ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 min

Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito

Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
Luganese
1 ora

Lugano Region: ‘Risultati migliori del previsto’

I pernottamenti del 2022 superano quelli degli anni prepandemici, ma si guarda al 2023 con prudenza. Spaventa in particolare l’inflazione.
Mendrisiotto
1 ora

Arzo: fu tentato omicidio, inflitti sei anni e mezzo di carcere

La Corte di appello e di revisione penale pronuncia una nuova sentenza nei confronti dell’uomo che strinse il collo della moglie fino a farla svenire
Ticino
2 ore

Casse malati, 11mila firme per gli sgravi. E un asino che raglia

La Lega consegna in governo le sottoscrizioni all’iniziativa per la deducibilità integrale dei premi. Poco dopo la sinistra porta i regali per i ricchi
Ticino
2 ore

‘No a qualsiasi scenario che impedisca al popolo di votare’

Marina Carobbio e il (molto probabile) seggio vacante al Consiglio degli Stati post Cantonali, il presidente cantonale dell’Udc pianta già qualche paletto
Luganese
2 ore

Pregassona, riproposto il Natale insieme

Aperte le iscrizioni per il pranzo in compagnia organizzato al capannone dal Kiwanis Club Lugano, dopo due anni di pausa dovuti alla pandemia
Luganese
2 ore

Lugano celebra i suoi volontari

In occasione della Giornata internazionale del volontariato indetta dalle Nazioni Unite, il Municipio ha ringraziato i settecento presenti
Bellinzonese
3 ore

Bella prova degli schermidori turriti in quel di Küssnacht

Associazione Bellinzona scherma soddisfatta dei propri atleti che hanno partecipato alla prima gara a livello nazionale dopo il lungo stop dovuto al Covid
Luganese
3 ore

Cureglia, dopo due anni torna il pranzo per le persone in Avs

Al tradizionale appuntamento hanno partecipato centinaia di cittadini e il Municipio al completo guidato dalla sindaca Tessa Gambazzi Pagnamenta
Locarnese
3 ore

La ‘trappola’ in via Arbigo: ‘Il mio cane poteva morire’

Brutta esperienza per una giovane di Losone, che portando a spasso l’amico a 4 zampe ha evitato per poco che ingoiasse una penna ‘travestita’ da boccone
Bellinzonese
3 ore

Riduzione della sofferenza psicofisica o stress con l’Atte

Il corso di Mindfulness (otto incontri e una giornata intensiva) si terrà a partire dal 18 gennaio al Centro diurno a Bellinzona
Mendrisiotto
3 ore

Lanciata la petizione contro il postribolo a Balerna

Nelle scorse settimane era stata depositata la richiesta per il cambio di destinazione d’uso di un edificio che attualmente ospita un’officina
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la notte di musica live nei bar

Mercoledì 7 dicembre, dalle 19 a mezzanotte in centro città, si terranno 9 concerti in 7 locali
Locarnese
4 ore

Concerto d’Avvento giovedì a Verscio

Dopo due anni di pausa forzata dovuta alla pandemia, la Chiesa di San Fedele si appresta ad accogliere il tradizionale appuntamento musicale prenatalizio
Locarnese
4 ore

Mercato di Natale in Città Vecchia a Locarno

Dopo due anni condizionati dalla pandemia, si rinnova il tradizionale appuntamento del cuore storico cittadino; 230 le bancarelle allestite
Locarnese
4 ore

L’‘inCanto’ è un Concerto di Natale con il Coro Fat

Sabato 10 dicembre alle 18 appuntamento nella Chiesa parrocchiale di Brione sopra Minusio con l’ensemble diretta dal maestro Gabriele Beltrami
Ticino
4 ore

Superamento dei livelli, parla Bertoli: ‘Serve segnale chiaro’

Dopo il niet di Speziali e le critiche di sindacati e docenti, il direttore del Decs: ‘Pronto a fugare ogni dubbio, la politica non meni il can per l’aia’
Locarnese
4 ore

Con Zurich On Ice scende in pista il Fairplay nello sport

A Locarno On Ice denso programma di animazioni per le prossime giornate. Compresa la presenza dei giocatori di Ambrì Piotta e Lugano
Grigioni
4 ore

Oltre allo sci, anche un mercato e San Nicolao a San Bernardino

L’evento è previsto sabato 10 dicembre al Centro sportivo, quando apriranno anche altre piste di fondo
Mendrisiotto
5 ore

Novazzano ‘non è meno sicuro di altri comuni’

Durante il Consiglio comunale di lunedì il Municipio ha risposto a un’interpellanza sulla rapina avvenuta il 28 novembre in un’abitazione.
Bellinzonese
5 ore

Concerto di gala della Filarmonica di Biasca

Appuntamento in programma domenica 11 dicembre alle 16.30 nella palestra della Scuola professionale
Luganese
5 ore

Lugano, folle fuga sotto l’influsso di cocaina: condannato

La Corte delle Assise criminali ha inflitto al 25enne ventitré mesi sospesi con la condizionale. L’imputato ha ammesso tutti i fatti.
Grigioni
5 ore

Frana in Val Calanca, iniziato lo sgombero della strada

Due escavatrici sono entrate in azione dopo l’esclusione del pericolo imminente di altri crolli. Obiettivo riaprire la carreggiata prima del weekend
Mendrisiotto
6 ore

Mendrisio, la Filanda ospita la Maratona di lettere

Quest’anno, la raccolta di firme promossa da Amnesty International è incentrata sul diritto di manifestare e di esprimere il proprio dissenso
Mendrisiotto
6 ore

Pronto il logo degli Esterefatti del Rione Excelsior di Chiasso

L’immagine che raffigura l’indimenticato don Willy in sella alla sua bicicletta sarà presentata mercoledì 7 dicembre in piazza Bernasconi
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale, un successo il concerto di Gala

La Filarmonica comunale diretta dal maestro Roberto Cereghetti attira un’ampia partecipazione popolare
Bellinzonese
7 ore

Il Municipio di Bellinzona incontra i suoi diciottenni

Lunedì 5 dicembre si è tenuta la tradizionale cerimonia in cui l’autorità comunale ha accolto i neomaggiorenni
Ticino
7 ore

In carcere in Ticino per spaccio dopo l’estradizione dall’Italia

Sul 36enne residente in Italia pendeva un mandato di cattura internazionale emesso dalla Magistratura ticinese
Bellinzonese
8 ore

Gottardo Arena, approvato il principio dei posteggi a pagamento

Luce verde alla convenzione tra Comune e Hcap. Slitta però a lunedì il voto sul messaggio per permettere di applicare la tassa in occasione delle partite
Locarnese
9 ore

Brione, Messa in memoria del Vescovo Ernesto Togni

A un mese dalla scomparsa verrà celebrata una funzione religiosa domenica prossima. Sev e Fondazione Verzasca organizzano un trasporto gratuito
Luganese
9 ore

Lugano, potenziata l’offerta di trasporto pubblico

Con il nuovo orario, Tpl e Arl aumentano le corse, le frequenze nei fine settimana e il servizio nei quartieri. Nuovo nome per alcune fermate
Grigioni
9 ore

Quasi 300’000 franchi ai media del Grigioni italiano

Il Gran Consiglio retico intende rispondere alla difficile situazione in cui si trovano i mezzi di comunicazione
Locarnese
9 ore

Bosco Gurin riparte dopo due stagioni difficili

Nel fine settimana, grazie alle copiose nevicate, impianti aperti. Dimenticata la pandemia e l’inverno 2021/22 dalle temperature estive, c’è grande attesa
laR
 
01.07.2021 - 05:20
Aggiornamento: 11:39

Lugano, autogestione dalle ruspe alle piazze

A un mese dallo sgombero e dalla demolizione di un edificio dell'ex Macello, diversi interrogativi restano ancora senza risposte

lugano-autogestione-dalle-ruspe-alle-piazze

A oltre un mese dallo sgombero e dalla demolizione di un edificio dell'ex Macello di Lugano, restano avvolti nella nebbia i dettagli dell'operazione che ha sloggiato il centro sociale Il Molino dalla sede concessa tramite una convenzione siglata nel dicembre del 2002 dall'associazione Alba, dal Municipio di Lugano e dal Consiglio di Stato. Una demolizione, quella andata in scena nella notte fra sabato 29 e domenica 30 maggio, che è parsa a molti un atto violento e ingiustificato. Il compito di fare chiarezza su quanto capitato, determinando eventuali responsabilità penali, è affidato al Ministero pubblico. L'inchiesta è coordinata dal procuratore generale Andrea Pagani affiancato dal procuratore pubblico capo Arturo Garzoni. Le ipotesi di reato prospettate contro ignoti, lo ricordiamo, sono di abuso di autorità, violazione intenzionale, subordinatamente colposa, delle regole dell'arte edilizia e infrazione alla legge federale sulla protezione dell'ambiente. Intanto, senza una sede, le attività del centro sociale si sono spostate all'aperto, come peraltro già successo dopo lo sgombero del Maglio di Canobbio poco meno di 19 anni fa, e cominciano a suscitare discussioni a causa di 'disturbi della quiete pubblica'.

Una cronistoria parziale

A dare il via libera alle ruspe, quella notte, è stata la maggioranza del Municipio di Lugano. Un via libera peraltro preceduto da tre richiami a lasciare liberi gli spazi dell'ex Macello intimati dal Municipio di Lugano agli autonomi, l'ultimo dei quali consegnato brevi manu venerdì 14 maggio. Tre richiami fondati sulla decisione adottata a maggioranza dall'esecutivo cittadino un mese prima delle elezioni comunali, nella seduta del 18 marzo, di notificare una disdetta formale della convenzione sottoscritta nel 2002. Tornando alla notte del 29 maggio, la titolare del Dicastero sicurezza di Lugano Karin Valenzano Rossi (Plr) avrebbe fatto da tramite fra la polizia e l'autorità politica. Non sono stati coinvolti nella decisione, perché contrari sia allo sgombero, figuriamoci alla demolizione, i municipali Roberto Badaracco (Plr) e Cristina Zanini Barzaghi (Ps). Nemmeno Lorenzo Quadri (Lega) sarebbe stato contattato perché la sua posizione favorevole era invece scontata. L'abbattimento è stato ordinato dopo la manifestazione pacifica andata in scena nel pomeriggio di sabato 29 maggio. L'autorità politica lo ha giustificato dall'occupazione temporanea avvenuta al termine del corteo da parte degli autogestiti dello stabile ex Vanoni in via Simen a Molino Nuovo, poi circondato da decine di agenti anti-sommossa. Dopodiché, la fondazione Vanoni proprietaria dell'edificio ha sporto denuncia per violazione di domicilio. In seguito, la titolare del Dicastero sicurezza di Lugano ha chiamato i suoi colleghi municipali e comunicato loro che secondo le forze dell'ordine si poteva sgomberare l'edificio dell'ex Macello. A un funzionario della Città di Lugano viene chiesto dalla polizia di allertare un'impresa di costruzione per procedere a lavori di 'assestamento'. Almeno una delle ditte coinvolte è però stata allertata diverse ore prima. Comunque, poco dopo le 21 di quella sera, sempre la polizia, propone a Karin Valenzano Rossi, di mettere in atto uno degli scenari discussi nella seduta di Municipio di giovedì 27 maggio, ossia la demolizione – totale o parziale? Dalle dichiarazioni iniziali non è parso chiaro – di un edificio dell'ex Macello, per ragioni di sicurezza. Interpellati, il sindaco di Lugano Marco Borradori, il vicesindaco Michele Foletti e Filippo Lombardi si sono detti d'accordo. La demolizione parziale – 'solo il tetto' annuncerà dieci giorni dopo i fatti la maggioranza del Municipio di Lugano – alla realtà dei fatti ha ridotto lo stabile in macerie.

Reazioni contrastanti e governo sorpreso

Il Ps Lugano e il Ps Ticino hanno condannato lo sgombero e la demolizione dell’ex Macello di Lugano, sede degli autogestiti e l'azione affrettata di sgombero della polizia in atto presso l'ex Istituto Vanoni. Opposte le reazioni dell'Udc e della Lega che hanno invece salutato favorevolmente l'intervento. Un intervento che ha sorpreso anche il Consiglio di Stato. Lunedì 31 maggio in piazza Manzoni si è tenuta la prima assemblea dell'autogestione che ha richiamato circa trecento persone ed è sfociata nella protesta sotto l'abitazione del sindaco. Il giorno successivo, martedì 1° giugno, l'area attorno alle macerie viene posta sotto sequestro per ordine del Ministero pubblico. È il primo passo dell'inchiesta penale avviata d'ufficio dal Ministero pubblico che ha ricevuto anche la denuncia sporta nei confronti del Municipio di Lugano da parte dei Verdi del Ticino, sezione di Lugano. In quei giorni emerge pure una possibile sede alternativa: l'ex depuratore di Cadro che rappresenta l'ipotesi più papabile sul tavolo del Municipio, che tuttavia non si sbilancia. La struttura è destinata a passare nelle mani della Città, ma senza l'attivazione di un canale di dialogo fra le parti e soprattutto dopo l'azione delle ruspe, appare una soluzione impraticabile. A livello cantonale, nel frattempo, l'accordo che sembrava quasi raggiunto in Commissione sanitaria sulla mozione Schnellmann si è sgretolato, tanto che il deputato liberale in Gran Consiglio ha ritirato l'atto parlamentare mentre il suo collega Tiziano Galeazzi (Udc) l'ha riproposto. Nell'ultima seduta, la maggioranza dei deputati ha deciso di non affrontare una discussione generale sul tema autogestione, rifiutando per due volte la richiesta formulata da Matteo Pronzini (Mps).

Duemila persone sulle strade

Sette giorni dopo la demolizione, le strade di Lugano vengono invase da oltre duemila persone per una manifestazione a favore dell'autogestione e di protesta contro quello che è stata considerata un'azione autoritaria da parte delle forze dell'ordine e della politica cittadina. Ad alimentare il sostegno al centro sociale sono forse state quelle versioni fornite dalla maggioranza del Municipio all'indomani della demolizione e dieci giorni dopo quando è stato evocato solo l'abbattimento del tetto, come detto, per ragioni di sicurezza. Versioni apparentemente contraddittorie o, almeno in parte contrastanti. I cinque municipali di Lugano sono stati interrogati contemporaneamente a Palazzo di giustizia da altrettanti magistrati lo scorso martedì 22 giugno. Al termine dell'interrogatorio, il sindaco di Lugano ha ribadito che l'esecutivo si è trovato di fronte a una scelta drastica, urgente e immediata e ha preso l'unica decisione che prenderebbe ancora. In ogni caso, stando a quanto emerso finora, il picchetto rafforzato fra Polizia giudiziaria e magistrati non sarebbe stato allertato la sera del 29 maggio scorso, quando è stato dapprima sgomberato e successivamente demolito lo stabile che ospitava il centro sociale. 

Chi paga l'avvocato?

Chi pagherà l'avvocato Elio Brunetti – che, secondo nostre informazioni, ha la procura per seguire sei municipali su sette –, ed eventuali altri legali che dovessero entrare in scena, per la difesa dei municipali sotto inchiesta? La questione è certamente secondaria nel contesto dell'argomento ex Macello, ma è giusto porsela visto l'interesse pubblico che solleva. Una risposta di primo acchito, trattandosi di un Municipio, potrebbe essere «paga l'ente pubblico, i contribuenti». Ma è davvero così? Per capire meglio abbiamo contattato la Sezione enti locali (Sel) del Dipartimento delle istituzioni.

Il primo punto da chiarire è come mai l'esecutivo non si sia rivolto al Consiglio comunale (Cc). C'è infatti un capoverso dell'articolo 13 della Legge organica comunale (Loc) che dice espressamente che l'assemblea comunale “autorizza il Municipio a intraprendere o a stare in lite, a transigere o a compromettere”. In altre parole, nei casi di vertenza legale il Municipio deve chiedere il permesso al legislativo per stare in lite e conseguentemente dotarsi di un patrocinatore. «Attenzione – ci spiegano dalla Sel –, solo nei casi di procedure civili. Trattandosi di una procedura penale, la responsabilità è dei singoli municipali». Questo, anche se la denuncia dei Verdi è stata sporta contro l'esecutivo nel suo insieme: la procedura penale è infatti contro ignoti e l'eventuale responsabilità è individuale. Pertanto, ogni municipale che si sta avvalendo o si avvarrà di un legale in linea di principio ne è quindi responsabile individualmente, anche dal profilo finanziario. Ciò non toglie che il Municipio possa rivolgersi prima o poi al Cc per chiedere un rimborso. «È verosimile, qualora reputino di aver agito nell'ambito delle proprie funzioni pubbliche e ritengano di poter richiedere una copertura delle spese sostenute e in tal caso dovrebbero allestire un messaggio rivolto al Cc con regolare richiesta di credito». Ma c'è una differenza con i canonici crediti straordinari – quelli che superano i 250'000 franchi nel caso di Lugano –: qualora decida di farlo, il Municipio sarebbe tenuto a chiedere l'autorizzazione al Cc in tutti i casi. Anche se la spesa fosse inferiore ai 250'000 franchi. Non è infatti pensabile che la avalli l'esecutivo: «Sarebbe un conflitto di interessi». 

Certo, non è detto che il Municipio avanzi questa richiesta: molto dipende dall'esito dell'inchiesta. Più facile potrebbe essere chiedere un eventuale rimborso in caso di proscioglimento. Ma in tutti i casi si tratterebbe di una questione di opportunità e quindi politica: sarebbe giusto che a coprire la spesa fosse l'ente pubblico? Infine, ma qui purtroppo non siamo in grado di dare una risposta non essendo riusciti a ottenerla dalla Città, ci sarebbe un'altra via per evitare di chiedere al Cc di coprire le spese legali: il Comune potrebbe aver sottoscritto una polizza assicurativa che copra anche situazioni come questa. Ad oggi non è tuttavia noto se ed eventualmente che tipo di protezione giuridica abbia la Città di Lugano.

Intanto, proseguono nei luoghi pubblici le attività promosse dagli autonomi (che fino al 29 maggio scorso si svolgevano all'ex Macello). Il prossimo appuntamento è fissato per sabato 3 luglio dalle 17.30 sulla piazza del Lac con una discussione sull’ecologismo radicale, la cena e l'evento musicale "Street Hip Hop". Fra pochi giorni, lunedì 5 luglio, scadrà il termine per la raccolta di firme a sostegno dell’iniziativa popolare comunale “Adéss Basta!”, lanciata dalla sezione di Lugano dell'Udc.

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Ex Macello a Lugano, nuovo richiamo prima dello sgombero

Lugano agli autogestiti: 20 giorni per sgomberare

Ruspe chiamate prima dell'occupazione dell'ex Vanoni

'Al Governo non risultava una previsione di sgombero'

Molino, autogestiti sotto casa del sindaco. Bloccato il lungolago

Molino, sì al mediatore dalla maggioranza dei gruppi in Cc

L'Udc: 'autogestione non per forza a Lugano'

Ex Macello, risposte parziali e discussioni negate

Clima festoso, oltre 2000 in centro per l'autogestione

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

Ex Macello, non allertato il ‘gruppo di picchetto rafforzato’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved