NJ Devils
1
CHI Blackhawks
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
PHI Flyers
1
VAN Canucks
0
1. tempo
(1-0)
rogo-intenzionale-al-white-di-lugano-verso-un-maxi-processo
TI-PRESS
Il negozio White incendiato. Nel riquadro, la pp Margherita Lanzillo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

‘Coi test in azienda si dovrebbero rilasciare certificati Covid’

È la proposta dell’Udc depositata sotto forma di mozione urgente. Si vuole ‘evitare di sovraccaricare le strutture esistenti nel periodo delle vacanze’
Ticino
7 ore

Personale sanitario, licenziate perché non si vogliono testare

È il caso di due collaboratrici della Cinica luganese Moncucco. In Ticino i casi simili sarebbero meno di una decina
Bellinzonese
7 ore

Bene la zona d’incontro, meno il taglio di 10 posti auto

Piazza Governo a Bellinzona: la maggioranza commissionale suggerisce di ridiscutere la questione col Cantone. Dalla minoranza no alla riduzione
Luganese
7 ore

Torricella, il caso scuole non finisce qui

Il Municipio ne discuterà nuovamente, mentre spuntano lettere dei genitori a difesa del maestro
Luganese
7 ore

L’Operazione Macello vince il premio Agustoni

Convince la giuria, il documentario realizzato da Anna Bernasconi per Falò sulla demolizione di un edificio del centro sociale
Gallery
Ticino
8 ore

‘Il riformismo fiscale non deve essere rallentato’

All’assemblea della Camera di commercio è stato ribadita la necessità di ridurre l’aliquota sugli utili delle imprese dall’8 al 5%
Grigioni
8 ore

Museo Moesano, chiusura di stagione con castagnata

Appuntamento per sabato 23 ottobre nel cortile di Palazzo Viscardi
Mendrisiotto
8 ore

La corsia per i Tir è ‘inaccettabile’ anche per Coldrerio

Il Municipio si allinea a Balerna, Novazzano e Mendrisio nel fare muro al progetto dell’Ustra. ‘Peggiorerà la qualità di vita dei cittadini’
Luganese
8 ore

Villa Heleneum, ‘la proposta stimolerà esperienze nuove’

Il Municipio risponde agli interrogativi posti da Aurelio Sargenti (Ps-Pc) sul futuro dell’edificio di Castagnola, che ospiterà il museo Bally
Bellinzonese
8 ore

Cinque storie d’emozione, domani la presentazione a Bellinzona

Sarà l’occasione per scoprire il libro raccontato e scritto da 9 bambini delle scuole di Contone e Monte Carasso
Ticino
9 ore

Ecco dove saranno i radar settimana prossima

I controlli mobili toccheranno sette distretti ticinesi
Ticino
9 ore

I 40 anni da sindacalista di Ambrosetti in un libro

Vania Alleva (Unia): ‘I liberisti criticano il nostro patrimonio, ma in realtà vogliono attaccare i Ccl’
Mendrisiotto
9 ore

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori
Mendrisiotto
9 ore

‘La Città dia vita a MendrisioNetwork’

Tre consiglieri Lega-Udc-Udf lanciano la proposta nel solco dell’esperienza luganese a favore delle persone in cerca di lavoro
Luganese
 
29.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:57

Rogo intenzionale al White di Lugano, verso un maxi processo

Pronto l’atto d’accusa della pp Lanzillo per i 5 indagati. Ma per ora l’esecutore materiale dell’incendio in carcere in Italia rifiuta l’estradizione

Un maxiprocesso – con tutt’e cinque gli indagati presenti davanti a una Corte delle Assise criminali di Lugano. È questa la sorte che riguarderà i presunti autori – qualcuno ha già confessato – del rogo ordito in pieno centro città il 12 febbraio scorso ai danni del negozio di abbigliamento White, l’emporio situato tra piazzetta San Carlo e via Nassa, al preciso scopo di denunciare l’evento come un accidentale incendio per poi riscattare la polizza assicurativa stipulata dal titolare, superiore a un milione di franchi.

Tentata truffa e incendio intenzionale i reati contemplati dall’inchiesta

La procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, titolare dell’inchiesta penale, ha praticamente chiuso l’indagine e stilato l’atto d’accusa che contempla nei confronti dei sospettati del disegno criminoso i reati d’incendio intenzionale e tentata truffa. Tra le figure principali del quintetto e di quello che, secondo i piani, avrebbe potuto tradursi in un raggiro a sei zeri, vi è l’amministratore unico della società, un noto commerciante di Lugano attivo da anni sulla piazza, che secondo quanto emerge dall’inchiesta avrebbe ideato tutto. In una parola, sarebbe il mandante. Il commerciante, sulla sessantina, ha già ammesso le proprie responsabilità, ciò che gli ha risparmiato l’arresto. Dietro alle sbarre – e nel frattempo rilasciati – sono invece finiti lo scorso febbraio i diversi complici: un 34enne cittadino italiano residente nel Luganese, un 43enne e una 47enne, entrambi italiani residenti nella vicina Penisola. La donna sarebbe stata sospinta dal commerciante a prendere parte alle fasi materiali dell’incendio intenzionale. Un compito affidato poi principalmente a un cittadino campano – il quinto uomo indagato nell’inchiesta e l’ultimo ad essere arrestato – che si trova tuttora in detenzione in Italia. L’esecutore materiale ha tuttavia finora rifiutato di essere estradato in Ticino, come richiesto dalla procuratrice pubblica Lanzillo. Un’udienza su questo tema, che dovrebbe sciogliere ogni nodo, è prevista il prossimo mese di ottobre. Resta il fatto che, dal momento che il cittadino campano si trova in stato di detenzione, dovrebbe poter in ogni modo prendere parte fisicamente al processo. Banali, quanto efficaci, le modalità messe in atto dal correo per incendiare il negozio, dopo aver ricevuto la richiesta direttamente dal mandante: un accendino e una tanica di benzina cosparsa nel locale e sui capi d’abbigliamento presenti al White.

La videosorveglianza cittadina in aiuto agli inquirenti: ha risolto il ‘giallo’

Secondo i piani, l’incendio divampato nella via del centro cittadino – che fortunatamente non ha provocato feriti – avrebbe dovuto essere archiviato dai pompieri di Lugano prontamente intervenuti sul posto come un episodio accidentale o scatenatosi per un sospetto cortocircuito. E così chi lo ha ideato avrebbe denunciato il caso alla compagnia di assicurazione che avrebbe con tutta probabilità ripagato l’equivalente della merce presente nel negozio e i danni prodotti dalle fiamme per una somma da capogiro, il valore della polizza assicurativa. Il mandante si sarebbe così arricchito indebitamente. Ma qualcosa è andato storto. I sospetti che si fosse trattato di un incendio doloso – anzi, intenzionale – sono affiorati presto e così gli inquirenti si sono messi sulle tracce dei responsabili, scoperchiando un disegno articolato che ha coinvolto diverse persone, le quali saranno rinviate a giudizio e dovranno rispondere della vicenda, ognuna secondo le proprie responsabilità. Cruciale, per gli inquirenti, ai fini dell’identificazione dei protagonisti e della ricostruzione delle diverse fasi dell’incendio messo in atto lo scorso 12 febbraio, è stato il sistema di videosorveglianza presente in centro città, così pure le videocamere private dei vicini commerci che confinano con il White. Ebbene, le immagini hanno catturato persino l’esecutore materiale del rogo, contribuendo alla sua identificazione e all’arresto: i diversi fotogrammi sono stati presi in esame e analizzati attentamente dagli inquirenti, portando a risolvere definitivamente il ‘giallo’. Le immagini hanno potuto contribuire a fare luce sui movimenti che hanno preceduto il rogo.Tutti gli indagati finiti sotto inchiesta hanno già rilasciato le loro versioni nei diversi interrogatori disposti dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo. Il quadro della vicenda appare insomma chiaro agli investigatori. L’ultimo tassello ancora da completare riguarda la posizione del cittadino campano agli arresti in Italia. Il caso potrebbe approdare in aula penale nei prossimi mesi, più probabilmente a inizio 2022.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved