Seattle Kraken
3
FLO Panthers
3
2. tempo
(0-1 : 3-2)
VAN Canucks
1
STL Blues
1
1. tempo
(1-1)
lugano-non-solo-rogo-al-white-danni-anche-al-cashmere-square
Rescue Media
Il White dopo l’incendio, lo scorso febbraio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Trenord, il Covid continua a colpire il personale

I dati forniti da Regione Lombardia dopo le proteste dei pendolari
Locarnese
9 ore

Cevio, lieve calo demografico nel 2021

La diminuzione della popolazione nel capoluogo distrettuale è dovuta soprattutto alle partenze
Locarnese
9 ore

Locarno, quest’anno non si scaccia gennaio

La Pro Città Vecchia ha annullato l’edizione della tradizione che da tempo immemore coinvolge i bambini alla fine di questo mese
Luganese
9 ore

Montagnola, una nuova guida per il museo Hermann Hesse

La direttrice Regina Bucher lascerà l’incarico alla fine di quest’anno. La fondazione si attiva per ricercare una persona in grado di sostituirla
Luganese
9 ore

Lugano, scazzottata tra due ventenni in piazza Dante

Dopo la lite nelle prime ore di oggi, un giovane finisce all’Ospedale Civico per un possibile trauma cranico. La polizia avvia accertamenti
Locarnese
9 ore

Locarno, conferenza su Francesco Chiesa e identità culturale

A proporla è il Lyceum Club Locarno, giovedì 27 gennaio alla Biblioteca cantonale, con la partecipazione del professor Ariele Morinini
Locarnese
10 ore

Locarnese, il premio Giovanna Dalcol a Formation Partage

L’Ong si occupa di progetti di formazione e di educazione in diversi Paesi dell’Africa francofona
Luganese
10 ore

Lugano, si adotti il label ‘VilleVerte Suisse’

Mozione dei Verdi chiede passi avanti: la certificazione avrebbe effetti benefici sul necessario aumento della biodiversità in città
Bellinzonese
10 ore

‘Contrastare il traffico parassitario’ a Monte Carasso

Il consigliere comunale di Bellinzona Luca Madonna torna alla carica sul problema irrisolto ormai da anni
Bellinzonese
11 ore

Ampio sostegno trasversale alla fusione nella Bassa Leventina

In un volantino un centinaio di persone e alcuni ‘tenori’ si schierano a favore dell’aggregazione
Locarnese
12 ore

Ascona, Antoinette al cinema Otello

Secondo appuntamento con il cineclub dell’Alliance française, martedì 25 e mercoledì 26 alle 18.15
Mendrisiotto
12 ore

‘30x30’, mostra collettiva alla Filanda di Mendrisio

Esposizione del Gruppo Acquarellisti Ticinesi fino al 30 gennaio per sottolineare il nuovo traguardo del sodalizio
 
01.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:50

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti

Non solo il rogo intenzionale al White. Anche danneggiamenti, altrettanto deliberati, al Cashmere Square di Via Nassa: un altro negozio di abbigliamento, anch’esso riconducibile alla stessa società. Si arricchisce di un secondo filone l’inchiesta che vede il coinvolgimento di un noto commerciante di Lugano, indagato con altre quattro persone per essere il presunto mandante dell’incendio che lo scorso febbraio ha distrutto l’emporio fra piazzetta San Carlo e via Nassa in pieno centro. Fiamme appiccate, secondo l’accusa, con lo scopo di denunciare l’evento come accidentale, per riscattare poi la polizza assicurativa stipulata dal titolare, superiore a un milione di franchi.

I danni risalgono al 2020

Rispetto all’episodio del White, quello del Cashmere è precedente. Si parla dell’estate del 2020. Da nostre informazioni, all’origine dei danneggiamenti vi sarebbe una contesa con la proprietà a causa di pigioni scoperte. Tensioni sfociate, sembrerebbe, in uno sfratto. Da lì a breve, i vandalismi. E come già nel caso del White, ci sarebbe il coinvolgimento di chi il negozio lo gestiva. Nello specifico, ad ammettere sostanzialmente le proprie responsabilità, sarebbe stato il figlio del noto commerciante. L’avvocato Pascal Frischkopf, legale della proprietà dello stabile che ospitava il negozio, da noi contattato, ci ha confermato che a causa dell’accaduto è aperto un contenzioso civile da diverse decine di migliaia di franchi, fra affitti non pagati e danni, che la proprietà chiede agli ex inquilini. Importi che tuttavia, secondo nostre informazioni, la controparte contesterebbe parzialmente.

Dichiarata fallita la società

E a proposito di questa contesa civile, altra fresca notizia è il fallimento della Ancora Sa, che gestiva i due negozi. La società – fondata nel 1986 e, secondo il registro di commercio, con amministratore unico con diritto di firma individuale il noto commerciante in questione –, è stata dichiarata fallita dal pretore di Lugano giovedì 25 novembre. La decisione è stata pubblicata sull’edizione di ieri del ‘Foglio Ufficiale’, e per diventare definitiva occorre aspettare che passino i canonici dieci giorni di tempo per presentare reclamo al Tribunale d’appello. La questione che più di tutte interessava la proprietà era il recupero degli scoperti, che adesso verosimilmente non sarà più possibile, ci dice l’avvocato. Per quanto riguarda invece i danni procurati allo stabile del White, da nostre informazioni sarebbe ancora presto per pronunciarsi riguardo a una stima precisa.

Cinque imputati

Per quanto riguarda il fronte penale, invece, abbiamo avuto la conferma che anche i danneggiamenti al Cashmere Square sono oggetto dell’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. La pp, come noto, ha individuato cinque imputati per il rogo intenzionale al White: il commerciante, il figlio, l’autore materiale dell’incendio che si trova in detenzione in Italia e per il quale è stata chiesta un’estradizione, e altre due persone: un 43enne e una 47enne entrambi residenti in Italia. Escluso il commerciante, che ha comunque ammesso sostanzialmente le proprie responsabilità, gli altri indagati sono tutti stati incarcerati e nel frattempo rilasciati. Per loro si prospettano, a diverso titolo, i reati di tentata truffa e incendio intenzionale. Ed è possibile che un’ulteriore ipotesi di reato si aggiunga all’atto d’accusa, qualora siano valutate delle responsabilità penali nei danneggiamenti al Cashmere, attualmente in fase di approfondimento da parte delle autorità giudiziarie.

Una data per il processo non c’è ancora. Si attende attualmente infatti l’esito di un accertamento importante sul quale il magistrato non ha facoltà. È ipotizzabile che si arrivi in aula nella prima parte del 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved