ex-macello-e-la-versione-che-il-municipio-ha-sempre-sostenuto
archivio Ti-Press
Le reazioni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
4 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
8 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
10 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
12 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
12 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
21 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
23 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
10.12.2021 - 17:49
Aggiornamento: 18:55

Ex Macello, ‘è la versione che il Municipio ha sempre sostenuto’

Le reazioni del sindaco di Lugano Michele Foletti, della municipale Karin Valenzano Rossi e del consigliere di Stato Norman Gobbi

Il decreto d’abbandono annunciato questa mattina dal procuratore generale in merito alla demolizione parziale dell’ex Macello «non è una sorpresa» per il sindaco di Lugano Michele Foletti. «È una decisione che conferma la versione dei fatti che il Municipio ha sempre dato – sottolinea Foletti raggiunto da ‘laRegione’ –. Sono molto tranquillo, vedremo come si esprimerà la giustizia se la procedura dovesse continuare con un ricorso». A portare alla demolizione dello stabile, così ha ricostruito l’inchiesta, è stato un errore di comunicazione. «Se c’è stato un problema di comunicazione tra le forze dell’ordine, il Municipio di Lugano non c’entra nulla – annota Foletti –. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di garantire l’incolumità delle persone e non avere feriti o conseguenze peggiori». Il sindaco si dice «sollevato per Karin Valenzano Rossi, che da questa vicenda esce bene dopo la denuncia pretestuosa che l’ha inserita d’ufficio nell’inchiesta» ma soprattutto «contento per Marco (Borradori, ndr) che ha sofferto per non essere stato creduto, essersi sentito dare del bugiardo ed essersi visto negare la presunzione d’innocenza: la decisione del pg è la prova che quello che il compianto sindaco ha detto pubblicamente e in Consiglio comunale è la versione corretta dei fatti».

Valenzano Rossi: ‘Un primo punto’

Dopo avere appreso della conferma dell’abbandono da parte del Ministero pubblico la capodicastero Sicurezza e spazi urbani Karin Valenzano Rossi si dice «contenta perché si è arrivati a mettere un primo punto sull’accertamento dei fatti accaduti quella notte – spiega –. È la prima volta in cui scopriamo come sono andate le cose da quando a noi era stato prospettato l’abbattimento del tetto, e forse una parete, per questioni di sicurezza, ma poi abbiamo chiaramente visto tutti come è andata a finire». Dal profilo personale, invece, Valenzano Rossi non nasconde di essere dispiaciuta per «gli attacchi politici e mediatici subiti in questi mesi. Spero che le speculazioni possano essere ridimensionate alla luce di quanto stabilito dal procuratore». La municipale è consapevole del fatto che la vicenda potrebbe non essere ancora terminata. «Quello che mi dispiace è che questi attacchi e l’esacerbare le posizioni allontanano la possibilità di trovare una soluzione per l’autogestione a Lugano che, come abbiamo sempre detto, ha una legittimità e merita una soluzione».

Gobbi: ‘Oggi il quadro è completo’

Il consigliere di Stato e direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi si dice «soddisfatto per l’esito dell’inchiesta, che conferma la proporzionalità dell’intervento della Polizia, chiamata ad agire su mandato del Municipio di Lugano a protezione degli stessi Molinari. In questo senso il comunicato del procuratore generale mi pare chiarificatore». Alla base della decisione sulla demolizione c’è, citiamo, “un’improvvisazione comunicativa di chi si trovava al fronte”. Cos’è quindi successo? «Si è trattato di un intervento operativamente molto complesso. E il procuratore generale stesso chiarisce ogni dettaglio e soprattutto chiarisce che quanto messo in atto è stato fatto per salvaguardare l’incolumità delle persone. Credo che oggi abbiamo un quadro completo».

Leggi anche:

Ex Macello, confermato il decreto di abbandono

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ex macello karin valenzano rossi michele foletti norman gobbi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved