ci-sara-sempre-una-luce-in-un-libro-i-110-anni-della-stac
Folta partecipazione per la presentazione del volume celebrativo
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
54 min

Ferma alcuni giorni la teleferica Arvigo-Braggio

La linea rimarrà chiusa per importanti lavori da martedì 5 luglio alle 8 fino a venerdì 8 luglio alle 17
Grigioni
1 ora

Soazza, è tempo di open air ‘Rock di Fra’

La manifestazione è in calendario sabato 9 luglio a partire dalle 18, ora in cui entrerà in funzione anche una fornitissima griglia
Bellinzonese
1 ora

Osco, sagra di San Bernardo a Freggio

Domenica 10 luglio alle 10.30 è in programma la Santa Messa con banco dei dolci e aperitivo, seguirà poi il pranzo all‘azienda agricola ’La Parpaiora’
Grigioni
1 ora

Torna la SanbeRun, la ‘classica’ attorno al lago

Domenica 10 luglio è in programma la nuova edizione della corsa podistica sulle strade di San Bernardino
Gallery
Ticino
2 ore

Da Sciaffusa a Mendrisio: il Consiglio federale in Ticino

Prima la visita a Tenero, poi lo spostamento nel Sottoceneri. Dove, dopo la parte ufficiale, i sette ‘saggi’ hanno incontrato la popolazione.
Mendrisiotto
2 ore

Zigzag in autostrada, multati vari motociclisti

La Polizia cantonale ha riscontrato 31 infrazioni durante alcuni controlli fatti a maggio e giugno.
Locarnese
2 ore

Lavori in corso per gli scali della Navigazione Ascona-Locarno

La prima fase per la sostituzione dei vecchi pali degli imbarchi partirà il 4 luglio e si protrarrà fino al 15 luglio.
Locarnese
3 ore

Lilly Polana espone alla Galleria Amici dell’Arte di Brissago

Mostra personale dedicata all’artista di Montagnola e ai suoi quadri realizzati unicamente con francobolli
Locarnese
3 ore

Tè danzante a Tenero

Al Tertianum Al Vigneto l’appuntamento con la musica è per martedì prossimo
Bellinzonese
4 ore

’Pranzo dell’amicizia’ con il Gruppo ATTE Leventina

La giornata è in programma giovedì 14 luglio ai laghetti Audan ad Ambrì, obbligatorio iscriversi entro il 10 luglio
Bellinzonese
4 ore

Il Piccolo Museo della Scatola di Latta riapre i battenti

Da domenica 3 luglio sino al 31 ottobre a Grumarone è possibile scoprire i quasi 6’500 pezzi della collezione di Franco Grassi
Bellinzonese
5 ore

‘Sua figlia ha avuto un incidente’, ma è una truffa

Una sedicente poliziotta al telefono ha chiesto, invano, a una 78enne del Bellinzonese 50mila franchi per evitare a sua figlia la prigione
26.04.2022 - 18:11

‘Ci sarà sempre una luce’: in un libro i 110 anni della Stac

Presentato oggi il volume che celebra la storia della Società ticinese per l’assistenza dei ciechi di Lugano

Si chiama ‘Ci sarà sempre una luce’ e ripercorre i primi 110 anni della Società ticinese per l’assistenza dei ciechi di Lugano, la Stac. Il volume – a cura della giornalista Cristina Ferrari – è stato presentato oggi nella sede della società alla presenza delle autorità comunali e cantonali. Quattordici capitoli, con prefazione di Gianni Ballabio, che spaziano dagli albori dell’11 dicembre 1911 per arrivare ai giorni nostri, attraversando oltre un secolo di cambiamenti epocali.

Lungimiranza e flessibilità

«La Stac è un valido esempio di quanto la società civile ha saputo ed è in grado di fare, in modo molto lungimirante e in un periodo nel quale non si parlava ancora di inclusione. Ha precorso i tempi e poi ha saputo mettersi in gioco evolvendosi e adeguandosi alle sfide del tempo» è l’osservazione del capodicastero Socialità di Lugano Lorenzo Quadri. «La lungimiranza all’origine della fondazione della Stac ha fatto da fil rouge al prosieguo della sua storia, consolidandone il ruolo nel corso del Novecento e poi ampliando ulteriormente la sua offerta e i suoi servizi negli anni Duemila» gli ha fatto eco il consigliere di Stato Raffaele De Rosa. Il direttore del Dipartimento sanità e socialità ha ricordato poi nel suo intervento che «l’approccio ispirato alle teorie educative di Maria Montessori, adattate alle specificità dell’anziano, permette di porre al centro dell’intervento la persona, favorendone la maggiore autonomia possibile. La presa a carico è quindi il più possibile individualizzata, e capace di mettere in relazione il deficit visivo ad altre patologie simili».

A breve una quarta struttura a Melano...

De Rosa ha inoltre sottolineato che la Stac ha saputo stare al passo coi tempi anche dal profilo organizzativo e gestionale. Esempio concreto di quest’aspetto, è la recente costituzione, assieme alla Fondazione Tusculum, dell’Associazione Melograno, che si occupa della gestione e dello sviluppo dell’omonima rete di tre case per anziani: la Casa dei ciechi, la Tusculum e la Domus Hyperion, queste ultime due ad Arogno. «Presto se ne aggiungerà una quarta a Melano, c’è un accordo col Comune per creare una struttura in rete» anticipa Fabrizio Greco, direttore dell’Associazione Melograno. Gli attuali 126 posti letto e 180 dipendenti sono dunque destinati a crescere. «Lo sviluppo di reti di cura integrate e di sinergie per migliorare ulteriormente la qualità del servizio offerto rientra nella strategia tracciata con la Pianificazione integrata settoriale 2021-30, attualmente al vaglio del Gran Consiglio» ha evidenziato infine il consigliere di Stato.

... e un centro diurno sperimentale ad Arogno

L’occasione è stato propizia per parlare non solo di passato e presente, ma anche di futuro. «Difficile dire quali saranno le prospettive future – secondo Greco –. Siamo in un momento di cambiamento: i vecchi metodi non funzionano più e quelli nuovi non sono ancora del tutto attivi. Bisogna dunque fare delle riflessioni profonde ripartendo dalle nostre caratteristiche e dai nostri valori. Sta cambiando la presa a carico degli anziani, bisogna trovare un modello sostenibile dal profilo umano e finanziario». Concretamente, un modello virtuoso sembra essere il nuovo centro diurno «sperimentale» che aprirà ad Arogno: «Sarà una struttura senza limitazioni interne, più conviviale. Un centro simile esiste già in Valle Onsernone, questo sarà rivolto alla Val Mara: potrebbero essere dei modelli interessanti soprattutto per le regioni periferiche, dove le persone si conoscono di più».

Assente alla presentazione il presidente della Stac Davide Corti. A farne le veci, la vice Cecilia Brenna: «Per noi è un orgoglio assistere alla pubblicazione di questo libro. In questi cento anni la Stac ha saputo adattarsi, mantenendo il fil rouge della solidarietà».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved