Seattle Kraken
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-0 : 1-2 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
NY Islanders
0
PHI Flyers
0
1. tempo
(0-0)
STL Blues
NAS Predators
02:00
 
molino-si-al-mediatore-dalla-maggioranza-dei-gruppi-in-cc
Basterà un fiore? (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
4 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
5 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
6 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
6 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
6 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
6 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
7 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
7 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
7 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
7 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
8 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
8 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
8 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
8 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
8 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
Luganese
8 ore

Sono 1’300 le firme per un’acqua ‘bene primario e comune’

Consegnata al Municipio di Lugano la petizione lanciata a metà dicembre dal Movimento per il socialismo
Mendrisiotto
8 ore

Spacciò oltre 200 grammi di cocaina: pena di 13 mesi sospesi

L’imputato, un 34enne, non si presenta in aula perché ricoverato all’ospedale a causa di un incidente. Ha ammesso ogni responsabilità
 
09.06.2021 - 05:150

Molino, sì al mediatore dalla maggioranza dei gruppi in Cc

Davvero critici solo Verdi e Udc, possibilista la Lega ma a determinate condizioni, più favorevoli gli altri. Tutti concordi sul fatto che ci voglia dialogo

Dialogo, sì. Ma come? A dieci giorni dallo sgombero e della demolizione della sede del Centro sociale autogestito (Csoa) Il Molino nell'ex Macello di Lugano, e in seguito alla conseguente levata di scudi a favore dell'autogestione e alla partecipata manifestazione di sabato scorso, crescono gli appelli al dialogo. Un dialogo che tuttavia appare difficile: non solo era fermo già da almeno un lustro prima del 29 maggio, ma quei fatti difficilmente possono essere letti come un invito al tavolo delle discussioni. Eppure queste vanno avviate, se si vuole trovare una qualche soluzione. Toccherà quindi a un mediatore? Il sindaco Marco Borradori e la capodicastero Karin Valenzano Rossi non sono sembrati troppo favorevoli all'idea. Nell'attesa che sulla questione si pronunci il Consiglio di Stato, abbiamo chiesto ai capigruppo in Consiglio comunale cosa ne pensano.

Plr favorevole, Lega possibilista

«Credo che il Municipio abbia cercato il dialogo senza trovarlo – sostiene Lukas Bernasconi (Lega) –. Se gli autogestiti vogliono portare avanti un programma culturale alternativo, con delle idee chiare in questo senso, delle persone di riferimento, allora secondo me troveranno un interlocutore nel Municipio. Dal mio punto di vista, il centro autogestito non dovrebbe essere unicamente un posto dove andare a bere la birra e ascoltare la musica. Nulla contro un mediatore, che però a sua volta anche deve avere delle controparti con le quali dialogare. Una formula come quella della Rote Fabrik di Zurigo credo che potrebbe tranquillamente trovare un interlocutore nel Municipio. Ma deve esserci apertura anche da parte dei giovani a una soluzione di questo tipo». Più stringato il commento di Rupen Nacaroglu (Plr): «Siamo favorevoli a trovare un mediatore credibile e riconosciuto da entrambe le parti per una soluzione condivisa. Auspichiamo in tutti i casi un dialogo».

Ppd e Ps d'accordo

«La cosa più importante è che le parti si parlino – condivide Lorenzo Beretta Piccoli (Ppd) –. Se tramite mediatore o filo diretto è meno importante. Il vantaggio di questa seconda variante sarebbe quello di velocizzare le cose e portare a una soluzione in tempi più brevi. Non abbiamo comunque nulla contro un intermediatore, anzi: potrebbe far tornare al tavolo delle discussioni anche il Cantone, qualora fosse quest'ultimo a nominarlo. E forse per questo è preferibile questo scenario, perché è importante il coinvolgimento del Cantone, che purtroppo negli ultimi mesi ha un po' latitato sulla questione. E poi, dopo gli ultimi accadimenti, non so quanto sia fattibile il dialogo diretto». «Siamo a favore di un mediatore – l'opinione diretta di Carlo Zoppi (Ps) –, come di qualsiasi cosa costruttiva che ci aiuti a risolvere questa questione. Non sono un esperto, ma credo che in questi casi sia importante che il mediatore sia riconosciuto in quanto tale da entrambe le parti, che goda di fiducia e stima. E dovrebbe essere una persona che ha già avuto esperienza in situazioni simili, che sappia come muoversi. Non necessariamente ticinese, ma che conosca il contesto». Per il capogruppo socialista l'aspetto più urgente è tuttavia un altro: «È primario ora trovare una nuova location il prima possibile. Senza, una soluzione non la vedo. Bisogna rompere l'impasse e per farlo la parte più indicata è sicuramente il potere istituzionale, che ha tutte le carte in mano per fare il passo d'apertura. Ha anche un ruolo che gli impone di essere la parte più ragionevole».

Udc e Verdi, per motivi diversi, critici

Il capogruppo più critico è certamente quello dell'Udc: «In questo caso il mediatore serve a ben poco – per Tiziano Galeazzi –. È solo uno dei punti della discussione. Sì, c'è bisogno del dialogo e spetta agli autogestiti iniziarlo. Devono avere dei portavoce che possano dialogare con Cantone e Comune. Se deve esserci un eventuale moderatore, spetterebbe al Consiglio di Stato nominarlo: aspettiamo da mesi che intervenga sul tema. Vedremo poi cosa uscirà dalla Commissione sanità e sicurezza sociale del Gran Consiglio. Il rapporto (sulla mozione del 2012 di Fabio Schnellmann, Roberto Badaracco e Gianrico Corti, del quale Galeazzi è correlatore con Raoul Ghisletta, ndr) verrà stravolto e non è detto a questo punto che ce ne sia più d'uno. Giovedì ci sarà l'incontro con tre consiglieri di Stato (da nostre informazioni: il presidente Manuele Bertoli, Norman Gobbi e Raffaele De Rosa, ndr). Vorremmo che si creasse una task force fra Cantone e Città per affrontare la questione». «Non ne abbiamo ancora parlato in gruppo, ma la mia posizione personale deriva da quella che abbiamo in Gran Consiglio, dove noi non abbiamo firmato il rapporto sulla famosa mozione poi rimandata in commissione – gli fa eco invece Nicola Schönenberger (Verdi) –. Per me, onestamente, la figura del mediatore è un po' un'operazione ‘alibi’ della politica per dire “noi la nostra parte l'abbiamo fatta”. Il primo passo per avere un mediatore è che questo sia desiderato dalle parti in conflitto. È la premessa sine qua non affinché funzioni. E prima di arrivare al dialogo ci vogliono le premesse: bisogna prendersi reciprocamente sul serio. Qualcuno deve farlo questo primo passo, e dovrebbe essere il Municipio: l'ente pubblico per definizione è superiore. La non volontà di dialogare del Molino è una debolezza, certamente criticabile e poco saggia, ma è probabilmente una risposta testarda a un Municipio che non li ha mai presi sul serio. Per questo l'esecutivo dovrebbe uscire da questa dialettica “voi avete lanciato il sasso e quindi noi vi distruggiamo la casa”, ma riconoscere invece le funzioni sociali e culturali che l'autogestione può svolgere. Il Municipio deve riacquistare credibilità su questo dossier e prendere seriamente la controparte. E a quel punto la Città potrebbe anche pretendere qualcosa, un calendario di eventi per esempio. Se poi dall'altra parte non ci fosse risposta, a quel momento si giustifica la fine dell'esperienza. Ma non ho visto questo da parte del Municipio».

Sulla questione non siamo riusciti a sentire il parere di Sara Beretta Piccoli, esponente del Movimento Ticino&Lavoro e a capo del gruppo misto con Più Donne.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved