ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
32 min

Sbanda e centra la Giudicatura di pace

SIngolare incidente della circolazione in territorio di San Nazzaro. Ingenti danni alla vettura e allo stabile
Locarnese
39 min

Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’

La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
2 ore

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
5 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
5 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
5 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
13 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
13 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
14 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
14 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
14 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
14 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
15 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
15 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
15 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
16 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
16 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
16 ore

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
17 ore

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
Luganese
17 ore

Villa Luganese, la lotteria di Casimiro Piazza

È stata organizzata per sottolineare il 17esimo anno di attività della Scuola. L’elenco dei 20 numeri vincenti
Bellinzonese
17 ore

Lodrino, castagnata con il Ps di Riviera

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 16 al Centro sportivo
Luganese
17 ore

La lingua lombardo-ticinese protagonista ad Arogno

Il Tepsi presenterà domenica 4 dicembre al Teatro ‘Scapa ti... che scapi anca mi’
Bellinzonese
17 ore

Riscaldamenti elettrici ‘energivori’, serata a Biasca

L’evento organizzato dalla Società elettrica sopracenerina si terrà lunedì 5 dicembre alle 20 nell’Auditorium Cavalier Pellanda
Luganese
17 ore

Le vacanze nel Luganese regalano una crociera

Lanciata la nuova campagna turistica di Lugano Region in vista delle vacanze invernali
Mendrisiotto
18 ore

Istanza aggregativa a Balerna, il parere del Municipio

L’esecutivo prende posizione: sottoscriverla sarà ‘una precisa manifestazione di volontà e un passo formale vincolante per l’attivazione della procedura’
Bellinzonese
18 ore

La comunità curda in Ticino manifesta a Bellinzona

Sabato 3 dicembre alle 15, ritrovo sul Piazzale Stazione per dire ‘No all’aggressione turca al Rojava’
Luganese
18 ore

Lugano, agevolazioni di parcheggio natalizie

In occasione delle aperture domenicali dell’11 e 18 dicembre, mezzi pubblici e prime due ore di posteggio gratuite
Luganese
18 ore

Sul fiume Tresa arrivano le rampe dinamiche

In vista dei lavori che interesseranno Molinazzo, il 13 dicembre è previsto un incontro informativo online
Luganese
18 ore

Lugano, maratona Telethon in piazza Rezzonico

Molti gli eventi in programma venerdì 2 e sabato 3 dicembre in occasione della raccolta fondi nazionale
Luganese
18 ore

Melide festeggia i 100 anni di Elvina Spaccio

L’invidiabile traguardo è stato celebrato lo scorso 24 novembre alla presenza della famiglia e del sindaco Angelo Geninazzi
Grigioni
19 ore

Mesocco, sull’A13 pausa invernale dei lavori nel tunnel Gei 

Il cantiere riprenderà nel 2023. Scavata nel frattempo una nuova via di fuga
laR
 
07.10.2022 - 08:30
Aggiornamento: 16:32

Nel mondo delle sale Snoezelen con Sofia Santori

Popolari nelle case per anziani e negli istituti per disabili, oggi si diffondono sempre più anche nell’ambito privato grazie al loro valore terapeutico

nel-mondo-delle-sale-snoezelen-con-sofia-santori
Ti-Press
Sofia Santori, unica formatrice accreditata per la Svizzera italiana

Luci soffuse, ma anche molti colori. Oggetti strani o altri comunissimi ma dall’utilizzo atipico. Un mondo a sé, un paradiso per i cinque sensi. Dovendolo fare, proviamo a descrivere così una sala Snoezelen. Ma sono molto altro. Un nome che a tanti forse dice poco, eppure si tratta di ambienti sempre più diffusi in Ticino: dalle case per anziani agli istituti per disabili, e non solo. Un tassello ormai fondamentale nei percorsi terapeutici di molte strutture e con un potenziale ancora da sfruttare. Ne parliamo con Sofia Santori, unica formatrice accreditata a livello nazionale per la Svizzera italiana. La incontriamo al Centro Sfera Bianca a Cadempino, che gestisce dal 2015 dopo un avvio a Taverne.

Cosa sono le sale Snoezelen? Come le spieghiamo?

Vedendola, la prima cosa che si nota sono le luci. Però, prima che una stanza, è un approccio. Alle persone rimangono impresse le luci, i colori, gli oggetti. In realtà la vera magia la fa l’operatore, che riesce a modulare le attività e lo spazio portandoli alla portata della persona, senza sovrastimolarla, ma anzi interessandola e decidendo come e quando regolarla. È chiaro poi che viene modulata in base ai fruitori. Se vi entrano bambini piccoli senza patologie e con magari genitori al fianco, la seduta prende un aspetto più ludico. Decade un po’ quell’aspetto di relazione sensoriale utile a chi ha delle patologie specifiche.

Quante ne abbiamo in Ticino?

Almeno una ventina. Comunque sempre di più: continuano a nascerne.

E da cosa sono composte?

Gli elementi principali e di base sono: un letto ad acqua vibroacustico, che spesso è il primo a essere depennato in quanto il pezzo più caro, ed è veramente lo strumento basale. Sotto al letto ci sono gli amplificatori, che grazie a una musica apposita per lo Snoezelen, fanno vibrare l’acqua, che è calda. Sul letto dunque c’è l’aspetto vestibolare, la vibrazione profonda. Sul letto si può lavorare con chiunque, anche con persone che non hanno nessun interesse per stimoli visivi, ad esempio. Si lavora molto sulla percezione corporea grazie alla vibrazione. Chiaro che non fa tutto il letto: accanto c’è una persona che accompagna, che testa eventuali interessi. Dovrebbero esserci poi: un’amaca, soprattutto se si lavora con l’autismo o altre disabilità, e poi degli stimoli visivi, che in genere sono la fibra ottica e un bubbletube. Non si tratta necessariamente di strumenti da terapia, ma accattivanti. Ed è importante: avere stimoli accattivanti significa catturare l’attenzione di una persona e avere minor difficoltà nel creare un ponte nella nostra relazione. Non devono sempre essere accese tutte: accendere tutto può voler dire sovrastimolare. Capita che per motivi di spazio o finanziari ce ne siano solo una parte.

Ecco: côté finanziario. Quanto costa allestire una sala Snoezelen?

Difficile dare risposte assolute, perché molto dipende anche dalle dimensioni della stanza allestita e chiaramente dagli oggetti che si inseriscono. Di base, si può dire che una spesa di 15’000 franchi è necessaria. Ma è possibile investire anche il doppio e oltre se si crea qualcosa di più elaborato. Una sala ben fatta è più della semplice somma delle attrezzature, è soprattutto un progetto ragionato.

Per chi è adatto l’utilizzo di una sala Snoezelen?

In generale, si può lavorare fondamentalmente con tutti per costruire un progetto. Noi lavoriamo principalmente con la disabilità, con le scuole (in particolare dell’infanzia ed elementari), regolari e speciali, e con i bambini nella prima infanzia. Nella fascia 0-3 anni proponiamo tante attività con i genitori. Nelle sedute con bambini piccoli trovo di grande valore il fatto che anche il genitore abbia l’occasione di rilassarsi. Per quanto riguarda le scuole, sono molto contenta di vedere sempre più docenti che trovano importante inserire anche attività che prevedono che si lavori sul corpo e sulla capacità di bambini e ragazzi di rilassarsi. C’è una parte dedicata all’esplorazione, io credo che ai bambini diamo sempre tante attività strutturate. E poi una parte più guidata, relativa alla scoperta del corpo. A volte si propongono dei temi da sviluppare, attività quasi da atelier. Per quanto riguarda gli anziani, lavoriamo molto con i centri diurni, frequentati tuttavia da persone che spesso hanno ancora una buona autosufficienza. Nelle case per anziani si lavora invece principalmente sugli aspetti sensoriali, oltre che sul ricordo, che si può evocare anche tramite delle immagini, oppure dei materiali da manipolare. Diventa anche un luogo dove si ha un rapporto uno a uno con gli operatori e gli anziani dunque possono sentirsi ascoltati. Quarta categoria: adulti, spesso professionisti, persone a rischio burnout. La sala diventa strumento di rilassamento e di presa di coscienza di dove si va nella vita, per capire cosa non va e reagire. La vera prevenzione del burnout comunque si fa fuori dalla stanza.

In che contesto nascono le sale Snoezelen?

Negli anni Settanta nei Paesi Bassi, in una struttura che si occupava di disabilità. Era il periodo nel quale in Germania si sviluppava la stimolazione basale. Era un contesto a livello europeo nel quale ci si stava rendendo conto che le persone con disabilità severe che sono ricoverate in maniera permanente nelle strutture necessitavano di essere occupate. Si è iniziato dunque a sperimentare. Nei Paesi Bassi ci si rende conto che l’aspetto sensoriale può essere il linguaggio principale. Iniziano dunque proprio a creare dei materiali ad hoc o a recuperarli. La prima bubbletube è stata creata da uno scarto teatrale. Si è andati per tentativi, cercando di creare materiali stimolanti. Snoezelen è una parola composta da due termini olandesi: schnuffelen e dozelen: annusare (rappresenta la parte più sensoriale) e sonnecchiare. L’idea dunque è di attivare, ma anche di rilassare, utilizzando i sensi.

In Svizzera e in Ticino quando sono arrivate?

In Ticino la prima sala, che io sappia, è stata quella del Miralago, dodici anni fa. In Svizzera si è iniziato poco prima, una quindicina di anni fa. Si sono diffuse principalmente nell’ambito della terza età, nelle case per anziani e in particolare sui piani per i malati di Alzheimer. Al di fuori degli istituti, stanno nascendo sempre più sale private.

Lei come è diventata formatrice?

Io nasco come terapista complementare, naturopata e omeopata. Ho due figlie, una di 13 e l’altra di 9 anni. Quando è nata la seconda ho capito che avrei dovuto reimparare una serie di cose perché era molto particolare nel suo modo di stare al mondo. Questa particolarità si è riassunta in una diagnosi di autismo. Ho cercato quindi qualcosa che potesse essere d’aiuto alle sue difficoltà sensoriali per cercare momenti di maggiore interazione con mia figlia e ho capito che gli strumenti che avevo a disposizione non si adeguavano molto a quel che avevo da offrirle. Ho deciso di informarmi meglio e il primo corso che ho trovato è stato di stimolazione basale, che mi ha davvero aperto la mente.

Che cos’è la stimolazione basale?

È un universo: ci sono tante pratiche differenti. Si basa sull’idea che le persone abbiano una comunicazione che passa attraverso il corpo, attraverso gli stimoli basali, ossia: quello somatico, quello vibratorio, quello vestibolare. Lo scopo è anche restituire un’interezza corporea alle persone che vivono in maniera confusa la propria corporeità. Nella pratica questo si traduce anche nel trovare le giuste attività per ogni persona. In generale pratiche legate al corpo. Ad esempio: massaggi, dondolare sull’amaca con un certo ritmo, utilizzare strumenti come le coperte basali o gli animali ponderati, che aiutano – soprattutto sul letto ad acqua che è già vibracustico – ad avere un limite corporeo riconosciuto. Più o meno in questo periodo ho scoperto dell’esistenza delle stanze Snoezelen, grazie a quella esistente al Miralago.

Ed è stato amore a prima vista?

Quando sono entrata, la prima cosa che ho pensato è ‘perché questa cosa non è alla portata di tutti?’. È un ambiente che può davvero essere un ponte comunicativo: ho riconosciuto gli interessi sensoriali della mia figlia autistica, ma anche dell’altra che non lo è. Mi sono detta, perché bisogna sempre cercare di adattare gli interessi degli altri a mia figlia? Perché non avere un posto per far incontrare le persone? Mi è sembrato l’ambiente giusto per farlo. Mi è dispiaciuto che fosse ‘relegato’ solo agli ospiti di una struttura o a persone che hanno ricevuto una diagnosi. Quindi mi è venuto il pallino di uno spazio che potesse essere per tutti. Pertanto ho deciso di fare la formazione ad hoc.

Di cosa si tratta?

Si tratta di quattro moduli da due giorni in Svizzera tedesca. Oltre alla teoria, ho svolto la pratica insieme al mio insegnante, che è il presidente dell’associazione svizzera di operatori Snoezelen (sezione nazionale dell’Isna-mse, l’associazione internazionale mantello, ndr), nonché docente dei corsi in lingua tedesca. Ho fatto la formazione nel 2014 parzialmente a Baar (Canton Zugo) e parzialmente a Grandson (Vaud). La formazione in tedesco c’è da quindici anni, in italiano non c’era. Il mio docente mi ha chiesto se fossi interessata a portarla avanti: sono dunque diventata formatrice per il Ticino per l’associazione, e la formazione che diamo qui al centro è quella che porta alla certificazione attraverso la Isna. Siamo partiti nel 2015.

Quante persone avete formato in Ticino?

Almeno trecento. Tanti terapisti occupazionali, pedagogisti, alcuni genitori, sempre di più docenti delle scuole speciali e anche regolari. In generale, è una formazione che sta prendendo molto piede.

Oltre al Centro Sfera Bianca, c’è anche lo Shop Sfera Bianca: un negozio inclusivo. Di cosa si tratta?

Parte di nuovo da un’osservazione fatta con mia figlia minore: i negozi di giocattoli regolari hanno pochi oggetti purtroppo che suscitino l’interesse di queste persone. Pertanto, dopo uno shop online, nel 2018 abbiamo aperto anche un negozio fisico. Facciamo una selezione di giochi e materiali educativi che possano andare bene per tutti. Ci piacerebbe poter diventare un punto di riferimento per le famiglie, i terapisti, i docenti, di tutti i bambini, con disabilità e senza. Inoltre, abbiamo anche materiale specifico per anziani con il morbo di Alzheimer.

Assunto che il potenziale di sviluppo delle sale Snoezelen è elevato, in che direzione le piacerebbe che si andasse?

Mi piacerebbe vedere una sala parto Snoezelen. E poi, credo che ci sia molto margine nel mondo delle scuole, con particolare attenzione agli ambienti, che credo che se ben progettati possano essere un grande strumento inclusivo. L’ambiente non è secondario rispetto al fattore umano, in tema di inclusione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved