ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
46 min

Val Calanca isolata: ‘Ci vorranno giorni per liberare la strada’

Si annuncia lunga l’operazione di sgombero della frana caduta questa mattina sulla strada cantonale tra Castaneda e Buseno. Nessun ferito, ingenti i danni
Gallery
Grigioni
3 ore

Frana in Calanca, valle isolata a nord del bivio per Castaneda

Strada chiusa in entrambe le direzioni a causa di un grosso scoscendimento che si è verificato stamane alle 6.30
Gallery
Locarnese
23 ore

La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa

Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
23 ore

I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’

Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
1 gior

Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore

Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
1 gior

Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’

Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
1 gior

Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”

Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Luganese
1 gior

A Tesserete si celebra l’antropologo Bruno Manser

L’8 dicembre avrà luogo l’annuale riunione delle associazioni a tutela del territorio, con la partecipazione della Bruno Manser Fonds
Luganese
1 gior

Lugano, uno spettacolo per le persone con disabilità

Sabato 3 dicembre, per la Giornata internazionale delle persone con disabilità, si terrà al Lac un’azione performativa
09.08.2022 - 18:10
Aggiornamento: 21:48

Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna

Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente

rovio-il-movente-sarebbe-il-furto-del-figlio-alla-nonna-paterna
Ti-Press/Archivio
Domenica pomeriggio la polizia ha posato anche la striscia chiodata in Val Mara

Sarebbe legato al furto di 80’000 franchi, denaro sparito dalla casa di Gravesano della nonna paterna, uno dei motivi, forse quello principale, del fatto di sangue avvenuto domenica in via Aeroporto ad Agno. Un furto che avrebbe scatenato la reazione violenta e incontrollata del genitore. Tanto da spingere l’uomo, 49enne, a sparare dal suo Flobert calibro 22, a canna mozza, arma rinvenuta ieri dagli agenti della Polizia cantonale, due colpi, uno dei quali ha raggiunto il discendente diretto alla schiena, sotto la scapola. Secondo nostre informazioni, questo il retroscena dell’increscioso episodio successo ad Agno due giorni fa.

La versione del 49enne (tutta da verificare)

I soldi – i risparmi di una vita – sono effettivamente spariti dalla casa della nonna paterna. La donna ha sporto denuncia in polizia giovedì scorso. Sono così scattati da parte delle forze dell’ordine i primi accertamenti, che avrebbero portato a sospettare del 22enne. Suo padre, sentito dagli investigatori in seguito al fermo per il sanguinoso episodio, avrebbe affermato di ritenere che quella somma di denaro, della quale hanno parlato la Rsi e il CdT, potesse essere nelle mani degli amici del figlio. Domenica scorsa sarebbe quindi andato a cercare questi giovani, portando con sé l’arma, per eventualmente, a suo dire, difendersi. Così, almeno, avrebbe riferito nel corso delle sue prime dichiarazioni agli inquirenti. Avrebbe cercato queste persone, prima in un’abitazione di Capolago, dove ogni tanto trascorreva la notte il 22enne, poi ad Agno, dove lo ha rintracciato. Nella discussione intercorsa tra padre e figlio, i due colpi sarebbero partiti accidentalmente, stando sempre alla versione del genitore, uno dei quali ha raggiunto il figlio mentre era girato e se ne stava andando. Un colpo alla schiena, sotto la scapola, che ha ferito gravemente il giovane. Una versione dei fatti, quella del 49enne, tutta da verificare da parte degli investigatori coordinati dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’inchiesta. Il 22enne, le cui condizioni di salute stanno lentamente migliorando, è possibile che venga sentito già domani dagli inquirenti.

In paese non si parla d’altro

In paese a Rovio, in questi giorni, non si parla d’altro ed è pure emersa questa informazione che evoca il movente legato ai furti. Non era un segreto che tra padre e figlio ci fossero tensioni da diverso tempo. Intanto, l’uomo, che aveva avviato un’attività di giardiniere, alla quale collaborava saltuariamente anche 22enne, è stato nuovamente interrogato oggi. Nel frattempo si sta pian piano diradando la nebbia sui motivi che avrebbero originato lo sparo contro il figlio da parte del padre, che si trova in stato di detenzione alla Farera accusato di tentato assassinio, subordinatamente tentato omicidio e infrazione alla Legge federale sulle armi.

Leggi anche:

Tentato assassinio ad Agno: 49enne ha sparato a un 22enne

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved