ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
21 sec

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
18 min

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
25 min

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
37 min

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
43 min

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
44 min

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
44 min

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
55 min

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
1 ora

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
1 ora

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
1 ora

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Luganese
2 ore

Lugano, per i più piccoli il Natale a bordo dei battelli

L’8 dicembre sarà l’occasione di viaggiare con San Nicolao. Domenica 18 dicembre toccherà alla ‘Crociera delle fiabe’
05.04.2022 - 19:16
Aggiornamento: 19:37

Lugano, individuato il compromesso per Villa Favorita

Pronta la variante di Pr: niente passeggiata a lago ma c’è l’alternativa, fruibilità pubblica per una parte del parco e due piani di casa Corbellina

lugano-individuato-il-compromesso-per-villa-favorita
Ti-Press/Archivio
Villa Favorita

Individuata la soluzione di compromesso per il sedime su cui sorge Villa Favorita. Una soluzione, dopo anni d’incontri e di trattative, tradotta nella variante di Piano regolatore che aggiorna e mette ordine in tutto il comparto, nel rispetto delle esigenze di tutela del parco e dei vari edifici esistenti, in base alla Legge sui beni culturali. Confermata, con il beneplacito del Cantone, la rinuncia alla passeggiata pubblica lungo la riva del lago, ma è stata individuata una soluzione che darà continuità al percorso pedonale dalla Lanchetta fino al Lido di San Domenico. Prevista inoltre la cessione gratuita alla Città di Lugano della parte iniziale del parco e di due piani della casa Corbellina, che verrebbero destinati ad attività ricreative. Nel frattempo, i proprietari (la famiglia Invernizzi), licenze edilizie alla mano, stanno già sistemando il parco e diversi oggetti.

‘Protetti quasi tutti gli edifici’

La soluzione ricalca, nella sostanza, quella presentata dal Municipio quattro anni fa alla Commissione interpartitica. Ce la illustra, per sommi capi, Marco Hubeli, direttore della Divisione pianificazione, ambiente e mobilità di Lugano: «La variante protegge diversi stabili, direi quasi tutti, e il parco. Consente anche il cambio di destinazione di alcuni oggetti che diventano residenziali, tra i quali l’ex Pinacoteca. E soprattutto risolve la questione della passeggiata. L’inserimento di un percorso pubblico nel parco esporrebbe la Città a richieste d’indennizzo significative. La variante sarà pubblicata da lunedì 11 aprile, per eventuali osservazioni. Dopodiché, sulla base dell’esame preliminare del Cantone, che suggerisce alcune modifiche di dettaglio (già su www.lugano.ch), il Municipio allestirà il messaggio all’indirizzo del Consiglio comunale». In teoria, la promenade a lago avrebbe dovuto passare in mezzo al parco (destinato a rimanere privato) ma questo è stato considerato troppo invasivo e difficilmente compatibile con la proprietà privata. Però, nella variante, si è studiata l’alternativa praticabile per raggiungere un obiettivo simile: il collegamento dalla Lanchetta fino al Lido di San Domenico, attraverso via Cortivo. In futuro, continua Hubeli, verrà studiato un progetto di riqualifica che evita alla Città ogni sorta d’intervento di carattere espropriativo che sarebbe quanto mai oneroso. La variante è stata elaborata in collaborazione con vari servizi del Cantone, in particolare con l’Ufficio beni culturali e i rappresentanti della proprietà. Sono state ritenute improponibili altre opzioni, come quelle suggerite da due interrogazioni, che proponevano una passeggiata a lago su demanio pubblico, con passerelle davanti al muro monumentale di contenimento, su palafitte, galleggianti o ancorate a mensola sul muro storico, per evitare un esproprio.

Una proposta che farà discutere

La soluzione individuata non farà quasi sicuramente l’unanimità. Il Consiglio comunale nel novembre di nove anni fa approvò parzialmente la mozione presentata dall’ex consigliere comunale socialista Martino Rossi nel 2004, che chiedeva esplicitamente l’acquisto tramite esproprio del complesso storico di Villa Favorita e del parco per uso pubblico. Nella risoluzione, il Municipio venne invitato a intraprendere tutti i passi necessari affinché parte del parco potesse divenire fruibile al pubblico e affinché venisse creata una passeggiata a lago collegata a via Cortivo. L’esecutivo proseguì la discussione con l’allora proprietà e il detentore del diritto di compera per conseguire l’obiettivo. Alla scadenza del diritto di compera, mai esercitato, è subentrata una nuova proprietà (la famiglia Invernizzi), con la quale è stato ripreso il dialogo, ma con prospettive d’intervento basate sulla conservazione della sostanza edificata. Nel 2014, lo ricordiamo, il Consiglio di Stato adottò la Zona di pianificazione cantonale che tutela integralmente il parco (e i manufatti architettonici e artistici), Villa Favorita e Gloriette, mentre sono sottoposti a salvaguardia parziale casa Corbellina, casa Maderna, casa Selvano, l’ex Pinacoteca (fino al trasferimento a Madrid, sede per sessant’anni di una delle collezioni d’arte più celebri del mondo), casa Rotonda e le due limonaie ottocentesche.

Leggi anche:

Lugano, c'è un accordo per Villa Favorita

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved