ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 min

Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada

Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Mendrisiotto
29 min

Mendrisio, la Filanda ospita la Maratona di lettere

Quest’anno, la raccolta di firme promossa da Amnesty International è incentrata sul diritto di manifestare e di esprimere il proprio dissenso
Mendrisiotto
44 min

Pronto il logo degli Esterefatti del Rione Excelsior di Chiasso

L’immagine che raffigura l’indimenticato don Willy in sella alla sua bicicletta sarà presentata mercoledì 7 dicembre in piazza Bernasconi
Mendrisiotto
1 ora

Riva San Vitale, un successo il concerto di Gala

La Filarmonica comunale diretta dal maestro Roberto Cereghetti attira un’ampia partecipazione popolare
Bellinzonese
1 ora

Il Municipio di Bellinzona incontra i suoi diciottenni

Lunedì 5 dicembre si è tenuta la tradizionale cerimonia in cui l’autorità comunale ha accolto i neomaggiorenni
Ticino
1 ora

In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia

Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
2 ore

Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento

Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Locarnese
3 ore

Brione, messa in memoria del Vescovo Togni

A un mese dalla scomparsa verrà celebrata una funzione religiosa domenica prossima. Sev e Fondazione Verzasca organizzano un trasporto gratuito
Luganese
3 ore

Lugano, potenziata l’offerta di trasporto pubblico

Con il nuovo orario, Tpl e Arl aumentano le corse, le frequenze nei fine settimana e il servizio nei quartieri. Nuovo nome per alcune fermate
Grigioni
3 ore

Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano

Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
3 ore

Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili

Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
Ticino
3 ore

Furti e brutte sorprese natalizie, anche quest’anno c’è Prevena

La Polizia cantonale lancia l’operazione di sensibilizzazione contro borseggi e rapine in casa nel periodo natalizio, con uno sguardo alle truffe online
Locarnese
4 ore

Anziana investita sulle strisce pedonali a Solduno, è grave

L’incidente questa mattina a Solduno in via Vallemaggia: vittima un’89enne della regione investita da una 52enne che circolava verso la Vallemaggia
Locarnese
4 ore

Hildebrand, il dottor Paolo Rossi nominato co-primario

Lo ha nominato il Consiglio di Fondazione della Clinica riabilitativa brissaghese.Affianca il dottor Ruggieri, che nel 2024 raggiungerà il pensionamento
Bellinzonese
4 ore

La Società federale di ginnastica Biasca in assemblea

Appuntamento in programma giovedì 15 dicembre alle 20.15 alla Bibliomedia, seguirà rinfresco natalizio
Grigioni
4 ore

Monticelli rinuncia alla sfida, Giudicetti sindaco di Lostallo

Il miglior eletto nell’elezione del Municipio non si è messo a disposizione per la carica, che resta quindi all’uscente in sella dal 1993
Bellinzonese
4 ore

Concerto di Natale nella chiesa parrocchiale di Dongio

Sabato 10 dicembre alle 20.30 il Coro Voce del Brenno sarà accompagnato dal Coro La Valle di Sover
Bellinzonese
5 ore

Anche a Campra si scia: piste aperte da giovedì 8

Gli appassionati dello sci di fondo potranno utilizzare 15 chilometri di percorsi blu e rossi
05.10.2022 - 20:33

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.

50-anni-di-fondazione-ipt-50-anni-di-aiuto-nel-lavoro
Ti-Press
Marco Romano dirige la sezione ticinese, che conta una ventina di collaboratori

Cinquant’anni di Fondazione Ipt (Integrazione per tutti), cinquant’anni di proficuo accompagnamento per chi è in difficoltà nel mondo del lavoro. Tanto che le cifre 2021 della fondazione privata di utilità pubblica sono decisamente importanti: quasi 500 persone seguite in Ticino e oltre 5’600 in Svizzera, più di 2’700 stages organizzati, più del 52% delle persone accompagnate hanno trovato un (ri)collocamento e di chi ha trovato un lavoro grazie a Ipt, l’89% risulta ancora occupato due anni dopo. «Numeri rilevanti, che contribuiscono anche a sfatare dei miti, ad esempio sul mercato del lavoro ticinese: non è così alla deriva come si potrebbe pensare», osserva Marco Romano.

Centralità del fattore umano

Il direttore della sede ticinese di Ipt ci spiega in effetti che l’importante anniversario è anche una preziosa occasione per riflettere sul mercato del lavoro e sui cambiamenti che lo interessano. «Partendo dal presupposto che in Svizzera non c’è un mercato del lavoro unico, ma tanti mercati fra i quali quello ticinese. E il Ticino stesso, al suo interno, ha delle differenze notevoli ad esempio fra Sottoceneri e Sopraceneri». E mentre a livello globale ci sono delle sfide comuni, come ad esempio la digitalizzazione – «ma anche dietro ai robot e all’intelligenza artificiale ci sono le persone» –, il Ticino ha le proprie specificità. «In questo momento, ed è sorprendente pensando al contesto generale e a quello locale, abbiamo un tasso di disoccupazione che così basso che non si vedeva da decenni. E fortunatamente nemmeno il numero di persone in assistenza sociale è esploso. Quel che resta costante è che, in Ticino come nel resto del Paese, ci sono persone che, ad esempio per motivi personali o di salute, si trovano in difficoltà nel mondo del lavoro. Anzi, paradossalmente più il quadro generale è positivo più chi è in difficoltà si sente in difficoltà».

Integrazione, reintegrazione, transizione

E proprio queste sono le persone con le quali lavora la fondazione. «Ci occupiamo principalmente di integrazione, ossia di persone che col mondo del lavoro non hanno ancora avuto dinamiche e che cercano una formazione o un primo impiego, e poi di reintegrazione: persone che per svariati motivi non necessariamente dipendenti dalla loro volontà sono state escluse dal mondo del lavoro e stanno avendo difficoltà a rientrarci. E sempre di più anche di persone in transizione di carriera, quindi hanno necessità di ricollocarsi nel mondo del lavoro». Combinando coaching individuale e moduli di gruppo, la fondazione lavora poi anche su aspetti che, sottolinea Romano, a molti potrebbero sembrare scontati ma che in determinate situazioni non lo sono: l’autostima, l’accettazione del cambiamento, lo sviluppo di un curriculum vitae, la gestione di un colloquio di lavoro.

Esempi virtuosi

La fondazione collabora con le principali assicurazioni sociali pubbliche e private: sono loro a segnalare i profili da accompagnare. «Abbiamo poi anche donatori privati, fondazioni e aziende – aggiunge il direttore –, che ci permettono anche di prendere a carico persone che non fanno capo ad assicurazioni sociali ma si annunciano per un aiuto. Inoltre, abbiamo altri mezzi, forniti in gran parte dalla Confederazione, per agire con i giovani». Numerosi gli esempi virtuosi, due ne ricorda Romano. «Abbiamo seguito un giovane muratore, molto bravo, che improvvisamente per problemi fisici non ha potuto continuare la carriera. Dopo una fase di scoraggiamento e un’assenza di rete che lo aiutasse a ritrovare le energie, ci è stato segnalato. Con noi ha fatto un bilancio e, in linea con un’analisi del mercato, ha preso la decisione di fare una riqualifica e diventare disegnatore edile. L’abbiamo accompagnato alla ricerca di un’azienda che gli desse fiducia e in questo momento sta facendo la formazione con pieno successo». «Un altro bell’esempio è una signora che per quindici anni è stata lontana dal mercato del lavoro. A un certo punto avvengono importanti cambiamenti in famiglia, muta la situazione finanziaria, e lei ha una grande necessità di ritrovare un lavoro in tempi rapidi. Tuttavia il suo settore, quello amministrativo, è molto cambiato nel frattempo. Quindi si è lavorato molto sulla riacquisizione di fiducia, e di competenze, attraverso stages mirati che le hanno permesso di ritrovare un lavoro».

Prima si agisce, meglio è

Storie di successo, che secondo Romano fanno ben sperare anche per il mercato del lavoro ticinese. Ma ci sono margini di miglioramento. «Le aziende che ci aiutano e che hanno la giusta sensibilità sono già tante. Ma c’è ancora un forte potenziale di crescita». E poi, c’è una questione di mentalità: «Una sfida importante è convincere sempre di più le aziende a dare spazio a persone che si trovano in una fase di transizione professionale. E poi, più si aspetta e peggio è per un ricollocamento. Per questo è importante far passare al meglio, sia alle istituzioni pubbliche sia alle aziende private, il messaggio che è molto importante iniziare il prima possibile l’accompagnamento di una persona in difficoltà, prima che questa arrivi alle assicurazioni sociali, se possibile».

E di questi temi si discuterà anche domani, dalle 18 all’Hotel Splendide Royal di Lugano. Dopo un’introduzione della direttrice generale di Ipt Svizzera Lise Delaloye, del direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta e di Romano stesso, ci sarà una tavola rotonda moderata dalla giornalista Rachele Bianchi Porro intitolata ‘Cambia il mondo del lavoro: mutano le professioni e le regole, al centro restano le persone’, con: Luca Pedrotti (direttore regionale Ubs Ticino), Gabriele Rizzo (direttore scientifico Swiss center for positive futures dell’Università di Losanna), Siegfried Alberton (responsabile regionale del Dipartimento della formazione continua della Scuola universitaria federale per la formazione professionale) e Nicole Gardner (specializzata in intelligenza artificiale e big data business innovation). Al termine seguirà un momento conviviale e di networking: «Abbiamo invitato i nostri principali mandanti pubblici e privati e tante aziende che lavorano con noi quindi è l’occasione per parlarsi affinché si condividano esperienze e nascano opportunità».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved