ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
6 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
7 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
7 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
8 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
8 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
8 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
8 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
8 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
9 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
9 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
10 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
10 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
10 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
10 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
10 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
10 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
21.07.2022 - 19:37
Aggiornamento: 27.07.2022 - 14:35

Produttore e rivenditore di droghe, 31enne condannato

Inflitta una pena di due anni e otto mesi (parzialmente sospesa) per spaccio, importazione e lavorazione illegale di farmaci

produttore-e-rivenditore-di-droghe-31enne-condannato
Ti-Press/Archivio
L’‘erede’ di Heisenberg all’opera

Non un caso di spaccio qualunque quello discusso oggi alla Corte delle Assise criminali di Lugano. Una sorta di rivisitazione ticinese del personaggio Walter White, o meglio conosciuto come Heisenberg della serie tv statunitense Breaking Bad. L’imputato, un 31enne luganese, studente all’Università di chimica farmaceutica, è stato processato con l’accusa principale di infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti per aver preso parte a un traffico illegale di farmaci tra l’aprile 2009 e il luglio 2016. La peculiarità del caso non è però riconducibile al "solo" spaccio di sostanze psicoattive, droghe e medicamenti, ma risiede nelle conoscenze chimiche dell’imputato, che gli hanno permesso di produrre e sintetizzare 25 grammi di Ghb, un acido noto per la capacità di ridurre la forza di reazione di chi lo assume. La Corte presieduta dal giudice Mauro Ermani ha condannato l’uomo a due anni e otto mesi di carcere, di cui 26 mesi sospesi condizionalmente per un periodo di prova di tre anni e sei da espiare. Da definire ancora se potrà scontare il resto della pena (aveva già trascorso quattro mesi al fresco) in condizione di semiprigionia o dedicandosi a lavori di pubblica utilità.

Menu a base di medicamenti poco noti

L’imputato, complice di un cittadino tedesco, si occupava di smerciare su un sito internet i farmaci che arrivavano a casa sua. Le sostanze variano tra metilone, fluoroamfetamine, Ghb, Oxycodone, Tramadol, 3-Dmmc, e Fentanyl. La marijuana non è esente dalla lista: veniva coltivata dallo stesso e spacciata per un totale di 235 grammi. Ma gli affari del giovane Heisenberg non si limitano al territorio elvetico. I pacchi provenivano spesso dalla Gran Bretagna, dalla Germania, dall’Italia e addirittura dalla Cina. A interessarlo in particolar modo era un farmaco importato proprio da quest’ultimo Stato, il Fentanyl, che ordinò in quantità tutt’altro che esigue. Si tratta di un oppiaceo sintetico estremamente potente, più della morfina, che sul mercato nero viene utilizzato in sostituzione di eroina e cocaina. «Se tutto è cominciato come un’autosperimentazione – ha affermato l’imputato di fronte alla Corte – è degenerato in un abuso. Assumevo Fentanyl come sostanza primaria. Mi sono assuefatto al consumo sistematico di oppioidi, il mio bisogno è aumentato, e questo mi ha spinto a ordinarne in grandi quantità».

Fu proprio per il sequestro di un sostanzioso (e sospetto) quantitativo di Fentanyl che, nel 2016, il giovane (allora 25enne) venne arrestato. Ma secondo l’accusa, rappresentata dalla procuratrice pubblica Pamela Pedretti, la sostanza era destinata alla vendita nell’ambito del progetto ideato dall’uomo e denominato Ithaca – ancora in fase di sviluppo – che prevedeva la commercializzazione online e nel deep web. «L’imputato – ha affermato la pp durante la requisitoria – ha sviluppato Ithaca in maniera cosciente e non delirante come ha invece dichiarato, immaginandosi che diventasse la sua futura attività professionale. La collaborazione con il suo socio tedesco è finita quando quest’ultimo è stato arrestato nel 2012, ma il fermo non lo ha trattenuto dal creare una nuova strategia. L’imputato, conoscendo la materia, era consapevole della pericolosità delle sostanze e le vendeva a puro scopo di lucro. Ma ciò che preoccupa è che le ha offerte ai propri amici per testare che effetto avessero su di loro».

La difesa: ‘Non ha un animo criminale’

«Non si tratta di un caso di spaccio classico e non si deve paragonarlo ad altri. L’imputato non ha mai venduto sostanze a terze persone che non fossero parte della sua stretta cerchia di amici, i quali erano interessati alle droghe che egli procurava loro. Inoltre, egli deteneva sempre un certo controllo e vendeva loro solo determinate quantità. Non è mai stata sua intenzione mettere le loro vite in pericolo, era estremamente preparato riguardo a cosa vendeva. La sua passione per la chimica gli permetteva di conoscere molto bene i rischi», ha invece evidenziato l’avvocato della difesa Marco Cocchi. «Per quanto riguarda il Fentanyl egli era convinto che solo lui stesso potesse assumerlo e gestirlo. Sull’astuccio che conteneva la sostanza vi erano scritte chiare indicazioni come "danger", "non ingerire", e che era pericoloso, indicando perfino il suo numero di telefono nel caso in cui qualcuno lo avesse trovato. Questo perché era assolutamente cosciente della pericolosità del farmaco».

La difesa ha inoltre sottolineato che l’imputato «si è avvicinato al Fentanyl per motivi di salute, e gli è stato prescritto da un medico. Da lì è iniziata la discesa verso gli inferi che si è fatta particolarmente ripida. Oggi è una persona nuova, e un ulteriore periodo di prigionia avrebbe effetti devastanti sulla sua persona e romperebbe l’equilibrio che si è creato. Non ha l’animo criminale ed è pentito di quello che è successo». Parole che a priori sono state pronunciate dallo stesso imputato: «Se sono qui oggi è anche grazie a quello che è successo. Ho visto la carcerazione e la condanna come un’ancora di salvezza. È stata – come la definisco io – una sberla morale che sicuramente mi ha spinto a effettuare un cambio di carreggiata totale. Se non fosse successo la mia vita sarebbe stata a rischio. Ho fatto fatica a sopportare la detenzione ma con il senno di poi mi rendo conto che quei mesi sono stati terapeutici: ho avuto tempo per pensare e ridimensionarmi. La prigione è stata il fulcro del mio cambiamento e sono grato che le cose si siano allineate in questo modo».

Il presidente della Corte ha inflitto la pena affermando che l’imputato «disponeva di tutti gli strumenti intellettuali ed economici per non imbarcarsi in attività illecite. La sua colpa è grave. Egli ha venduto, prodotto e offerto sostanze non comunemente note, esponendo quindi maggiormente a rischio il cliente che non conosceva i rischi correlati all’assunzione o ai dosaggi. L’attività illecita è stata importante, e ha investito tutte le sue energie nel commercio illegale».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved