ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
52 min

‘I detenuti con misure terapeutiche vanno adeguatamente seguiti’

La richiesta al governo delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’ è ora nero su bianco. La mozione firmata da tutti i gruppi parlamentari
Ticino
1 ora

‘Avanti’, la porta è aperta a tutti

Presentato il nuovo movimento fondato da Mirante e Roncelli dopo le dimissioni dal Partito socialista. ‘Una forza di centro sinistra, moderna e aperta’
Luganese
2 ore

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
2 ore

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
3 ore

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
3 ore

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
3 ore

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
3 ore

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
4 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
4 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
4 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
4 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
4 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
5 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
5 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
5 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
12.08.2022 - 05:10
Aggiornamento: 19:47

Rovio, gli amici del giovane: ‘Famiglia disagiata’

‘È vero ha delle dipendenze, ma fra i due la persona più pericolosa è il padre, è stato spesso violento’. Parlano gli amici del 22enne colpito ad Agno.

rovio-gli-amici-del-giovane-famiglia-disagiata
Ti-Press
Via Aeroporto ad Agno, dove si sarebbe consumata la sparatoria domenica scorsa

«Fra i due, la persona più pericolosa è il padre». Il grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno, dove un 22enne è rimasto ferito da uno sparo partito dal fucile del padre 49enne, continua a far discutere. A essersi rivolti alla nostra redazione sono stavolta degli amici del giovane (nomi noti alla redazione), che contestano quantomeno parzialmente il quadro sin qui dipinti da altre fonti vicine alla famiglia. «È vero – ci dice un amico – che (il 22enne, ndr) rubava, si dice che abbia commesso piccoli furti anche nel suo paese (Rovio, ndr), ma lo faceva perché aveva delle dipendenze. In realtà è un buono, la cosa grave è che il padre abbia sparato al figlio e che avesse a casa un fucile modificato. Se si è disperati, si cerca di aiutare il proprio figlio e non di cacciarlo di casa».

‘La droga? Girava già a casa’

In un contesto molto delicato, e di indagini ancora alle prime battute, gli amici dell’aggredito desiderano quindi rimettere in un certo senso il campanile al centro del paese, dal loro punto di vista. Portare la propria versione dei fatti e, in tal modo, manifestare il proprio supporto all’amico. E in particolare evidenziare il presunto grave disagio sociale nel quale vivevano la vittima e la famiglia. «Non andava d’accordo coi genitori, erano frequenti anche le liti con la madre e il padre lo picchiava e lo buttava fuori di casa spesso – ci dice un altro amico –. Gira persino voce che una volta l’abbia buttato giù dal balcone e un altra ancora colpito in testa con un attrezzo da lavoro. Io non ero presente, ma sono cose che tutti sapevano nella zona, da anni. Come tutti sapevano anche delle dipendenze dei genitori. Lui è cresciuto in una famiglia nella quale era presente molto disagio. Questo lo ha portato a essere così. Consuma droga, è vero, ma l’ha vista a casa sua per la prima volta».

Il padre? ‘Scatti d’ira, ultimamente lo si vedeva con un’espressione strana’

«Con il padre le litigate spesso degeneravano in botte – conferma un’altra testimonianza –. Ma mentre lui (il 22enne, ndr) era un buono, anche se con la personalità modificata dalle dipendenze, il padre aveva atteggiamenti violenti. E quel che ci fa pensare è che in alcune situazioni, li abbia avuti anche in pubblico». Uno di questi casi, sarebbe avvenuto non molto tempo fa, a giugno, nei pressi del bar San Marino di Melano, dal quale, secondo informazioni non confermate, il 49enne sarebbe stato persino diffidato. Lì ci sarebbe stata una violenta lite che avrebbe coinvolto il padre e dei giovani, al termine della quale il 22enne sarebbe stato nuovamente picchiato e buttato fuori casa, secondo gli amici. «Questo capitava spesso. Il padre aveva degli scatti d’ira, un linguaggio spesso sconveniente, ultimamente lo si vedeva con un’espressione strana, come arrabbiata».

‘Difficoltà finanziarie in famiglia’

Mentre già nei giorni scorsi era emerso che anche il padre avesse problemi di droga e fosse noto alle autorità, secondo gli amici del giovane i problemi non si limiterebbero a questo: «La famiglia aveva anche difficoltà finanziarie e nell’ultimo periodo non sarebbero stati regolari nel pagamento dell’affitto di casa». Un tassello che, se confermato, andrebbe a unirsi al quadro già raccontato dalle fonti vicine alla famiglia, secondo le quali il movente dell’aggressione sarebbe proprio finanziario: la rabbia del padre sarebbe dovuta a un furto del figlio a casa della nonna paterna. E mentre dopo i fatti nessuno degli amici da noi sentiti ha avuto contatti con il giovane («gli abbiamo scritto, ma non ci ha risposto»), un paio di loro l’hanno visto pochi giorni prima di domenica. «Ci siamo visti sul bus – dice un’amica –, abbiamo parlato del caldo, del più e del meno, l’ho trovato centrato». «Io l’ho incontrato una sera in giro. Era ben vestito, con una giacca elegante, non era messo male. Nulla lasciava presagire cosa sarebbe successo».

‘La situazione della famiglia era nota a molti. Perché non si è intervenuto?’

Eppure, «questa situazione si conosce da anni. Come è possibile che nessuno sia mai intervenuto?». Appunto, com’è possibile? «La situazione era nota in valle – precisa un testimone –, ma non si pensava che si sarebbe arrivati a questo punto. Si tendeva a giustificare. In paese si dice che anni fa era stata allertata un’assistente sociale, ma poi era finita in nulla». «È pieno di situazioni come questa in Ticino – aggiunge un’altra –. Situazioni che possono risolversi prima che degenerino, e anche questa lo era, perché i problemi di dipendenze della famiglia erano noti. Ma si è aspettato che capitasse il casino e questo non va bene».

Interrogativi importanti, come lo sono quelli ai quali stanno cercando di rispondere in questi giorni gli inquirenti. Le indagini, coordinate dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, proseguono in questi giorni con gli interrogatori. Non agevolati dalle ancora difficili condizioni di salute del giovane, sempre ricoverato alle cure intense sebbene ormai fuori pericolo. Le accuse mosse nei confronti del 49enne, ricordiamo, sono di tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio, nonché infrazione alla Legge federale sulle armi.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved