ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
16 min

Bellinzona-Locarno, dacci il nostro cantiere quotidiano

La cantonale di sponda destra è diventata negli ultimi due anni una via crucis. La mappa dei lavori che terminano, che tornano e che sono previsti
Bellinzonese
10 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
10 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
11 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
11 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
11 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
11 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
11 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
12 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
09.08.2022 - 18:10
Aggiornamento: 21:48

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente

rovio-il-movente-sarebbe-il-furto-del-figlio-alla-nonna-paterna
Ti-Press/Archivio
Domenica pomeriggio la polizia ha posato anche la striscia chiodata in Val Mara

Sarebbe legato al furto di 80’000 franchi, denaro sparito dalla casa di Gravesano della nonna paterna, uno dei motivi, forse quello principale, del fatto di sangue avvenuto domenica in via Aeroporto ad Agno. Un furto che avrebbe scatenato la reazione violenta e incontrollata del genitore. Tanto da spingere l’uomo, 49enne, a sparare dal suo Flobert calibro 22, a canna mozza, arma rinvenuta ieri dagli agenti della Polizia cantonale, due colpi, uno dei quali ha raggiunto il discendente diretto alla schiena, sotto la scapola. Secondo nostre informazioni, questo il retroscena dell’increscioso episodio successo ad Agno due giorni fa.

La versione del 49enne (tutta da verificare)

I soldi – i risparmi di una vita – sono effettivamente spariti dalla casa della nonna paterna. La donna ha sporto denuncia in polizia giovedì scorso. Sono così scattati da parte delle forze dell’ordine i primi accertamenti, che avrebbero portato a sospettare del 22enne. Suo padre, sentito dagli investigatori in seguito al fermo per il sanguinoso episodio, avrebbe affermato di ritenere che quella somma di denaro, della quale hanno parlato la Rsi e il CdT, potesse essere nelle mani degli amici del figlio. Domenica scorsa sarebbe quindi andato a cercare questi giovani, portando con sé l’arma, per eventualmente, a suo dire, difendersi. Così, almeno, avrebbe riferito nel corso delle sue prime dichiarazioni agli inquirenti. Avrebbe cercato queste persone, prima in un’abitazione di Capolago, dove ogni tanto trascorreva la notte il 22enne, poi ad Agno, dove lo ha rintracciato. Nella discussione intercorsa tra padre e figlio, i due colpi sarebbero partiti accidentalmente, stando sempre alla versione del genitore, uno dei quali ha raggiunto il figlio mentre era girato e se ne stava andando. Un colpo alla schiena, sotto la scapola, che ha ferito gravemente il giovane. Una versione dei fatti, quella del 49enne, tutta da verificare da parte degli investigatori coordinati dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’inchiesta. Il 22enne, le cui condizioni di salute stanno lentamente migliorando, è possibile che venga sentito già domani dagli inquirenti.

In paese non si parla d’altro

In paese a Rovio, in questi giorni, non si parla d’altro ed è pure emersa questa informazione che evoca il movente legato ai furti. Non era un segreto che tra padre e figlio ci fossero tensioni da diverso tempo. Intanto, l’uomo, che aveva avviato un’attività di giardiniere, alla quale collaborava saltuariamente anche 22enne, è stato nuovamente interrogato oggi. Nel frattempo si sta pian piano diradando la nebbia sui motivi che avrebbero originato lo sparo contro il figlio da parte del padre, che si trova in stato di detenzione alla Farera accusato di tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio e infrazione alla Legge federale sulle armi.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved