ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 min

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
11 min

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
56 min

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
3 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
3 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
3 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
3 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
3 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
3 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
Bellinzonese
3 ore

Comizio distrettuale del Plr di Bellinzona a Giubiasco

Appuntamento con i candidati del distretto per sabato 11 febbraio alle 11 al Mercato coperto
Ticino
4 ore

Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale

La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
4 ore

Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%

Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
10 ore

Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food

Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il cantone a partire dalla primavera
Locarno
10 ore

La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’

Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capodicastero Sviluppo economico e territoriale
laR
 
01.03.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:45

Lugano: dopo gli annegamenti, verso i pattugliatori alla Foce

Municipio e Cantone a braccetto per incrementare la sensibilizzazione nell’area, con una segnaletica più visibile e in diverse lingue

lugano-dopo-gli-annegamenti-verso-i-pattugliatori-alla-foce
Ti-Press/Archivio
La Foce piace ma occorre fare attenzione

Sono ancora troppo fredde le acque del lago e del fiume, in questo periodo. Però la Città di Lugano sta già guardando verso la stagione estiva e vuole evitare altri annegamenti alla Foce del Cassarate, dove l’anno scorso sono morte due persone. Per raggiungere l’obiettivo, in collaborazione con il Cantone, con la campagna Acque sicure e con la Polizia lacuale, il Municipio sta pensando a migliorare la prevenzione, la sensibilizzazione e all’introduzione di pattugliatori. L’idea è ancora in fase di approfondimento, nell’ambito della proposta presentata sotto forma di mozione da alcuni esponenti del gruppo Ps-Pc (Raoul Ghisletta, Edoardo Cappelletti, Mattea David, Aurelio Sargenti e Carlo Zoppi) nel luglio scorso. Una mozione che qualche mese dopo era stata preavvisata negativamente dal Municipio, ma poi l’esecutivo ha cambiato idea. Nel frattempo, prende piede e forma anche l’edizione di Lugano Marittima 2022, che per il momento non è ancora stata approvata ma, dopo due anni di pandemia si vorrebbe riproporre.

Più prevenzione con l’ente turistico

Fra le proposte, ancora in fase di approfondimento, c’è la posa di una nuova segnaletica più visibile e decifrabile (e scritta in varie lingue) rispetto a quella presente attualmente, nella zona in cui il lago diventa più profondo. Inoltre, nel periodo estivo più caldo, per una durata non definita si vorrebbero introdurre alcuni pattugliatori. «A breve incontreremo la commissione delle Petizioni sulla mozione e in quell’occasione spiegheremo cosa vorremmo fare, per cercare di arginare almeno in parte gli annegamenti che purtroppo, secondo quanto abbiamo potuto appurare negli ultimi casi, sono capitati a persone che non sapevano nuotare», conferma a ‘laRegione’ il municipale di Lugano Tiziano Galeazzi. Concretamente, a quali misure state lavorando? «Dobbiamo fare più sensibilizzazione, visto che non possiamo e non vogliamo chiudere l’accesso alla Foce – rileva il municipale che preferisce non entrare troppo nel merito visto che per ora si parla di proposte –. È importante insistere con un’informazione mirata ma non soltanto con una diffusione circoscritta all’area e alla città. Vorremmo estenderla nel territorio agli alberghi, coinvolgendo l’ente turistico, alla stazione Ffs e magari anche con comunicazioni oltre Gottardo, per chi arriva dall’estero. Chi vive a Lugano o in Ticino conosce i pericoli che possono esserci alla Foce. Il problema si pone soprattutto per le persone straniere che magari hanno anche difficoltà a nuotare e non sono rese attente delle pericolosità del lago. Quindi vorremmo migliorare questi aspetti della faccenda estendendo i confini della sensibilizzazione rivolta anche alle scuole estere e ai centri di accoglienza». Successivamente, la commissione allestirà il suo rapporto e se ne riparlerà in Municipio. Intanto, ci conferma ancora il municipale Udc, la prossima campagna di sensibilizzazione di Acque sicure sarà proprio centrata sulla prevenzione dell’area della Foce del Cassarate.

Area apprezzata anche dagli stranieri

In effetti, dopo gli interventi risalenti a qualche anno fa, la zona è molto apprezzata non soltanto dalla popolazione locale ma anche da persone non residenti. Normale che, durante i giorni più caldi dell’estate, ci sia chi voglia bagnarsi. Purtroppo, la scorsa estate, gli annegamenti registrati sono stati ben due: uno era straniero di origini indiane di 27 anni, l’altro era sulla cinquantina, di origini eritree. Due decessi di troppo: da qui la necessità di far sapere al pubblico che bisogna prestare la massima attenzione perché la Foce è pericolosa. In effetti, a perdere la vita negli ultimi anni nella zona sono stati stranieri o persone che non erano informate delle numerose insidie di questo luogo. A un certo punto, a una distanza variabile di alcuni metri, la riva della Foce, dove si tocca facilmente, scende repentinamente e per chi non sa nuotare può diventare un grosso problema, anche a causa dell’escursione termica prodotta dall’incontro del fiume Cassarate con le acque generalmente più calde (d’estate) del lago Ceresio.

Lugano Marittima si fa strada

Nel frattempo, in Municipio si è ricominciato a parlare di Lugano Marittima, la manifestazione promossa nel periodo estivo dalla Città, ma sospesa negli ultimi due anni a causa dell’emergenza sanitaria e per evitare la diffusione del coronavirus. Ebbene, l’esecutivo non ha ancora deciso ma si sta facendo strada l’ipotesi di riproporre gli eventi e le casette con le mescite. L’idea aveva riscosso un ottimo successo di pubblico nel 2019 e potrebbe tornare la prossima estate, sempre che non riemerga il problema legato alla pandemia.

Leggi anche:

Foce, la Città: ‘Non serve un piano di prevenzione’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved