mulino-di-maroggia-un-anno-dopo-attendiamo-la-licenza
Poche ore dopo l’incendio (archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
8 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
10 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
10 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
10 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
11 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
11 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
laR
 
23.11.2021 - 05:30

Mulino di Maroggia, un anno dopo: ‘Attendiamo la licenza’

È passato un anno dal rogo che ha distrutto la struttura. I ricordi e le prospettive future del titolare Alessandro Fontana

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Abbiamo sempre solo guardato avanti e forse questa è stata l’arma vincente per non lasciarci cadere». Sono passati 365 giorni, esattamente un anno, dall’incendio scoppiato poco prima delle 17 del 23 novembre 2020. Una data che segnerà per sempre la storia del Mulino di Maroggia e che ha generato una vera e propria gara di solidarietà. Le cause che hanno portato al rogo non hanno potuto essere accertate. Il titolare Alessandro Fontana preferisce comunque pensare al futuro piuttosto che al passato – «siamo in attesa della licenza edilizia per iniziare i lavori di ricostruzione» –, ma con lui ripercorriamo quegli indimenticabili minuti.

‘Quelle fiamme molto importanti’

«Avevamo appena terminato delle riprese e interviste con un nostro partner svizzero tedesco – ricorda Fontana –. Quel giorno avevamo fatto solo una produzione sul giorno e stavamo preparando quella per il giorno successivo: alle 16.30 gli operai sono andati a casa, l’ultimo magazziniere è andato via verso le 16.40 ed eravamo rimasti solo noi del settore amministrativo». Alessandro Fontana stava lavorando nella parte rinnovata quando la segretaria «mi ha avvertito che c’erano delle fiamme. Affacciandomi alla finestra del magazzino ho visto che si vedevano già fiamme molto importanti: era evidente che non si trattava di un fuocherello che poteva essere spento con l’estintore perché stava già prendendo vigore». In attesa dell’arrivo dei pompieri, Alessandro Fontana si è mosso con una canna dell’acqua che veniva utilizzata per lavare i camion. «Sono un soccorritore della Croce Verde di Lugano e mi è capitato di vivere queste situazioni e nella mia carriera militare ho avuto anche una formazione pompieristica per cui mi sono mosso senza mettermi in pericolo anche perché, poco dopo, ci sono state due esplosioni». Sul posto, quella sera, hanno lavorato 80 pompieri. «Le operazioni di spegnimento sono durate 7 giorni: al mimino spostamento, le fiamme riprendevano aria e ripartivano – ricorda il titolare –. I lavori di sgombero sono iniziati subito dopo perché avevamo un grosso problema legato al grano fuoriuscito dalla torre bruciata, demolita in parte per poter accedere dagli scantinati, perché il prodotto organico con la pioggia inizia a fermentare». Da subito Alessandro ha guardato al futuro. «A dicembre avevamo già incontrato la ditta svizzera che produce impianti per i mulini e abbiamo iniziato con i progetti». Ne è seguito «un primo semestre dell’anno intensissimo» durante il quale è stato presentato il progetto tradotto nella domanda di costruzione che non ha incontrato opposizioni. «Spero che il cantiere possa iniziare già nelle prossime settimane – è l’auspicio di Fontana –. Noi, l’impresa di costruzione e il produttore di impianti siamo pronti: ci manca solo il via libera ufficiale».

Dodici mesi di lavoro

Tornando ai fatti, Fontana ricorda che «i primi mesi è stata dura perché le montagne di macerie erano lì a ricordare quanto successo. Dopo sgomberi e demolizioni è andata meglio perché almeno c’erano ordine, pulizia e le prerogative per iniziare a pensare al futuro». Per la creazione della struttura grezza, a cui va aggiunto il collaudo dei macchinari, serviranno 12 mesi di lavoro. «Un cantiere sprint – ammette Fontana –. Ma per noi ogni giorno conta». Dopo l’incendio, lo ricordiamo, la vendita della farina non si è mai fermata «grazie a un collega, che prima di tutto è un amico, che il giorno dopo si è messo a disposizione». Il martedì successivo «eravamo di nuovo operativi per i clienti anche perché questi sono periodi caldi per il settore».

Solidarietà senza confini

I lavori previsti a Maroggia costeranno 10-12 milioni. Le donazioni hanno finora garantito 50mila franchi. A questi si aggiungono i 30mila annunciati ieri da Migros, i suoi clienti e Jowa (la somma di 15mila franchi che è stata raccolta verrà raddoppiata dal Percento culturale di Migros Ticino). «Solidarietà e attenzione ricevute sono state eccezionali. Abbiamo ricevuto donazioni anche dalla Svizzera interna, dalla Germania e dall’Austria, dove siamo conosciuti grazie al nostro e-commerce – aggiunge Fontana –. Abbiamo avuto anche donazioni spontanee, come quella di una coppia di pensionati che si è presentata con 100 franchi in mano. Un gesto commovente che non ci saremmo mai aspettati perché sono gesti di affetto e vicinanza preziosi». Guardando al futuro, Alessandro Fontana è convinto del fatto che «ogni esperienza, bella o brutta che sia, fa ripartire più forte di prima». Per questo, quando il nuovo capitolo della storia del Mulino potrà ripartire, «saremo più performanti, avremo prodotti migliori di prima e un impianto tra i più moderni al mondo perché sarà uno degli ultimi costruiti – conclude il titolare del Mulino –. Dal profilo mio professionale, avrò il piacere di avere una struttura al passo coi tempi perché adeguiamo gli stabili ai nostri processi lavorativi: l’idea di avere un impianto funzionale, molto più ‘comodo’ da utilizzare e più facile da pulire sono aspetti che preferiamo guardare piuttosto che pensare allo stabile che non c’è più».

Leggi anche:

In fiamme il mulino di Maroggia

Mulino di Maroggia, 'travolti dalla solidarietà'

'Difficile salvare qualcosa del Mulino di Maroggia'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alessandro fontana incendio maroggia mulino rogo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved