ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
1 ora

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Ticino
3 ore

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
3 ore

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
3 ore

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
12 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
13 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
13 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
13 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
14 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
14 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
14 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
14 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Luganese
15 ore

L’incendio boschivo sul Monte Brè è stato domato

Buone notizie, ma i Pompieri rimarranno tutta la notte a monitorare la situazione e continuare a gettare acqua
Ticino
15 ore

Radar: questa settimana sono in un comune su due

L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
15 ore

Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini

L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Luganese
16 ore

Confermato lo spostamento del circo Knie ad Agno

Lo spiega il Municipio di Lugano sollecitato da un’interrogazione. Una soluzione valida per il 2023 e che potrebbe continuare fino a fine 2030
Luganese
16 ore

Una tariffa unica per i trasporti pubblici a Lugano

È quanto chiede una mozione interpartitica presentata al Municipio, invitato ad avere coraggio
22.11.2021 - 18:00
Aggiornamento: 18:31

Parroco e vicepresidente e quelle richieste di denaro

Una storia che parla di debolezze e soldi quella che vede protagonista don Samuele Tamagni, il parroco di Cadro, arrestato venerdì

parroco-e-vicepresidente-e-quelle-richieste-di-denaro
All’ombra del campanile (Ti-Press)

Una storia che parla di debolezze e denaro quella che vede protagonista don Samuele Tamagni, il parroco di Cadro, arrestato venerdì, la cui notizia è stata resa nota dagli inquirenti solo oggi. Molti gli interrogativi che uno dopo l’altro si sono sollevati intorno al sacerdote, 40enne, su cui pesano gravi accuse. Il procuratore Daniele Galliano, dopo che il prete si è consegnato spontaneamente negli uffici del Ministero pubblico, gli imputa infatti i reati di truffa, appropriazione indebita e riciclaggio di denaro. Noto in tutto il Ticino per essere lo zio di Damiano, morto tragicamente a causa di un pestaggio il 1° febbraio del 2008, durante il Carnevale Stranociada di Locarno, si era sempre esposto in prima persona nella raccolta di fondi a favore dell’omonima fondazione volta al sostegno della lotta contro la violenza giovanile e presieduta dal fratello Maurizio, papà del giovane, il quale si trova attualmente all’estero. Proprio la fondazione figura, infatti, come evidenziato nel comunicato stampa inoltrato dagli inquirenti, fra le vittime dei reati finanziari compiuti da don Samuele, unitamente alla parrocchia e ad alcuni suoi familiari. In un breve comunicato stampa, Maurizio Tamagni ha dichiarato: “In merito all’incriminazione di don Samuele, vicepresidente, nonché mio fratello e zio di Damiano, il Consiglio di fondazione si riunirà la settimana prossima e prenderà una posizione ufficiale. Per il momento posso dire che il danno causato alla fondazione è minimo e non ne preclude l’attività. Per il resto siamo sorpresi come tutti e imbarazzati da questa triste vicenda di debolezza umana e al momento non abbiamo niente da aggiungere”.

Don Samuele, riguardo al quartiere luganese di Cadro, figura tra l’altro nel Consiglio parrocchiale, dove ricopre la carica di vicepresidente. Da noi contattati tutti gli altri membri del consesso hanno preferito non rispondere ai nostri interrogativi, neppure sul fatto che nel sito internet della parrocchia il presidente figuri con un semplice ‘no name’, eppure, abbiamo sollevato la domanda, dovrebbe essere indicato considerato che si sta parlando di un ente comunque pubblico. Da nostri approfondimenti, è poi risultato che sia stato nominato a questa carica Sergio Mastroianni, procuratore federale.

Molte domande aperte volgono appunto sulle cariche ricoperte dal presbitero incardinato nella Diocesi di Lugano. Già qualche anno fa, come riferito da ‘Ticinonline’, aveva attinto al proprio patrimonio personale (si parlava di diverse migliaia di franchi), dilapidandolo. Fu allora che, su invito della Curia, si dovette recare in un monastero alcuni giorni la settimana per ‘riflettere’ sulla sua... situazione. A sospingerlo in un vortice di richieste di soldi pare essere stato un suo conoscente, anch’esso fermato dalla Polizia cantonale per gli stessi reati e sul “cui coinvolgimento nei fatti – riporta ancora il comunicato stampa – è oggetto di verifiche”. Fatto sta che don Samuele, nella continua e presunta richiesta di denaro da parte dell’altra persona, non potendo più far capo alle proprie finanze, ha presumibilmente attinto alle casse dei congiunti, della parrocchia e della stessa Fondazione Tamagni, avendo tra l’altro aveva importanti responsabilità quale vicepresidente in entrambi i consessi.

Nell’ambito del Consiglio parrocchiale peraltro l’Ordinario diocesano di Lugano, don Nicola Zanini, attuale vicario del Vescovo, aveva contestato lo scorso anno il consuntivo 2018 soprattutto per una questione di ammortamenti interrotti dal 2014 e per alcune decisioni contabili effettuate all’interno del bilancio. E qui allora sorge un’altra importante domanda: perché la Curia permetteva a un parroco che aveva avuto già problemi di gestione delle proprie finanze di mantenere cariche così sensibili? Come continua purtroppo a capitare la risposta è un freddo ‘no comment’. L’addetto stampa dell’autorità religiosa si è limitato a confermare l’avvio dell’indagine: “Nell’attesa di vedere definiti tutti gli aspetti di questa vicenda, che sorprende e addolora, la Curia vescovile garantisce piena collaborazione agli inquirenti”. Ma non purtroppo altrettanta trasparenza verso i fedeli e i parrocchiani.

I precedenti della Curia

Nell’inchiesta nei confronti del sacerdote, Galliano ha già predisposto numerosi atti istruttori per fare piena luce sulla delicata vicenda giudiziaria. Alle indagini, la Curia vescovile di Lugano ha già dal canto suo assicurato la massima collaborazione. Intanto, la Curia di Lugano, quest’anno è la seconda volta che si trova chiamata in causa per inchieste penali ai danni di sacerdoti. Il precedente è quello di don Azzolino Chiappini, indagato per sequestro di persona, coazione e lesioni semplici per omissione. Reati dai quali è stato completamente scagionato lo scorso febbraio, con un decreto d’abbandono emesso dalla titolare dell’inchiesta, la procuratrice Pamela Pedretti. Non sono infatti stati ravvisati nei suoi confronti “elementi che possano confermare i reati in questione”. A tale conclusione è giunto il magistrato. Il sacerdote, spontaneamente, ha rinunciato a postulare un indennizzo allo Stato a seguito del procedimento penale.

E simile vicenda di reati patrimoniali, che vede oggi coinvolto don Tamagni, appare quella che ha visto protagonista il diacono ed ex direttore della Fondazione Tusculum ed ex direttore amministrativo della casa per anziani di Arogno, 63 anni che, unitamente alla ex vicedirettrice, ha dilapidato gli averi della fondazione nell’arco di dodici anni di malversazioni. Lo scorso 1° marzo, i due imputati sono stati condannati: lui a 3 anni di detenzione; lei a 2 anni e 4 mesi. Entrambe le pene sono state poste parzialmente al beneficio della sospensione condizionale.

Leggi anche:

Lugano, arrestato sacerdote per reati finanziari

‘La violenza senza maschera’, un corto per sensibilizzare

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved