Ajoie
3
Lugano
4
2. tempo
(1-2 : 2-2)
Zugo
0
Bienne
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
Ginevra
2
Losanna
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Friborgo
1
Berna
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
1
Lakers
1
2. tempo
(0-0 : 1-1)
Zurigo
3
Davos
0
2. tempo
(3-0 : 0-0)
Langenthal
1
Olten
5
2. tempo
(1-0 : 0-5)
Ticino Rockets
2
GCK Lions
5
2. tempo
(2-2 : 0-3)
Sierre
0
Zugo Academy
0
2. tempo
(0-0 : 0-0)
lugano-non-solo-rogo-al-white-danni-anche-al-cashmere-square
Rescue Media
Il White dopo l’incendio, lo scorso febbraio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
10 min

‘Riforma tutorie, ora bisogna accelerare’

Preture di protezione, la presidente della commissione Giustizia: ‘Come deputati non dobbiamo perdere tempo’. Agna intanto propone dei correttivi
Bellinzonese
24 min

Lupo in alta Valle, la Società agricola Bleniese scrive al CdS

Gli allevatori lamentano carenze nella comunicazione e sollecitano un incontro per definire una strategia da adottare in caso di presenza del predatore
Luganese
1 ora

Presunto stupro di gruppo, in tre a processo

Rinviati a giudizio tre uomini che lo scorso 25 settembre avrebbero abusato di una donna dopo una serata in un locale del Sottoceneri
Locarnese
2 ore

Lungolago di Muralto, stop alla progettazione ‘totale’

Ritirato il messaggio per moderazione del traffico e riassetto urbano perché due dei tre comparti sono “troppo” legati alle incertezze in stazione
Ticino
2 ore

Scuole di musica e obbligo 2G: ‘Non ci sono margini di manovra’

Il Consiglio di Stato risponde al Conservatorio sulle novità introdotte a fine dicembre: formazioni non equiparate a scuola dell’obbligo o secondario II
Luganese
2 ore

Campione, ricorso al Tar contro il taglio della sanità ticinese

La delibera del Consiglio regionale della Lombardia è in vigore dal 15 dicembre. Un’avvocata chiede l’intervento del Tribunale amministrativo regionale
Mendrisiotto
2 ore

Piazza del Ponte, progetto in sospeso. ‘Che delusione’

La Lista civica torna alla carica con il Municipio di Mendrisio. ‘A che punto è il bando di concorso?’
Luganese
2 ore

Guasto risolto, i treni da Lugano al nord tornano in viaggio

Dopo due ore di disagi, le Ffs sono riuscite a ripristinare ‘la perturbazione tecnica agli impianti ferroviari’
Bellinzonese
2 ore

Anche Sant’Antonino si doterà di un custode sociale di paese

Il Municipio risponde positivamente alla richiesta Plr. Valutazioni in corso sulla proposta Ppd per un centro extrascolastico
Ticino
2 ore

Quote rosa ai vertici dell’Amministrazione? Commissione divisa

La ‘Costituzione e leggi’ ha firmato due rapporti di Filippini (Udc) e Lepori (Ps), tra monitoraggio e richieste di azione. Firme non ancora definitive
Locarnese
3 ore

Curling, ‘Torneo Camelie’ ad Ascona

Iscritte 14 squadre provenienti da tutta la Svizzera
Luganese
3 ore

Guasto alla stazione di Lugano, bloccati i treni verso nord

Emergenza ferroviaria. Dalle 16.30 attivati i bus navetta per Taverne e Giubiasco. Si indaga sulle cause della panne, ancora irrisolta
 
01.12.2021 - 05:300
Aggiornamento : 16:50

Lugano, non solo rogo al White: danni anche al Cashmere Square

Si arricchisce di un filone l’inchiesta sull’incendio intenzionale dello scorso febbraio. Dichiarata fallita intanto la società dei due negozi di vestiti

Non solo il rogo intenzionale al White. Anche danneggiamenti, altrettanto deliberati, al Cashmere Square di Via Nassa: un altro negozio di abbigliamento, anch’esso riconducibile alla stessa società. Si arricchisce di un secondo filone l’inchiesta che vede il coinvolgimento di un noto commerciante di Lugano, indagato con altre quattro persone per essere il presunto mandante dell’incendio che lo scorso febbraio ha distrutto l’emporio fra piazzetta San Carlo e via Nassa in pieno centro. Fiamme appiccate, secondo l’accusa, con lo scopo di denunciare l’evento come accidentale, per riscattare poi la polizza assicurativa stipulata dal titolare, superiore a un milione di franchi.

I danni risalgono al 2020

Rispetto all’episodio del White, quello del Cashmere è precedente. Si parla dell’estate del 2020. Da nostre informazioni, all’origine dei danneggiamenti vi sarebbe una contesa con la proprietà a causa di pigioni scoperte. Tensioni sfociate, sembrerebbe, in uno sfratto. Da lì a breve, i vandalismi. E come già nel caso del White, ci sarebbe il coinvolgimento di chi il negozio lo gestiva. Nello specifico, ad ammettere sostanzialmente le proprie responsabilità, sarebbe stato il figlio del noto commerciante. L’avvocato Pascal Frischkopf, legale della proprietà dello stabile che ospitava il negozio, da noi contattato, ci ha confermato che a causa dell’accaduto è aperto un contenzioso civile da diverse decine di migliaia di franchi, fra affitti non pagati e danni, che la proprietà chiede agli ex inquilini. Importi che tuttavia, secondo nostre informazioni, la controparte contesterebbe parzialmente.

Dichiarata fallita la società

E a proposito di questa contesa civile, altra fresca notizia è il fallimento della Ancora Sa, che gestiva i due negozi. La società – fondata nel 1986 e, secondo il registro di commercio, con amministratore unico con diritto di firma individuale il noto commerciante in questione –, è stata dichiarata fallita dal pretore di Lugano giovedì 25 novembre. La decisione è stata pubblicata sull’edizione di ieri del ‘Foglio Ufficiale’, e per diventare definitiva occorre aspettare che passino i canonici dieci giorni di tempo per presentare reclamo al Tribunale d’appello. La questione che più di tutte interessava la proprietà era il recupero degli scoperti, che adesso verosimilmente non sarà più possibile, ci dice l’avvocato. Per quanto riguarda invece i danni procurati allo stabile del White, da nostre informazioni sarebbe ancora presto per pronunciarsi riguardo a una stima precisa.

Cinque imputati

Per quanto riguarda il fronte penale, invece, abbiamo avuto la conferma che anche i danneggiamenti al Cashmere Square sono oggetto dell’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. La pp, come noto, ha individuato cinque imputati per il rogo intenzionale al White: il commerciante, il figlio, l’autore materiale dell’incendio che si trova in detenzione in Italia e per il quale è stata chiesta un’estradizione, e altre due persone: un 43enne e una 47enne entrambi residenti in Italia. Escluso il commerciante, che ha comunque ammesso sostanzialmente le proprie responsabilità, gli altri indagati sono tutti stati incarcerati e nel frattempo rilasciati. Per loro si prospettano, a diverso titolo, i reati di tentata truffa e incendio intenzionale. Ed è possibile che un’ulteriore ipotesi di reato si aggiunga all’atto d’accusa, qualora siano valutate delle responsabilità penali nei danneggiamenti al Cashmere, attualmente in fase di approfondimento da parte delle autorità giudiziarie.

Una data per il processo non c’è ancora. Si attende attualmente infatti l’esito di un accertamento importante sul quale il magistrato non ha facoltà. È ipotizzabile che si arrivi in aula nella prima parte del 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved