gran-consiglio-si-al-nuovo-istituto-vanoni-con-polemica
La vecchia sede dell'istituto Vanoni a Lugano, recentemente demolita (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
22.09.2021 - 16:04
Aggiornamento: 17:08

Gran Consiglio: sì al nuovo Istituto Vanoni, con polemica

Accolti i 5,1 milioni di franchi a larga maggioranza, ma non senza una breve polemica sul coinvolgimento della Fondazione nella demolizione dell’ex Macello

È un sì a larghissima maggioranza quello scaturito oggi in Gran Consiglio al credito per la costruzione del nuovo Istituto Vanoni a Lugano. Con 58 voti favorevoli, 5 contrari e 9 astenuti, il legislativo ha quindi dato il via libera all’edificazione di un nuovo centro educativo per minorenni, dopo che la sede storica in via Simen è stata recentemente demolita. Sede che, come è stato ricordato a Palazzo delle Orsoline durante un breve botta e risposta, è stata al centro della serie di fatti che hanno portato a fine maggio alla controversa demolizione dell’ex Macello di Lugano.

Contrapposizione destra vs sinistra

«Accolgo il credito, ma con un certo disagio – ha detto a tal proposito Marco Noi (Verdi) –, visto il coinvolgimento della Fondazione Vanoni, che con la sua denuncia ha dato la stura, spero in maniera inconsapevole, alla demolizione». «Che razza di fondazione sociale alza il telefono per fare una denuncia dopo solo dieci minuti di occupazione simbolica?», ha poi rincarato la dose Simona Arigoni Zürcher (Mps). «Se qualcuno entrasse illegalmente in una mia proprietà non aspetterei dieci minuti per denunciare» ha replicato invece Edo Pellegrini (Udf), sostenuto da Stefano Tonini (Lega): «Sono folli le prese di posizione della sinistra a favore di chi delinque, mentre con certi commenti vengono messe in difficoltà le fondazioni che fanno del bene». La discussione infatti ha toccato anche temi più ideologici: «Non condividiamo la politica di demandare ai privati la risposta a un bisogno sociale crescente», sempre per Arigoni Zürcher, mentre per i comunisti «è vero che lo Stato demanda compiti fondamentali che dovrebbero spettargli, ma sono comunque compiti che vanno assolti, quindi ci asteniamo» (Lea Ferrari). Critiche su aspetti di sostenibilità ambientale non sono infine mancate dai deputati Cristina Gardenghi e Nicola Schönenberger (Verdi).

Aumenterà la capacità di accoglienza

«Ringrazio le strutture e le fondazioni come la Vanoni per il grande lavoro che fanno e per tutti i bambini e ragazzi che aiutano in maniera concreta» ha detto da parte sua Giorgio Fonio (Ppd), portando l’esempio della propria storia personale. «Sono molto dispiaciuto per i bambini messi sull’altare delle ideologie» ha detto invece amareggiato il relatore Lorenzo Jelmini (Ppd), sottolineando che «la socialità in Ticino è così: si parte dalla società, che piaccia o no». Jelmini ha inoltre ricordato l’organizzazione del nuovo istituto: «Ci saranno 35 posti in internato, 6 in livello progressivo e 12 in esternato. Un aumento della capacità di accoglienza necessario per rispondere al contesto di grande cambiamento sociale e alle sempre maggiori sfide con le quali si trovano confrontate le famiglie». Un’impostazione, questa legata all’accoglienza in internato e contemporaneamente in esternato con presa a carico diurna e quindi a una maggiore presenza sul territorio invece di una concentrazione, che piace a Danilo Forini (Ps): «Spero si estenda sempre più anche ad altri settori, come quello dei disabili».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved