SJ Sharks
5
CAL Flames
3
fine
(1-2 : 3-1 : 1-0)
delitto-cantoreggi-cade-l-assassinio-pena-di-4-anni-e-3-mesi
TI-PRESS
Il luogo del delitto la sera del 17 dicembre 2019
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 ore

L’audit e i poteri accresciuti di chi lo eseguirà

Caso ex funzionario del Dss, praticamente definita la bozza dell’articolato mandato
Luganese
12 ore

L‘Imam di Lugano è ’completamente riabilitato’

Paolo Bernasconi, legale di Radouan Jelassi, esprime soddisfazione per la sentenza del Tribunale amministrativo federale
Ticino
12 ore

Disagio giovanile, il Sisa (ri)sollecita lo Stato

Alves: occorre contrastare con misure urgenti e concrete il malessere psichico nella popolazione studentesca. Campagna del sindacato nelle scuole
Locarnese
13 ore

Locarno, ‘mi hanno picchiato di brutto, devo andare in ospedale’

Non è un episodio isolato, i pestaggi in Piazza Castello sono filmati e messi sui social da una banda. Accertamenti in corso e misure incisive da adottare
Luganese
13 ore

Lugano, condannato il complice del furto al Mary

Inflitti tre anni di reclusione, di cui sei mesi da espiare, a un 52enne italiano riconosciuto colpevole di truffa, furto e falsità in documenti
Bellinzonese
13 ore

220 milioni in più per le Officine Ffs a Castione

L‘investimento previsto cresce in maniera cospicua. Gli impieghi a tempo pieno passano da 300 a 360. ’Più lavoro grazie alle componenti tecniche’
Ticino
14 ore

Domani i primi fiocchi, ‘automobilisti siate prudenti’

Attese nevicate in pianura, la fase più intensa si verificherà nelle ore centrali della giornata
Bellinzonese
16 ore

Carì, gli impianti si confermano nelle cifre nere

La scorsa stagione invernale ha fatto segnare il record di primi passaggi, un risultato possibile probabilmente grazie all’annullamento dei carnevali
Ticino
17 ore

Mascherine, il Cantone sostiene l’obbligo nei luoghi affollati

Il Consiglio di Stato invita i Comuni a introdurre ‘una misura di prevenzione molto efficace in occasione degli eventi natalizi’
Bellinzonese
18 ore

Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti

La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Bellinzonese
18 ore

Assemblea impianti Campo Blenio

Si terrà sabato 11 dicembre alle 18, al termine dei lavori è prevista una cena
Locarnese
19 ore

Il ragazzo pestato è tornato a casa

La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Luganese
19.05.2021 - 18:160
Aggiornamento : 22:24

Delitto Cantoreggi, cade l'assassinio. Pena di 4 anni e 3 mesi

Il giudice Amos Pagnamenta: è stato omicidio colposo per omissione. La fidanzata della vittima: 'È una vergogna'. Si preannuncia il ricorso in Appello

Cade l'assassinio, cade l'omicidio intenzionale, l'intezionalità e il dolo eventuale. La Corte delle assise criminali di Lugano ha prosciolto dai reati principali il 35enne austriaco, accusato del delitto di Matteo Cantoreggi avvenuto il 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello, ammettendo l'omicidio colposo per omissione, così come aveva richiesto l'avvocatessa di difesa, Letizia Vezzoni. La pena di 17 anni richiesta ieri dalla pp Valentina Tuoni e dal rappresentante della famiglia, avvocato Stefano Pizzola, è stata drasticamente ridotta a 4 anni e 3 mesi. Magistrato e accusatore privato si riservano di ricorrere in Appello contro la sentenza. La prima reazione alla sentenza è venuta fuori dal tribunale dalla fidanzata di Matteo Cantoreggi, che a laRegione ha dichiarato: «È una vergogna».

Manca l'elemento soggettivo del reato 

«La Corte nutre seri dubbi sul punto principale dell'atto d'accusa». Così ha esordito il giudice Amos Pagnamenta prima di leggere la sentenza. Il presidente della Corte ha spiegato: «L'accertamento è stato reso difficile perché ci sono incongruenze sia da parte dell'imputato sia del terzo ospite presente nella pensione, che non possono essere ritenute tuttavia menzognere. L'imputato quella sera non ha introdotto la vittima nella sua stanza e non c'è prova che volesse dargli una lezione. Cantoreggi era fastidioso e l'imputato ha colpito la vittima. Ma non ha usato le ginocchia. Cantoreggi ha perso conoscenza sin dopo i pugni sferrati dall'imputato e viene abbandonata a peso morto nel corridoio. Poi è stato messo sul letto. Otto minuti più tardi, l'imputato e il terzo ospite hanno constatato il polso della vittima che non rispondeva. La Corte ha escluso che i due avessero concordato una versione comune. Non ha recitato, l'imputato: ha svolto i soccorsi di rianimazione prima dell'arrivo dei soccorritori. Non particolarmente perversi sono state le modalità messo in atto dall'imputato». Così hanno stabilito i giudici al termine di due giorni di processo. 

Ha proseguito il presidente della Corte: «I pugni sono stati la causa del decesso. Ma diverso è il nesso di causalità: è il sangue finito nei polmoni la causa della morte: Cantoreggi è deceduto per soffocamento e non direttamente per i pugni - così come ha stabilito il medico legale. Cade pertanto anche l'omicidio intenzionale. Manca l'elemento soggettivo. A mente della Corte le cause del decesso risiedono nel soffocamento. I pugni si qualificano nel reato di lesioni semplici».

La Corte ha spiegato tuttavia che il caso si avvicina al dolo eventuale, ma non lo raggiunge: «Nella fase successiva la lite, l'imputato ha trascinato il corpo di Cantoreggi nel corridoio, privo di conoscenza, e l'imputato gli ha inferto un calcio al costato. La vittima è stata abbandonata in posizione supina. E qui l'imputato era cognito dei rischi del decesso ed era capace di soccorsi e di vegliare la vittima. La morte di Cantoreggi sarebbe stata evitata "con verosimiglianza" - ha evidenziato la Corte. Era preciso dovere dell'imputato soccorrerlo per scongiurarne la morte. Questo è avvenuto tardivamente: 5 minuti passano dal primo soccorso, quando la vittima era ancora in vita, perché entrambi i testimoni lo hanno sentito respirare». Ma a mente della Corte - ha concluso il giudice Pagnamenta - non c'è dolo da parte del 35enne. C'è una negligenza cosciente». La corte ha così ammesso l'omicidio colposo per omissione, così come richiesto dalla difesa. 

I giudici non hanno inoltre ammesso nessuna misura terapeutica, né stazionaria né ambulatoriale, ritenendola ingiustificata. La Corte ha in conclusione definito grave la colpa dell'imputato: «non ha trattenuto la sua ira, ha agito con egoismo e ha omesso di tutelare la vita altrui». I familiari hanno lasciato l'aula in modo composto. Ma il caso, con tutta probabilità, non si chiude oggi.  Pubblica accusa e accusatore privato meditano seriamente il ricorso in Appello. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved