ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Dai Tilo ai bus tra Taverne-Torricella e Lamone-Cadempino

Le misure sono dovute a lavori infrastrutturali per l’adattamento dei marciapiedi nella stazione. Sono da prevedere tempi di percorrenza più lunghi.
Luganese
3 ore

Cantori della Stella in missione a Berna

Tra i gruppi svizzeri, che saranno a Palazzo federale per incontrare i membri del Parlamento, anche uno proveniente da Tesserete
Locarnese
3 ore

Valmaggia, il Giro del Mondo di Emilio Balli

In occasione dell’Assemblea di venerdì il Museo illustrerà il programma d’attività futuro. Si ripartirà con una mostra inedita e prestigiosa
Luganese
3 ore

Dfa, consegnati i premi del Lions club Ceresio

I riconoscimenti per le migliori tesi di Bachelor sono stati attribuiti a Martina Poggi (Scuola elementare) e a Sofia Pisottu (Scuola dell’infanzia)
Grigioni
4 ore

Frana in Val Calanca: sgombero a pieno regime

Le previsioni meteo potrebbero compromettere la riapertura della strada attesa per la fine di settimana
Luganese
17 ore

Campione d’Italia in versione Natale 2022 fra musica e doni

Doppio appuntamento, giovedì 8 e domenica 18 dicembre, nell’enclave con la ‘Casa di Babbo Natale’ e tanto altro
Luganese
19 ore

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
20 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
20 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
20 ore

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
20 ore

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
08.08.2022 - 16:32
Aggiornamento: 19:17

Tentato assassinio, c’era alta tensione tra padre e figlio

In via di miglioramento il 22enne. Ieri avrebbe dormito fuori casa per sfuggire alle pesanti liti. Trovata dalla polizia l’arma, un Flobert calibro 22

tentato-assassinio-c-era-alta-tensione-tra-padre-e-figlio
Ti-Press
Il giovane rimane in cure intensive

Sono in via di miglioramento le condizioni del 22enne. Colpito domenica verso le 10 in via Aeroporto ad Agno dal padre 49enne con uno o più colpi d’arma da fuoco – gli inquirenti stanno raccogliendo e confrontando le diverse testimonianze a tal proposito - il giovane rimane tuttora ricoverato all’ospedale nel reparto di cure intensive. Intanto questo pomeriggio è stata rinvenuta l’arma da fuoco utilizzata dall’autore del grave fatto di sangue. L’uomo si è liberato dell’arma sulla strada del ritorno, da Agno verso il domicilio di Rovio, dove ieri è stato arrestato: si tratta di un fucile Flobert calibro 22 a cui è stata mozzata la canna e il calcio.

Manca invece ancora un preciso movente che ha sprigionato nell’uomo una furia omicida. Appena sarà possibile, il 22enne sarà sentito dagli inquirenti – l’inchiesta è condotta dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo – per conoscere la sua versione dei fatti.

Intanto, dalle nostre indagini, emerge un rapporto complicato, tra il padre (con problemi di droga, e già conosciuto alle forze dell’ordine) che ha premuto il grilletto e il figlio che quel proiettile ha colpito. Secondo alcuni conoscenti della vittima, i due litigavano violentemente con forza, tanto che in alcuni episodi sono arrivati perfino alle mani. Uno di questi scontri, avvenuto, secondo una testimone, nei pressi del Bar San Marino di Melano ha portato il padre a cacciare il figlio 22enne di casa. «Capitava spesso che litigassero – ci spiega un’amica della vittima –, tanto che molte volte lui chiedeva ospitalità ai propri amici. Lo ha fatto anche con me, per questo credo sia possibile che il motivo per cui si trovava ad Agno è perché stava alloggiando da qualche conoscente». Il 22enne, infatti, risulta ancora residente a Rovio, nella stessa casa del padre. Il 49enne possiede una ditta di giardiniere, e talvolta, nei momenti di quiete, faceva dei lavori anche con il figlio.

Parla il testimone che ha allertato polizia e soccorsi

Si presentava tranquilla la cittadina di Agno questa mattina, all’indomani del gravissimo fatto di sangue. Un primo testimone riferisce di aver sentito domenica un ragazzo, verso le 10, gridare "aiuto, mi hanno sparato con il fucile". Rinaldo Caimi (una ex guardia di confine che vive in via Aeroporto ad Agno) è invece colui che era presente nel luogo del fatto di sangue e che ha allertato i soccorsi e segnalato il caso alla polizia. Tutto è cominciato con delle grida e delle richieste d’aiuto. Immediatamente il nostro interlocutore spiega di essersi spostato verso la strada e di aver visto «un ragazzo che correva davanti all’abitazione a torso nudo. Stava appoggiando la maglietta – sporca di sangue – sulla ferita». Qualche instante dopo è sopraggiunta un’auto che il giovane malcapitato ha fermato: «È entrato in macchina violentemente dicendo alla donna al volante di fare inversione e andare via immediatamente – continua Caimi –. Probabilmente non voleva andare incontro al suo aggressore». Nel frattempo è arrivato qualcuno a bordo di uno scooter che si è fermato e ha chiamato il giovane per nome dicendo "non sono stato io". A questo, la vittima ha replicato dandogli del vigliacco. Il diverbio è terminato così: la donna ha portato il ragazzo in ospedale e l’altro uomo è risalito sul suo scooter e si è dileguato. Caimi ha poi contattato la polizia, fornendo agli inquirenti la targa dello scooter. «Erano tutti volti sconosciuti. Anche se l’uomo con lo scooter parlava dialetto, non l’avevo mai visto in giro». Rinaldo Caimi aggiunge infine: «Io non ho avvertito nulla, ma una vicina della palazzina di fianco che abita al quinto piano ha sentito tre colpi ieri mattina».

Leggi anche:

Agno, il padre ha tentato di uccidere il figlio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved