rogo-intenzionale-al-white-di-lugano-firmato-l-atto-d-accusa
RescueMedia
Il negozio di abbigliamento dopo il rogo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 min

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
Luganese
2 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
3 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
4 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
5 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
5 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
5 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
5 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
5 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
6 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
05.08.2022 - 20:03
Aggiornamento: 20:24

Rogo intenzionale al White di Lugano, firmato l’atto d’accusa

Cinque indagati dovranno presentarsi al Tribunale di Lugano per rispondere dei reati di incendio intenzionale in Piazzetta San Carlo e tentata truffa.

Incendio intenzionale e tentata truffa che, secondo l’ipotesi accusatoria, avrebbe potuto tradursi in un raggiro a sei zeri. Sono questi i reati principali di cui dovranno rispondere i cinque presunti autori dell’incendio scoppiato al White di Lugano il 12 febbraio dell’anno scorso. L’avvenuta estradizione del presunto autore del rogo – un 50enne campano – ha portato la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo a rinviare a giudizio, dinanzi a una Corte delle assise Criminali di Lugano, le cinque persone ritenute a vario titolo coinvolte. Il Ministero pubblico ha infatti comunicato che "gli accertamenti penali sono giunti a conclusione". Lo scopo dei presunti autori era quello di denunciare l’evento come un incendio accidentale per poi riscattare la polizza assicurativa. A confessare sono stati il commerciante, 43enne, un 34enne e un 47enne. A loro si aggiunge il 50enne campano, l’ultimo a essere arrestato a seguito di un mandato d’accusa internazionale emesso dalla Procuratrice.

Scoperti in poco tempo

Lo scopo degli autori era che l’incendio venisse archiviato dai pompieri di Lugano come un caso accidentale o scatenatosi per un sospetto cortocircuito. In questo modo, chi lo ha causato avrebbe potuto ottenere, dalla compagnia assicurativa, forse l’equivalente della merce presente all’interno del White portandosi a casa un bel malloppo. Ma i piani non sono andati come sperato. Sono infatti subito sorti i sospetti che l’incendio fosse intenzionale. Di fondamentale importanza per gli inquirenti è stato il sistema di videosorveglianza presente in centro città, come le videocamere private dei vicini commerci che confinano con il negozio di abbigliamento. Dalle immagini, come emerso durante l’inchiesta, si nota l’esecutore materiale del rogo: il 50enne campano in seguito identificato e arrestato dopo la fuga in Italia. Il mandatario, il commerciante del Luganese, gli chiese di disfarsi dei vestiti che si trovavano nel negozio, lasciandogli decidere in che modo farlo. Il 44enne gli ventilò così la possibilità di incendiare la merce. Detto, fatto. L’uomo appiccò il rogo con la classica azione delle taniche di benzina incendiate con l’accendino, bruciando senza ritegno i vestiti di marca che erano assicurati. Ad aggravare le responsabilità dell’ideatore del rogo, il fatto che il negozio era in perfetta salute finanziaria e che dunque lo scopo era unicamente quello di arricchirsi indebitamente. Il campano ha poi ammesso di aver tentato, complice del noto commerciante del Luganese, di truffare l’assicurazione per riscattare i soldi della polizza dalla copertura milionaria. E così il rogo, che avrebbe dovuto limitarsi agli indumenti di marca, si estese all’interno dell’Emporio. Infatti, vi furono anche danneggiamenti, altrettanto deliberati, al Cashmere Square di Via Nassa: un altro negozio di abbigliamento, anch’esso riconducibile alla stessa società.

Non solo danni al White

Rispetto all’episodio del White, quanto accaduto al Cashmere è precedente. Si parla dell’estate del 2020. Da nostre informazioni, all’origine dei danneggiamenti vi sarebbe una contesa con la proprietà a causa di pigioni scoperte. Tensioni sfociate, sembrerebbe, in uno sfratto. Da lì a breve, i vandalismi. E come già nel caso del White, ci sarebbe il coinvolgimento di chi il negozio lo gestiva. Nello specifico, ad ammettere sostanzialmente le proprie responsabilità, sarebbe stato il figlio del noto commerciante. L’avvocato Pascal Frischkopf, legale della proprietà dello stabile che ospitava il negozio, da noi contattato nel novembre scorso, ci ha confermato che a causa dell’accaduto è aperto un contenzioso civile da diverse decine di migliaia di franchi, fra affitti non pagati e danni, che la proprietà chiede agli ex inquilini. Importi che tuttavia, secondo nostre informazioni, la controparte contesterebbe parzialmente. Anche i danneggiamenti al Cashmere Square sono oggetto dell’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. È possibile che un’ulteriore ipotesi di reato si aggiunga all’atto d’accusa, qualora siano valutate delle responsabilità penali nei danneggiamenti al Cashmere.

Leggi anche:

Ha confessato l'amministratore unico del White

Rogo intenzionale al White di Lugano, verso un maxi processo

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
incendio intenzionale tentata truffa white
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved