ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
56 min

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
1 ora

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
1 ora

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
2 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
2 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
3 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
3 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
3 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
14.09.2021 - 16:39
Aggiornamento: 17:23

Brè, raccoglie critiche il murale blu e nero

L’Associazione protesta per l’opera ‘ingombrante’ voluta dal Municipio di Lugano per celebrare Wilhelm Schmid senza coinvolgere i residenti

bre-raccoglie-critiche-il-murale-blu-e-nero
Ecco il murale che fa discutere e suscita critiche a Brè

“Ingombrante, sovrastante, fuori misura, anche il buon senso avrebbe aiutato a capirlo. Poi un veloce censimento delle opere artistiche che già arredano la piazza (con via Cai e vicolo piazzetta) avrebbe evidenziato come in quella piazzetta sia semplicemente superflua un’ulteriore opera artistica che annulla le altre”. Non usa mezze misure Stefano Baragiola, segretario dell’Associazione Uniti per Brè nel criticare l’iniziativa del Municipio di Lugano voluta per celebrare il cinquantesimo della morte del pittore Wilhelm Schmid che aveva vissuto nel villaggio. Per questo l’artista Livio Bernasconi, con il mandato della Città, ha realizzato la sua opera sulla facciata di una casa del nucleo. L’iniziativa del Municipio ha ottenuto il nullaosta della commissione di esperti, ma secondo l’associazione è fuori luogo. "Ora nel nucleo storico di Brè prorompe un murale artistico di colore blu e nero lungo tutta la parete di un immobile appena riattato. La piccola piazza lastricata di sassi e i pochi muri rimasti a testimoniare il patrimonio della povertà di un tempo non sono più le caratteristiche principali dell’estetica e dell’equilibrio architettonico del cuore del villaggio”, scrive Baragiola nella presa di posizione di Uniti per Brè.

‘Al di là dei limiti delle norme di Pr’

“Con la giustificazione dell’opera d’arte si sono superati tutti i limiti dettati dalle norme di applicazione del piano regolatore (tinteggiatura e inserimento paesaggistico) applicando una deroga a suo favore ma distruggendo al contempo un delicato equilibrio estetico che reggeva, seppur con difficoltà, da secoli“, si legge. Peggio ancora, constata amaramente Baragiola, gli abitanti non sono stati coinvolti: "Non basta seguire la procedura giuridica prevista per le domande di costruzione. L’impatto visivo di quest’opera è tale che richiedeva un intenso coinvolgimento della cittadinanza e un’attenta ponderazione di tutti gli interessi in gioco”. Eppure, lo strumento scientifico dell’Inventario federale degli insediamenti svizzeri da proteggere d’importanza nazionale e protezione degli insediamenti avrebbe consentito di "definire le premesse architettoniche e paesaggistiche che tale iniziativa doveva osservare nel cuore del patrimonio architettonico del villaggio di Brè”. L’iniziativa «è scellerata, tutti hanno capito che è un’opera d’arte per la piazzetta del nucleo di una grandezza esagerata, al di fuori di ogni misura accettabile, che fa sparire e sovrasta tutto il resto e le altre installazioni. Inserire un’opera dove ce ne sono già altre non è che sia una grande idea», dichiara, da noi contattato, Baragiola.

Leggi anche:

Riscoprendo l’opera e la vita di Wilhelm Schmid

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved