ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo cittadino incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
5 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
3 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
4 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
5 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
5 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
6 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
6 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
6 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
6 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
6 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
6 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
7 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
7 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
8 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
24.05.2022 - 17:43

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni

lugano-inaccettabile-la-variante-per-villa-favorita
Ti-Press
Ambito gioiellino

La variante di Piano regolatore (Pr) formulata dal Municipio per il comparto di Villa Favorita è "inaccettabile". In concomitanza con la fine del periodo di pubblicazione, che scade oggi, arrivano a Palazzo civico le osservazioni, ampiamente preannunciate dalle critiche delle scorse settimane sulla proposta dell’esecutivo di Lugano. A non piacere, in particolare, è l’assenza di una passeggiata a lago così come previsto da una mozione del 2004 accettata poi dal Consiglio comunale (Cc) nel 2013. Due nel dettaglio le osservazioni delle quali abbiamo notizia: quelle dei Cittadini per il territorio del Luganese (Ctl) e quelle dell’avvocato Adriano Censi, ex consigliere comunale Plr nonché già presidente della Commissione cantonale dei beni culturali.

‘Mancato l’obiettivo della passeggiata lungo il lago’

Breve ma diretta la presa di posizione dell’associazione. La variante "non è accettabile perché l’obiettivo di realizzare una passeggiata lungo il lago da Lugano a Gandria è completamente mancato. Per questa ragione i Ctl chiedono che la variante di Pr venga riformulata". La proposta del Municipio, ricordiamo, prevede sì di mantenere il collegamento tra la Lanchetta di Cassarate e il Lido San Domenico, ma tramite via Cortivo e non lungo il Ceresio attraverso il parco di Villa Favorita, così come richiesto dalla mozione dell’ex consigliere comunale Martino Rossi (Ps) accolta dal Cc. I Ctl evidenziano pertanto l’interesse pubblico dietro all’approvazione del 2013, a sua volta forte di diverse basi legali: l’articolo 3 della Legge sulla pianificazione del territorio, l’articolo 79 della Legge sullo sviluppo territoriale, il Piano direttore cantonale e il Piano per l’agglomerato del Luganese di terza generazione.

Pericolo di grosse richieste d’indennizzo?

Conseguentemente, l’associazione chiede di rivedere la variante inserendo una passeggiata pedonale in riva al lago che dal cancello ovest di Villa Favorita porti alla scalinata degli Oleandri, lunga 850 metri e larga 3, aperta al pubblico nelle ore diurne. Da lì si dovrebbe poi costruire un nuovo percorso pedonale con partenza davanti a Villa degli Oleandri fino a Villa Heleneum. Per realizzare la tratta attraverso il parco di Villa Favorita sarebbe necessario un diritto di passo pubblico che "in mancanza di accordo con i proprietari (la famiglia Invernizzi, ndr) dovrebbe essere acquisito per via espropriativa". E proprio questo è uno dei tasti dolenti per la Città. Il direttore della Divisione pianificazione, ambiente e mobilità di Lugano Marco Hubeli ha dichiarato alla ‘Regione’, all’indomani della pubblicazione, che "l’inserimento di un percorso pubblico nel parco esporrebbe la Città a richieste d’indennizzo significative".

‘Il Comune allestisca una perizia’

Di diverso avviso i Ctl: "Il vincolo che si impone ai proprietari non sarebbe così gravoso da configurare un esproprio materiale (...). Inoltre si potrebbero eventualmente prevedere dei provvedimenti di sistemazione esterna (alberi, siepi, piantumazioni, cinta o quant’altro) per garantire una maggiore privacy e discrezione alla proprietà. L’indennità da corrispondere ai proprietari oltre a coprire i costi della servitù potrà comprendere in una certa misura anche indennità per disturbi e intromissione visiva nella privacy. Siamo fiduciosi che si potrà ottenere una soluzione soddisfacente per l’interesse pubblico e sostenibile finanziariamente per la Città. Anche perché in casi del genere il Cantone potrà finanziare con aliquote cospicue la realizzazione della passeggiata pedonale sulla riva del lago". Pertanto, i Ctl chiedono al Comune di allestire una perizia sull’alternativa e la sostenibilità finanziaria, sottolineando come "non c’è nessuna testimonianza, valutazione materiale o giuridica che sostenga o spieghi l’abdicazione dell’autorità alla rinuncia del fine perseguito (ossia della realizzazione della passeggiata a lago, ndr)".

Censi: ‘I proprietari sapevano del vincolo’

Di tenore ancor più incisivo le osservazioni di Censi sul tema. "Timori di espropriazione materiale sono infondati e le argomentazioni di paure in tal senso da parte della Città dimostrano la carente conoscenza della giurisprudenza in materia. Mantenendo dei vincoli rigidi di conservazione delle sole strutture esistenti non si fa altro che mantenere l’edificabilità attuale e non v’è pertanto nessuna ulteriore riduzione delle capacità edificatorie e quindi non è dato alcun elemento di espropriazione materiale. Peraltro sui vincoli oggi esistenti la richiesta di esproprio materiale sarebbe da tempo perenta". L’avvocato evidenzia inoltre che i proprietari attuali "sapevano o dovevano sapere dell’esistenza della mozione al momento dell’acquisto" – approvata l’anno precedente alla transazione – e quindi "erano ben coscienti dell’esistenza di un futuro vincolo, perché la mozione è un atto parlamentare vincolante per l’esecutivo". Pertanto "non possono certo sostenere che si tratti di vincoli inesistenti e non noti al momento dell’acquisto, così che nemmeno un eventuale richiamo alla buona fede può giovare loro".

La variante in consultazione prevede inoltre la tutela del parco e della maggioranza degli stabili del comparto. Aspetto, questo, che soddisfa i Ctl. Più critico invece Censi, che mette i puntini sulle i. L’avvocato chiede sostanzialmente di estendere la tutela stralciando la zona R2 e la zona R3A, in quanto sarebbero integralmente o parzialmente in contrasto con l’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (Isos). Stesso discorso per le normative di attuazione del Pr, che non solo non devono ammettere nuove costruzioni, ma nemmeno l’aumento delle volumetrie di quelle esistenti. Inoltre, a suo giudizio, la zona andrebbe vincolata in modo più chiaro oltre che rigido, in quanto non sarebbe corretto delegare la questione al Municipio, nell’ambito delle procedure per i Piani di quartiere: il rischio sarebbe una pianificazione snaturata a favore della speculazione edilizia.

Con ormai quasi vent’anni alle spalle, anche il futuro del dossier non appare dunque dei più semplici. La palla torna ora al Municipio che dovrà preparare un messaggio municipale tenendo conto o meno delle osservazioni. Spetterà poi al legislativo esprimersi e, viste le premesse, non sembrano una chimera eventuali vie legali qualora il Cc dovesse approvare un messaggio affine all’attuale variante.

Leggi anche:

Lugano, individuato il compromesso per Villa Favorita

Lugano, quel ‘topolino’ partorito per Villa Favorita

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved