ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
10 min

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del CdA Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
13 min

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Ticino
25 min

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
29 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
48 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
53 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
1 ora

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
1 ora

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
1 ora

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
06.10.2021 - 12:06
Aggiornamento: 15:40

Carona: 2’465 no alla privatizzazione della piscina

Consegnata in cancelleria a Lugano la petizione che chiede al Municipio di abbandonare il progetto da 7 milioni e ‘rilanciare la struttura per la collettività’

di Guido Grilli
carona-2-465-no-alla-privatizzazione-della-piscina
TI-PRESS
La consegna delle firme

No a un villaggio turistico a 5 stelle ‘Glamping’ rivolto principalmente al turismo d’Oltralpe. Sono ben 2’465 le firme raccolte in poche settimane e consegnate oggi in tarda mattinata a Palazzo civico, alla cancelleria di Lugano, dagli autori della ‘Petizione contro la privatizzazione della piscina di Carona’.

L’oggetto della discordia

Il tema della discordia riguarda il progetto per il quale la Città, “come unica alternativa alla chiusura della piscina“ - sostengono i petenti - intende investire 7 milioni di franchi, 6 dei quali a carico della cittadinanza. Questo uno degli argomenti posti in rilievo dai firmatari. Ma non solo: “Il partner privato - il Touring Club Svizzero - parteciperà con un solo milione all’investimento in cambio del diritto esclusivo di superficie (in pratica la proprietà) per i prossimi 40 anni”. Dal canto suo, la municipale Cristina Zanini, lo scorso agosto aveva tuttavia sottolineato che la proprietà rimarrà in mano alla Città, evidenziando che la struttura balneare “resterà aperta a tutti”. Per gli autori della petizione, c’è anche un tema legato al territorio che spinge a dire no al ‘Glamping’: “Il progetto prevede la costruzione di circa 35 bungalow che verranno inseriti nella zona più pregiata del comparto che, di fatto, non sarà più disponibile per gli utenti della piscina. La piscina, così come conosciuta finora, smetterà quindi di esistere”. La petizione chiede in conclusione di abbandonare il progetto e di rilanciare la grande struttura pubblica a favore della collettività. Non solo: “XCarona, promotrice della petizione, auspica che finalmente il Consiglio comunale approfondisca le numerose criticità di questo controverso progetto e sappia dare risposte più esaustive ai cittadini di Lugano in merito a: sostenibilità dell’investimento, opportunità del partenariato pubblico-privato, modifica del Piano regolatore e della destinazione d’uso, impatto ambientale, privazione di un servizio ai cittadini ecc...”. “La piscina di Carona è un prezioso servizio che non deve essere ceduto a privati bensì valorizzato e rilanciato a favore della collettività. L’unicità del luogo, le sue peculiarità e le sue potenzialità devono essere messe a disposizione dei cittadini e a favore del pubblico interesse”.

Tra i contrari diverse personalità

Tra i sostenitori della petizione, i promotori contano soddisfatti su alcune personalità di spicco: Sergio Rossi, professore di economia all’Università di Friborgo; Graziano Pestoni dell’Associazione per la difesa del servizio pubblico e Benedetto Antonini, per la Società ticinese per l’arte e la natura. Insomma, il tema sembra valer bene un dibattito che non mancherà di occupare l’agenda politica dei prossimi mesi.

Leggi anche:

Piscina di Carona, partita la petizione contro il glamping Tcs

Carona, 'la piscina resterà aperta a tutti'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved