ULTIME NOTIZIE Cantone
Chiasso
1 ora

Interrogazione al Municipio sulla vicenda del pianista ucraino

Il consigliere comunale Marco Ferrazzini (Us-Verdi-Indipendenti) chiede lumi sulla sostituzione dell’artista da parte dell’Osi
Campione d'Italia
1 ora

È vicina la vendita di uno degli stabili di proprietà comunale

Sarà probabilmente l’immobile che ospitava gli uffici della Polizia dell’enclave
Mendrisiotto
2 ore

Due arresti per la tentata rapina a Coldrerio

Un 18enne era stato aggredito lunedì pomeriggio. I presunti autori del gesto avrebbero provato a rubargli il cellulare.
Bellinzonese
2 ore

Il Carnevaa di Goss di Sant’Antonino compie 50 anni

La manifestazione si terrà dal 16 al 19 febbraio nel capannone ex pista di ghiaccio
Bellinzonese
3 ore

La sezione La Turrita del Centro si riunisce a Bellinzona

Appuntamento per lunedì 6 febbraio alle 20 al Ristorante Unione
Bellinzonese
3 ore

Pomeriggio di ballo liscio in compagnia dell’Atte Leventina

Appuntamento in programma giovedì 2 febbraio dalle 14 presso ristorante Alla Botte di Pollegio
Bellinzonese
3 ore

Preso a calci da 20 giovani? ‘No, una lite per degli occhiali’

Cadenazzo: la polizia e il gerente di un bar ridimensionano la notizia (preoccupante se fosse confermata) pubblicata stamane da un portale
Luganese
3 ore

Incontro di meditazione a Pambio Noranco

L’appuntamento è lunedì 6 febbraio alle 20.30 presso il centro Serrafiorita
Bellinzonese
3 ore

Cresciano, inaugurazione della sala multiuso e tombola

Appuntamento in programma domenica 5 febbraio presso il campo sportivo in compagnia di... Yor Milano
Bellinzonese
3 ore

I numeri vincenti della lotteria del carnevale di Cadenazzo

I cinque fortunati possono scrivere a carnevale.cadenazzo@gmail.com per ritirare il loro premio
Luganese
3 ore

Tentata rapina a Ponte Tresa, due arresti

In relazione ai fatti, in manette sono finiti due giovani domiciliati nel Luganese, già fermati ieri dal personale delle dogane
Mendrisiotto
5 ore

Sei itinerari tematici per i parchi insubrici

Il progetto Insubriparks coinvolge, tra gli altri, il Parco del Penz, nonché quello delle Gole della Breggia
Luganese
8 ore

Ex maestro di Montagnola: riflessione aperta sul terzo grado

Dopo l’assoluzione in Appello, con il ribaltamento della condanna in Pretura penale, le motivazioni della Corte su ‘concreto pericolo’ e perizia
Locarnese
8 ore

Negozio alimentari e Posta: ‘Gordola può star tranquilla’

Il vicesindaco René Grossi, da proprietario dell’immobile interessato, risponde alle critiche preventive di Plr e Verdi Liberali
Mendrisiotto
14 ore

A Mendrisio Massimo Cerutti lascia il Plr

Il municipale divorzia dalla sezione del partito. Sarà indipendente. La settimana scorsa il Municipio lo ha esonerato dalla regia del dicastero Aim
Ticino
15 ore

Giudice supplente, proposta l’elezione di Federica Dell’Oro

Così la commissione Giustizia e diritti. La parola al plenum del Gran Consiglio
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio fa un passo avanti sul sentiero del Laveggio

Il Consiglio comunale vota all’unanimità i fondi per completare i camminamenti lungo il fiume, nel solco di un parco intercomunale
Ticino
16 ore

Rielezione toghe, correttivi per scongiurare un nuovo 2020

La commissione firma il rapporto stilato da Pagani: ‘Il Consiglio della magistratura si doti di un regolamento ed espliciti il diritto di essere sentito’
Mendrisiotto
17 ore

Coldrerio, un 18enne aggredito e picchiato da due persone

Funziona il dispositivo di ricerca della polizia: fermati gli autori del tentativo di rapina. La loro posizione è al vaglio degli inquirenti
Luganese
17 ore

La Città lancia un percorso formativo rivolto ai commercianti

Lugano Living Lab promuove un incontro all’ex asilo Ciani per far conoscere le ‘opportunità’ e favorire una digitalizzazione alla portata di tutti
Ticino
17 ore

Superamento dei livelli, un accordo che sembra avere i numeri

Firmato a maggioranza il rapporto commissionale che propone una sperimentazione su base volontaria con vari modelli di codocenza. In parlamento a febbraio
Luganese
18 ore

Christian Vitta e Raffaele De Rosa a confronto a Massagno

I due consiglieri di Stato parleranno delle sfide dei rispettivi Dipartimenti. L’evento è in agenda il 5 febbraio al Cinema Lux e al Salone Cosmo
Luganese
19 ore

Caslano incontra i propri 18enni

Ventidue i giovani nati nel 2005 che hanno partecipato all’evento organizzato con l’autorità comunale
05.09.2022 - 21:27
Aggiornamento: 23:19

Plr Lugano: Alessandra Gianella è il nome per il governo

L’attuale capogruppo in Gran consiglio, oltre a ricandidarsi per il legislativo cantonale, è la scelta della sezione per il Consiglio di Stato

plr-lugano-alessandra-gianella-e-il-nome-per-il-governo
Ti-Press
Oggi capogruppo in Gran consiglio, domani consigliera di Stato?

È Alessandra Gianella il nome della sezione di Lugano del Partito liberale-radicale (Plr) per il Consiglio di Stato (Cds). La notizia è stata data stasera, durante la Direttiva sezionale, che come piatto forte dell’incontro aveva la presentazione dei dodici candidati per il Gran consiglio (Gc). Fra questi anche Gianella, che oltre a cercare il terzo mandato nel legislativo cantonale – dove da quasi tre anni è capogruppo Plr –, ha dunque dato disponibilità per la corsa al governo alle prossime elezioni cantonali, anche se per ora solo alla sezione in attesa di incontrare la commissione cerca.

Mobilità, stoccata al Dt

La 36enne ha preso parola, brevemente come gli altri candidati al Gc, per parlare dei temi che maggiormente le stanno a cuore: formazione, mercato del lavoro e fiscalità. A quest’ultimo proposito, «speriamo di riuscire a portare avanti nei prossimi mesi la revisione legge tributaria per rendere più attrattiva l’imposizione per i contribuenti più importanti proposta un anno fa», ha ricordato. Si ripresentano anche gli uscenti Fabio Schnellmann e Natalia Ferrara. Il primo non ha risparmiato una stoccata al Dipartimento del territorio su alcuni grandi temi legati alla mobilità, come il Tram-treno del Luganese e il Potenziamento dell’A2 fra Lugano e Mendrisio («progetti fermi perché è mancata la condivisione iniziale, non si fa così»), mentre la seconda ha smentito di essere stata chiamata per il Cds. «La politica appiattita a gestione corrente non è politica, ma contabilità. Vorrei portare il mio contributo con entusiasmo, impegno, energia, per crescere e convincere. Il Plr di Lugano può tornare a dare la spinta all’intero partito» ha aggiunto, ricordando i temi per lei rilevanti: occupazione, fiscalità, viabilità, conciliabilità.


Da sin: Tettamanti, Unternährer, Gianella, Gabella, Barchi, Schnellmann, Staderini, Togni, Chiappini e Caizza. Assenti Cattaneo e Ferrara

Ferrara e il (quasi) ritiro di Unternährer

Tra gli altri nomi noti in lista, Ferruccio Unternährer, che ha ammesso che proprio la notizia del trasferimento di Ferrara, ha fatto vacillare la sua convinzione a candidarsi. «Tutti partecipano per vincere, ero pronto a ritirarmi – ha detto –. Poi, dopo averne parlato con Paolo (Morel, ndr) ho ritenuto fosse poco signorile mettersi a disposizione solo a determinate condizioni, sarebbe stato un brutto esempio anche per le nuove leve. Quindi mi sono messo gioco con spirito di dedizione per una lista forte e di qualità». Oltre a Unternährer, da vent’anni in Consiglio comunale e con un passato da municipale a Pregassona, in campo anche Luca Cattaneo, che con un videosaluto in grigioverde ha ricordato l’importanza della politica di milizia e dichiarato di volersi mettere a disposizione per il legislativo cantonale, dopo un’ormai lunga esperienza in quelli di Carona prima e di Lugano poi.

Dallo spirito di servizio alla difesa dei valori

Non consiglieri, ma già in lista per le comunali, Innocenzo Caizza e Carola Barchi. Più volte lui, una sola volta nel 2021 lei, Caizza è anche presidente della sezione Plr di Besso. L’assicuratore ha parlato di spirito di servizio nei confronti del partito e della comunità, nonché di responsabilità verso la cosa pubblica, mentre l’architetta di una politica basata su «partecipazione, discussione, confronti, visioni, progettualità, difesa dei valori, in contrapposizione alle campagne basate su simpatia, aperitivi e sparate populiste» e ricordando il ruolo avuto dal Plr nella costruzione del Ticino moderno, «con una socialità innovativa e un sistema scolastico che è un modello vincente». Dalle fila dell’Ufficio presidenziale proviene invece Luisa Tettamanti, responsabile amministrativa de La Fonte, che ha ammesso di aver sciolto le riserve solo ieri sera dopo alcuni tentennamenti, «perché è giusto mettersi in gioco per cambiare le cose, soprattutto le donne».

I giovani, gli imprenditori

Donne, come Fosca Chiappini, che ha aperto (in ordine alfabetico) le candidature dei personaggi meno noti, quantomeno a livello politico. Di origini locarnesi come Gianella, la 32enne da vent’anni vive a Lugano ma dopo è tornata a legarsi alla città d’origine dato che dal 2020 è assistente di contabilità e finanze del Film Festival Locarno e si presenta «per dare un altro punto di vista», in particolare su lacune scolastiche e sociali dei più giovani. Il più giovane dei candidati invece è Luca Staderini, non ancora 30 anni, attivo politicamente nei giovani Plr del Luganese e professionalmente in ambito alberghiero. «Una professione poco rappresentata a Bellinzona – ha evidenziato –, considerato che il 10% circa del Pil cantonale arrivata dal turismo». E di economia, inevitabilmente, hanno parlato anche i due imprenditori in lista: Dario Gabella e Andrea Togni. «Credo sia necessario lavorare sulle condizioni quadro per permettere alle piccole e medie imprese di lavorare in maniera più snella» ha detto il primo, sottolineando come fra i suoi interessi vi siano anche i temi dello sviluppo sostenibile che comprendono le responsabilità sociale, economica e ambientale. «Sono un cattolico, moderatamente nazionalista, profondamente liberale – si è presentato invece il secondo –. Credo sia fondamentale avere un centro politico forte: se non si trovano i compromessi al centro, non si riescono a portare avanti i progetti. Bisogna lavorare per diminuire la burocrazia che attanaglia l’economia, senza un’economia forte non si può avere una socialità forte».

Anche Morel disponibile per il Consiglio di Stato

Questi in estrema sintesi i profili dei candidati luganesi al Gc, che tuttavia dopo aver ottenuto il via libera della Direttiva dovranno essere approvati anche dall’assemblea in programma il 26 settembre nell’aula magna dell’Usi. «Tanta umanità, tanta competenza», ha commentato il presidente sezionale Paolo Morel che si è assunto da solo l’onere di cercare i candidati senza costituire una commissione cerca. Peraltro, Morel stesso è stato contattato dal presidente cantonale in vista di aprile 2023 e ha dato la propria disponibilità, ma limitatamente al CdS. «Non avevo immaginato che potesse essere un lavoro tanto impegnativo. Sono state contattate 67 persone, tante hanno detto di no. La maggior parte per motivi di tempo, altri per gli aspetti finanziari: il costo della campagna e le remunerazioni che non compensano il mancato guadagno professionale. Sono aspetti sui quali dovremo riflettere».

Viscardi: ‘Siate a disposizione del prossimo’

Spazio, infine, anche per omaggiare la decana luganese a Palazzo delle Orsoline: Giovanna Viscardi, che avendo raggiunto il limite massimo di legislature non si ripresenterà. «La politica fa bene quando la si fa onestamente e con il cuore – ha detto –. Questo partito ultimamente era addormentato e invece ho visto un entusiasmo e una scintilla che mi fanno bene sperare per il futuro. Ricordo, soprattutto ai giovani, che fare politica significa essere a disposizione del prossimo, perché si vuole contribuire al bene pubblico. Imparate a mettere voi stessi in secondo piano. E non abbiate paura di portare avanti i vostri principi e le vostre idee, anche litigando, senza farvi influenzare dalle opinioni altrui».

Leggi anche:

Natalia Ferrara a Lugano: ‘Il mio impegno non mancherà’

Giovanna Viscardi non si ricandida e si leva qualche sassolino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved