ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
27 min

Secondo sgombero ex Macello, c’è stata sproporzionalità

La Corte dei reclami penali ha accolto alcune contestazioni degli autogestiti in merito ai rilievi del Dna e alla raccolta delle impronte
Bellinzonese
2 ore

Nuova sede Ior a Bellinzona, approvato lo studio di fattibilità

Il Consiglio di fondazione lo sottoporrà ora all’Usi che lo invierà, con la richiesta di finanziamento federale, alla Segreteria di Stato per la ricerca
Mendrisiotto
2 ore

Basso Mendrisiotto, depositata una istanza di aggregazione

I tre promotori di Balerna alle intenzioni hanno fatto seguire i fatti. Ora avranno tre mesi di tempo per raccogliere 350 firme
Luganese
11 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
11 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
11 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
11 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
11 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
11 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
11 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
12 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
12 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
Mendrisiotto
12 ore

Ligornetto, mattinata musicale al museo Vela

Domenica 4 dicembre le note del clarinetto, del violoncello e del pianoforte allieteranno gli spettatori della 44esima Stagione concertistica di musica
Mendrisiotto
12 ore

L’artista dei presepi in mostra a Morbio Inferiore

Giuseppe Bollini, sacrestano presso la chiesa San Giorgio, espone le sue opere alla Fondazione Casa San Rocco
Bellinzonese
13 ore

Biasca, alla Bibliomedia un ‘viaggio musicale trasversale’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 si terrà il concerto con i musicisti Mario Milani (fisarmonica) e Fausto Saredi (clarinetto)
Ticino
13 ore

Targhe, Centro e Udc firmano un rapporto senza maggioranza

Calcolo della nuova imposta di circolazione, la Lega per ora si defila mentre Plr e Ps confermano il loro no al testo Dadò/Pamini. E il clima è teso
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro, concerto di inaugurazione dell’organo

L’evento avrà luogo alle 20.30 presso la chiesa parrocchiale di Sant’Eusebio. Sarà il musicista Passuello a eseguire i brani
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona torna la giornata dedicata alla riparazione

La propone il Dipartimento del territorio sabato 3 dicembre presso la propria sede in via Franco Zorzi
Mendrisiotto
13 ore

Il Nebiopoli 2023 svela i suoi contenuti

Il Carnevale di Chiasso sarà in programma dal 2 al 5 febbraio. Ampliato il Villaggio, oltre ai consueti appuntamenti anche ospiti internazionali
Locarnese
13 ore

PCi, la guerra in Ucraina ‘rispolvera’ i rifugi atomici

Il Consorzio ha avviato su tutto il territorio controlli dei bunker in caso di catastrofe nucleare. Attese nuove ondate di rifugiati e novità per la sede
Bellinzonese
13 ore

Squadra esterna di Biasca, a processo per vie di fatto

La Procura ha firmato un Decreto d’accusa nei confronti di un operaio comunale, che si è opposto. Si va in Pretura penale
Luganese
13 ore

Usi consegna i diplomi della Facoltà di scienze informatiche

Sono 123 le studentesse e gli studenti di 20 nazionalità diverse che hanno ricevuto la laurea di Bachelor, Master e dottorato
01.06.2021 - 21:05

L’ex allenatore dell’Hcl ‘creava un ambiente perverso’

Si è conclusa la fase dibattimentale del processo a carico del 57enne pedofilo. L'accusa chiede 8 anni, la difesa 3 e mezzo. Domani la sentenza.

l-ex-allenatore-dell-hcl-creava-un-ambiente-perverso
Il processo andrà a sentenza domani (Ti-Press)

Un bugiardo, un manipolatore. Un predatore sessuale che andrebbe condannato a otto anni di carcere. Oppure una pedofilo sì, ma profondamente pentito di quanto fatto e con una scemata imputabilità che giustificherebbe una forte riduzione di pena. Sono molto distanti le posizioni di accusa e difesa nel processo al 57enne ex aiuto allenatore delle giovanili dell'Hockey Club Lugano, a processo per aver violentato il figlio quando questi era bambino e molestato altri ragazzini, conosciuti a causa del suo impegno nella squadra.

‘Non vuole veramente affrontare la sua pedofilia’

Si è conclusa infatti da poco la fase dibattimentale alle Assise criminali di Lugano. Dapprima la procuratrice pubblica ha evidenziato i principali punti a sostegno dell'impianto accusatorio. «Le sue versioni mancano di linearità, di costanza, si è contraddetto su ogni tema che gli è stato sottoposto – ha detto Chiara Borelli –. Ha mentito sui filmati, sull'alcol, sui contatti sessuali. Ha più volte detto di non ricordare singoli episodi, ma il perito non ha evidenziato alcun problema con la memoria. Ha sfruttato il legame di sangue con i propri figli in modo manipolatorio, inducendoli al silenzio». Secondo la pp inoltre, sebbene l'imputato stesso abbia ammesso di seguire una terapia e di volerla continuare, «non vuole veramente affrontare il suo problema di pedofilia. In fase d'inchiesta non ha voluto rivedere i filmati pedopornografici che gli sono stati trovati, né spiegare perché li classificasse. E nulla sappiamo delle sue pulsioni attuali. Eppure la perizia consiglia medicamenti per ridurre la libido. Manca un'assunzione di responsabilità, anzi più volte con le sue dichiarazioni ha voluto responsabilizzare i bambini, dando quasi loro la colpa dell'accaduto».

L'accusa: ‘Creava un perverso ambiente abusante’

La procuratrice ha focalizzato poi l'attenzione su quelle che sono le due vittime principali dell'ex municipale di Canobbio: il figlio e uno dei ragazzini conosciuti nell'Hcl, iniziando da quest'ultimo. «Era diventato un amico di famiglia, quasi un secondo papà. Lo ha aiutato nello sport, nella scuola, è vero. Ma poi con lo scherzo, con il gioco, si è insinuato il sesso. Ed era un ragazzino di 13 anni all'epoca dei fatti, non aveva gli strumenti per capire come gli sia stata costruita attorno la rete e come lui ci sia rimasto chiuso dentro». Secondo la ricostruzione, l'imputato è riuscito a ricreare con il ragazzino lo stesso «perverso ambiente abusante già creato col figlio, diventando l'idolo, la persona di riferimento». Una replica di quanto già accaduto con il figlio in sostanza, una decina di anni prima – siamo nel 2001 –, quando il bambino aveva solo 9 anni. «Ha agito in maniera abietta, su più anni. Non gli è bastato un figlio, ha dovuto cercarne un altro. Sottolineo come vi siano nell'atto d'accusa più di una decina di penetrazioni e un'abbondanza di rapporti orali. E il Tribunale federale ha paragonato più volte i rapporti orali per gravità a una violenza carnale».

Le vittime non si sono costituite accusatori privati

Con gli amici del 13enne, che venivano a casa dell'imputato a giocare, bere alcol e guardare film porno, «gli atti sono stati meno invasivi, ma sono tuttavia da considerarsi atti sessuali su minori». E il fatto che oggi non ci siano accusatori privati «non mi sorprende: sono ragazzoni, non vogliono passare per vittime, vogliono dimenticare». Poche le attenuanti, se non «una brutta violazione del principio di celerità, e come Ministero pubblico me ne scuso. Avrei chiesto una pena fra i 10 e gli 11 anni, oggi trovo misurata una richiesta di 8 anni». Una richiesta «sproporzionata» per l'avvocato Roberto Rulli, che a sua volta si è focalizzato su tre punti: «Non esistono accusatori privati; i reati più gravi, quelli sul figlio, sono successi vent'anni fa; l'imputato è stato rimesso in libertà due anni fa». Il difensore ha sottolineato che l'unica vittima che si era costituita accusatore privato è stato il figlio, che si è tuttavia disinteressato del procedimento e non ha risentimenti verso il padre. Gli altri nessuno».

La difesa: ‘Ha subito emarginazione sociale e linciaggio mediatico’

E a denunciare l'uomo non sono stati i ragazzi, ma l'ex fidanzato della figlia «una settimana dopo la fine della relazione». La vicenda infatti era emersa già un annetto prima in famiglia, dopo che sempre il denunciante ha ritrovato in casa dell'imputato un filmino sospetto. Rulli ritiene inoltre che «il processo di oggi ha perso gran parte della sua importanza. I periti hanno stabilito che il pericolo di recidiva negli anni è diventato minimo grazie alle terapie, ha già espiato due anni e sette mesi in carcere, ha un forte senso di colpa per quanto commesso, non è scappato, anzi ha subito l'emarginazione sociale e il linciaggio mediatico, e non ha molestato altri bambini». E in effetti ha ricordato sempre il legale «a inizio inchiesta si pensava fosse un caso simile ad altri in ambiti sportivo-scolastici (quindi con numerose altre vittime, ndr), ma sono stati organizzati incontri, sentiti testimoni, e non è emerso nulla». Ma soprattutto, «gran parte degli atti sessuali col figlio sono prescritti».

‘Non coazione ma atti sessuali’

Secondo la difesa anche il reato di coazione sessuale nei confronti del 13enne dovrebbe essere derubricato ad atti sessuali, perché «non c'è stata costrizione, neppure nella forma della pressione psicologica. La coazione è un atto coercitivo, si deve andare oltre il rifiuto. La coazione di natura psichica deve essere il risultato di una situazione creata dall'autore, non basta che ci sia una situazione favorevole all'accusato e che quest'ultimo la sfrutti». Per l'accusa la coazione sarebbe data, fra le altre cose, da dei messaggi che l'imputato ha inviato all'adolescente dopo che quest'ultimo ha smesso di frequentarlo. «Tutti questi messaggi sono posteriori agli atti sessuali. Se in quel frangente ci può effettivamente essere stata una pressione – per la difesa invece –, non c'è un nesso di causalità perché gli atti sessuali erano terminati. Non sono stati utilizzati per ricattare sessualmente il ragazzo, sebbene ci sia stato un coinvolgimento emotivo».

‘Si è messo nei loro panni perché è immaturo’

Stessa linea anche per il figlio e gli altri ragazzi: «Sì, è vero che ha approfittato del fatto che era il punto di riferimento principale per il figlio, ma non è una situazione che ha creato o strumentalizzato lui. E anche con gli altri ragazzi certo, ha sbagliato, un adulto non può e non deve tollerare determinate cose. Ma ha un problema. Si è messo nei loro panni, perché ci stava bene a causa della sua profonda immaturità. Non basta che si siano masturbati a casa sua affinché sia condannato per atti sessuali, deve averli indotti a farlo». Rulli ha infine chiesto un'importante riduzione di pena: «La precedente procuratrice pubblica (Marisa Alfier, ndr) aveva ipotizzato quattro anni in rito abbreviato (poi non concretizzatosi, ndr). La pp odierna propone il doppio. Ma non ci sono stati fatti nuovi, l'incarto è lo stesso. La pena adeguata sarebbe di tre anni e mezzo».

 

Leggi anche:

Lugano, via al processo per abusi contro l'ex allenatore Hcl

‘Festini’ a base di alcol con i giovani giocatori molestati

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved