano "un interessante potenziale di crescita". Il Municipio precisa che "nei contatti che la Divisione sviluppo economico intrattiene abitualmente con le realtà interessate a Lugano, quello della connessione ad alta velocità non è tra i temi che vengono sollevati". Una maggiore attenzione viene infatti riservata a "fattori come la disponibilità di manodopera qualificata, la posizione di Lugano e l’offerta di collegamenti, il quadro fiscale per le persone giuridiche e fisiche, il mercato immobiliare, il costo della vita, la sicurezza e la qualità dei servizi in generale". Un discorso che "vale anche per le numerose aziende attive nell’ambito della tecnologia blockchain incontrate nei mesi scorsi, il cui lavoro è imprescindibile da un’ottima connessione, e per le quali in questo momento il principale ostacolo è la difficoltà di accedere a un altro tipo d’infrastruttura necessaria, quella finanziaria". Per spiegare questo, l’ipotesi del Municipio è che la Città, così come la regione e la Svizzera, "su questo fronte sono già considerate estremamente aggiornate e competitive in termini di sviluppo della banda larga".

Il Municipio di Lugano continuerà in ogni caso a "seguire da vicino lo sviluppo della strategia a livello cantonale e mantiene contatti regolari con i fornitori di servizi". Per pianificare in maniera ottimale la rete a banda larga "è necessaria una collaborazione ben definita tra tutti gli attori coinvolti, ciascuno con i propri ruoli e responsabilità".

Leggi anche:

Lugano e la volontà di garantire il lavoro a distanza

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved