ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
6 min

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
3 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
6 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
6 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
6 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
15 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
16 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
17 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
08.05.2022 - 17:17
Aggiornamento: 09.05.2022 - 09:39

Disordini post-partita, la tifosa: ‘Nervosi già allo stadio’

La testimonianza di una ragazza che ieri, tra Cornaredo e Stazione Ffs, ha assistito all’incontro fra Lugano e Young Boys. ‘Ci vuole più tranquillità’.

disordini-post-partita-la-tifosa-nervosi-gia-allo-stadio
Ti-Press
La partita è finita 3 a 1 per i padroni di casa

«Da tifosa mi piacerebbe più tranquillità, si dovrebbe fare qualcosa in più o a livello di prevenzione o di potenziamento del dispositivo di sicurezza». A parlare è Patrizia (nome di fantasia), tifosa dell’Fc Lugano che preferisce restare anonima, che ha assistito ieri all’incontro calcistico fra i padroni di casa e lo Young Boys (Yb) di Berna, valido per il 3° posto in campionato. E, parzialmente, allo scontro avvenuto successivamente alla Stazione Ffs tra i tifosi della squadra ospite e gli agenti di polizia.

‘Quando arrivano sono tanti e c’è poco da stare allegri’

«Quando sono arrivata allo stadio, più o meno in contemporanea sono arrivati anche i tifosi dello Young Boys» racconta la donna. Che impressione ti hanno dato? «C’è da dire che loro sono sempre caldi. È un gruppo di tifosi che si sa che quando arrivano sono in tanti e c’è poco da stare allegri. Insieme a quella del Basilea è una delle tifoserie più calde in Svizzera. Fin dall’inizio hanno acceso fumogeni, ma questo non è anomalo allo stadio. Che la tensione fosse piuttosto alta l’abbiamo percepito nel secondo tempo, quando hanno acceso un petardo che ci ha fatti sobbalzare tutti dallo spavento». Dove l’hanno fatto scoppiare? «Nel settore a loro riservato, ma era uno di quelli forti per questo ci ha spaventati. Il botto è stato importante. Come saliva in campo (la partita è poi terminata 3 a 1, dopo rimonta del Lugano, ndr), il nervosismo probabilmente è cresciuto anche sugli spalti. A parte i soliti sfottò tra tifoserie, allo stadio comunque non ho vista alcun episodio particolare di violenza».

Il marciapiede pieno di sassi

I problemi veri e proprio, come sappiamo, sono infatti avvenuti alla Stazione Ffs. «Quando sono arrivata su per prendere il treno e tornare a casa (Patrizia vive nel Mendrisiotto, ndr), ho visto che c’era già il treno speciale che attendeva per riportarli a Berna. I tifosi erano al binario 1 e ho visto che hanno iniziato a far casino. Poi sono andata a cenare e solo più tardi, dopo un’oretta, mi sono recata sul binario 2 a prendere il treno per il Mendrisiotto». Nel frattempo sono successi i disordini che hanno portato all’arresto di un tifoso dello Yb che adesso è sotto inchiesta per impedimento di atti dell’autorità, violenza e minaccia contro funzionari, tentato furto e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. «Dal mio marciapiede ho visto che quello antistante era pieno di sassi, presi verosimilmente direttamente dai binari per lanciarli contro la polizia – conclude Patrizia –. L’arresto non l’ho visto, ma me l’ha raccontato un ferroviere. Siamo rimasti tutti colpiti da quanto successo. Inoltre, per questioni di sicurezza hanno bloccato il traffico ferroviario, quindi abbiamo dovuto attendere in stazione che caricassero i tifosi sul loro treno e che questo ripartisse».

Leggi anche:

Scontri fra tifosi dell’Yb e polizia dopo la partita, un arresto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved