ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 min

‘Ascona è un Comune ricco, abbassiamo il moltiplicatore’

Lo chiede, per andare incontro ai cittadini già confrontati con crisi energetica e aumento dei premi delle casse malati, il gruppo Lega/Udc/Indipendenti
Mendrisiotto
23 min

Mendrisio, la Giornata internazionale della salute mentale

In vista del 10 ottobre, arriva la presa di posizione congiunta di Supsi, Osc, Pro Mente Sana e Club ’74
Ticino
27 min

Lascia il vescovo Lazzeri? Due nomi per la gestione pro tempore

Il capo della Curia di Lugano sarebbe prossimo a dimettersi. Farine e De Raemy in lizza per l’amministrazione in attesa della designazione del successore
Mendrisiotto
58 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
2 ore

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
2 ore

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
3 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
3 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
laR
 
01.12.2021 - 05:30
Aggiornamento: 16:50

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti

lugano-non-solo-rogo-al-white-danni-anche-al-cashmere-square
Rescue Media
Il White dopo l’incendio, lo scorso febbraio

Non solo il rogo intenzionale al White. Anche danneggiamenti, altrettanto deliberati, al Cashmere Square di Via Nassa: un altro negozio di abbigliamento, anch’esso riconducibile alla stessa società. Si arricchisce di un secondo filone l’inchiesta che vede il coinvolgimento di un noto commerciante di Lugano, indagato con altre quattro persone per essere il presunto mandante dell’incendio che lo scorso febbraio ha distrutto l’emporio fra piazzetta San Carlo e via Nassa in pieno centro. Fiamme appiccate, secondo l’accusa, con lo scopo di denunciare l’evento come accidentale, per riscattare poi la polizza assicurativa stipulata dal titolare, superiore a un milione di franchi.

I danni risalgono al 2020

Rispetto all’episodio del White, quello del Cashmere è precedente. Si parla dell’estate del 2020. Da nostre informazioni, all’origine dei danneggiamenti vi sarebbe una contesa con la proprietà a causa di pigioni scoperte. Tensioni sfociate, sembrerebbe, in uno sfratto. Da lì a breve, i vandalismi. E come già nel caso del White, ci sarebbe il coinvolgimento di chi il negozio lo gestiva. Nello specifico, ad ammettere sostanzialmente le proprie responsabilità, sarebbe stato il figlio del noto commerciante. L’avvocato Pascal Frischkopf, legale della proprietà dello stabile che ospitava il negozio, da noi contattato, ci ha confermato che a causa dell’accaduto è aperto un contenzioso civile da diverse decine di migliaia di franchi, fra affitti non pagati e danni, che la proprietà chiede agli ex inquilini. Importi che tuttavia, secondo nostre informazioni, la controparte contesterebbe parzialmente.

Dichiarata fallita la società

E a proposito di questa contesa civile, altra fresca notizia è il fallimento della Ancora Sa, che gestiva i due negozi. La società – fondata nel 1986 e, secondo il registro di commercio, con amministratore unico con diritto di firma individuale il noto commerciante in questione –, è stata dichiarata fallita dal pretore di Lugano giovedì 25 novembre. La decisione è stata pubblicata sull’edizione di ieri del ‘Foglio Ufficiale’, e per diventare definitiva occorre aspettare che passino i canonici dieci giorni di tempo per presentare reclamo al Tribunale d’appello. La questione che più di tutte interessava la proprietà era il recupero degli scoperti, che adesso verosimilmente non sarà più possibile, ci dice l’avvocato. Per quanto riguarda invece i danni procurati allo stabile del White, da nostre informazioni sarebbe ancora presto per pronunciarsi riguardo a una stima precisa.

Cinque imputati

Per quanto riguarda il fronte penale, invece, abbiamo avuto la conferma che anche i danneggiamenti al Cashmere Square sono oggetto dell’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. La pp, come noto, ha individuato cinque imputati per il rogo intenzionale al White: il commerciante, il figlio, l’autore materiale dell’incendio che si trova in detenzione in Italia e per il quale è stata chiesta un’estradizione, e altre due persone: un 43enne e una 47enne entrambi residenti in Italia. Escluso il commerciante, che ha comunque ammesso sostanzialmente le proprie responsabilità, gli altri indagati sono tutti stati incarcerati e nel frattempo rilasciati. Per loro si prospettano, a diverso titolo, i reati di tentata truffa e incendio intenzionale. Ed è possibile che un’ulteriore ipotesi di reato si aggiunga all’atto d’accusa, qualora siano valutate delle responsabilità penali nei danneggiamenti al Cashmere, attualmente in fase di approfondimento da parte delle autorità giudiziarie.

Una data per il processo non c’è ancora. Si attende attualmente infatti l’esito di un accertamento importante sul quale il magistrato non ha facoltà. È ipotizzabile che si arrivi in aula nella prima parte del 2022.

Leggi anche:

Lugano, il quarto indagato sarebbe il mandante dell'incendio al White

Rogo intenzionale al White di Lugano, verso un maxi processo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved