ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
7 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
9 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
9 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
9 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
10 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
10 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
10 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
10 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
11 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
11 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
11 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
11 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
11 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
12 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
12 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
Grigioni
12 ore

Adolescenti e sport: serata pubblica con lo psicologo Morinini

La organizza a Roveredo il Raggruppamento calcio Grandinani del Moesano
Locarnese
12 ore

Bracconieri in Vallemaggia, la Federazione prende le distanze

La Fcti condanna senza mezzi termini i deplorevoli atti compiuti da un gruppo di persone nemmeno in possesso di una licenza venatoria
01.08.2021 - 23:04
Aggiornamento: 03.08.2021 - 17:47

Primo agosto all'insegna dello scontro a Lugano

Come da previsione, la Festa nazionale si è tradotta di nuovo in una contrapposizione fra Municipio e autogestiti e collettivo ‘T'aspetto fuori’

primo-agosto-all-insegna-dello-scontro-a-lugano
La municipale (Ti-Press)
+2

Lugano continua a vivere nello scontro politico più acceso, anche nel giorno della Festa nazionale. Durante la cerimonia per il Natale della Patria in piazza della Riforma, la breve introduzione del sindaco Marco Borradori prima e l'allocuzione della capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi poi sono stati subissati di fischi, proteste e slogan da parte dei detrattori del Municipio: gli autogestiti – rimasti orfani del centro sociale, dopo che a fine maggio l'ex Macello è stato inaspettatamente demolito – e gli aderenti all'appello del collettivo ‘T'aspetto fuori’, che alcuni giorni fa ha invitato a una protesta sotto forma di gara di fischi, ‘Cifola l'Aida’.

Mesi di tensione

La tensione in città è alta da diversi mesi, esacerbata da manifestazioni culminati in vandalismi e tafferugli e da una campagna elettorale particolarmente accesa sul tema. Il culmine è stato raggiunto la notte fra il 29 e il 30 maggio, con dapprima lo sgombero e poi la demolizione di parte dell'ex Macello. Atto, quest'ultimo, controverso in quanto non solo inatteso ma anche apparentemente eseguito senza la relativa autorizzazione. Quanto basta per causare critiche all'indirizzo dell'esecutivo luganese anche da fasce moderate della popolazione, oltre che avere come conseguenza una denuncia contro ignoti presentata dai Verdi. Il Ministero pubblico sta infatti indagando per abuso di autorità, violazione delle regole dell’arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell’ambiente. Cinque municipali – oltre a Borradori e Valenzano Rossi, anche il vicesindaco Michele Foletti, Lorenzo Quadri e Filippo Lombardi – sono stati interrogati come persone informate sui fatti, mentre il Municipio è stato anche segnalato alla Sezione enti locali del Dipartimento delle istituzioni. Da quasi due mesi, inoltre, si ripetono le manifestazioni – culturali e ricreative, ma anche di protesta – degli autogestiti, non senza arrecare talvolta disturbo alla quiete pubblica.

Borradori: ‘Applausi sono luce che sovrasta buio’

In questo contesto, l'esecutivo di Lugano ha deciso di far fare l'allocuzione anche quest'anno a un municipale, piuttosto che a un ospite esterno o – se l'intenzione era di optare per un politico locale – alla prima cittadina, come capitato altrove. Una scelta che a taluni è apparsa infelice, se non provocatoria, tant'è che fin da subito è stato espresso qualche malumore prevalentemente sui social e la tensione è cresciuta in particolare negli ultimi giorni, dopo che è stata annunciata la protesta a suon di fischi. Nulla di inatteso quindi: terminato l'intermezzo musicale della Civica Filarmonica di Castagnola, iniziato attorno alle 20.30 in un clima sereno e in una piazza popolata anche da turisti tranquilli, alle 21, quando ha preso parola il sindaco sono comparsi i manifestanti. «Il dissenso ha ragione di esistere» ha detto Borradori venendo già fischiato, prima di paragonare tuttavia il dissenso fischiato al buio: «Coi vostri applausi ci fate vedere che la luce sovrasta il buio».

Sì, in piazza della Riforma ci sono stati anche applausi. Diversi, in particolare, i rappresentanti della Lega dei ticinesi presenti in piazza: consiglieri comunali presenti e passati, e anche qualche volto noto non solo di Lugano. Non è mancato qualche momento di tensione fra le due tifoserie, presto rientrato anche grazie all'intervento della polizia che ha in breve tempo allontanato i manifestanti da piazza della Riforma a piazza Manzoni. Da lì tuttavia i fischi hanno continuato a imperversare, in particolare quando a prendere la parola è stata la municipale. Lungo e articolato il suo discorso, con numerosi riferimenti al dialogo, alla discussione, al confronto. Un confronto che tuttavia a Lugano, e questa sera si è purtroppo notato di nuovo, non c'è.

Numerosi riferimenti ai fischi nel discorso di Valenzano Rossi

Anche per Valenzano Rossi manifestare idee e posizioni diverse sarebbe legittimo, «soprattutto se dal confronto si vuole che nascano soluzioni. Diverso invece, se la contestazione e gli strali sono fini a sé stessi, ma allora significa che il fine perseguito non è affatto legittimo». Altro riferimento a chi l'ha fischiata, pochi istanti dopo, quando citando il mito nazionale ha detto: «Guglielmo Tell non fischiò, non lanciò strali, non inneggiò alla rivolta ma rimase libero di non riverire l’autorità». «Lugano è una Città accogliente – ha aggiunto poi la municipale –, che non vuole una cultura univoca. Lugano, malgrado le accuse di questi giorni, ha una visione culturale ‘al plurale’, come la definiva il sociologo Michel de Certeau. Lo spazio pubblico è forse il luogo più adatto nel quale coltivare il dialogo. Dialogare comporta la capacità di ascoltare, mettersi in gioco, sospendere il giudizio, superare i pregiudizi, mediare, trovare un punto di incontro o, anche, accettare di non essere d’accordo».

«Il nostro impegno è, e sarà anche in futuro, quello di aprire tutti i canali per evolvere e crescere nell’ampio e aperto spazio di democrazia a disposizione, nel rispetto ovviamente delle comuni regole di civiltà» ha aggiunto la municipale, alzando il braccio verso coloro che ancora la stavano fischiando. E il discorso di Valenzano Rossi ha citato ancora un paio di volte i critici: «Si votò (riferendosi alla nascita della Svizzera moderna nel 1848, ndr), non si fischiò coralmente e non si inneggiò alla rivolta»; «votarono, simbolicamente, non fischiarono e non inneggiarono alla rivolta» ha detto invece riferendosi alla simbolica azione di protesta delle donne luganesi nel 1957, contro l'imposizione del servizio civile obbligatorio per il gentil sesso. L'allocuzione è terminata ridando la parola alla Filarmonica di Lugano – che ha suonato senza fischi in sottofondo – che prima di eseguire l'inno svizzero si è cimentata nel ‘Tutto cangia il ciel s’abbella’: «Il meraviglioso finale dell’opera del Gugliemo Tell che descrive la fine della tempesta e celebra magistralmente l’indipendenza, la libertà e la bellezza del nostro Paese».

Un peccato che nella Lugano di oggi sia stata forse sprecata un'occasione, oggi, per avvicinarsi alla fine della contrapposizione e della «tempesta».

Leggi anche:

Lugano, la polizia sgombera l'ex Macello

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved