lugano-too-big-to-fail-chiaro-che-sarebbe-finita-cosi
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
38 min

Morti Covid a Sementina, il Cc (per ora) non ne discute

Bellinzona, bocciate le richieste di Lega/Udc e Mps/Verdi/Fa: Municipio esortato dai gruppi a esprimere vicinanza e solidarietà ai familiari dei defunti
Luganese
1 ora

In un libro l’opera omnia poetica di Valeria Masoni

Si tratta del primo volume, che raccoglie le poesie scritte fra il 1944 e il 1957. Perlopiù inedite: solo alcune sono state pubblicate in passato
Ticino
1 ora

Trasporti, ‘sarà assorbita solo parte della crescente domanda’

Un recente studio analizza le tendenze della richiesta di mobilità in Ticino. ‘Gli investimenti in corso non potranno che fornire un viatico parziale’
Luganese
1 ora

Vezia, previdenza professionale: se n’è parlato a Villa Negroni

Si è tenuta oggi la prima edizione dell’evento Annual Focus Casse Pensioni, che ha toccato le principali tematiche relative al secondo pilastro
Ticino
1 ora

‘Formazione professionale, borse di studio fino ai 55 anni’

Compromesso in commissione tra la proposta di alzare da 40 a 60 anni la soglia e l’invito del governo di fermarsi a 50. Biscossa soddisfatta, Pronzini no
Bellinzonese
2 ore

Raduno della società di artiglieria al bunker di Mairano

Appuntamento con la tradizionale scampagnata per domenica 22 maggio alle 11
Grigioni
2 ore

San Vittore, conferenza sul restauro al Museo Moesano

L’evento si terrà giovedì 19 maggio alle 20 con il restauratore-indoratore Marco Somaini
Luganese
2 ore

Lugano, Besso Pulita! in assemblea

L’appuntamento è per il 23 maggio alle Elementari di Besso. Si parlerà dei lavori alla Stazione Ffs e dei Patriziati
Luganese
2 ore

Lugano sviluppa una campagna contro la violenza domestica

La Polizia della Città presenta i dati dell’attività 2021. A breve debutta un’attività legata alla tolleranza reciproca tra giovani e adulti
Luganese
2 ore

Lugano campione, mercoledì festa a Cornaredo

Autografi e fotografie con i vincitori della Coppa Svizzera, che verrà anche esposta in sala est fino alle 19
Ticino
3 ore

‘Incentivare le ditte che possono a munirsi di pannelli solari’

Dipartimento del territorio e Camera di commercio promuovono un incontro con le aziende per sfruttare al meglio le potenzialità delle energie rinnovabili
Locarnese
3 ore

Colonia diurna estiva di Losone, iscrizione criticata

Il metodo ‘chi prima arriva meglio alloggia’ non è piaciuto alla Lista della sinistra, che chiede di cambiare modalità
Mendrisiotto
3 ore

Vacallo, annullata la cena di solidarietà pro bambini ucraini

All’evento organizzato dall’Associazione famiglie diurne del Mendrisiotto si è iscritto un numero insufficiente di persone
Ticino
3 ore

‘Opere e crisi materie prime, per ora programmazione invariata’

Il Consiglio di Stato risponde a Schnellmann (Plr) sui possibili cantieri a rischio per prezzi e penuria di acciaio, metallo, legno e carburante
Mendrisiotto
3 ore

Genestrerio, messa per Maria Ausiliatrice

La celebrazione avrà luogo nella chiesa a lei dedicata alla Prella martedì 24 maggio alle ore 20
Luganese
29.10.2021 - 15:49
Aggiornamento : 19:48

‘Lugano too big to fail, chiaro che sarebbe finita così’

Schönenberger (Verdi) polemico sull’abbandono dell’inchiesta per la demolizione del Molino

Dunque, non ci sono colpevoli a livello penale per l’abbattimento, senza licenza edilizia, dell’ex Macello di Lugano, sede del centro sociale autogestito del Molino, nella notte del 29 maggio. Un destino già scritto secondo Nicola Schönenberger capogruppo dei Verdi, partito che presentò denuncia penale dando avvio al procedimento che va ora a spegnersi, dopo che anche l’unico ‘imputato’ formalmente rimasto – un ufficiale della Polizia cantonale – è stato scagionato dalle diverse accuse. Resta aperta l’inchiesta amministrativa della Sezione enti locali.

L’imputato solitario: un poliziotto

A proposito, a eccezione di questo poliziotto nessun’altra persona, da quanto abbiamo appreso in via informale, è mai stata imputata formalmente durante l’inchiesta del procuratore generale Andrea Pagani: anche i Municipali di Lugano che decisero per l’abbattimento (“solo del tetto” si disse), e furono cinque quelli interrogati in Procura, erano unicamente persone informate dei fatti.

Ora il Municipio parli

Ma veniamo a Schönenberger, che non le manda a dire. «Non mi sorprende, anzi è stata la prima cosa che ho pensato il giorno dopo aver presentato la denuncia: il Municipio di Lugano è ‘too big to fail’ e quindi si dovrà trovare un escamotage... Si capiva che il Municipio avendo assunto l’avvocato Brunetti, che è un penalista molto agguerrito, sarebbe riuscito a costruire una narrazione per arrivare fin lì» ci risponde il politico ambientalista. I Verdi impugneranno il decreto? «Per me la vicenda giuridica si potrebbe anche chiudere qua: da un lato si dice che c’è tempo fino al 5 novembre per portare elementi probatori, ma noi siamo un partito politico e non un’agenzia investigativa, per cui non è che ci mettiamo a produrre ulteriori prove. Non è il nostro mestiere e non ne abbiamo neanche la possibilità. Tra l’altro alla nostra denuncia ci è stato risposto che non potevamo costituirci accusatore privato, non avendo subito direttamente danni, ma la denuncia era un atto politico, l’unico che avevamo a disposizione per salvaguardare le prove, ovvero le macerie, per la questione dell’amianto che infatti è stato trovato. Quindi il piano sul quale si deve agire è quello politico».

«Levato l’embargo dell’inchiesta penale – continua Schönenberger – il Municipio, ma anche il Consiglio di Stato finalmente dovranno dare quelle risposte alla popolazione, che non sono mai arrivate. Il danno che rimane, comunque è la credibilità delle istituzioni. Vorrei che si spiegasse come mai se un individuo deve ristrutturare l’appartamento della nonna o abbattere qualcosa, deve fare una licenza edilizia, non può lavorare la domenica notte, e se trova amianto deve prendere misure molto importanti e costose, mentre l’ente pubblico se ne può infischiare di tutti questi obblighi, e uscirne pulito. Resta infine il discorso della responsabilità; qui si è avuta l’impressione che il Municipio non avesse il controllo dei propri Dicasteri. In altri ambiti ci sarebbero state delle dimissioni».

‘Aperti al dialogo’

Pacate per contro le prime reazioni municipali. Interpellata da ‘laRegione’ la municipale Karin Valenzano Rossi ha espresso soddisfazione per la conclusione che si appresta a prendere la vicenda: «In passato mi sono sempre dichiarata serena, perché sapevo quello che avevo detto e fatto. Sono contenta di vedere che la posizione di quanto affermato dal Municipio viene confermato dal procuratore generale anche se, ci tengo a precisare, non conosco i contenuti in quanto non sono coinvolta personalmente nel procedimento». Decisamente più aperta è invece la questione legata al futuro dell’autogestione in Città. «Di scuse per evitare il dialogo ne abbiamo sentite tante, quella del procedimento penale era una di queste. In ogni caso noi rimaniamo disponibili per trovare soluzioni per l’autogestione a Lugano, invitando di nuovo al dialogo. La nostra porta rimane aperta per valutare insieme le diverse ipotesi di soluzioni possibili».

Gobbi: ‘Vicenda caricata a dismisura’

Da parte sua anche il neo vicesindaco Roberto Badaracco si è detto contento per l’esito emerso questa mattina: «Sicuramente è una bella notizia, specialmente per i colleghi che erano coinvolti. Non sono stati mesi facili per loro, con questa spada di Damocle sopra la testa». A beneficiarne potrebbe essere inoltre tutto il Municipio. «La decisione porterà più serenità all’interno dell’esecutivo, speriamo si possa finalmente voltare pagina e trovare una soluzione per l’autogestione». Da parte sua il direttore del Dipartimento istituzioni, il consigliere di Stato Norman Gobbi, ci ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Quanto comunicato oggi dal Ministero pubblico rappresenta un segnale positivo, ma dovremo aspettare il decreto di abbandono per analizzare e quindi soprattutto per capire come la successione dei fatti si sia svolta. Al di là di questo, l’inchiesta avrà soprattutto il merito di dare la giusta proporzionalità a una vicenda caricata a dismisura che ha toccato la città di Lugano, ma che, già sin d’ora, possiamo dire non avrà conseguenze penali».

Leggi anche:

Ex Macello, il Pg prospetta il decreto di abbandono

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
abbandono big to fail demolizione molino municipio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved