atti-sessuali-con-una-15enne-alpigiano-condannato
Archivio Ti-Press
Il processo si è svolto al Pretorio di Mendrisio
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
5 sec

Sorpassi a Bellinzona, ex Oratorio archiviato fra le critiche

Votati dal Cc il credito suppletorio di 2,71 milioni e la sistemazione esterna. Il conto finale sale da 8 a quasi 11 milioni
Luganese
20 min

Lugano, la Coppa svizzera svetta sul tavolo del Municipio

All’inizio della seduta di Consiglio comunale, applausi alle parole di Michele Campana e di Olivier Custodio, l’autore del parziale vantaggio di 2 a 1
Bellinzonese
1 ora

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
1 ora

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
1 ora

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
2 ore

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
2 ore

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
2 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
3 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
3 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
3 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
3 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
17.11.2021 - 17:56
Aggiornamento : 18.11.2021 - 07:26

Atti sessuali con una 15enne, alpigiano condannato

Un cittadino italiano è stato condannato a 30 mesi. ‘Conosceva l’età della ragazza, ha avuto un atteggiamento subdolo e insensibile’

«Ci siamo conosciuti all’alpe, lei era forse troppo gentile con me e non sono riuscito a resistere. Ho sbagliato», così si è difeso un 39enne cittadino italiano comparso quest’oggi a processo davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano. A suo carico la pesante accusa di atti sessuali con fanciulli. L’uomo nell’estate dello scorso anno, mentre lavorava in un alpeggio del Luganese, aveva infatti intrapreso una malsana relazione con una giovane di 15 anni, sfociata anche in una serie di rapporti sessuali. «Si è affezionata a me perché sua mamma la sgridava sempre. Inizialmente l’ho respinta, visto che ero lì per lavorare, ma poi non ho saputo resistere», si è giustificato l’uomo, che ha ammesso gran parte dei fatti (quelli più gravi). La Corte presieduta da Siro Quadri (giudici a latere Aurelio Facchi e Monica Sartori-Lombardi) ha inflitto all’uomo una pena di 30 mesi, 6 dei quali da espiare. L’uomo ha già scontato 2 mesi di carcere preventivo, era stato arrestato lo stesso giorno dell’ultimo incontro con la ragazza avvenuto nel Mendrisiotto. Contro di lui è stata decisa l’espulsione dalla Svizzera e dovrà anche risarcire la vittima per torti morali.

‘È lui l’unico responsabile’

«Sapeva bene l’età della ragazza, visto che ha anche partecipato alla festa per i suoi 15 anni. Poco conta l’atteggiamento di lei, spetta all’adulto farsi garante della legge e proteggere il normale sviluppo sessuale degli adolescenti. La sua colpa è certamente grave, ha agito all’interno di una famiglia che lo aveva accolto e ha cercato di scaricare le responsabilità sulla ragazza», ha sottolineato il procuratore pubblico (pp) Moreno Capella, che aveva chiesto 3 anni e raccomandato 10 mesi di detenzione. Ad aggravare la posizione dell’imputato una serie di messaggi spediti al cellulare della giovane, nei quali ipotizzava idee suicide per cercare compassione da parte sua. L’uomo ha anche inviato sms a nome di una (fantomatica) cugina, preoccupata per le sofferenze amorose del parente. «Chi è innamorato non mente. Lei si è rivelato essere una persona insensibile e subdola. Ha teatralizzato diverse affermazioni per attrarre la vittima, debole per via della sua situazione familiare, e farsi credere una brava persona», lo ha rimproverato il giudice. Sempre attraverso dei messaggini l’imputato esprimeva alla giovane i suoi desideri sessuali. «Affermazioni indicibili e indescrivibili, dal tenore imbarazzante. Si deve pretendere di più da una persona della sua età». Ai tempi dei fatti il 39enne aveva inoltre una compagna. «Il suo atteggiamento ha turbato tante persone, non solo la vittima che è seguita anche da psicologi. Necessita quindi di un ulteriore periodo in carcere per riflettere. Non mi sembra pentito come la legge impone», ha dichiarato Quadri in conclusione.

‘Persona malvista dalla comunità’

«Il mio assistito si è detto sinceramente pentito e ha ammesso sostanzialmente i fatti, riconoscendone la gravità. Finite le scuole medie si è sempre dato da fare come lavoratore. Non ha l’età mentale che figura all’anagrafe», ha affermato l’avvocato difensore Marco Masoni, che non ha voluto minimizzare la gravità dei fatti: «Nulla lo può giustificare. È lui l’unico responsabile e di questo si vergogna profondamente». La difesa chiedeva una sospensione totale della pena, «perché non ci sarebbe la possibilità di risocializzazione, elemento di cui ha un fondamentale bisogno». Nell’aula del Pretorio di Mendrisio è stato evidenziato anche il carattere burrascoso dell’uomo, già condannato in Italia per incendio doloso: «Più persone hanno sottolineato la sua indole aggressiva», ha detto il pp. Contro di lui pendeva infatti anche l’accusa di minacce al sindaco di un comune ticinese per una questione legata ad alcuni formulari. Il 39enne è però stato prosciolto «perché il fatto non sussiste, non ci sono le prove». Dopo la lettura della sentenza l’uomo è stato prelevato dalle forze dell’ordine che lo hanno condotto in carcere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assise criminali atti sessuali lugano marco masoni moreno capella siro quadri
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved