BOS Bruins
4
WAS Capitals
3
fine
(1-1 : 1-1 : 2-1)
PHI Flyers
1
COB Jackets
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
BUF Sabres
4
DAL Stars
5
3. tempo
(2-1 : 2-2 : 0-2)
PIT Penguins
6
OTT Senators
4
3. tempo
(3-1 : 2-0 : 1-3)
NAS Predators
4
WIN Jets
1
2. tempo
(3-0 : 1-1)
LA Kings
COL Avalanche
03:30
 
Seattle Kraken
SJ Sharks
04:00
 
VEGAS Knights
MON Canadiens
04:00
 
lugano-illeciti-alla-banchina-di-riva-vela-prima-condanna
Inaugurata nel 2019 e subito travolta dalle polemiche (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Lugano, rissa al Parco Ciani: due feriti

La dinamica esatta non è ancora nota, sono intervenuti la Polizia cantonale e la Polizia comunale. I fatti sono avvenuti vicino all’entrata lato Casinò
Ticino
7 ore

La sinistra politica in strada contro i licenziamenti Dpd

Presidio di solidarietà coi lavoratori del colosso dei pacchi, accusato di condotta antisindacale. Spunta un quinto licenziamento.
Ticino
8 ore

Mauro Antonini a processo settimana prossima

L’ex comandante delle Guardie di confine deve rispondere delle presunte irregolarità nella gestione di fondi finanziari emerse in seno al corpo federale
Locarnese
8 ore

Locarno, gesto di solidarietà per Casa Martini

Donazione destinata al centro di accoglienza per persone in difficoltà
Luganese
8 ore

Campione, causa Covid slittano le aste dei beni in vendita

‘L’interesse per gli immobili non manca’, assicura il sindaco Roberto Canesi che conta di chiudere la partita dei debiti con i dipendenti comunali
Ticino
9 ore

Aiuti ai media, Viscom Ticino: ‘Sì con convinzione al pacchetto’

L’Associazione svizzera per la comunicazione visiva: per la democrazia diretta è indispensabile un paesaggio mediatico ben diversificato
Bellinzonese
9 ore

Infortunio sul lavoro a Bellinzona, gravi ferite per un operaio

L’uomo, un 42enne residente nella Provincia di Varese, ha battuto la testa mentre scendeva da una scala a chiocciola. La sua vita è in pericolo
Ticino
9 ore

‘Il Conservatorio è una scuola, deve essere accessibile a tutti’

Una mozione chiede di modificare la qualifica di due parti dell’istituto che attualmente sottostanno all’obbligo del certificato 2G
Mendrisiotto
9 ore

Vacallo ha perso 19 abitanti in un anno

Lieve calo della popolazione che ora è di 3’343 cittadini. Fanno ben sperare le 20 nascite registrate.
Luganese
9 ore

Via Nassa, Benedetto Antonini: ‘Un intervento osceno’

Il vicepresidente della Società per l’arte e la natura critica pesantemente le nuove vetrate posate nel centro cittadino protetto
Locarnese
10 ore

I semafori intelligenti sull’A2-A13 piacciono a Tcs e Acs

L’Ustra propone un impianto di autoregolazione del traffico per risolvere il grave problema sul Piano di Magadino, in attesa del nuovo collegamento
Luganese
10 ore

Lugano, per la mobilità scolastica ‘servono interventi mirati’

È quanto emerge da uno studio pubblicato sul sito della Città. Coinvolti 52 edifici scolastici e 5’813 allievi.
Ticino
10 ore

Livelli alle medie: ‘Rimandarne il superamento è inaccettabile’

La Conferenza cantonale dei genitori punta alla sostituzione dei corsi A e B anche in quarta
Ticino
10 ore

Eventi sportivi al chiuso, revocata la limitazione di capienza

In Ticino i tifosi di Ambrì Piotta e Lugano potranno tornare da subito ad assistere alle partite nel settore spalti
Luganese
10 ore

Il servizio accompagnamento sociale si sposta a Molino Nuovo

Gli sportelli del servizio offerto dalla Città di Lugano si troveranno in via Brentani 9 e sostituiranno quelli di via Industria e via Carducci
Bellinzonese
11 ore

Allievi negativi costretti a casa: liberi tutti? Non proprio

Medie di Giubiasco, due classi con più positivi. Il medico cantonale raccomanda ai compagni di evitare luoghi pubblici e attività sportive di gruppo
Ticino
11 ore

Visita di cortesia dell’Ambasciatrice della Polonia

Si è discusso di pandemia, legami culturali con il territorio ticinese ed economici con la Confederazione
GALLERY
Luganese
11 ore

‘Umamy’, quando l’integrazione comincia in cucina

Croce Rossa Svizzera, sezione del Sottoceneri, presenta il progetto di integrazione socio-culturale che coinvolge i richiedenti l’asilo
Grigioni
12 ore

Il governo grigionese sostiene il pacchetto di aiuti ai media

Il Consiglio di Stato retico invita a votare Sì il prossimo 13 febbraio: ‘Varietà dell’informazione un’esigenza fondamentale’
Mendrisiotto
12 ore

Coldrerio, lieve calo della popolazione

A fine 2021 gli abitanti erano 2’889, con una diminuzione di 12 unità rispetto all’anno precedente. Positivo il saldo naturale.
Locarnese
12 ore

Losone, popolazione in crescita: 6’741 abitanti

Superato il primato del 2019. Il comune del Circolo delle Isole piace alle famiglie
Locarnese
12 ore

Muralto, la fisioterapia Acquasana rimane aperta

La messa in liquidazione del complesso Casa Santa Agnese non impedisce allo studio di continuare a operare
Locarnese
12 ore

Orario solo digitale, le Fart confermano

Pochi i reclami. La biglietteria offre consulenza sull’uso dell’online e, per chi lo desidera, sulla stampa
 
22.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 11:34

Lugano: illeciti alla banchina di Riva Vela, prima condanna

Il Consiglio di Stato ha condannato a pena pecuniaria la ditta alla quale sono stati subappaltati i lavori di falegnameria

Sul cantiere pubblico della banchina di Riva Vela a Lugano è stata commessa una “grave violazione della Legge sulle commesse pubbliche (LCPubb)”. A due anni dai fatti e dall'apertura delle inchieste, arriva una prima condanna. Il Consiglio di Stato (Cds) ha condannato a una pena pecuniaria la Edil Global Services (Egs) Sa: 900 franchi, ossia il 10% del valore della commessa interessata, ai quali se ne aggiungono 100 di pagamento di spese e tassa di giustizia. La società non è invece stata condannata all'esclusione dell'aggiudicazione di appalti pubblici, ossia l'altra possibile sanzione in casi di malaedilizia come questo, in quanto nel frattempo è fallita. Politicamente, una nuova tegola, sul Municipio di Lugano, in un periodo già non facile a causa delle segnalazioni conseguenti alla controversa demolizione del centro sociale autogestito Il Molino.

Caso emerso dai controlli di Unia

La vicenda risale al 2019 ed è stata scoperchiata da Unia. Durante l'estate sono avvenuti i lavori di costruzione dell'ampio pontile. Un'opera necessaria per più ragioni: dotare la città di un attracco temporaneo in pieno centro, la riqualifica della zona e non da ultimo l'edificazione di una struttura che potesse ospitare piccoli eventi giornalieri. Costo complessivo: 230'000 franchi. Il mandato diretto era stato attribuito allo studio dell'architetto Bruno Huber, che a sua volta aveva promosso tre procedure a invito per la falegnameria, la metalcostruzione e i lavori edili speciali. Col beneplacito del committente, ossia la Città, lo studio d'architettura ha scelto l'offerta meno costosa premiando la Franco Dell'Oro Sa, che offriva prezzi inferiori del 33,5% rispetto alla concorrente più cara e del 18,5% rispetto all'altra. La Dell'Oro tuttavia è attiva prevalentemente in arredamento d'interni per bar e ristoranti e ha subappaltato infatti i lavori di falegnameria alla Egs. Un'offerta, sottoposta al Municipio, inizialmente di 66'000 franchi, lievitati poi a quasi 71'000. Il valore delle opere subappaltate è invece di 9'300 franchi circa.

Caduta la difesa del prestito di manodopera

Ad accorgersi che qualcosa non quadrasse, il sindacato: durante alcuni controlli effettuati nell'estate del 2019, Unia ha rilevato sul cantiere unicamente la presenza di operai della Egs, segnalando il caso all'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche (Uvcp), che da lì a poco ha avviato un procedimento nei confronti della Dell'Oro. Quest'ultima si è difesa sostenendo che si trattasse di prestito di manodopera e non di subappalto. Quest'ultimo infatti, in questo caso, era da considerarsi illecito. “Dai fatti emersi si ravvisa un caso di subappalto e/o cessione del contratto non autorizzato e, in ogni caso, vietato” dalla LCPubb, sottolinea il governo. Inoltre, come ricostruito dal Cds, la committente è venuta a conoscenza del subappalto solo a lavori già conclusi, mentre lo studio d'architettura a lavori iniziati. Intanto, lo scorso settembre, l'Uvcp ha esteso il procedimento amministrativo alla Egs.

‘La violazione è da considerarsi grave’

E l'esecutivo cantonale ha chiarito: “Le prestazioni fornite dalla ditta Edil Global alla ditta Dell'Oro non possono in nessun modo essere considerate prestito di manodopera”, stroncando in tal modo la difesa iniziale. “Dal profilo oggettivo la violazione del divieto di subappalto, come pure la cessione del contratto, è da considerarsi grave – evidenzia il Cds –. La ditta Edil Global è intervenuta sul cantiere in subappalto e/o cessione del contratto senza consenso del committente. Inoltre tali prestazioni non possono essere considerate marginali, in quanto risulta che sul cantiere abbiano operato unicamente gli operai della stessa (dell'Egs, ndr). In più sono state subappaltate opere che corrispondono a circa il 13% dell'intera commessa. Dal profilo soggettivo non si può dedurre che la ditta Global Edil conosca perfettamente i meccanismi governanti l'aggiudicazione delle commesse pubbliche nel Canton Ticino. Inoltre occorre rilevare che la ditta Edil Global è, nel frattempo, fallita”.

Unia: ‘Problema dei fallimenti a scopo di lucro’

Un fallimento contro il quale Unia ha puntato il dito sin dall'inizio, inserendolo nel solco dei «fallimenti a scopo di lucro», come sostiene il sindacalista Matteo Poretti. Prima della Egs – che secondo il sindacato ha lasciato un buco di circa 1,2 milioni di franchi fra salari non corrisposti, mancati pagamenti di Iva, oneri sociali e imposte alla fonte – era fallita nel 2018 anche la Ringhio Sa, con uno scoperto quantificabile fra 600'000 e 1'000'000 di franchi, e anch'essa riconducibile alla stessa proprietà. Debiti dovuti, secondo il sindacato, a prezzi fuori mercato per accaparrarsi i concorsi e riversati poi sulle spalle dei contribuenti. E proprio contro il titolare Unia ha sporto denuncia penale nell'autunno del 2019, in quanto avrebbe giocato d'azzardo appropriandosi dei contributi della previdenza professionale. «Il procedimento è ancora pendente, non abbiamo più saputo nulla», ci dice a tal proposito Poretti. Come nulla si sa, per ora, per il procedimento aperto dall'Uvcp nei confronti della Dell'Oro Sa: «Si potrà conoscere solo l'eventuale pena finale, una volta che la sentenza sarà cresciuta in giudicato». Sul caso, a suo tempo, si era espressa a suo tempo anche l'Associazione svizzera fabbricanti mobili e serramenti, che in una lettera inviata a Municipio e Consiglio comunale aveva domandato l'istituzione di un'inchiesta indipendente. “Almeno una ventina di ditte locali potevano svolgere il lavoro richiesto” aveva sottolineato l'associazione di categoria, riferendosi ai lavori subappaltati.

La Dell'Oro ha continuato a ricevere incarichi. Foletti: ‘Non c'erano motivi per escluderli’

Sulla vicenda della banchina l'esecutivo cittadino si era già mosso convocando un audit interno che aveva confermato le irregolarità. E pur non avendo aperto procedure amministrative, la Città aveva richiamato ufficialmente con due distinte lettere l'alto funzionario e l'architetto (seppur un esterno) coinvolti. «Ma ciononostante, anche dopo l'apertura dell'inchiesta, la Città ha continuato ad affidare lavori alla Dell'Oro Sa – evidenza il sindacalista –: dall'11 novembre al 31 dicembre ha ricevuto ben sette incarichi diretti, per una cifra complessiva di circa 101'000 franchi». L'inchiesta era stata aperta ma, e ancora oggi non se ne ha notizia, non è stata conclusa e vale pertanto la presunzione d'innocenza. Si pone comunque una questione di opportunità, che abbiamo girato al vicesindaco di Lugano Michele Foletti. «Se una ditta presenta tutta la documentazione corretta in base alla LCPubb, vuol dire che gli può essere conferito il mandato. Dal punto di vista legale, finché non c'è una condanna con un'inibizione a partecipare a concorsi, non ci sono motivi per escluderli – spiega il municipale responsabile delle procedure dei concorsi pubblici della Città –. Inoltre, in quel settore, determinati prodotti li hanno pochissime aziende nel nostro cantone». Di avviso opposto Poretti: «La presunzione d’innocenza legale non cancella il dovere di responsabilità politica del Municipio: informato da settembre 2019 dell’apertura di un’inchiesta, per altro palese, l’esecutivo avrebbe dovuto almeno attendere la sua fine prima di premiare la Dell’Oro SA con nuove commesse, addirittura su incarico diretto. Questo modo di agire non aiuta assolutamente chi cerca di combattere fenomeni quali il dumping, il subappalto illegale, la distorsione della concorrenza. Il Municipio non ha dato un messaggio positivo in questo senso…». 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved