GOLUBIC V. (SUI)
ZHANG S. (CHN)
06:15
 
STL Blues
5
NAS Predators
3
fine
(2-2 : 2-0 : 1-1)
VEGAS Knights
3
PIT Penguins
2
2. tempo
(3-0 : 0-2)
primo-agosto-all-insegna-dello-scontro-a-lugano
La municipale (Ti-Press)
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
7 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
8 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
9 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
9 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
9 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
10 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
10 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
10 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
10 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
11 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
11 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
12 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
12 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
12 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
12 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
12 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
12 ore

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
12 ore

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
01.08.2021 - 23:040
Aggiornamento : 03.08.2021 - 17:47

Primo agosto all'insegna dello scontro a Lugano

Come da previsione, la Festa nazionale si è tradotta di nuovo in una contrapposizione fra Municipio e autogestiti e collettivo ‘T'aspetto fuori’

Lugano continua a vivere nello scontro politico più acceso, anche nel giorno della Festa nazionale. Durante la cerimonia per il Natale della Patria in piazza della Riforma, la breve introduzione del sindaco Marco Borradori prima e l'allocuzione della capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi poi sono stati subissati di fischi, proteste e slogan da parte dei detrattori del Municipio: gli autogestiti – rimasti orfani del centro sociale, dopo che a fine maggio l'ex Macello è stato inaspettatamente demolito – e gli aderenti all'appello del collettivo ‘T'aspetto fuori’, che alcuni giorni fa ha invitato a una protesta sotto forma di gara di fischi, ‘Cifola l'Aida’.

Mesi di tensione

La tensione in città è alta da diversi mesi, esacerbata da manifestazioni culminati in vandalismi e tafferugli e da una campagna elettorale particolarmente accesa sul tema. Il culmine è stato raggiunto la notte fra il 29 e il 30 maggio, con dapprima lo sgombero e poi la demolizione di parte dell'ex Macello. Atto, quest'ultimo, controverso in quanto non solo inatteso ma anche apparentemente eseguito senza la relativa autorizzazione. Quanto basta per causare critiche all'indirizzo dell'esecutivo luganese anche da fasce moderate della popolazione, oltre che avere come conseguenza una denuncia contro ignoti presentata dai Verdi. Il Ministero pubblico sta infatti indagando per abuso di autorità, violazione delle regole dell’arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente. Cinque municipali – oltre a Borradori e Valenzano Rossi, anche il vicesindaco Michele Foletti, Lorenzo Quadri e Filippo Lombardi – sono stati interrogati come persone informate sui fatti, mentre il Municipio è stato anche segnalato alla Sezione enti locali del Dipartimento delle istituzioni. Da quasi due mesi, inoltre, si ripetono le manifestazioni – culturali e ricreative, ma anche di protesta – degli autogestiti, non senza arrecare talvolta disturbo alla quiete pubblica.

Borradori: ‘Applausi sono luce che sovrasta buio’

In questo contesto, l'esecutivo di Lugano ha deciso di far fare l'allocuzione anche quest'anno a un municipale, piuttosto che a un ospite esterno o – se l'intenzione era di optare per un politico locale – alla prima cittadina, come capitato altrove. Una scelta che a taluni è apparsa infelice, se non provocatoria, tant'è che fin da subito è stato espresso qualche malumore prevalentemente sui social e la tensione è cresciuta in particolare negli ultimi giorni, dopo che è stata annunciata la protesta a suon di fischi. Nulla di inatteso quindi: terminato l'intermezzo musicale della Civica Filarmonica di Castagnola, iniziato attorno alle 20.30 in un clima sereno e in una piazza popolata anche da turisti tranquilli, alle 21, quando ha preso parola il sindaco sono comparsi i manifestanti. «Il dissenso ha ragione di esistere» ha detto Borradori venendo già fischiato, prima di paragonare tuttavia il dissenso fischiato al buio: «Coi vostri applausi ci fate vedere che la luce sovrasta il buio».

Sì, in piazza della Riforma ci sono stati anche applausi. Diversi, in particolare, i rappresentanti della Lega dei ticinesi presenti in piazza: consiglieri comunali presenti e passati, e anche qualche volto noto non solo di Lugano. Non è mancato qualche momento di tensione fra le due tifoserie, presto rientrato anche grazie all'intervento della polizia che ha in breve tempo allontanato i manifestanti da piazza della Riforma a piazza Manzoni. Da lì tuttavia i fischi hanno continuato a imperversare, in particolare quando a prendere la parola è stata la municipale. Lungo e articolato il suo discorso, con numerosi riferimenti al dialogo, alla discussione, al confronto. Un confronto che tuttavia a Lugano, e questa sera si è purtroppo notato di nuovo, non c'è.

Numerosi riferimenti ai fischi nel discorso di Valenzano Rossi

Anche per Valenzano Rossi manifestare idee e posizioni diverse sarebbe legittimo, «soprattutto se dal confronto si vuole che nascano soluzioni. Diverso invece, se la contestazione e gli strali sono fini a sé stessi, ma allora significa che il fine perseguito non è affatto legittimo». Altro riferimento a chi l'ha fischiata, pochi istanti dopo, quando citando il mito nazionale ha detto: «Guglielmo Tell non fischiò, non lanciò strali, non inneggiò alla rivolta ma rimase libero di non riverire l’autorità». «Lugano è una Città accogliente – ha aggiunto poi la municipale –, che non vuole una cultura univoca. Lugano, malgrado le accuse di questi giorni, ha una visione culturale ‘al plurale’, come la definiva il sociologo Michel de Certeau. Lo spazio pubblico è forse il luogo più adatto nel quale coltivare il dialogo. Dialogare comporta la capacità di ascoltare, mettersi in gioco, sospendere il giudizio, superare i pregiudizi, mediare, trovare un punto di incontro o, anche, accettare di non essere d’accordo».

«Il nostro impegno è, e sarà anche in futuro, quello di aprire tutti i canali per evolvere e crescere nell’ampio e aperto spazio di democrazia a disposizione, nel rispetto ovviamente delle comuni regole di civiltà» ha aggiunto la municipale, alzando il braccio verso coloro che ancora la stavano fischiando. E il discorso di Valenzano Rossi ha citato ancora un paio di volte i critici: «Si votò (riferendosi alla nascita della Svizzera moderna nel 1848, ndr), non si fischiò coralmente e non si inneggiò alla rivolta»; «votarono, simbolicamente, non fischiarono e non inneggiarono alla rivolta» ha detto invece riferendosi alla simbolica azione di protesta delle donne luganesi nel 1957, contro l'imposizione del servizio civile obbligatorio per il gentil sesso. L'allocuzione è terminata ridando la parola alla Filarmonica di Lugano – che ha suonato senza fischi in sottofondo – che prima di eseguire l'inno svizzero si è cimentata nel ‘Tutto cangia il ciel s’abbella’: «Il meraviglioso finale dell’opera del Gugliemo Tell che descrive la fine della tempesta e celebra magistralmente l’indipendenza, la libertà e la bellezza del nostro Paese».

Un peccato che nella Lugano di oggi sia stata forse sprecata un'occasione, oggi, per avvicinarsi alla fine della contrapposizione e della «tempesta».

Guarda 4 immagini e 2 video
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved