ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
5 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
7 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
7 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
8 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
8 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
8 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
8 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
9 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
9 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
10 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
10 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, la Smac offre nuovi corsi per tutte le età

Dalle lezioni di fumetto al teatro, dallo yoga alla musica in gruppo. Per ogni attività la prima lezione è gratuita.
Ticino
10 ore

Falegnami, una serata sulle possibilità di formazione

Una professione molto diffusa in Ticino, ma che soffre per mancanza di personale altamente qualificato
laR
 
01.03.2022 - 05:15
Aggiornamento: 15:45

Lugano: dopo gli annegamenti, verso i pattugliatori alla Foce

Municipio e Cantone a braccetto per incrementare la sensibilizzazione nell’area, con una segnaletica più visibile e in diverse lingue

lugano-dopo-gli-annegamenti-verso-i-pattugliatori-alla-foce
Ti-Press/Archivio
La Foce piace ma occorre fare attenzione

Sono ancora troppo fredde le acque del lago e del fiume, in questo periodo. Però la Città di Lugano sta già guardando verso la stagione estiva e vuole evitare altri annegamenti alla Foce del Cassarate, dove l’anno scorso sono morte due persone. Per raggiungere l’obiettivo, in collaborazione con il Cantone, con la campagna Acque sicure e con la Polizia lacuale, il Municipio sta pensando a migliorare la prevenzione, la sensibilizzazione e all’introduzione di pattugliatori. L’idea è ancora in fase di approfondimento, nell’ambito della proposta presentata sotto forma di mozione da alcuni esponenti del gruppo Ps-Pc (Raoul Ghisletta, Edoardo Cappelletti, Mattea David, Aurelio Sargenti e Carlo Zoppi) nel luglio scorso. Una mozione che qualche mese dopo era stata preavvisata negativamente dal Municipio, ma poi l’esecutivo ha cambiato idea. Nel frattempo, prende piede e forma anche l’edizione di Lugano Marittima 2022, che per il momento non è ancora stata approvata ma, dopo due anni di pandemia si vorrebbe riproporre.

Più prevenzione con l’ente turistico

Fra le proposte, ancora in fase di approfondimento, c’è la posa di una nuova segnaletica più visibile e decifrabile (e scritta in varie lingue) rispetto a quella presente attualmente, nella zona in cui il lago diventa più profondo. Inoltre, nel periodo estivo più caldo, per una durata non definita si vorrebbero introdurre alcuni pattugliatori. «A breve incontreremo la commissione delle Petizioni sulla mozione e in quell’occasione spiegheremo cosa vorremmo fare, per cercare di arginare almeno in parte gli annegamenti che purtroppo, secondo quanto abbiamo potuto appurare negli ultimi casi, sono capitati a persone che non sapevano nuotare», conferma a ‘laRegione’ il municipale di Lugano Tiziano Galeazzi. Concretamente, a quali misure state lavorando? «Dobbiamo fare più sensibilizzazione, visto che non possiamo e non vogliamo chiudere l’accesso alla Foce – rileva il municipale che preferisce non entrare troppo nel merito visto che per ora si parla di proposte –. È importante insistere con un’informazione mirata ma non soltanto con una diffusione circoscritta all’area e alla città. Vorremmo estenderla nel territorio agli alberghi, coinvolgendo l’ente turistico, alla stazione Ffs e magari anche con comunicazioni oltre Gottardo, per chi arriva dall’estero. Chi vive a Lugano o in Ticino conosce i pericoli che possono esserci alla Foce. Il problema si pone soprattutto per le persone straniere che magari hanno anche difficoltà a nuotare e non sono rese attente delle pericolosità del lago. Quindi vorremmo migliorare questi aspetti della faccenda estendendo i confini della sensibilizzazione rivolta anche alle scuole estere e ai centri di accoglienza». Successivamente, la commissione allestirà il suo rapporto e se ne riparlerà in Municipio. Intanto, ci conferma ancora il municipale Udc, la prossima campagna di sensibilizzazione di Acque sicure sarà proprio centrata sulla prevenzione dell’area della Foce del Cassarate.

Area apprezzata anche dagli stranieri

In effetti, dopo gli interventi risalenti a qualche anno fa, la zona è molto apprezzata non soltanto dalla popolazione locale ma anche da persone non residenti. Normale che, durante i giorni più caldi dell’estate, ci sia chi voglia bagnarsi. Purtroppo, la scorsa estate, gli annegamenti registrati sono stati ben due: uno era straniero di origini indiane di 27 anni, l’altro era sulla cinquantina, di origini eritree. Due decessi di troppo: da qui la necessità di far sapere al pubblico che bisogna prestare la massima attenzione perché la Foce è pericolosa. In effetti, a perdere la vita negli ultimi anni nella zona sono stati stranieri o persone che non erano informate delle numerose insidie di questo luogo. A un certo punto, a una distanza variabile di alcuni metri, la riva della Foce, dove si tocca facilmente, scende repentinamente e per chi non sa nuotare può diventare un grosso problema, anche a causa dell’escursione termica prodotta dall’incontro del fiume Cassarate con le acque generalmente più calde (d’estate) del lago Ceresio.

Lugano Marittima si fa strada

Nel frattempo, in Municipio si è ricominciato a parlare di Lugano Marittima, la manifestazione promossa nel periodo estivo dalla Città, ma sospesa negli ultimi due anni a causa dell’emergenza sanitaria e per evitare la diffusione del coronavirus. Ebbene, l’esecutivo non ha ancora deciso ma si sta facendo strada l’ipotesi di riproporre gli eventi e le casette con le mescite. L’idea aveva riscosso un ottimo successo di pubblico nel 2019 e potrebbe tornare la prossima estate, sempre che non riemerga il problema legato alla pandemia.

Leggi anche:

Foce, la Città: ‘Non serve un piano di prevenzione’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved