ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

‘Le Corti inCanto’: offriamo delicatezza in cambio di passione

Dopo 15 edizioni il Gruppo Centro Storico di Locarno vuole cedere il testimone a chi intenda dare continuità alla manifestazione
Ticino
3 ore

Divertimento, pregiudizi, didattica, ricerca... cos’è il gaming?

Chiacchierata a tutto tondo col ricercatore Supsi Masiar Babazadeh: ‘Non è solo Super Mario, ci sono programmi usati anche dalle aziende per i neoassunti’
Bellinzonese
3 ore

Una Bellinzona più pulita val bene una fredda giornata di vento

Clean Up Day: oltre alle scuole si è attivato anche un gruppo di volontari capitanato dall’amministratrice di un profilo Facebook dedicato alla città
Luganese
11 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
13 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
14 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
14 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
14 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
14 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
15 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
16 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
08.08.2022 - 16:32
Aggiornamento: 19:17

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22

tentato-assassinio-c-era-alta-tensione-tra-padre-e-figlio
Ti-Press
Il giovane rimane in cure intensive

Sono in via di miglioramento le condizioni del 22enne. Colpito domenica verso le 10 in via Aeroporto ad Agno dal padre 49enne con uno o più colpi d’arma da fuoco – gli inquirenti stanno raccogliendo e confrontando le diverse testimonianze a tal proposito - il giovane rimane tuttora ricoverato all’ospedale nel reparto di cure intensive. Intanto questo pomeriggio è stata rinvenuta l’arma da fuoco utilizzata dall’autore del grave fatto di sangue. L’uomo si è liberato dell’arma sulla strada del ritorno, da Agno verso il domicilio di Rovio, dove ieri è stato arrestato: si tratta di un fucile Flobert calibro 22 a cui è stata mozzata la canna e il calcio.

Manca invece ancora un preciso movente che ha sprigionato nell’uomo una furia omicida. Appena sarà possibile, il 22enne sarà sentito dagli inquirenti – l’inchiesta è condotta dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo – per conoscere la sua versione dei fatti.

Intanto, dalle nostre indagini, emerge un rapporto complicato, tra il padre (con problemi di droga, e già conosciuto alle forze dell’ordine) che ha premuto il grilletto e il figlio che quel proiettile ha colpito. Secondo alcuni conoscenti della vittima, i due litigavano violentemente con forza, tanto che in alcuni episodi sono arrivati perfino alle mani. Uno di questi scontri, avvenuto, secondo una testimone, nei pressi del Bar San Marino di Melano ha portato il padre a cacciare il figlio 22enne di casa. «Capitava spesso che litigassero – ci spiega un’amica della vittima –, tanto che molte volte lui chiedeva ospitalità ai propri amici. Lo ha fatto anche con me, per questo credo sia possibile che il motivo per cui si trovava ad Agno è perché stava alloggiando da qualche conoscente». Il 22enne, infatti, risulta ancora residente a Rovio, nella stessa casa del padre. Il 49enne possiede una ditta di giardiniere, e talvolta, nei momenti di quiete, faceva dei lavori anche con il figlio.

Parla il testimone che ha allertato polizia e soccorsi

Si presentava tranquilla la cittadina di Agno questa mattina, all’indomani del gravissimo fatto di sangue. Un primo testimone riferisce di aver sentito domenica un ragazzo, verso le 10, gridare "aiuto, mi hanno sparato con il fucile". Rinaldo Caimi (una ex guardia di confine che vive in via Aeroporto ad Agno) è invece colui che era presente nel luogo del fatto di sangue e che ha allertato i soccorsi e segnalato il caso alla polizia. Tutto è cominciato con delle grida e delle richieste d’aiuto. Immediatamente il nostro interlocutore spiega di essersi spostato verso la strada e di aver visto «un ragazzo che correva davanti all’abitazione a torso nudo. Stava appoggiando la maglietta – sporca di sangue – sulla ferita». Qualche instante dopo è sopraggiunta un’auto che il giovane malcapitato ha fermato: «È entrato in macchina violentemente dicendo alla donna al volante di fare inversione e andare via immediatamente – continua Caimi –. Probabilmente non voleva andare incontro al suo aggressore». Nel frattempo è arrivato qualcuno a bordo di uno scooter che si è fermato e ha chiamato il giovane per nome dicendo "non sono stato io". A questo, la vittima ha replicato dandogli del vigliacco. Il diverbio è terminato così: la donna ha portato il ragazzo in ospedale e l’altro uomo è risalito sul suo scooter e si è dileguato. Caimi ha poi contattato la polizia, fornendo agli inquirenti la targa dello scooter. «Erano tutti volti sconosciuti. Anche se l’uomo con lo scooter parlava dialetto, non l’avevo mai visto in giro». Rinaldo Caimi aggiunge infine: «Io non ho avvertito nulla, ma una vicina della palazzina di fianco che abita al quinto piano ha sentito tre colpi ieri mattina».

Leggi anche:

Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved