ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 min

Bellinzona omaggia le associazioni locali

La Città ha ricevuto giovedì scorso circa 80 volontari attivi in varie realtà che si impegnano per la collettività
Luganese
32 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
4 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
13 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
16 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
16 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
17 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
18 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
10.08.2022 - 15:05
Aggiornamento: 18:12

L’eredità del padre sparita: ‘Lui col fucile voleva spaventarlo’

Tentato assassinio di Agno: il 22enne giovedì avrebbe sottratto la somma alla nonna ed è scomparso. La disperata ricerca da parte del padre e gli spari

di Guido Grilli
l-eredita-del-padre-sparita-lui-col-fucile-voleva-spaventarlo
Ti-Press
Via Aeroporto, ad Agno, in cui è avvenuto il fatto di sangue

Disperazione. Se c’è una parola, è questa quella che più di tutte può riassumere il caso di tentato assassinio avvenuto domenica mattina ad Agno. Disperazione di un padre. Disperazione di un figlio. L’intera vicenda però ha inizio tre giorni prima, giovedì, quando il 22enne di Rovio – tuttora ricoverato in cure intensive all’ospedale Civico di Lugano, ma fortunatamente fuori pericolo – approfittando dell’assenza da casa di sua nonna si sarebbe intrufolato nell’abitazione, forzando la tapparella di una finestra lasciata aperta, impossessandosi di una cassetta di ferro, che conteneva i risparmi di una vita dell’anziana – poco meno di 70mila franchi, che, se ancora si trovassero, dopo l’immediata denuncia sporta alla polizia dalla donna, spetterebbero quale eredità al 49enne e a suo fratello e una piccola parte alla mamma del ragazzo, destinata al sostentamento di quest’ultimo. Questa, apprendiamo, era da sempre la volontà della nonna del giovane e che mai poteva immaginarsi un epilogo tanto tragico.

Il 49enne di Rovio cercava il figlio da tre giorni dopo la denuncia in polizia

Da nostre fonti vicine alla famiglia, la sparizione di quella cospicua somma rappresenterebbe non solo il movente del fatto di sangue, ma pure la miccia che ha fatto esplodere rapporti parentali contraddistinti da una tensione altissima, costante, interminabile. Il giovane, da quattro anni, dopo aver conseguito il diploma di selvicoltore (talora lavorava anche con suo padre giardiniere) non dava pace ai genitori. È caduto in una grave tossicodipendenza – cocaina, che mischiava con farmaci, metadone, ecstasy e alcol, un vano tentativo di collocamento in una comunità – e, senza una occupazione, era alla continua ricerca di soldi che in parte i familiari gli avrebbero dato, fino a quell’ultima goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso: il furto di quel "tesoro" che sua nonna custodiva in casa. Il sospetto che l’autore dell’indebita appropriazione sia il 22enne appare nella stessa denuncia (tutto da verificare) tanto che la notizia è giunta rapidamente alle orecchie del padre. Di qui la mobilitazione del 49enne, che si è messo alla disperata ricerca del figlio, in tutti i luoghi in cui era solito andare – dormiva da diversi amici, da Airolo a Chiasso – per chiedergli conto di quei soldi, che potrebbero già essere stati spesi e dunque perduti per sempre.

Oggi gli inquirenti ascolteranno la versione del 22enne, tuttora in cure intensive

Il seguito lo si conosce. Il 49enne, partito domenica da casa in Scooter con un fucile Flobert calibro 22 (nella sua abitazione ne avrebbe avuti altri, nel frattempo sequestrati dalla polizia) si è recato ad Agno, in via Aeroporto, al domicilio di un’amica del ragazzo, dove avrebbe trascorso l’ennesima notte fuori casa. Immagine di un padre disperato – dicono le nostre fonti – che mai avrebbe voluto colpire con un proiettile calibro 22 suo figlio, ma piuttosto spaventarlo, "dargli una lezione". Eppure è accaduto. E ora gli inquirenti – l’inchiesta penale promossa dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo contro il 49enne è per tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio e infrazione alla legge federale sulle armi – dovranno approfondire la vicenda che vede il 49enne da domenica pomeriggio rinchiuso nel carcere giudiziario La Farera, dopo aver atteso al suo domicilio di Rovio l’arrivo degli agenti e l’arresto. Intanto, dopo che il magistrato ha presentato ieri l’istanza di carcerazione al giudice dei provvedimenti coercitivi (Gpc) oggi lo stesso dovrebbe disporre – l’atto appare scontato – la conferma dell’arresto. La durata sarà con tutta probabilità di tre mesi (il massimo previsto), periodo che poi potrà essere ulteriormente prorogato per esigenze di inchiesta dalla procuratrice pubblica, titolare delle indagini, che procedono a tambur battente. Un’inchiesta che a breve vedrà pure l’interrogatorio della madre dell’autore del fatto di sangue, nonché nonna del 22enne, che già la scorsa settimana si è presentata in Procura per la denuncia del furto di 70mila franchi nella sua abitazione.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved