ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
9 min

Mendrisio rivede verso il basso il costo dei sacchi dei rifiuti

Da gennaio le tasse causali incideranno meno sul budget famigliare. Pubblicata l’Ordinanza rivisitata
Bellinzonese
21 min

Ospedali di valle, associazione in assemblea a Biasca

All’ordine del giorno il cambio di presidenza e la decisione sul testo conforme dell’iniziativa ‘Per cure mediche e ospedaliere di prossimità’
Locarnese
27 min

Cevio, due ‘no’ nel voto referendario per scuole e terreno

Alta la partecipazione al voto: del 71,55%. Bocciate entrambe le risoluzioni che il Consiglio comunale aveva adottato il 20 giugno
Grigioni
33 min

Lostallo e Castaneda nel segno della continuità

Nel primo Comune il Municipio è stato riconfermato in blocco, nel secondo con la novità di Davide Salvanti
Locarnese
59 min

Scontro con un’auto di grossa cilindrata: la moto sul cofano

Sul posto, in via Luini a Locarno, agenti della Polizia in quello che è un incidente le cui informazioni sono ancora frammentarie
Mendrisiotto
1 ora

Il ‘Natale a Mendrisio’ moltiplica i mercatini

Più possibilità espositive per commercianti, artigiani e hobbisti. Gli eventi si concentreranno in Piazza del Ponte
Ticino
2 ore

I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’

L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Mendrisiotto
2 ore

I Moka People tornano al Mulino del Daniello

In programma una tre giorni fra arte, musica, proposte d’intrattenimento e momenti di ristoro
13.09.2022 - 11:13
Aggiornamento: 19:25

Truffa del falso operatore sanitario: un arresto nel Luganese

L’uomo si spacciava per un operatore sanitario chiedendo alle vittime del raggiro del denaro per le cure a un parente presunto vittima di un incidente

truffa-del-falso-operatore-sanitario-un-arresto-nel-luganese
Ti-Press

C’è un arresto nell’ambito delle indagini della Polizia cantonale sulla recrudescenza del fenomeno delle truffe telefoniche, nella versione "riveduta e corretta" del falso incidente e del presunto operatore sanitario. Il 9 settembre a Lugano è stato arrestato, in flagranza di reato, un 27enne cittadino polacco residente in Polonia. L’arresto è stato possibile grazie all’intensa attività investigativa avviata dalla Polizia cantonale (con il supporto tecnico della Polizia Città di Lugano) subito dopo la nuova ondata di tentativi di raggiro. Fondamentale è stata anche la segnalazione/collaborazione di una cittadina, avvenuta a seguito delle comunicazioni mediatiche effettuate nei giorni scorsi.

L’uomo è sospettato d’aver preso parte a una truffa del "falso operatore sanitario". In base alle ricostruzioni, il modus operandi ricalca quello evidenziato a più riprese in passato nelle truffe del falso nipote e del falso poliziotto ai danni soprattutto di anziani. Gli autori, spacciandosi in questo caso per una persona attiva in campo medico, chiedono con insistenza un’importante somma di denaro necessaria a coprire le cure di un parente incorso in un incidente della circolazione, in un infortunio di altra natura o in una grave malattia. Facendo leva sullo scarso tempo a disposizione (poche ore vista la gravità della situazione), mettono pressione sulla vittima e la spronano a immediatamente effettuare il prelevamento. Diverse decine di migliaia di franchi che una terza persona passerà poi a ritirare. La polizia precisa che le telefonate giungono in prevalenza su telefoni fissi e, laddove è presente un display sull’apparecchio, il numero chiamante appare come "sconosciuto". L’ipotesi di reato nei confronti del 27enne è di ripetuta truffa aggravata consumata e tentata. L’inchiesta è coordinata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

La polizia ribadisce i consigli per non incappare in questo genere di truffe:

  • Essere sempre diffidenti quando si ricevono chiamate con richieste di denaro.
  • Non citare mai il nome dei parenti al telefono. Specificare che in casi d’emergenza bisogna dapprima consultarsi con qualcun altro e interrompere subito la conversazione telefonica. Poi contattare un parente che si conosce bene e di fiducia con cui verificare le informazioni.
  • Non consegnare mai denaro o oggetti di valore a sconosciuti.
  • Non dare a nessuno informazioni sui propri averi, né su quelli che si hanno in casa o in banca.
  • Se una chiamata sembra sospetta informare subito la polizia, telefonando al 117 (numero d’emergenza).
  • Informare parenti e conoscenti sensibilizzandoli dell’esistenza di questo tipo di truffa.

Leggi anche:

Torna (riveduta e corretta) la truffa del falso incidente

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved