disordini-post-partita-la-tifosa-nervosi-gia-allo-stadio
Ti-Press
La partita è finita 3 a 1 per i padroni di casa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
2 ore

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
5 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
6 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
6 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
6 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
6 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
6 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
7 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
7 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
08.05.2022 - 17:17
Aggiornamento: 09.05.2022 - 09:39

Disordini post-partita, la tifosa: ‘Nervosi già allo stadio’

La testimonianza di una ragazza che ieri, tra Cornaredo e Stazione Ffs, ha assistito all’incontro fra Lugano e Young Boys. ‘Ci vuole più tranquillità’.

«Da tifosa mi piacerebbe più tranquillità, si dovrebbe fare qualcosa in più o a livello di prevenzione o di potenziamento del dispositivo di sicurezza». A parlare è Patrizia (nome di fantasia), tifosa dell’Fc Lugano che preferisce restare anonima, che ha assistito ieri all’incontro calcistico fra i padroni di casa e lo Young Boys (Yb) di Berna, valido per il 3° posto in campionato. E, parzialmente, allo scontro avvenuto successivamente alla Stazione Ffs tra i tifosi della squadra ospite e gli agenti di polizia.

‘Quando arrivano sono tanti e c’è poco da stare allegri’

«Quando sono arrivata allo stadio, più o meno in contemporanea sono arrivati anche i tifosi dello Young Boys» racconta la donna. Che impressione ti hanno dato? «C’è da dire che loro sono sempre caldi. È un gruppo di tifosi che si sa che quando arrivano sono in tanti e c’è poco da stare allegri. Insieme a quella del Basilea è una delle tifoserie più calde in Svizzera. Fin dall’inizio hanno acceso fumogeni, ma questo non è anomalo allo stadio. Che la tensione fosse piuttosto alta l’abbiamo percepito nel secondo tempo, quando hanno acceso un petardo che ci ha fatti sobbalzare tutti dallo spavento». Dove l’hanno fatto scoppiare? «Nel settore a loro riservato, ma era uno di quelli forti per questo ci ha spaventati. Il botto è stato importante. Come saliva in campo (la partita è poi terminata 3 a 1, dopo rimonta del Lugano, ndr), il nervosismo probabilmente è cresciuto anche sugli spalti. A parte i soliti sfottò tra tifoserie, allo stadio comunque non ho vista alcun episodio particolare di violenza».

Il marciapiede pieno di sassi

I problemi veri e proprio, come sappiamo, sono infatti avvenuti alla Stazione Ffs. «Quando sono arrivata su per prendere il treno e tornare a casa (Patrizia vive nel Mendrisiotto, ndr), ho visto che c’era già il treno speciale che attendeva per riportarli a Berna. I tifosi erano al binario 1 e ho visto che hanno iniziato a far casino. Poi sono andata a cenare e solo più tardi, dopo un’oretta, mi sono recata sul binario 2 a prendere il treno per il Mendrisiotto». Nel frattempo sono successi i disordini che hanno portato all’arresto di un tifoso dello Yb che adesso è sotto inchiesta per impedimento di atti dell’autorità, violenza e minaccia contro funzionari, tentato furto e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. «Dal mio marciapiede ho visto che quello antistante era pieno di sassi, presi verosimilmente direttamente dai binari per lanciarli contro la polizia – conclude Patrizia –. L’arresto non l’ho visto, ma me l’ha raccontato un ferroviere. Siamo rimasti tutti colpiti da quanto successo. Inoltre, per questioni di sicurezza hanno bloccato il traffico ferroviario, quindi abbiamo dovuto attendere in stazione che caricassero i tifosi sul loro treno e che questo ripartisse».

Leggi anche:

Scontri fra tifosi dell’Yb e polizia dopo la partita, un arresto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
disordini fc lugano lugano young boys
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved