lugano-inaccettabile-la-variante-per-villa-favorita
Ti-Press
Ambito gioiellino
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
46 min

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
Locarnese
1 ora

Russo, lavori agricoli nella campagna Grande

Prosegue il lavoro nell’ambito del progetto di riqualifica di questi terreni in alta Onsernone
Gallery
Luganese
2 ore

Centra lo spartitraffico e si rovescia su un fianco: è grave

Serie ferite per l’uomo rimasto vittima di un incidente nella notte in via San Gottardo a Lugano, poco prima del tunnel di Besso
Bellinzonese
2 ore

Esce di strada con l’auto che poi prende fuoco: grave una 20enne

L’incidente è avvenuto attorno alle 23.30 sulla strada cantonale all’altezza di Gorduno: strada chiusa per i rilievi del caso fino alle 4.30
Ticino
3 ore

Una notte di tuoni, acqua (tanta acqua) e grandine

Un fronte di maltempo particolarmente attivo ha spazzato nella notte il Ticino. Provocando diversi disagi, come nelle Centovalli
Gallery
Grigioni
3 ore

Grave incidente in galleria a Pian San Giacomo

Tre le auto coinvolte nel botto all’interno del tunnel Cianca Presella. Quattro i feriti, di cui uno in modo grave
Mendrisiotto
5 ore

Breggia, sulla scuola dell’infanzia è referendum

Sinistra e Verdi pronti a costituire un Comitato e a coinvolgere la popolazione. ‘L’investimento è oneroso. È tempo di fissare delle priorità’
Mendrisiotto
14 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
16 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
16 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
16 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
16 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
16 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
17 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. Intanto trasmessi a Berna i documenti per il metrò alpino
Ticino
17 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
17 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
17 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
18 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
18 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
24.05.2022 - 17:43

Lugano, ‘inaccettabile la variante per Villa Favorita’

Non piace la promenade, che invece di essere a lago si snoderebbe accanto alle strade esistenti a monte. Inoltrate a Palazzo civico le osservazioni

La variante di Piano regolatore (Pr) formulata dal Municipio per il comparto di Villa Favorita è "inaccettabile". In concomitanza con la fine del periodo di pubblicazione, che scade oggi, arrivano a Palazzo civico le osservazioni, ampiamente preannunciate dalle critiche delle scorse settimane sulla proposta dell’esecutivo di Lugano. A non piacere, in particolare, è l’assenza di una passeggiata a lago così come previsto da una mozione del 2004 accettata poi dal Consiglio comunale (Cc) nel 2013. Due nel dettaglio le osservazioni delle quali abbiamo notizia: quelle dei Cittadini per il territorio del Luganese (Ctl) e quelle dell’avvocato Adriano Censi, ex consigliere comunale Plr nonché già presidente della Commissione cantonale dei beni culturali.

‘Mancato l’obiettivo della passeggiata lungo il lago’

Breve ma diretta la presa di posizione dell’associazione. La variante "non è accettabile perché l’obiettivo di realizzare una passeggiata lungo il lago da Lugano a Gandria è completamente mancato. Per questa ragione i Ctl chiedono che la variante di Pr venga riformulata". La proposta del Municipio, ricordiamo, prevede sì di mantenere il collegamento tra la Lanchetta di Cassarate e il Lido San Domenico, ma tramite via Cortivo e non lungo il Ceresio attraverso il parco di Villa Favorita, così come richiesto dalla mozione dell’ex consigliere comunale Martino Rossi (Ps) accolta dal Cc. I Ctl evidenziano pertanto l’interesse pubblico dietro all’approvazione del 2013, a sua volta forte di diverse basi legali: l’articolo 3 della Legge sulla pianificazione del territorio, l’articolo 79 della Legge sullo sviluppo territoriale, il Piano direttore cantonale e il Piano per l’agglomerato del Luganese di terza generazione.

Pericolo di grosse richieste d’indennizzo?

Conseguentemente, l’associazione chiede di rivedere la variante inserendo una passeggiata pedonale in riva al lago che dal cancello ovest di Villa Favorita porti alla scalinata degli Oleandri, lunga 850 metri e larga 3, aperta al pubblico nelle ore diurne. Da lì si dovrebbe poi costruire un nuovo percorso pedonale con partenza davanti a Villa degli Oleandri fino a Villa Heleneum. Per realizzare la tratta attraverso il parco di Villa Favorita sarebbe necessario un diritto di passo pubblico che "in mancanza di accordo con i proprietari (la famiglia Invernizzi, ndr) dovrebbe essere acquisito per via espropriativa". E proprio questo è uno dei tasti dolenti per la Città. Il direttore della Divisione pianificazione, ambiente e mobilità di Lugano Marco Hubeli ha dichiarato alla ‘Regione’, all’indomani della pubblicazione, che "l’inserimento di un percorso pubblico nel parco esporrebbe la Città a richieste d’indennizzo significative".

‘Il Comune allestisca una perizia’

Di diverso avviso i Ctl: "Il vincolo che si impone ai proprietari non sarebbe così gravoso da configurare un esproprio materiale (...). Inoltre si potrebbero eventualmente prevedere dei provvedimenti di sistemazione esterna (alberi, siepi, piantumazioni, cinta o quant’altro) per garantire una maggiore privacy e discrezione alla proprietà. L’indennità da corrispondere ai proprietari oltre a coprire i costi della servitù potrà comprendere in una certa misura anche indennità per disturbi e intromissione visiva nella privacy. Siamo fiduciosi che si potrà ottenere una soluzione soddisfacente per l’interesse pubblico e sostenibile finanziariamente per la Città. Anche perché in casi del genere il Cantone potrà finanziare con aliquote cospicue la realizzazione della passeggiata pedonale sulla riva del lago". Pertanto, i Ctl chiedono al Comune di allestire una perizia sull’alternativa e la sostenibilità finanziaria, sottolineando come "non c’è nessuna testimonianza, valutazione materiale o giuridica che sostenga o spieghi l’abdicazione dell’autorità alla rinuncia del fine perseguito (ossia della realizzazione della passeggiata a lago, ndr)".

Censi: ‘I proprietari sapevano del vincolo’

Di tenore ancor più incisivo le osservazioni di Censi sul tema. "Timori di espropriazione materiale sono infondati e le argomentazioni di paure in tal senso da parte della Città dimostrano la carente conoscenza della giurisprudenza in materia. Mantenendo dei vincoli rigidi di conservazione delle sole strutture esistenti non si fa altro che mantenere l’edificabilità attuale e non v’è pertanto nessuna ulteriore riduzione delle capacità edificatorie e quindi non è dato alcun elemento di espropriazione materiale. Peraltro sui vincoli oggi esistenti la richiesta di esproprio materiale sarebbe da tempo perenta". L’avvocato evidenzia inoltre che i proprietari attuali "sapevano o dovevano sapere dell’esistenza della mozione al momento dell’acquisto" – approvata l’anno precedente alla transazione – e quindi "erano ben coscienti dell’esistenza di un futuro vincolo, perché la mozione è un atto parlamentare vincolante per l’esecutivo". Pertanto "non possono certo sostenere che si tratti di vincoli inesistenti e non noti al momento dell’acquisto, così che nemmeno un eventuale richiamo alla buona fede può giovare loro".

La variante in consultazione prevede inoltre la tutela del parco e della maggioranza degli stabili del comparto. Aspetto, questo, che soddisfa i Ctl. Più critico invece Censi, che mette i puntini sulle i. L’avvocato chiede sostanzialmente di estendere la tutela stralciando la zona R2 e la zona R3A, in quanto sarebbero integralmente o parzialmente in contrasto con l’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere (Isos). Stesso discorso per le normative di attuazione del Pr, che non solo non devono ammettere nuove costruzioni, ma nemmeno l’aumento delle volumetrie di quelle esistenti. Inoltre, a suo giudizio, la zona andrebbe vincolata in modo più chiaro oltre che rigido, in quanto non sarebbe corretto delegare la questione al Municipio, nell’ambito delle procedure per i Piani di quartiere: il rischio sarebbe una pianificazione snaturata a favore della speculazione edilizia.

Con ormai quasi vent’anni alle spalle, anche il futuro del dossier non appare dunque dei più semplici. La palla torna ora al Municipio che dovrà preparare un messaggio municipale tenendo conto o meno delle osservazioni. Spetterà poi al legislativo esprimersi e, viste le premesse, non sembrano una chimera eventuali vie legali qualora il Cc dovesse approvare un messaggio affine all’attuale variante.

Leggi anche:

Lugano, individuato il compromesso per Villa Favorita

Lugano, quel ‘topolino’ partorito per Villa Favorita

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
adriano censi cittadini territorio luganese lugano villa favorita
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved