Verona
1
Bologna
1
1. tempo
(1-1)
Bienne
1
Zurigo
2
3. tempo
(1-0 : 0-1 : 0-1)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
2
Zugo
4
3. tempo
(1-3 : 0-1 : 1-0)
Lakers
1
Ginevra
1
2. tempo
(1-1 : 0-0)
Langnau
0
Ambrì
4
3. tempo
(0-2 : 0-1 : 0-1)
Davos
3
Losanna
4
3. tempo
(2-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
4
Winterthur
0
2. tempo
(1-0 : 3-0)
piu-che-un-mortale-squid-game-un-gioco-del-calamaro
È l’ora della prima prova...
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
55 sec

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 ora

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 ora

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
2 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
2 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
2 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
3 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
3 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
3 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
4 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
4 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
 
22.11.2021 - 05:300

Più che un mortale Squid Game, un gioco del calamaro

Successo di pubblico all’evento che ha portato in Ticino la serie televisiva sudcoreana che ha sbancato i botteghini di Netflix

C’è il sapore del mistero nella sala che accoglie i 150 partecipanti dello Squid Game in salsa ticinese fra palloncini neri, luce soffusa e un motivetto che si ripresenterà nella testa di tutti almeno per la successiva settimana. Un successo mondiale, quello della serie televisiva sudcoreana, che l’eco di Netflix ha lanciato nell’Olimpo delle più viste da sempre.

E se il nome, “il gioco del calamaro”, pare essere un innocuo passatempo per ‘teen’, i nove episodi narrano, invece, la storia di un gruppo di persone che pur di vincere oltre 45 miliardi di won (35 milioni di franchi), rischiano la vita in un mortale gioco di sopravvivenza. Tutti, uomini o donne, giovani o anziani, ricchi o poveri, nessuno escluso.

Alla Sala Aragonite di Manno in palio c’erano ‘solo’ mille franchi, ma la voglia di vincerli è stata lo stesso tanta, peraltro con la ‘leggerezza’ di non ritrovarsi, se perdenti, in un cimitero, ma semplicemente con un palloncino rosso scoppiato (incarnazione della propria vita) e un applauso di consolazione. Francesco Laganara, il presentatore dell’intensa giornata tenutasi sabato, è stato un ottimo padrone di casa. Brillante, divertente, con la giusta severità: “Tu fuori! Hai perso!”. Lo abbiamo incrociato nella pausa pranzo: «Dirigere i giochi è una grandissima responsabilità. C’è l’orgoglio di essere stati i primi a portarli in Ticino, ma soprattutto la soddisfazione di essere riusciti a portare qualcosa di nuovo di cui tutti parlano, anche chi non l’ha visto. Siamo riusciti a unire tante persone e di tutte le età, con il dispiacere di aver dovuto dire no a tanti altri, avendo avuto moltissime richieste in più. Il bello di questo evento è anche lo stare insieme, divertendosi. Ho visto anche signori e signore di mezza età, non solo ragazzi e bambini. Una manifestazione dove vedo la gente stare volentieri, anche se eliminati».

Certo, come naturale, un facsimile del programma originale. A Manno è stata chiaramente eliminata la parte più violenta. Di questo ne abbiamo parlato con Jaspreet Singh Pabla, di Prosper che con ‘laRegione’, Ticino Tour, Pizza Doc, Ef e Golden Water hanno promosso l’evento: «Le tante sfide sono state riadattate e il feedback è stato molto buono, tutti si sono divertiti. È stato un esperimento, una prima prova ed è andata bene, anche perché è da un mese e mezzo che ci stavamo lavorando. I biglietti d’entrata, infatti, sono stati aggiudicati una parte, a sorteggio, tramite la pagina Instagram, gli altri biglietti sono stati invece seminati un po’ in tutto il cantone, una sorta di caccia al tesoro. Oggi è solo l’apice. Devo ammettere che ci aspettavano un target più giovane, una fascia d’età più bassa, invece siamo rimasti sorpresi e ciò ci ha fatto piacere. Questo dimostra che sempre più spesso i fenomeni televisivi vengono condivisi all’interno dell’intera famiglia. Anche se, non bisogna dimenticarlo, Squid Game è una serie non propriamente indicata per i bambini. Purtroppo, evidentemente, molti genitori permettono comunque la visione... La violenza? Alla fine delle puntate, la morale ci porta a un’immagine della società modera, alla corsa al denaro, al mettere il proprio beneficio davanti a quello degli altri, a dare importanza all’individuo prima della collettività. Qui, in effetti, il vincitore è solo uno. E chi aiuta un altro partecipante può anche ritrovarsi il favore non ripagato... Uno specchio, triste ma reale, del mondo di oggi. È questo non può che farci riflettere, tutti».

Perché hai partecipato abbiamo chiesto a un gruppo di persone? Chi per vincere la somma in palio, chi per curiosità, chi per divertirsi. Eppure ogni volta, avvenuta l’eliminazione, erano più quelli dispiaciuti che quelli con il sorriso del “l’importante è partecipare”. Perché anche qui alla fine, scortato dalle guardie (i bravissimi componenti del gruppo Parkour della Chaotic Family) c’è stato solo un vincitore: Vincenzo Vona Spartano.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved