gran-consiglio-si-al-nuovo-istituto-vanoni-con-polemica
La vecchia sede dell'istituto Vanoni a Lugano, recentemente demolita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Tesserete ancora senza ‘Or Penagin’

Municipio e associazione Carnevale annunciano la rinuncia all’edizione a causa dei timori legati all’andamento della situazione pandemica
Locarnese
6 min

‘Azioni Kursaal, si proceda’. Ma occhio alla questione Casinò

Rischi minori dei benefici: la Gestione di Locarno favorevole all’acquisto delle quote dell’Otlmv da parte della Città, per diventare maggiore azionista
Grigioni
42 min

Ricordando il poeta di Mesocco Remo Fasani

Tra un anno la Pgi organizzerà una giornata di studio all’Università di Zurigo. Per partecipare sarà necessario l’invio e l’approvazione di un contributo
Mendrisiotto
1 ora

Corsie autostradali, anche Plr e Ps fanno muro contro l’Ustra

Dopo il Ppd altre forze politiche del Distretto si sollevano per dire ‘no’ all’area di sosta riservata ai Tir
Bellinzonese
1 ora

Una mostra per i cinquant’anni di Comunità familiare

L’esposizione è allestita nella sede di Bellinzona di Antenna Icaro ed è costituita da un ciclo di 12 opere
Ticino
2 ore

Salario minimo, prevale quello del Contratto normale di lavoro

Apparecchiature elettriche, il Tf respinge il ricorso di due ditte. Fanno stato gli importi previsti dal Cnl, in linea con quelli della legge
Bellinzonese
3 ore

Lavagne che cadono a Sementina: ‘Ora tutte ricontrollate’

L’episodio del 21 ottobre si è verificato nonostante la manutenzione estiva fatta dopo il primo caso primaverile. Per il Municipio un fatto inspiegabile
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘le ferie natalizie saranno sul ghiaccio’

Entro sera il danno all’impianto di CO2, trovato da una ditta specializzata, verrà riparato. La riapertura della struttura è prevista prima di Natale
Bellinzonese
3 ore

Aiuti alle associazioni, Bellinzona dovrà regolamentare

Accolta un po’ a sorpresa dal Cc la mozione Deraita-Calanca, contro il parere del Municipio e della Commissione legislazione
Luganese
22.09.2021 - 16:040
Aggiornamento : 17:08

Gran Consiglio: sì al nuovo Istituto Vanoni, con polemica

Accolti i 5,1 milioni di franchi a larga maggioranza, ma non senza una breve polemica sul coinvolgimento della Fondazione nella demolizione dell’ex Macello

È un sì a larghissima maggioranza quello scaturito oggi in Gran Consiglio al credito per la costruzione del nuovo Istituto Vanoni a Lugano. Con 58 voti favorevoli, 5 contrari e 9 astenuti, il legislativo ha quindi dato il via libera all’edificazione di un nuovo centro educativo per minorenni, dopo che la sede storica in via Simen è stata recentemente demolita. Sede che, come è stato ricordato a Palazzo delle Orsoline durante un breve botta e risposta, è stata al centro della serie di fatti che hanno portato a fine maggio alla controversa demolizione dell’ex Macello di Lugano.

Contrapposizione destra vs sinistra

«Accolgo il credito, ma con un certo disagio – ha detto a tal proposito Marco Noi (Verdi) –, visto il coinvolgimento della Fondazione Vanoni, che con la sua denuncia ha dato la stura, spero in maniera inconsapevole, alla demolizione». «Che razza di fondazione sociale alza il telefono per fare una denuncia dopo solo dieci minuti di occupazione simbolica?», ha poi rincarato la dose Simona Arigoni Zürcher (Mps). «Se qualcuno entrasse illegalmente in una mia proprietà non aspetterei dieci minuti per denunciare» ha replicato invece Edo Pellegrini (Udf), sostenuto da Stefano Tonini (Lega): «Sono folli le prese di posizione della sinistra a favore di chi delinque, mentre con certi commenti vengono messe in difficoltà le fondazioni che fanno del bene». La discussione infatti ha toccato anche temi più ideologici: «Non condividiamo la politica di demandare ai privati la risposta a un bisogno sociale crescente», sempre per Arigoni Zürcher, mentre per i comunisti «è vero che lo Stato demanda compiti fondamentali che dovrebbero spettargli, ma sono comunque compiti che vanno assolti, quindi ci asteniamo» (Lea Ferrari). Critiche su aspetti di sostenibilità ambientale non sono infine mancate dai deputati Cristina Gardenghi e Nicola Schönenberger (Verdi).

Aumenterà la capacità di accoglienza

«Ringrazio le strutture e le fondazioni come la Vanoni per il grande lavoro che fanno e per tutti i bambini e ragazzi che aiutano in maniera concreta» ha detto da parte sua Giorgio Fonio (Ppd), portando l’esempio della propria storia personale. «Sono molto dispiaciuto per i bambini messi sull’altare delle ideologie» ha detto invece amareggiato il relatore Lorenzo Jelmini (Ppd), sottolineando che «la socialità in Ticino è così: si parte dalla società, che piaccia o no». Jelmini ha inoltre ricordato l’organizzazione del nuovo istituto: «Ci saranno 35 posti in internato, 6 in livello progressivo e 12 in esternato. Un aumento della capacità di accoglienza necessario per rispondere al contesto di grande cambiamento sociale e alle sempre maggiori sfide con le quali si trovano confrontate le famiglie». Un’impostazione, questa legata all’accoglienza in internato e contemporaneamente in esternato con presa a carico diurna e quindi a una maggiore presenza sul territorio invece di una concentrazione, che piace a Danilo Forini (Ps): «Spero si estenda sempre più anche ad altri settori, come quello dei disabili».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved