ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Concerto del Coro Calicantus nella Chiesa di Maggia

Appuntamento venerdì, alle 20.30. La formazione diretta dal maestro Mario Fontana proporrà canti tradizionali dal mondo intero
Luganese
2 ore

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
4 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
4 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
12 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
12 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
13 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
13 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
13 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
13 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
13 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
14 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
14 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
14 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
14 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
06.10.2022 - 09:03
Aggiornamento: 10:25

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici

piscina-di-carona-snellito-il-progetto-di-rilancio
Ti-Press/Archivio
Acrobazie per far tornare i conti

È stato rivisto al ribasso, a livello di costi, il progetto di ristrutturazione e soprattutto di rilancio della piscina di Carona. Confermata pure la partnership con il Touring club svizzero (Tcs), anche se verrà ridotto il villaggio Glamping inserito nel bosco che circonda la struttura. La proposta è ancora in fase embrionale ma la sostanza è passata dal gruppo di lavoro ed è stata discussa nel corso di una recente seduta di Municipio di Lugano. Di fatto, la cifra di 9 milioni di franchi, invece dei previsti 17, è stata esposta dal sindaco Michele Foletti nei giorni scorsi, durante la presentazione del preventivo 2023 della Città. Nel frattempo, non sono stati contattati dall’autorità comunale i promotori della petizione che aveva raccolto poco meno di 2’500 firme depositate in Cancelleria esattamente un anno fa, che mantengono i loro dubbi sull’iniziativa.

Un iter tribolato

Andiamo con ordine. Inizialmente, parliamo dell’ottobre del 2019, quando il primo progetto venne presentato alla popolazione e alla commissione di quartiere, la stima di spesa per l’intervento era di sette milioni di franchi. In seguito, nel luglio dell’anno successivo, la proposta venne parzialmente bocciata dal Consiglio comunale di Lugano, che escluse l’idea di realizzare una biopiscina, ma approvò il credito di 300’000 franchi per il concorso di progettazione. Un concorso che venne pubblicato sul Foglio ufficiale nell’aprile dello scorso anno. Dopodiché, la questione è stata approfondita con uno studio, dal quale sono emersi costi ritenuti eccessivi, poco meno di 17 milioni di franchi, una cifra insostenibile come investimento e difficilmente digeribile politicamente. Da qui, la richiesta espressa ai vincitori del concorso – il gruppo composto da Orsi&Associati, Studio Masotti, Vrt Sa e L. Gazzaniga Architetti – di valutare una riduzione dei costi degli interventi.

Confermato il partenariato con il Tcs

Ai progettisti che si sono aggiudicati la gara abbiamo chiesto se era possibile limitare i costi riducendo le spese supplementari senza stravolgere gli interventi, conferma Roberto Badaracco, vicesindaco di Lugano e titolare del Dicastero Cultura, sport ed eventi. Rimane una condizione sine qua non, quella di continuare l’approfondimento del progetto con il Tcs, con il quale è stato raggiunto un accordo che prevede spazi pubblici un po’ ridotti per il Glamping e il corrispettivo costo inferiore del diritto di superficie. Il vicesindaco preferisce non anticipare i dettagli ma ribadisce che è stata individuata una soluzione più equilibrata e che la collaborazione pubblico-privato resta il punto fermo dal quale il Municipio non ha mai vacillato. Le basi di partenza, risalenti a qualche anno fa, erano in effetti più ambiziose. Qualche giorno fa, il sindaco aveva preannunciato che la soluzione funzionale «permetterà di realizzare un’offerta diversa rispetto a quella del Lido. Il target pensato è differente: sarà meno agonistico, ma più per famiglie e bambini, e il progetto sarà realizzato in collaborazione con il Tcs, che intende edificare il (controverso, ndr) Glamping».

Lido pubblico con capienza ridotta

Un altro punto fermo è che la piscina resterà completamente pubblica, con un unico proprietario: la Città di Lugano. In merito, l’associazione XCarona promotrice della petizione non ha più preso posizione, in attesa di conoscere l’evolversi della situazione, dopo che la giuria aveva aggiudicato il concorso al progetto considerato "meno invasivo", ma mantiene tuttavia le proprie perplessità. Alla struttura balneare pubblica in collina non ci saranno limitazioni di accesso, malgrado la capienza massima prevista sarebbe stata ridotta da 3’700 a 2’000 persone. Il Municipio, lo ha riaffermato a più riprese, vuole rilanciare e promuovere il lido e tutto il paese e sostiene di aver tenuto conto delle obiezioni emerse durante la pubblicazione del bando di concorso e nella variante di Piano regolatore. Il rilancio del comparto di Carona, con un progetto rispettoso della natura di Carona venne deciso dal Municipio nel novembre 2019. Oltre al rinnovo totale della piscina e degli edifici esistenti, vetusti e sottoutilizzati, l’obiettivo era e resta quello di aggiungere elementi innovativi. Ora, emerge un ridimensionamento del campeggio-glamping, con qualche casetta di legno in meno rispetto alle quaranta previste inizialmente e la rinuncia al piccolo centro Wellness.

Promotori della petizione dubbiosi

Dal canto suo, l’associazione XCarona ribadisce quanto già sottolineato nella petizione, ossia che non condivide il principio stesso del Glamping, che toglie uno spazio comune nonché un servizio molto apprezzato dalla popolazione (famiglie luganesi e di tutto il Sottoceneri) per darlo in concessione ai privati per 40 anni: una soluzione "incomprensibile, sbagliata e contraria agli interessi della popolazione". L’esecutivo ha invece più volte spiegato che la Città intende salvaguardare non solo la struttura, ma anche rafforzare Carona come meta turistica per tutte le età, quale spazio di svago e per il tempo libero. Una struttura che, assieme al Parco San Grato, il cui passaggio di proprietà dall’ente turistico alla Città di Lugano sta andando di traverso alle commissioni del Consiglio comunale, potrebbe generare un indotto economico non irrilevante.

Leggi anche:

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Carona: 2’465 no alla privatizzazione della piscina

Carona, una piscina bio e un villaggio glamping

Scelto il progetto per la nuova piscina di Carona

Carona, 'la piscina resterà aperta a tutti'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved