piu-che-un-mortale-squid-game-un-gioco-del-calamaro
È l’ora della prima prova...
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 ore

Ronco s/Ascona: e vissero tutti felici e contenti

Col progetto ‘Comune sano’ lanciato dalla Confederazione, il Municipio intende migliorare la qualità della vita e soddisfare le aspettative dei cittadini
Ticino
3 ore

Sergi: ‘Livelli, il no all’emendamento è stato coerente’

I tre voti contrari alla sperimentazione dell’Mps sono stati decisivi. Il coordinatore ribatte colpo su colpo alle accuse da sinistra: serve vera riforma
Mendrisiotto
3 ore

Il sacerdote denunciato torna a dire messa

Anche se l’inchiesta è ancora in corso, il vescovo Lazzeri ha ritenuto che ci sono i presupposti per il ritorno, nel fine settimana, in parrocchia
Ticino
11 ore

Antonini colpevole di uno solo dei tre reati prospettati

L’ex comandante delle Guardie di confine, ‘licenziato prima che si giungesse a una sentenza’, è stato condannato per falsità in documenti
Ticino
13 ore

La Lega: è giunta l’ora di abolire le restrizioni

‘La situazione pandemica è sotto controllo, quella economica è invece preoccupante’. Mozione urgente al Consiglio di Stato
Ticino
13 ore

Sciopero dei ferrovieri in Italia

Da domenica 30 gennaio alle ore 3 fino a lunedì 31 gennaio alle ore 2. Sono previsti disagi nei collegamenti transfrontalieri Tilo
Mendrisiotto
13 ore

Centro storico a Mendrisio, controlli e sensibilizzazione

Questa la strategia della Città per richiamare al rispetto delle regole della circolazione all’interno delle zone pedonali
Ticino
14 ore

‘Il centro educativo chiuso di Arbedo è una necessità’

Per il magistrato dei minori Reto Medici la struttura permetterebbe di recuperare decine di giovani l’anno. Incarti stabili, ma reati violenti in aumento
Lugano
14 ore

Da revisione interna a controllo finanze

La Commissione petizioni cittadina approva l’operazione
Ticino
15 ore

Cresce l’interesse per la Città dei mestieri

Nel secondo anno di attività sono state oltre 7’600 le persone (+70%) che si sono rivolte alla sede bellinzonese che ora è nella rete internazionale
Bellinzonese
15 ore

Finisce al Tram l’ampliamento scolastico di Castione

Confinanti e Amica impugnano la decisione governativa ritenendo eccessiva l’altezza di 12 metri e irrisolta la questione viaria
Mendrisiotto
15 ore

Chiasso festeggia i 100 anni di Celestina Varallo

La neocentenaria, ospite di Casa Giardino, ha ricevuto anche gli auguri del sindaco di Chiasso
 
22.11.2021 - 05:300

Più che un mortale Squid Game, un gioco del calamaro

Successo di pubblico all’evento che ha portato in Ticino la serie televisiva sudcoreana che ha sbancato i botteghini di Netflix

C’è il sapore del mistero nella sala che accoglie i 150 partecipanti dello Squid Game in salsa ticinese fra palloncini neri, luce soffusa e un motivetto che si ripresenterà nella testa di tutti almeno per la successiva settimana. Un successo mondiale, quello della serie televisiva sudcoreana, che l’eco di Netflix ha lanciato nell’Olimpo delle più viste da sempre.

E se il nome, “il gioco del calamaro”, pare essere un innocuo passatempo per ‘teen’, i nove episodi narrano, invece, la storia di un gruppo di persone che pur di vincere oltre 45 miliardi di won (35 milioni di franchi), rischiano la vita in un mortale gioco di sopravvivenza. Tutti, uomini o donne, giovani o anziani, ricchi o poveri, nessuno escluso.

Alla Sala Aragonite di Manno in palio c’erano ‘solo’ mille franchi, ma la voglia di vincerli è stata lo stesso tanta, peraltro con la ‘leggerezza’ di non ritrovarsi, se perdenti, in un cimitero, ma semplicemente con un palloncino rosso scoppiato (incarnazione della propria vita) e un applauso di consolazione. Francesco Laganara, il presentatore dell’intensa giornata tenutasi sabato, è stato un ottimo padrone di casa. Brillante, divertente, con la giusta severità: “Tu fuori! Hai perso!”. Lo abbiamo incrociato nella pausa pranzo: «Dirigere i giochi è una grandissima responsabilità. C’è l’orgoglio di essere stati i primi a portarli in Ticino, ma soprattutto la soddisfazione di essere riusciti a portare qualcosa di nuovo di cui tutti parlano, anche chi non l’ha visto. Siamo riusciti a unire tante persone e di tutte le età, con il dispiacere di aver dovuto dire no a tanti altri, avendo avuto moltissime richieste in più. Il bello di questo evento è anche lo stare insieme, divertendosi. Ho visto anche signori e signore di mezza età, non solo ragazzi e bambini. Una manifestazione dove vedo la gente stare volentieri, anche se eliminati».

Certo, come naturale, un facsimile del programma originale. A Manno è stata chiaramente eliminata la parte più violenta. Di questo ne abbiamo parlato con Jaspreet Singh Pabla, di Prosper che con ‘laRegione’, Ticino Tour, Pizza Doc, Ef e Golden Water hanno promosso l’evento: «Le tante sfide sono state riadattate e il feedback è stato molto buono, tutti si sono divertiti. È stato un esperimento, una prima prova ed è andata bene, anche perché è da un mese e mezzo che ci stavamo lavorando. I biglietti d’entrata, infatti, sono stati aggiudicati una parte, a sorteggio, tramite la pagina Instagram, gli altri biglietti sono stati invece seminati un po’ in tutto il cantone, una sorta di caccia al tesoro. Oggi è solo l’apice. Devo ammettere che ci aspettavano un target più giovane, una fascia d’età più bassa, invece siamo rimasti sorpresi e ciò ci ha fatto piacere. Questo dimostra che sempre più spesso i fenomeni televisivi vengono condivisi all’interno dell’intera famiglia. Anche se, non bisogna dimenticarlo, Squid Game è una serie non propriamente indicata per i bambini. Purtroppo, evidentemente, molti genitori permettono comunque la visione... La violenza? Alla fine delle puntate, la morale ci porta a un’immagine della società modera, alla corsa al denaro, al mettere il proprio beneficio davanti a quello degli altri, a dare importanza all’individuo prima della collettività. Qui, in effetti, il vincitore è solo uno. E chi aiuta un altro partecipante può anche ritrovarsi il favore non ripagato... Uno specchio, triste ma reale, del mondo di oggi. È questo non può che farci riflettere, tutti».

Perché hai partecipato abbiamo chiesto a un gruppo di persone? Chi per vincere la somma in palio, chi per curiosità, chi per divertirsi. Eppure ogni volta, avvenuta l’eliminazione, erano più quelli dispiaciuti che quelli con il sorriso del “l’importante è partecipare”. Perché anche qui alla fine, scortato dalle guardie (i bravissimi componenti del gruppo Parkour della Chaotic Family) c’è stato solo un vincitore: Vincenzo Vona Spartano.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved