carona-2-465-no-alla-privatizzazione-della-piscina
TI-PRESS
La consegna delle firme
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 min

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e lacuale.
Bellinzonese
22 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
06.10.2021 - 12:06
Aggiornamento : 15:40

Carona: 2’465 no alla privatizzazione della piscina

Consegnata in cancelleria a Lugano la petizione che chiede al Municipio di abbandonare il progetto da 7 milioni e ‘rilanciare la struttura per la collettività’

No a un villaggio turistico a 5 stelle ‘Glamping’ rivolto principalmente al turismo d’Oltralpe. Sono ben 2’465 le firme raccolte in poche settimane e consegnate oggi in tarda mattinata a Palazzo civico, alla cancelleria di Lugano, dagli autori della ‘Petizione contro la privatizzazione della piscina di Carona’.

L’oggetto della discordia

Il tema della discordia riguarda il progetto per il quale la Città, “come unica alternativa alla chiusura della piscina“ - sostengono i petenti - intende investire 7 milioni di franchi, 6 dei quali a carico della cittadinanza. Questo uno degli argomenti posti in rilievo dai firmatari. Ma non solo: “Il partner privato - il Touring Club Svizzero - parteciperà con un solo milione all’investimento in cambio del diritto esclusivo di superficie (in pratica la proprietà) per i prossimi 40 anni”. Dal canto suo, la municipale Cristina Zanini, lo scorso agosto aveva tuttavia sottolineato che la proprietà rimarrà in mano alla Città, evidenziando che la struttura balneare “resterà aperta a tutti”. Per gli autori della petizione, c’è anche un tema legato al territorio che spinge a dire no al ‘Glamping’: “Il progetto prevede la costruzione di circa 35 bungalow che verranno inseriti nella zona più pregiata del comparto che, di fatto, non sarà più disponibile per gli utenti della piscina. La piscina, così come conosciuta finora, smetterà quindi di esistere”. La petizione chiede in conclusione di abbandonare il progetto e di rilanciare la grande struttura pubblica a favore della collettività. Non solo: “XCarona, promotrice della petizione, auspica che finalmente il Consiglio comunale approfondisca le numerose criticità di questo controverso progetto e sappia dare risposte più esaustive ai cittadini di Lugano in merito a: sostenibilità dell’investimento, opportunità del partenariato pubblico-privato, modifica del Piano regolatore e della destinazione d’uso, impatto ambientale, privazione di un servizio ai cittadini ecc...”. “La piscina di Carona è un prezioso servizio che non deve essere ceduto a privati bensì valorizzato e rilanciato a favore della collettività. L’unicità del luogo, le sue peculiarità e le sue potenzialità devono essere messe a disposizione dei cittadini e a favore del pubblico interesse”.

Tra i contrari diverse personalità

Tra i sostenitori della petizione, i promotori contano soddisfatti su alcune personalità di spicco: Sergio Rossi, professore di economia all’Università di Friborgo; Graziano Pestoni dell’Associazione per la difesa del servizio pubblico e Benedetto Antonini, per la Società ticinese per l’arte e la natura. Insomma, il tema sembra valer bene un dibattito che non mancherà di occupare l’agenda politica dei prossimi mesi.

Leggi anche:

Piscina di Carona, partita la petizione contro il glamping Tcs

Carona, 'la piscina resterà aperta a tutti'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carona firme petizione piscina privatizzazione
TI-PRESS
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved